With big laws like OR and ZGB this can take up to 30 seconds

Legge federale sul diritto fondiario rurale

del 4 ottobre 1991 (Stato 1° gennaio 2014)

L'Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

visti gli articoli 22ter, 31octies e 64 della Costituzione federale1 (Cost.);2 visto il messaggio del Consiglio federale del 19 ottobre 19883,

decreta:

Titolo primo: Disposizioni generali

Capitolo 1: Scopo, oggetto e campo d'applicazione

Sezione 1: Scopo e oggetto

Art. 1  

1La pre­sen­te leg­ge ha lo sco­po di:

a.
pro­muo­ve­re la pro­prie­tà fon­dia­ria ru­ra­le e se­gna­ta­men­te con­ser­va­re, mi­glio­ran­do­ne le strut­tu­re, le azien­de fa­mi­lia­ri, fon­da­men­to di un ce­to ru­ra­le sa­no e di un'agri­col­tu­ra ef­fi­cien­te, orien­ta­ta ver­so uno sfrut­ta­men­to du­ra­tu­ro del suo­lo;
b.
raf­for­za­re la po­si­zio­ne del col­ti­va­to­re di­ret­to, in­clu­sa quel­la dell'af­fit­tua­rio, in ca­so di ac­qui­sto di azien­de o fon­di agri­co­li;
c.
com­bat­te­re con­tro prez­zi esor­bi­tan­ti per il suo­lo agri­co­lo.

2La pre­sen­te leg­ge con­tie­ne di­spo­si­zio­ni su:

a.
l'ac­qui­sto di azien­de e fon­di agri­co­li;
b.
la co­sti­tu­zio­ne in pe­gno di fon­di agri­co­li;
c.
la di­vi­sio­ne di azien­de agri­co­le e il fra­zio­na­men­to di fon­di agri­co­li.

Sezione 2: Campo d'applicazione

Art. 2 Campo d'applicazione generale  

1La pre­sen­te leg­ge si ap­pli­ca ai fon­di agri­co­li iso­la­ti o fa­cen­ti par­te di un'azien­da agri­co­la:

a.
ubi­ca­ti fuo­ri di una zo­na edi­fi­ca­bi­le se­con­do l'ar­ti­co­lo 15 del­la leg­ge del 22 giu­gno 19791 sul­la pia­ni­fi­ca­zio­ne del ter­ri­to­rio; e
b.
di cui sia le­ci­ta un'uti­liz­za­zio­ne agri­co­la.2

2La pre­sen­te leg­ge si ap­pli­ca inol­tre:

a.
ai fon­di e par­ti di fon­di com­pren­den­ti edi­fi­ci e im­pian­ti agri­co­li, in­clu­sa un'ade­gua­ta area cir­co­stan­te, ubi­ca­ti in una zo­na edi­fi­ca­bi­le e fa­cen­ti par­te di un'azien­da agri­co­la;
b.
al­le sel­ve fa­cen­ti par­te di un'azien­da agri­co­la;
c.
ai fon­di ubi­ca­ti in par­te in una zo­na edi­fi­ca­bi­le, fin­tan­to che non so­no sud­di­vi­si se­con­do le zo­ne di uti­liz­za­zio­ne;
d.
ai fon­di con uti­liz­za­zio­ne mi­sta, non sud­di­vi­si in una par­te agri­co­la e in una par­te non agri­co­la.

3La pre­sen­te leg­ge non si ap­pli­ca ai fon­di di me­no di 15 are se si trat­ta di vi­gne e di me­no di 25 are se si trat­ta di al­tri ter­re­ni, non fa­cen­ti par­te di un'azien­da agri­co­la.3

4In de­ro­ga al ca­po­ver­so 3, la pre­sen­te leg­ge si ap­pli­ca ai pic­co­li fon­di si­tua­ti nel pe­ri­me­tro di una ri­com­po­si­zio­ne par­ti­cel­la­re, dal mo­men­to del­la co­sti­tu­zio­ne del con­sor­zio e del­la pre­sa di de­ci­sio­ne fi­no all'iscri­zio­ne nel re­gi­stro fon­dia­rio dei nuo­vi di­rit­ti di pro­prie­tà.4


1 RS 700
2 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I del­la LF del 20 giu. 2003, in vi­go­re dal 1° gen. 2004 (RU 2003 4123; FF 2002 4208).
3 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I del­la LF del 20 giu. 2003, in vi­go­re dal 1° gen. 2004 (RU 2003 4123; FF 2002 4208).
4 In­tro­dot­to dal n. 2 dell'all. al­la LF del 22 mar. 2013, in vi­go­re dal 1° gen. 2014 (RU 2013 3863 3463; FF 2012 1757).

Art. 3 Campo d'applicazione speciale  

1Le di­spo­si­zio­ni del­la pre­sen­te leg­ge re­la­ti­ve ai fon­di agri­co­li si ap­pli­ca­no, sal­vo di­spo­si­zio­ne con­tra­ria, al­le quo­te di com­pro­prie­tà di fon­di agri­co­li.

2Gli ar­ti­co­li 15 ca­po­ver­so 2 e 51 ca­po­ver­so 2 si ap­pli­ca­no ai fon­di che fan­no par­te di un'azien­da ac­ces­so­ria non agri­co­la stret­ta­men­te con­nes­sa a un'azien­da agri­co­la.

3Le di­spo­si­zio­ni del­la pre­sen­te leg­ge sul di­rit­to all'uti­le si ap­pli­ca­no a tut­te le azien­de e a tut­ti i fon­di che l'alie­nan­te ha ac­qui­sta­to in vi­sta dell'uti­liz­za­zio­ne agri­co­la.

4Le di­spo­si­zio­ni sul­la cor­re­zio­ne dei con­fi­ni (art. 57) si ap­pli­ca­no an­che ai pic­co­li fon­di (art. 2 cpv. 3).1


1 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. 2 dell'all. al­la LF del 22 mar. 2013, in vi­go­re dal 1° gen. 2014 (RU 2013 3863 3463; FF 2012 1757).

Art. 4 Disposizioni speciali sulle aziende agricole  

1Le di­spo­si­zio­ni spe­cia­li del­la pre­sen­te leg­ge re­la­ti­ve al­le azien­de agri­co­le si ap­pli­ca­no ai fon­di che, so­li o con al­tri fon­di, co­sti­tui­sco­no un'azien­da agri­co­la.

2Le di­spo­si­zio­ni sul­le azien­de agri­co­le si ap­pli­ca­no an­che al­le par­te­ci­pa­zio­ni mag­gio­ri­ta­rie a per­so­ne giu­ri­di­che, i cui at­ti­vi con­sti­no prin­ci­pal­men­te di un'azien­da agri­co­la.

3Le di­spo­si­zio­ni sul­le azien­de agri­co­le non si ap­pli­ca­no ai fon­di agri­co­li che:

a.
fan­no par­te di un'azien­da agri­co­la con­for­me­men­te all'ar­ti­co­lo 8;
b.
pos­so­no es­se­re di­sgiun­ti dall'azien­da agri­co­la con l'ap­pro­va­zio­ne dell'au­to­ri­tà com­pe­ten­te ad ac­cor­da­re l'au­to­riz­za­zio­ne.
Art. 5 Riserve del diritto cantonale  

I Can­to­ni pos­so­no:

a.1
sot­to­por­re al­le di­spo­si­zio­ni sul­le azien­de agri­co­le quel­le che non adem­pio­no le con­di­zio­ni di cui all'ar­ti­co­lo 7 in me­ri­to al­le uni­tà stan­dard di ma­no­do­pe­ra; in tal ca­so la di­men­sio­ne mi­ni­ma dell'azien­da è fis­sa­ta co­me fra­zio­ne di un'uni­tà stan­dard di ma­no­do­pe­ra e non può es­se­re in­fe­rio­re a 0,6 uni­tà;
b.
esclu­de­re l'ap­pli­ca­zio­ne del­la pre­sen­te leg­ge ai di­rit­ti di go­di­men­to e di par­te­ci­pa­zio­ne su al­men­de, al­pi, fo­re­ste e pa­sco­li ap­par­te­nen­ti a con­sor­zi di al­men­de, d'al­pi, di fo­re­ste o ad al­tre si­mi­li cor­po­ra­zio­ni, a me­no che ta­li di­rit­ti non fac­cia­no par­te di un'azien­da agri­co­la al­la qua­le so­no ap­pli­ca­bi­li le di­spo­si­zio­ni del­la pre­sen­te leg­ge sul­le azien­de agri­co­le.

1 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. 2 dell'all. al­la LF del 22 mar. 2013, in vi­go­re dal 1° gen. 2014 (RU 2013 3863 3463; FF 2012 1757).

Capitolo 2: Definizioni

Art. 6 Fondo agricolo  

1È agri­co­lo il fon­do che si pre­sta al­la ge­stio­ne agri­co­la o or­ti­co­la.

2So­no fon­di agri­co­li an­che i di­rit­ti di go­di­men­to e di par­te­ci­pa­zio­ne su al­men­de, al­pi, fo­re­ste e pa­sco­li ap­par­te­nen­ti a con­sor­zi di al­men­de, al­pi, fo­re­ste o ad al­tre si­mi­li cor­po­ra­zio­ni.

Art. 7 Azienda agricola; in generale  

1È azien­da agri­co­la un in­sie­me di fon­di, co­stru­zio­ni e im­pian­ti agri­co­li che ser­ve da ba­se al­la pro­du­zio­ne agri­co­la e la cui ge­stio­ne se­con­do gli usi del Pae­se ne­ces­si­ta di al­me­no un'uni­tà stan­dard di ma­no­do­pe­ra. Il Con­si­glio fe­de­ra­le de­ter­mi­na, in con­so­nan­za con il di­rit­to agri­co­lo, i fat­to­ri e i va­lo­ri per il cal­co­lo di un'uni­tà stan­dard di ma­no­do­pe­ra.1

2Le azien­de or­ti­co­le so­no con­si­de­ra­te azien­de agri­co­le se adem­pio­no le con­di­zio­ni di cui al ca­po­ver­so 1.

3Per va­lu­ta­re se si trat­ti di un'azien­da agri­co­la, de­vo­no es­se­re pre­si in con­si­de­ra­zio­ne i fon­di as­sog­get­ta­ti al­la pre­sen­te leg­ge (art. 2).

4De­vo­no inol­tre es­se­re pre­se in con­si­de­ra­zio­ne:

a.
le cir­co­stan­ze lo­ca­li;
b.
la pos­si­bi­li­tà di co­strui­re gli edi­fi­ci man­can­ti ne­ces­sa­ri al­la ge­stio­ne o di tra­sfor­ma­re, rin­no­va­re o so­sti­tui­re quel­li esi­sten­ti se le re­la­ti­ve spe­se so­no sop­por­ta­bi­li per l'azien­da;
c.
i fon­di af­fit­ta­ti per una lun­ga du­ra­ta.

4bisPer va­lu­ta­re se si trat­ta di pro­prie­tà di un'azien­da agri­co­la ai sen­si de­gli ar­ti­co­li 21, 36 ca­po­ver­so 2, 42 ca­po­ver­so 2, 47 ca­po­ver­so 2 e 49 ca­po­ver­so 2, de­vo­no es­se­re pre­si in con­si­de­ra­zio­ne an­che i fon­di di cui al ca­po­ver­so 4 let­te­ra c.2

5Un'azien­da mi­sta è un'azien­da agri­co­la se ha ca­rat­te­re agri­co­lo pre­pon­de­ran­te.


1 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I del­la LF del 5 ott. 2007, in vi­go­re dal 1° set. 2008 (RU 2008 3585; FF 2006 5815).
2 In­tro­dot­to dal n. 2 dell'all. al­la LF del 22 mar. 2013, in vi­go­re dal 1° gen. 2014 (RU 2013 3863 3463; FF 2012 1757).

Art. 8 Aziende agricole; casi particolari  

Le di­spo­si­zio­ni sui sin­go­li fon­di agri­co­li si ap­pli­ca­no all'azien­da agri­co­la che:

a.
è le­ci­ta­men­te af­fit­ta­ta par­ti­cel­la per par­ti­cel­la, in­te­ra­men­te o pre­va­len­te­men­te, da ol­tre sei an­ni e non sol­tan­to tem­po­ra­nea­men­te né per ra­gio­ni per­so­na­li ai sen­si dell'ar­ti­co­lo 31 ca­po­ver­so 2 let­te­re e e f del­la leg­ge fe­de­ra­le del 4 ot­to­bre 19852 sull'af­fit­to agri­co­lo;
b.
non è più adat­ta ad es­se­re con­ser­va­ta in­di­pen­den­te­men­te dal­la sua esten­sio­ne a cau­sa di una strut­tu­ra azien­da­le sfa­vo­re­vo­le.

1 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I del­la LF del 26 giu. 1998, in vi­go­re dal 1° gen. 1999 (RU 1998 3009 3011; FF 1996 IV 1).
2 RS 221.213.2

Art. 9 Coltivatore diretto  

1È col­ti­va­to­re di­ret­to chi col­ti­va lui stes­so il suo­lo agri­co­lo e, se si trat­ta di un'azien­da agri­co­la, la di­ri­ge per­so­nal­men­te.1

2È ido­neo al­la col­ti­va­zio­ne di­ret­ta chi ha le ca­pa­ci­tà, ne­ces­sa­rie se­con­do la con­ce­zio­ne usua­le nel Pae­se, per col­ti­va­re lui stes­so il suo­lo agri­co­lo e per di­ri­ge­re per­so­nal­men­te un'azien­da agri­co­la.


1 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I del­la LF del 26 giu. 1998, in vi­go­re dal 1° gen. 1999 (RU 1998 3009 3011; FF 1996 IV 1).

Art. 10 Valore di reddito  

1Il va­lo­re di red­di­to equi­va­le al ca­pi­ta­le il cui in­te­res­se, cal­co­la­to al tas­so me­dio ap­pli­ca­bi­le al­le ipo­te­che di pri­mo gra­do, cor­ri­spon­de al red­di­to di un'azien­da agri­co­la o di un fon­do agri­co­lo ge­sti­ti se­con­do gli usi del Pae­se. Il red­di­to e il tas­so d'in­te­res­se so­no fis­sa­ti se­con­do una me­dia plu­rien­na­le (pe­rio­do di cal­co­lo).

2Il Con­si­glio fe­de­ra­le re­go­la il mo­do e il pe­rio­do di cal­co­lo, co­me pu­re i det­ta­gli del­la sti­ma.

3Le su­per­fi­ci, gli edi­fi­ci e gli im­pian­ti o par­te di es­si non uti­liz­za­ti per l'agri­col­tu­ra so­no im­pu­ta­ti nel­la sti­ma con il va­lo­re di red­di­to ri­sul­tan­te dall'uti­liz­za­zio­ne non agri­co­la.1


1 In­tro­dot­to dal n. II del­la LF del 20 mar. 1998 (RU 2000 2042; FF 1996 III 457). Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I del­la LF del 20 giu. 2003, in vi­go­re dal 1° gen. 2004 (RU 2003 4123; FF 2002 4208).

Art. 10a Unione domestica registrata  

Le di­spo­si­zio­ni del­la pre­sen­te leg­ge con­cer­nen­ti i co­niu­gi e l'abi­ta­zio­ne fa­mi­lia­re si ap­pli­ca­no per ana­lo­gia ai part­ner re­gi­stra­ti.


1 In­tro­dot­to dal n. 9 dell'all. al­la L del 18 giu. 2004 sull'unio­ne do­me­sti­ca re­gi­stra­ta, in vi­go­re dal 1° gen. 2007 (RU 2005 5685; FF 2003 1165).

Titolo secondo: Restrizioni di diritto privato dei rapporti giuridici concernenti le aziende e i fondi agricoli

Capitolo 1: Divisione successoria

Sezione 1: Disposizioni generali

Art. 11 Diritto all'attribuzione di un'azienda agricola  

1Se tra i be­ni del­la suc­ces­sio­ne vi è un'azien­da agri­co­la, ogni ere­de può do­man­dar­ne l'at­tri­bu­zio­ne nel­la di­vi­sio­ne, ove in­ten­da pro­ce­de­re al­la col­ti­va­zio­ne di­ret­ta e ne sem­bri ido­neo.

2Se nes­sun ere­de do­man­da l'at­tri­bu­zio­ne dell'azien­da agri­co­la per la col­ti­va­zio­ne di­ret­ta o se quel­lo che ne chie­de l'at­tri­bu­zio­ne non ne sem­bri ido­neo, ogni ere­de le­git­ti­ma­rio può do­man­dar­ne l'at­tri­bu­zio­ne.

3Se l'azien­da agri­co­la è at­tri­bui­ta a un ere­de che non sia il co­niu­ge su­per­sti­te, que­sti può chie­de­re, ove le cir­co­stan­ze lo con­sen­ta­no, l'at­tri­bu­zio­ne di un usu­frut­to su un'abi­ta­zio­ne o un di­rit­to d'abi­ta­zio­ne, im­pu­tan­do­li sui suoi di­rit­ti. I co­niu­gi pos­so­no mo­di­fi­ca­re o esclu­de­re ta­le di­rit­to me­dian­te con­trat­to con­clu­so per at­to pub­bli­co.

Art. 12 Rinvio della divisione  

1Se l'ere­di­tan­do la­scia co­me ere­di di­scen­den­ti mi­no­ren­ni, gli ere­di de­vo­no man­te­ne­re la co­mu­ni­tà ere­di­ta­ria fi­no a che sia pos­si­bi­le de­ci­de­re se un di­scen­den­te ri­pren­da l'azien­da per la col­ti­va­zio­ne di­ret­ta.

2Se pe­rò un ere­de le­git­ti­mo sod­di­sfa le con­di­zio­ni del­la col­ti­va­zio­ne di­ret­ta al mo­men­to dell'aper­tu­ra del­la suc­ces­sio­ne, l'azien­da dev'es­ser­gli at­tri­bui­ta.

3Se l'azien­da agri­co­la è af­fit­ta­ta a lun­go ter­mi­ne, l'ere­de che in­ten­da ri­pren­der­la per la col­ti­va­zio­ne di­ret­ta può do­man­da­re che la de­ci­sio­ne in me­ri­to all'at­tri­bu­zio­ne sia dif­fe­ri­ta fi­no, al più tar­di, a un an­no pri­ma del­la sca­den­za del con­trat­to di af­fit­to.

Art. 13 Diritto all'attribuzione della quota di comproprietà  

Se tra i be­ni del­la suc­ces­sio­ne vi è una quo­ta di com­pro­prie­tà di un'azien­da agri­co­la, ogni ere­de può esi­ge­re l'at­tri­bu­zio­ne del­la quo­ta al­le con­di­zio­ni al­le qua­li po­treb­be do­man­da­re l'at­tri­bu­zio­ne dell'azien­da.

Art. 14 Diritto all'attribuzione in caso di proprietà comune  

1Se tra i be­ni del­la suc­ces­sio­ne vi è una par­te­ci­pa­zio­ne, tra­smis­si­bi­le per suc­ces­sio­ne, a rap­por­ti di pro­prie­tà co­mu­ne, ogni ere­de può do­man­da­re di su­ben­tra­re al de­fun­to, al­le con­di­zio­ni al­le qua­li po­treb­be fa­re va­le­re l'at­tri­bu­zio­ne dell'azien­da agri­co­la.

2Se tra i be­ni del­la suc­ces­sio­ne vi è una par­te­ci­pa­zio­ne a rap­por­ti di pro­prie­tà co­mu­ne e se que­sti pren­do­no fi­ne con la mor­te di un pro­prie­ta­rio, ogni ere­de può do­man­da­re di coo­pe­ra­re, al po­sto del de­fun­to, al­la li­qui­da­zio­ne del­la pro­prie­tà co­mu­ne, al­le con­di­zio­ni al­le qua­li po­treb­be fa­re va­le­re l'at­tri­bu­zio­ne dell'azien­da agri­co­la.

Art. 15 Pertinenze aziendali, azienda accessoria non agricola  

1L'ere­de che fa va­le­re l'at­tri­bu­zio­ne dell'azien­da agri­co­la per la col­ti­va­zio­ne di­ret­ta può inol­tre do­man­da­re l'at­tri­bu­zio­ne del­le per­ti­nen­ze (be­stia­me, uten­si­li, scor­te, ecc.).

2Se un'azien­da ac­ces­so­ria non agri­co­la è stret­ta­men­te con­nes­sa a un'azien­da agri­co­la, l'ere­de che fa va­le­re un di­rit­to all'at­tri­bu­zio­ne può do­man­da­re l'at­tri­bu­zio­ne del­le due azien­de.

Art. 16  

1 Abro­ga­to dal n. I del­la LF del 20 giu. 2003, con ef­fet­to dal 1° gen. 2004 (RU 2003 4123; FF 2002 4208).

Art. 17 Imputazione sulla quota ereditaria  

1L'azien­da agri­co­la è im­pu­ta­ta per il va­lo­re di red­di­to sul­la quo­ta ere­di­ta­ria dell'ere­de col­ti­va­to­re di­ret­to.

2Le per­ti­nen­ze so­no im­pu­ta­te per il va­lo­re d'uso e l'azien­da ac­ces­so­ria non agri­co­la per il va­lo­re ve­na­le.

Art. 18 Aumento del valore d'imputazione  

1Se dall'im­pu­ta­zio­ne per il va­lo­re di red­di­to ri­sul­ta un'ec­ce­den­za dei pas­si­vi del­la suc­ces­sio­ne, il va­lo­re d'im­pu­ta­zio­ne è au­men­ta­to in cor­ri­spon­den­za ma non ol­tre il va­lo­re ve­na­le.

2Inol­tre, i coe­re­di pos­so­no do­man­da­re che il va­lo­re d'im­pu­ta­zio­ne sia au­men­ta­to in mo­do ade­gua­to, se cir­co­stan­ze spe­cia­li lo giu­sti­fi­ca­no.

3So­no se­gna­ta­men­te cir­co­stan­ze spe­cia­li un prez­zo d'ac­qui­sto ele­va­to dell'azien­da o in­ve­sti­men­ti im­por­tan­ti ef­fet­tua­ti dall'ere­di­tan­do nei die­ci an­ni pre­ce­den­ti la sua mor­te.

Art. 19 Disposizioni dell'ereditando in caso di concorso di eredi  

1Se più ere­di sod­di­sfa­no le con­di­zio­ni per l'at­tri­bu­zio­ne dell'azien­da agri­co­la, l'ere­di­tan­do può, per te­sta­men­to o con­trat­to suc­ces­so­rio, de­si­gna­re uno di lo­ro co­me as­sun­to­re.

2L'ere­di­tan­do non può pri­va­re del di­rit­to all'at­tri­bu­zio­ne un ere­de le­git­ti­ma­rio che in­ten­de pro­ce­de­re al­la col­ti­va­zio­ne di­ret­ta e ne sem­bra ido­neo, a fa­vo­re di un ere­de che non in­ten­de pro­ce­de­re al­la col­ti­va­zio­ne di­ret­ta o non ne sem­bra ido­neo o di un ere­de isti­tui­to.

3Ri­man­go­no sal­ve la di­se­re­da­zio­ne e la ri­nun­cia d'ere­di­tà.

Art. 20 Assenza di disposizioni dell'ereditando  

1Se l'ere­di­tan­do non ha de­si­gna­to l'as­sun­to­re, il di­rit­to all'at­tri­bu­zio­ne dell'ere­de le­git­ti­ma­rio è po­zio­re a quel­lo de­gli al­tri ere­di.

2Ne­gli al­tri ca­si, per l'at­tri­bu­zio­ne è de­ter­mi­nan­te la si­tua­zio­ne per­so­na­le de­gli ere­di.

Art. 21 Diritto all'attribuzione di un fondo agricolo  

1Se tra i be­ni del­la suc­ces­sio­ne vi è un fon­do agri­co­lo che non fa par­te di un'azien­da agri­co­la, un ere­de può do­man­dar­ne l'at­tri­bu­zio­ne per il dop­pio va­lo­re di red­di­to, pur­ché sia pro­prie­ta­rio o di­spon­ga eco­no­mi­ca­men­te di un'azien­da agri­co­la e il fon­do sia ubi­ca­to nel rag­gio d'eser­ci­zio dell'azien­da se­con­do l'uso lo­ca­le.

2Le di­spo­si­zio­ni re­la­ti­ve all'au­men­to del va­lo­re d'im­pu­ta­zio­ne per le azien­de agri­co­le e al­la re­stri­zio­ne del­la li­ber­tà di di­spor­re si ap­pli­ca­no per ana­lo­gia.

Art. 22  

1 Abro­ga­to dal n. I del­la LF del 20 giu. 2003, con ef­fet­to dal 1° gen. 2004 (RU 2003 4123; FF 2002 4208).

Art. 23 Garanzia della coltivazione diretta; divieto d'alienazione  

1Se nel­la di­vi­sio­ne del­la suc­ces­sio­ne un'azien­da agri­co­la è at­tri­bui­ta a un ere­de per la col­ti­va­zio­ne di­ret­ta, que­sti può alie­nar­la nei die­ci an­ni suc­ces­si­vi sol­tan­to con l'ac­cor­do dei coe­re­di.

2Ta­le ac­cor­do non è ne­ces­sa­rio se:

a.
l'azien­da agri­co­la è ac­qui­sta­ta da un di­scen­den­te che in­ten­de pro­ce­de­re al­la col­ti­va­zio­ne di­ret­ta e ne sem­bra ido­neo;
b.
l'ere­de alie­na l'azien­da agri­co­la all'en­te pub­bli­co per l'adem­pi­men­to di un com­pi­to pub­bli­co con­for­me­men­te all'ar­ti­co­lo 65 od è co­stret­to a se­pa­rar­se­ne in via for­za­ta;
c.
l'ere­de alie­na fon­di o par­ti di fon­di agri­co­li con l'ap­pro­va­zio­ne dell'au­to­ri­tà com­pe­ten­te ad ac­cor­da­re l'au­to­riz­za­zio­ne (art. 60).
Art. 24 Garanzia della coltivazione diretta; diritto di compera  

1Se, en­tro il ter­mi­ne di die­ci an­ni, l'ere­de o il suo di­scen­den­te cui l'azien­da è sta­ta tra­sfe­ri­ta ces­sa de­fi­ni­ti­va­men­te la col­ti­va­zio­ne di­ret­ta, ogni coe­re­de che in­ten­de ri­pren­de­re la col­ti­va­zio­ne di­ret­ta e ne sem­bra ido­neo ha un di­rit­to di com­pe­ra sull'azien­da.

2L'ere­de nei con­fron­ti del qua­le è eser­ci­ta­to il di­rit­to di com­pe­ra ha di­rit­to al prez­zo per il qua­le l'azien­da è sta­ta im­pu­ta­ta sul­la sua quo­ta nel­la di­vi­sio­ne del­la suc­ces­sio­ne. Egli ha inol­tre di­rit­to a in­den­niz­zo per le spe­se che han­no au­men­ta­to il va­lo­re dell'azien­da; que­st'ul­ti­me so­no com­pu­ta­te al va­lo­re at­tua­le.

3Il di­rit­to di com­pe­ra è tra­smis­si­bi­le per suc­ces­sio­ne, ma non ce­di­bi­le. Es­so si estin­gue tre me­si do­po che il ti­to­la­re è ve­nu­to a co­no­scen­za del­la ces­sa­zio­ne del­la col­ti­va­zio­ne di­ret­ta, ma in ogni ca­so due an­ni do­po la ces­sa­zio­ne me­de­si­ma.

4Il di­rit­to di com­pe­ra non può es­se­re eser­ci­ta­to se:

a.
un di­scen­den­te in­ten­de ri­pren­de­re l'azien­da agri­co­la per la col­ti­va­zio­ne di­ret­ta e ne sem­bra ido­neo;
b.
l'ere­de muo­re e uno dei suoi ere­di in­ten­de ri­pren­de­re l'azien­da agri­co­la per la col­ti­va­zio­ne di­ret­ta e ne sem­bra ido­neo;
c.
l'ere­de alie­na l'azien­da agri­co­la all'en­te pub­bli­co per l'adem­pi­men­to di un com­pi­to pub­bli­co con­for­me­men­te all'ar­ti­co­lo 65 o è co­stret­to a se­pa­rar­se­ne in via for­za­ta;
d.
l'ere­de alie­na fon­di o par­te di fon­di agri­co­li con l'ap­pro­va­zio­ne dell'au­to­ri­tà com­pe­ten­te ad ac­cor­da­re l'au­to­riz­za­zio­ne (art. 60).

5In ca­so di ces­sa­zio­ne del­la col­ti­va­zio­ne di­ret­ta in se­gui­to a in­for­tu­nio o ma­lat­tia e se il pro­prie­ta­rio ha di­scen­den­ti mi­no­ren­ni, il di­rit­to di com­pe­ra non può es­se­re eser­ci­ta­to si­no a quan­do non sia sta­bi­li­to se un di­scen­den­te può ri­pren­de­re la col­ti­va­zio­ne di­ret­ta.

Sezione 2: Diritto di compera dei parenti

Art. 25 Principio  

1Se tra i be­ni del­la suc­ces­sio­ne vi è un'azien­da agri­co­la, sul­la stes­sa ha un di­rit­to di com­pe­ra, pur­ché sia ido­neo a pra­ti­ca­re la col­ti­va­zio­ne di­ret­ta:

a.
ogni di­scen­den­te non ere­de;
b.
ogni fra­tel­lo o so­rel­la o fi­glio lo­ro non ere­de che, in ca­so di ven­di­ta dell'azien­da, po­treb­be far va­le­re un di­rit­to di pre­la­zio­ne.

2L'ar­ti­co­lo 11 ca­po­ver­so 3 si ap­pli­ca per ana­lo­gia.

Art. 26 Concorso con il diritto ereditario all'attribuzione  

1Il di­rit­to di com­pe­ra non può es­se­re eser­ci­ta­to se:

a.
l'azien­da agri­co­la è at­tri­bui­ta nel­la di­vi­sio­ne del­la suc­ces­sio­ne a un ere­de le­git­ti­mo che in­ten­de pro­ce­de­re al­la col­ti­va­zio­ne di­ret­ta e ne sem­bra ido­neo, o
b.
la co­mu­nio­ne ere­di­ta­ria tra­sfe­ri­sce l'azien­da agri­co­la a un di­scen­den­te del de­fun­to che in­ten­de pro­ce­de­re al­la col­ti­va­zio­ne di­ret­ta e ne sem­bra ido­neo, o
c.1

2Se il di­rit­to di com­pe­ra è in con­cor­so con un di­rit­to ere­di­ta­rio all'at­tri­bu­zio­ne se­con­do l'ar­ti­co­lo 11 ca­po­ver­so 1, per l'at­tri­bu­zio­ne me­de­si­ma so­no de­ter­mi­nan­ti le con­di­zio­ni per­so­na­li.

3Se l'ere­di­tan­do ha di­scen­den­ti mi­no­ren­ni, il di­rit­to di com­pe­ra non può es­se­re eser­ci­ta­to si­no a quan­do non sia sta­bi­li­to se un di­scen­den­te può ri­pren­de­re la col­ti­va­zio­ne di­ret­ta.


1 Abro­ga­ta dal n. I del­la LF del 20 giu. 2003, con ef­fet­to dal 1° gen. 2004 (RU 2003 4123; FF 2002 4208).

Art. 27 Condizioni e modalità  

1Il di­rit­to di com­pe­ra può es­se­re eser­ci­ta­to al­le con­di­zio­ni e mo­da­li­tà ap­pli­ca­bi­li al di­rit­to di pre­la­zio­ne.

2Se il prez­zo che dev'es­se­re pa­ga­to per eser­ci­ta­re il di­rit­to di com­pe­ra se­con­do le di­spo­si­zio­ni sul di­rit­to di pre­la­zio­ne non ba­sta a co­pri­re i pas­si­vi del­la suc­ces­sio­ne, il prez­zo di ri­ti­ro è au­men­ta­to in cor­ri­spon­den­za, ma non ol­tre il va­lo­re ve­na­le.

Sezione 3: Diritto dei coeredi all'utile

Art. 28 Principio  

1Se, nel­la di­vi­sio­ne del­la suc­ces­sio­ne, un'azien­da agri­co­la o un fon­do agri­co­lo è at­tri­bui­to a un ere­de a un va­lo­re d'im­pu­ta­zio­ne in­fe­rio­re al va­lo­re ve­na­le, ogni coe­re­de ha di­rit­to, in ca­so d'alie­na­zio­ne, a una par­te dell'uti­le cor­ri­spon­den­te al­la sua quo­ta ere­di­ta­ria.

2Ogni coe­re­de può far va­le­re in­di­vi­dual­men­te il pro­prio di­rit­to. Ta­le di­rit­to è tra­smis­si­bi­le per suc­ces­sio­ne e ce­di­bi­le.

3Il di­rit­to esi­ste sol­tan­to se l'ere­de alie­na l'azien­da o il fon­do agri­co­lo en­tro i 25 an­ni suc­ces­si­vi all'ac­qui­sto.

Art. 29 Alienazione  

1Co­sti­tui­sco­no alie­na­zio­ne nel sen­so dell'ar­ti­co­lo 28:

a.
la ven­di­ta e qual­sia­si al­tro ne­go­zio giu­ri­di­co che equi­va­le eco­no­mi­ca­men­te a una ven­di­ta;
b.
l'espro­pria­zio­ne;
c.
l'in­cor­po­ra­zio­ne in una zo­na edi­fi­ca­bi­le, ec­cet­to che si trat­ti di un fon­do agri­co­lo che re­sta as­sog­get­ta­to al di­rit­to fon­dia­rio ru­ra­le (art. 2 cpv. 2 lett. a);
d.1
il pas­sag­gio da un'uti­liz­za­zio­ne agri­co­la a un'uti­liz­za­zio­ne non agri­co­la; non è ta­le il ca­so dell'ere­de che, do­po aver ri­pre­so l'azien­da agri­co­la se­con­do l'ar­ti­co­lo 28 e aver­la ge­sti­ta per­so­nal­men­te per al­me­no die­ci an­ni, ces­sa l'at­ti­vi­tà azien­da­le e ri­ma­ne in un'abi­ta­zio­ne che fa par­te dell'azien­da.
2De­ter­mi­nan­ti per il mo­men­to dell'alie­na­zio­ne so­no:
a.
la con­clu­sio­ne del con­trat­to con il qua­le l'alie­nan­te si im­pe­gna a tra­sfe­ri­re la pro­prie­tà;
b.
l'in­tro­du­zio­ne del­la pro­ce­du­ra d'espro­pria­zio­ne;
c.
l'in­tro­du­zio­ne del­la pro­ce­du­ra d'in­cor­po­ra­zio­ne di un fon­do agri­co­lo in una zo­na edi­fi­ca­bi­le;
d.
in ca­so di cam­bia­men­to di de­sti­na­zio­ne, il ne­go­zio che per­met­te all'aven­te di­rit­to l'uti­liz­za­zio­ne non agri­co­la o l'at­to con il qua­le il pro­prie­ta­rio pro­vo­ca la mdi­fi­ca­zio­ne dell'uti­liz­za­zio­ne.

1 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I del­la LF del 20 giu. 2003, in vi­go­re dal 1° gen. 2004 (RU 2003 4123; FF 2002 4208).

Art. 30 Esigibilità  

Il di­rit­to all'uti­le di­ven­ta esi­gi­bi­le:

a.
in ca­so d'alie­na­zio­ne o d'espro­pria­zio­ne, con­te­stual­men­te all'esi­gi­bi­li­tà del­la con­tro­pre­sta­zio­ne che l'alie­nan­te o espro­pria­to può esi­ge­re;
b.
in ca­so di in­cor­po­ra­zio­ne di un fon­do agri­co­lo in una zo­na edi­fi­ca­bi­le, al mo­men­to dell'alie­na­zio­ne o dell'uti­liz­za­zio­ne co­me ter­re­no edi­fi­ca­bi­le, ma non ol­tre 15 an­ni do­po l'in­cor­po­ra­zio­ne cre­sciu­ta in giu­di­ca­to;
c.
in ca­so di cam­bia­men­to di de­sti­na­zio­ne do­vu­to al pro­prie­ta­rio, con l'at­to che pro­vo­ca il cam­bia­men­to me­de­si­mo.
Art. 31 Utile  

1L'uti­le equi­va­le al­la dif­fe­ren­za tra il prez­zo d'alie­na­zio­ne e il va­lo­re d'im­pu­ta­zio­ne. L'ere­de può de­dur­re, al lo­ro va­lo­re at­tua­le, le spe­se che han­no au­men­ta­to il va­lo­re dell'azien­da o del fon­do agri­co­lo.

2In ca­so di in­cor­po­ra­zio­ne di un fon­do agri­co­lo in una zo­na edi­fi­ca­bi­le, e se il fon­do non vie­ne alie­na­to en­tro 15 an­ni, l'uti­le si cal­co­la sul va­lo­re ve­na­le pre­sun­to.

3In ca­so di cam­bia­men­to di de­sti­na­zio­ne, l'uti­le cor­ri­spon­de al red­di­to an­nua­le ef­fet­ti­vo o po­ten­zia­le dell'uti­liz­za­zio­ne non agri­co­la, mol­ti­pli­ca­to per ven­ti.

4L'ere­de può de­dur­re dall'uti­le il 2 per cen­to per ogni an­no com­ple­to du­ran­te il qua­le l'azien­da o il fon­do so­no sta­ti di sua pro­prie­tà (de­du­zio­ne in fun­zio­ne del­la du­ra­ta del pos­ses­so).

5Se per l'alie­nan­te ri­sul­ta più fa­vo­re­vo­le, l'uti­le, in­ve­ce di es­se­re ri­dot­to in fun­zio­ne del­la du­ra­ta del pos­ses­so, è cal­co­la­to su un va­lo­re d'im­pu­ta­zio­ne mag­gio­re. Il va­lo­re d'im­pu­ta­zio­ne è au­men­ta­to del tas­so per­cen­tua­le di cui il va­lo­re di red­di­to s'è ac­cre­sciu­to in se­gui­to al­la mo­di­fi­ca­zio­ne del­le ba­si di cal­co­lo.

Art. 32 Deduzione per sostituzione in natura  

1Se ac­qui­sta in Sviz­ze­ra fon­di so­sti­tu­ti­vi per con­ti­nuar­vi la ge­stio­ne del­la pro­pria azien­da agri­co­la o se, in so­sti­tu­zio­ne dell'azien­da alie­na­ta, ac­qui­sta un'al­tra azien­da agri­co­la in Sviz­ze­ra, l'ere­de può de­dur­re dal prez­zo d'alie­na­zio­ne il prez­zo d'ac­qui­sto di un be­ne so­sti­tu­ti­vo di red­di­to equi­va­len­te. Il prez­zo pa­ga­to non de­ve es­se­re esor­bi­tan­te (art. 66).

2La de­du­zio­ne è le­ci­ta sol­tan­to se l'ac­qui­sto ha avu­to luo­go en­tro i due an­ni che pre­ce­do­no o se­guo­no l'alie­na­zio­ne o en­tro i cin­que an­ni che se­guo­no l'espro­pria­zio­ne.

3I coe­re­di con­ser­va­no il di­rit­to all'uti­le se i fon­di re­stan­ti o i fon­di ac­qui­sta­ti in so­sti­tu­zio­ne so­no alie­na­ti.

Art. 33 Deduzione per il miglioramento o la sostituzione di edifici e impianti  

1L'ere­de può inol­tre de­dur­re dal prez­zo d'alie­na­zio­ne la som­ma per il mi­glio­ra­men­to ne­ces­sa­rio di un edi­fi­cio o im­pian­to agri­co­lo se il fon­do che li com­pren­de pro­vie­ne dal­la stes­sa suc­ces­sio­ne e re­sta di sua pro­prie­tà.

2So­no pre­se in con­si­de­ra­zio­ne la som­ma ne­ces­sa­ria al mo­men­to dell'alie­na­zio­ne e quel­la che il pro­prie­ta­rio ha spe­so du­ran­te gli ul­ti­mi cin­que an­ni pri­ma dell'alie­na­zio­ne.

3L'ere­de che, per as­si­cu­ra­re il man­te­ni­men­to dell'uti­liz­za­zio­ne agri­co­la, co­strui­sce un nuo­vo edi­fi­cio o im­pian­to so­sti­tu­ti­vo può de­dur­ne la som­ma dal prez­zo d'alie­na­zio­ne.

4Se, più tar­di, alie­na il fon­do che com­pren­de l'edi­fi­cio od im­pian­to mi­glio­ra­to o co­strui­to, l'ere­de non può de­dur­re ta­le som­ma una se­con­da vol­ta.

Art. 34 Garanzia del diritto all'utile  

1Un coe­re­de può, al­le con­di­zio­ni qui ap­pres­so, far ga­ran­ti­re il pro­prio di­rit­to all'uti­le me­dian­te co­sti­tu­zio­ne di un pe­gno im­mo­bi­lia­re (ipo­te­ca) sull'azien­da o sul fon­do at­tri­bui­to­gli.

2L'aven­te di­rit­to può in ogni tem­po, il più tar­di pe­rò al mo­men­to dell'alie­na­zio­ne dell'azien­da o del fon­do, fa­re an­no­ta­re nel re­gi­stro fon­dia­rio un'iscri­zio­ne prov­vi­so­ria del di­rit­to di pe­gno sen­za in­di­ca­zio­ne dell'am­mon­ta­re del pe­gno. In for­za dell'iscri­zio­ne, il di­rit­to espli­che­rà ef­fet­ti rea­li, in ca­so di una sua de­ter­mi­na­zio­ne ul­te­rio­re, a par­ti­re dal mo­men­to dell'an­no­ta­zio­ne.

3Si pro­ce­de all'an­no­ta­zio­ne su ri­chie­sta uni­la­te­ra­le dell'aven­te di­rit­to. L'uf­fi­cia­le del re­gi­stro fon­dia­rio av­vi­sa dell'an­no­ta­zio­ne il pro­prie­ta­rio.

4L'iscri­zio­ne prov­vi­so­ria de­ca­de se il coe­re­de non chie­de l'iscri­zio­ne de­fi­ni­ti­va del di­rit­to di pe­gno en­tro tre me­si da quan­do ha avu­to no­ti­zia dell'alie­na­zio­ne dell'azien­da o del fon­do. Per al­tro, si ap­pli­ca­no le di­spo­si­zio­ni del Co­di­ce ci­vi­le1 (CC) sul di­rit­to di pe­gno de­gli ar­ti­gia­ni e de­gli im­pren­di­to­ri.


1 RS 210

Art. 35 Soppressione o modificazione del diritto all'utile  

Il di­rit­to le­ga­le all'uti­le può es­se­re sop­pres­so o mo­di­fi­ca­to con con­ven­zio­ne scrit­ta.

Capitolo 2: Scioglimento della proprietà collettiva costituita per contratto

Art. 36 Diritto all'attribuzione; principio  

1Se i rap­por­ti di pro­prie­tà co­mu­ne o di com­pro­prie­tà su un'azien­da agri­co­la co­sti­tui­ti per con­trat­to so­no sciol­ti, ognu­no dei com­pro­prie­ta­ri o pro­prie­ta­ri in co­mu­ne può do­man­da­re l'at­tri­bu­zio­ne dell'azien­da se in­ten­de pro­ce­de­re al­la col­ti­va­zio­ne di­ret­ta e ne sem­bra ido­neo.

2Se i rap­por­ti di pro­prie­tà co­mu­ne o di com­pro­prie­tà su un fon­do agri­co­lo co­sti­tui­ti per con­trat­to so­no sciol­ti, ognu­no dei com­pro­prie­ta­ri o pro­prie­ta­ri in co­mu­ne può do­man­da­re l'at­tri­bu­zio­ne del fon­do se:

a.
è pro­prie­ta­rio o di­spo­ne eco­no­mi­ca­men­te di un'azien­da agri­co­la;
b.
il fon­do è ubi­ca­to nel rag­gio d'eser­ci­zio dell'azien­da se­con­do l'uso lo­ca­le.

3A tu­te­la del co­niu­ge ri­man­go­no sal­ve le di­spo­si­zio­ni de­gli ar­ti­co­li 242 e 243 del CC1.


1 RS 210

Art. 37 Valore d'imputazione  

1In ca­so di scio­gli­men­to dei rap­por­ti di pro­prie­tà co­mu­ne o di com­pro­prie­tà vi­go­no i va­lo­ri d'im­pu­ta­zio­ne se­guen­ti:

a.
per un'azien­da agri­co­la: il va­lo­re di red­di­to; le di­spo­si­zio­ni sull'au­men­to del prez­zo di ri­ti­ro in ma­te­ria di di­rit­to di pre­la­zio­ne (art. 52) si ap­pli­ca­no per ana­lo­gia all'au­men­to del va­lo­re d'im­pu­ta­zio­ne;
b.
per un fon­do agri­co­lo:
1.
per il suo­lo: il dop­pio del va­lo­re di red­di­to,
2.
per gli edi­fi­ci e gli im­pian­ti: le spe­se di co­stru­zio­ne de­dot­ti gli am­mor­ta­men­ti, ma al­me­no il dop­pio del va­lo­re di red­di­to.1

2In ca­so di scio­gli­men­to dei rap­por­ti di pro­prie­tà co­mu­ne o di com­pro­prie­tà tra co­niu­gi sot­to­po­sti al re­gi­me del­la par­te­ci­pa­zio­ne agli ac­qui­sti ri­ma­ne sal­vo l'ar­ti­co­lo 213 del CC2 sull'au­men­to del va­lo­re di red­di­to.

3In ca­so di scio­gli­men­to del­la co­mu­nio­ne dei be­ni, il va­lo­re d'im­pu­ta­zio­ne può es­se­re au­men­ta­to in ma­nie­ra ade­gua­ta, ove lo giu­sti­fi­chi­no le cir­co­stan­ze spe­cia­li pre­vi­ste dall'ar­ti­co­lo 213 CC.

4In ca­so d'alie­na­zio­ne ul­te­rio­re, i com­pro­prie­ta­ri e i pro­prie­ta­ri in co­mu­ne ai qua­li l'azien­da agri­co­la o il fon­do agri­co­lo non è sta­to at­tri­bui­to han­no di­rit­to all'uti­le con­for­me­men­te al­le di­spo­si­zio­ni sul di­rit­to dei coe­re­di all'uti­le.


1 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I del­la LF del 20 giu. 2003, in vi­go­re dal 1° gen. 2004 (RU 2003 4123; FF 2002 4208).
2 RS 210

Art. 38 Applicazione di disposizioni di diritto successorio  

Le di­spo­si­zio­ni di di­rit­to suc­ces­so­rio sul di­rit­to all'at­tri­bu­zio­ne in ca­so di con­cor­so d'ere­di (art. 20 cpv. 2), sul­la de­ca­den­za del di­rit­to all'at­tri­bu­zio­ne (art. 22) e sul­la ga­ran­zia del­la col­ti­va­zio­ne di­ret­ta (art. 23 e 24) so­no ap­pli­ca­bi­li per ana­lo­gia.

Art. 39 Soppressione e modificazione  

Le con­ven­zio­ni sul va­lo­re d'im­pu­ta­zio­ne e quel­le che sop­pri­mo­no o mo­di­fi­ca­no il di­rit­to all'at­tri­bu­zio­ne de­vo­no far­si per at­to pub­bli­co. In ca­so di com­pro­prie­tà, pos­so­no es­se­re an­no­ta­te nel re­gi­stro fon­dia­rio.

Capitolo 3: Contratti d'alienazione

Sezione 1: Restrizioni generali della facoltà di disporre nei casi d'alienazione

Art. 40 Consenso del coniuge  

1Il pro­prie­ta­rio può alie­na­re un'azien­da agri­co­la che ge­sti­sce con il co­niu­ge o una quo­ta di com­pro­prie­tà sul­la stes­sa sol­tan­to con il con­sen­so del co­niu­ge.

2Se non può pro­cu­rar­si que­sto con­sen­so, o se il con­sen­so gli è ne­ga­to sen­za va­li­do mo­ti­vo, può ri­cor­re­re al giu­di­ce.

3Ri­ma­ne sal­vo l'ar­ti­co­lo 169 del CC1 a tu­te­la dell'abi­ta­zio­ne fa­mi­lia­re.


1 RS 210

Art. 41 Diritto all'utile e diritto di ricupera convenzionali  

1Le par­ti pos­so­no con­ve­ni­re che l'alie­nan­te di un'azien­da agri­co­la o di un fon­do agri­co­lo ha di­rit­to all'uti­le in ca­so di ria­lie­na­zio­ne. Ta­le di­rit­to è ret­to dal­le di­spo­si­zio­ni sul di­rit­to dei coe­re­di all'uti­le, sal­vo con­ven­zio­ne con­tra­ria.

2Se un'azien­da agri­co­la o un fon­do agri­co­lo è alie­na­to a un prez­zo in­fe­rio­re al va­lo­re ve­na­le sen­za che un di­rit­to all'uti­le sia sta­to con­ve­nu­to, ri­man­go­no sal­ve, a tu­te­la de­gli ere­di, le di­spo­si­zio­ni sul­la col­la­zio­ne e sul­la ri­du­zio­ne (art. 626-632 e art. 522-533 CC1). Le azio­ni di col­la­zio­ne e ri­du­zio­ne non si pre­scri­vo­no fin­tan­to che l'uti­le non è esi­gi­bi­le (art. 30).

3L'alie­nan­te può con­ve­ni­re con l'ac­qui­ren­te un di­rit­to di ri­cu­pe­ra nel ca­so que­sti ces­si la col­ti­va­zio­ne di­ret­ta. Se l'alie­nan­te muo­re e l'ac­qui­ren­te ces­sa la col­ti­va­zio­ne di­ret­ta, ognu­no de­gli ere­di che in­ten­de ri­pren­de­re la col­ti­va­zio­ne di­ret­ta e ne sem­bra ido­neo può fa­re va­le­re in­di­vi­dual­men­te il di­rit­to di ri­cu­pe­ra.


1 RS 210

Sezione 2: Diritto di prelazione dei parenti

Art. 42 Oggetto e rango  

1In ca­so d'alie­na­zio­ne di un'azien­da agri­co­la, i pa­ren­ti dell'alie­nan­te men­zio­na­ti qui di se­gui­to han­no, nell'or­di­ne in­di­ca­to, un di­rit­to di pre­la­zio­ne sul­la stes­sa se in­ten­do­no pro­ce­de­re al­la col­ti­va­zio­ne di­ret­ta e ne sem­bra­no ido­nei:

1.
ogni di­scen­den­te;
2.
ogni fra­tel­lo o so­rel­la e fi­glio lo­ro, se l'alie­nan­te ha ac­qui­sta­to l'azien­da in­te­ra­men­te o in mag­gior par­te dai ge­ni­to­ri o nel­la lo­ro suc­ces­sio­ne da me­no di 25 an­ni.

2In ca­so d'alie­na­zio­ne di un fon­do agri­co­lo, ogni di­scen­den­te dell'alie­nan­te ha un di­rit­to di pre­la­zio­ne sul­lo stes­so, se è pro­prie­ta­rio o di­spo­ne eco­no­mi­ca­men­te di un'azien­da agri­co­la e il fon­do è ubi­ca­to nel rag­gio d'eser­ci­zio dell'azien­da se­con­do l'uso lo­ca­le.

3Il di­rit­to di pre­la­zio­ne non com­pe­te a co­lui con­tro il qua­le l'alie­nan­te in­vo­ca mo­ti­vi che giu­sti­fi­ca­no una di­se­re­da­zio­ne.

Art. 43 Caso di prelazione  

Un pa­ren­te può fa­re va­le­re il di­rit­to di pre­la­zio­ne an­che se l'azien­da agri­co­la o il fon­do agri­co­lo:

a.
è con­fe­ri­to a una co­mu­nio­ne di be­ni, a una so­cie­tà, a una so­cie­tà coo­pe­ra­ti­va o a un'al­tra cor­po­ra­zio­ne;
b.
è tra­sfe­ri­to gra­tui­ta­men­te;
c.
è alie­na­to a un al­tro pa­ren­te o al co­niu­ge.
Art. 44 Prezzo di ritiro  

Gli aven­ti di­rit­to pos­so­no fa­re va­le­re il di­rit­to di pre­la­zio­ne su un'azien­da agri­co­la al va­lo­re di red­di­to e su un fon­do agri­co­lo al dop­pio di ta­le va­lo­re.

Art. 45 Proprietà collettiva  

In ca­so d'alie­na­zio­ne di un'azien­da agri­co­la o di un fon­do agri­co­lo di pro­prie­tà col­let­ti­va (pro­prie­tà co­mu­ne o com­pro­prie­tà), il di­rit­to di pre­la­zio­ne è da­to an­che se il rap­por­to di pa­ren­te­la su cui si fon­da sus­si­ste per uno so­lo dei com­pro­prie­ta­ri o dei pro­prie­ta­ri in co­mu­ne.

Art. 46 Aventi diritto di stesso rango  

1Se più aven­ti di­rit­to di stes­so ran­go fan­no va­le­re un di­rit­to di pre­la­zio­ne, l'alie­nan­te può de­si­gna­re quel­lo che su­ben­tre­rà nel con­trat­to di ven­di­ta.

2Se l'alie­nan­te vi ri­nun­cia, la si­tua­zio­ne per­so­na­le de­gli aven­ti di­rit­to è de­ter­mi­nan­te per l'at­tri­bu­zio­ne dell'azien­da agri­co­la.

Sezione 3: Diritto di prelazione dell'affittuario

Art. 47 Oggetto  

1In ca­so d'alie­na­zio­ne di un'azien­da agri­co­la, l'af­fit­tua­rio ha un di­rit­to di pre­la­zio­ne se:

a.
in­ten­de pro­ce­de­re al­la col­ti­va­zio­ne di­ret­ta e ne sem­bra ido­neo e
b.
la du­ra­ta le­ga­le mi­ni­ma dell'af­fit­to pre­vi­sta dal­le di­spo­si­zio­ni del­la leg­ge fe­de­ra­le del 4 ot­to­bre 19851 sull'af­fit­to agri­co­lo è sca­du­ta.

2In ca­so d'alie­na­zio­ne di un fon­do agri­co­lo, l'af­fit­tua­rio ha un di­rit­to di pre­la­zio­ne sul­la co­sa af­fit­ta­ta se:2

a.
la du­ra­ta le­ga­le mi­ni­ma dell'af­fit­to pre­vi­sta dal­le di­spo­si­zio­ni del­la leg­ge fe­de­ra­le del 4 ot­to­bre 1985 sull'af­fit­to agri­co­lo è sca­du­ta e
b.
l'af­fit­tua­rio è pro­prie­ta­rio o di­spo­ne eco­no­mi­ca­men­te di un'azien­da agri­co­la e il fon­do af­fit­ta­to è ubi­ca­to nel rag­gio d'eser­ci­zio dell'azien­da se­con­do l'uso lo­ca­le.

3Il di­rit­to di pre­la­zio­ne dei pa­ren­ti è po­zio­re a quel­lo dell'af­fit­tua­rio.


1 RS 221.213.2
2 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I del­la LF del 20 giu. 2003, in vi­go­re dal 1° gen. 2004 (RU 2003 4123; FF 2002 4208).

Art. 48 Rinuncia al diritto di prelazione  

1L'af­fit­tua­rio può ri­nun­cia­re in an­ti­ci­po al suo di­rit­to le­ga­le di pre­la­zio­ne sol­tan­to in vi­sta dell'im­mi­nen­te rea­liz­zar­si di un ca­so di pre­la­zio­ne. La ri­nun­cia al di­rit­to di pre­la­zio­ne è di­chia­ra­ta in un at­to pub­bli­co; l'at­to pub­bli­co de­ve in­di­ca­re gli ele­men­ti es­sen­zia­li del con­trat­to che sa­rà con­clu­so tra il ven­di­to­re e il ter­zo.

2La ri­nun­cia è inef­fi­ca­ce se il con­te­nu­to del con­trat­to di ven­di­ta sti­pu­la­to tra il ven­di­to­re e il com­pra­to­re non è con­for­me a quan­to in­di­ca­to nel­la di­chia­ra­zio­ne di ri­nun­cia o se il con­trat­to di ven­di­ta non è con­clu­so en­tro sei me­si dal­la di­chia­ra­zio­ne di ri­nun­cia.


1 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I del­la LF del 20 giu. 2003, in vi­go­re dal 1° gen. 2004 (RU 2003 4123; FF 2002 4208).

Sezione 4: Diritto di prelazione sulle quote di comproprietà

Art. 49  

1In ca­so d'alie­na­zio­ne di una quo­ta di com­pro­prie­tà su un'azien­da agri­co­la, han­no, nell'or­di­ne se­guen­te, un di­rit­to di pre­la­zio­ne:

1.
ogni com­pro­prie­ta­rio che in­ten­de pro­ce­de­re al­la col­ti­va­zio­ne di­ret­ta e ne sem­bra ido­neo;
2.
ogni di­scen­den­te, ogni fra­tel­lo o so­rel­la e fi­glio lo­ro e l'af­fit­tua­rio, al­le con­di­zio­ni e mo­da­li­tà e con il ran­go ap­pli­ca­bi­li al di­rit­to di pre­la­zio­ne su un'azien­da agri­co­la;
3.
ogni al­tro com­pro­prie­ta­rio giu­sta l'ar­ti­co­lo 682 del CC1.

2In ca­so d'alie­na­zio­ne di una quo­ta di com­pro­prie­tà su un fon­do agri­co­lo, han­no, nell'or­di­ne se­guen­te, un di­rit­to di pre­la­zio­ne:

1.
ogni com­pro­prie­ta­rio che è già pro­prie­ta­rio o di­spo­ne eco­no­mi­ca­men­te di un'azien­da agri­co­la, se il fon­do è ubi­ca­to nel rag­gio d'eser­ci­zio dell'azien­da se­con­do l'uso lo­ca­le;
2.
ogni di­scen­den­te e l'af­fit­tua­rio, al­le con­di­zio­ni e mo­da­li­tà e con il ran­go ap­pli­ca­bi­li al di­rit­to di pre­la­zio­ne su un fon­do agri­co­lo;
3.
ogni al­tro com­pro­prie­ta­rio giu­sta l'ar­ti­co­lo 682 CC.

3Il com­pro­prie­ta­rio che pre­ten­de un'azien­da agri­co­la per la col­ti­va­zio­ne di­ret­ta o un fon­do agri­co­lo ubi­ca­to nel rag­gio d'eser­ci­zio dell'azien­da se­con­do l'uso lo­ca­le può fa­re va­le­re il di­rit­to di pre­la­zio­ne sull'azien­da al va­lo­re di red­di­to e sul fon­do al dop­pio di ta­le va­lo­re.


1 RS 210

Sezione 5: Disposizioni comuni ai diritti di prelazione del diritto federale

Art. 50  

1 Abro­ga­to dal n. I del­la LF del 20 giu. 2003, con ef­fet­to dal 1° gen. 2004 (RU 2003 4123; FF 2002 4208).

Art. 51 Portata del diritto di prelazione, prezzo di ritiro  

1Se ven­de con l'azien­da agri­co­la an­che le per­ti­nen­ze azien­da­li (be­stia­me, uten­si­li, scor­te, ecc.), l'alie­nan­te può, in ca­so d'eser­ci­zio del di­rit­to di pre­la­zio­ne, di­chia­ra­re di sot­trar­le to­tal­men­te o par­zial­men­te al­la ven­di­ta.

2Se un'azien­da ac­ces­so­ria non agri­co­la è stret­ta­men­te con­nes­sa a un'azien­da agri­co­la, il ti­to­la­re del di­rit­to di pre­la­zio­ne può do­man­da­re l'at­tri­bu­zio­ne del­le due azien­de.

3Il prez­zo di ri­ti­ro del­le per­ti­nen­ze e dell'azien­da ac­ces­so­ria non agri­co­la è da­to dal va­lo­re d'im­pu­ta­zio­ne nel­la di­vi­sio­ne suc­ces­so­ria (art. 17 cpv. 2).

Art. 52 Aumento del prezzo di ritiro  

1L'alie­nan­te può do­man­da­re che il prez­zo di ri­ti­ro sia au­men­ta­to in mo­do ade­gua­to, se cir­co­stan­ze spe­cia­li lo giu­sti­fi­ca­no.

2So­no cir­co­stan­ze spe­cia­li se­gna­ta­men­te un prez­zo d'ac­qui­sto ele­va­to dell'azien­da o in­ve­sti­men­ti im­por­tan­ti ef­fet­tua­ti dall'alie­nan­te nei die­ci an­ni pre­ce­den­ti l'alie­na­zio­ne.

3Il prez­zo di ri­ti­ro è in tut­ti i ca­si al­me­no ugua­le all'am­mon­ta­re del de­bi­to ipo­te­ca­rio.

Art. 53 Diritto dell'alienante all'utile  

1Se, con l'eser­ci­zio di un di­rit­to di pre­la­zio­ne le­ga­le, il pro­prie­ta­rio ha ac­qui­sta­to un'azien­da agri­co­la o un fon­do agri­co­lo per un prez­zo in­fe­rio­re al va­lo­re ve­na­le e lo alie­na a sua vol­ta, l'alie­nan­te nei con­fron­ti del qua­le è sta­to fat­to va­le­re il di­rit­to di pre­la­zio­ne ha di­rit­to all'uti­le.

2Le di­spo­si­zio­ni sul di­rit­to dei coe­re­di all'uti­le si ap­pli­ca­no per ana­lo­gia.

Art. 54 Garanzia della coltivazione diretta; divieto d'alienazione  

1Il pro­prie­ta­rio che, con l'eser­ci­zio di un di­rit­to di pre­la­zio­ne, ha ac­qui­sta­to un'azien­da agri­co­la per la col­ti­va­zio­ne di­ret­ta può, nei die­ci an­ni suc­ces­si­vi, alie­nar­la sol­tan­to con l'ac­cor­do del ven­di­to­re.

2Ta­le ac­cor­do non è ne­ces­sa­rio se:

a.
l'azien­da agri­co­la è ac­qui­sta­ta da un di­scen­den­te che in­ten­de con­ti­nua­re la col­ti­va­zio­ne di­ret­ta e ne sem­bra ido­neo;
b.
il pro­prie­ta­rio alie­na l'azien­da agri­co­la all'en­te pub­bli­co per l'adem­pi­men­to di un com­pi­to pub­bli­co con­for­me­men­te all'ar­ti­co­lo 65 od è co­stret­to a se­pa­rar­se­ne in via for­za­ta;
c.
il pro­prie­ta­rio alie­na fon­di o par­ti di fon­di con l'ap­pro­va­zio­ne dell'au­to­ri­tà com­pe­ten­te ad ac­cor­da­re l'au­to­riz­za­zio­ne (art. 60).
Art. 55 Garanzia della coltivazione diretta; diritto di ricupera  

1Se, en­tro die­ci an­ni, il pro­prie­ta­rio o il suo di­scen­den­te cui l'azien­da è sta­ta tra­sfe­ri­ta ces­sa de­fi­ni­ti­va­men­te la col­ti­va­zio­ne di­ret­ta, il ven­di­to­re nei con­fron­ti del qua­le è sta­to eser­ci­ta­to il di­rit­to di pre­la­zio­ne ha un di­rit­to di ri­cu­pe­ra.

2Il di­rit­to di ri­cu­pe­ra è tra­smis­si­bi­le per suc­ces­sio­ne, ma non ce­di­bi­le. Un ere­de che in­ten­de ri­pren­de­re la col­ti­va­zio­ne di­ret­ta e ne sem­bra ido­neo può fa­re va­le­re in­di­vi­dual­men­te il di­rit­to di ri­cu­pe­ra.

3In ca­so d'eser­ci­zio del di­rit­to di ri­cu­pe­ra, il pro­prie­ta­rio ha di­rit­to al prez­zo al qua­le ha ri­pre­so l'azien­da agri­co­la. Inol­tre, ha il di­rit­to di es­se­re in­den­niz­za­to per le spe­se che ne han­no au­men­ta­to il va­lo­re; que­ste de­vo­no es­se­re cal­co­la­te al va­lo­re at­tua­le.

4Il di­rit­to di ri­cu­pe­ra si estin­gue tre me­si do­po che il ti­to­la­re è ve­nu­to a co­no­scen­za del­la ces­sa­zio­ne del­la col­ti­va­zio­ne di­ret­ta, ma in ogni ca­so due an­ni do­po la ces­sa­zio­ne me­de­si­ma.

5Il di­rit­to di ri­cu­pe­ra non può es­se­re eser­ci­ta­to se:

a.
un di­scen­den­te del pro­prie­ta­rio dell'azien­da agri­co­la in­ten­de ri­pren­de­re la col­ti­va­zio­ne di­ret­ta e ne sem­bra ido­neo;
b.
il pro­prie­ta­rio muo­re e uno dei suoi ere­di in­ten­de ri­pren­de­re la col­ti­va­zio­ne di­ret­ta e ne sem­bra ido­neo;
c.
il pro­prie­ta­rio alie­na l'azien­da agri­co­la all'en­te pub­bli­co per l'adem­pi­men­to di un com­pi­to pub­bli­co con­for­me­men­te all'ar­ti­co­lo 65 od è co­stret­to a se­pa­rar­se­ne in via for­za­ta;
d.
il pro­prie­ta­rio alie­na fon­di o par­ti di fon­di con l'ap­pro­va­zio­ne dell'au­to­ri­tà com­pe­ten­te ad ac­cor­da­re l'au­to­riz­za­zio­ne (art. 60).

6Se il pro­prie­ta­rio ha di­scen­den­ti mi­no­ren­ni, il di­rit­to di ri­cu­pe­ra non può es­se­re eser­ci­ta­to si­no a quan­do non sia sta­bi­li­to se un di­scen­den­te può ri­pren­de­re la col­ti­va­zio­ne di­ret­ta.

Sezione 6: Diritti cantonali di prelazione

Art. 56  

1I Can­to­ni pos­so­no pre­ve­de­re di­rit­ti di pre­la­zio­ne:

a.
su fon­di agri­co­li per le cor­po­ra­zio­ni fon­da­te per ese­gui­re mi­glio­ra­men­ti del suo­lo, nel­la mi­su­ra in cui il fon­do sia ubi­ca­to nel lo­ro pe­ri­me­tro e l'ac­qui­sto ser­va al­lo sco­po del­la cor­po­ra­zio­ne;
b.
su al­men­de, al­pi e pa­sco­li pri­va­ti per i Co­mu­ni, per i con­sor­zi di al­men­de o d'al­pi o per cor­po­ra­zio­ni si­mi­li del lo­ro ter­ri­to­rio;
c.
sui di­rit­ti di go­di­men­to e di par­te­ci­pa­zio­ne su al­men­de, al­pi o pa­sco­li per cor­po­ra­zio­ni co­me con­sor­zi di al­men­de o d'al­pi pro­prie­ta­rie di que­ste al­men­de, al­pi o pa­sco­li.

2I di­rit­ti di pre­la­zio­ne le­ga­li del di­rit­to fe­de­ra­le so­no po­zio­ri a quel­li can­to­na­li. I Can­to­ni fis­sa­no il ran­go di que­sti ul­ti­mi.

Sezione 7: Correzione dei confini

Art. 57  

1I pro­prie­ta­ri di fon­di agri­co­li con­ti­gui de­vo­no col­la­bo­ra­re al­le cor­re­zio­ni dei con­fi­ni ina­de­gua­ti.

2Es­si pos­so­no esi­ge­re una per­mu­ta di ter­re­ni, nel­la mi­su­ra ne­ces­sa­ria, o la ces­sio­ne di cin­que are al mas­si­mo, ove ne ri­sul­ti un mi­glio­ra­men­to no­te­vo­le dei con­fi­ni.

Titolo terzo: Restrizioni di diritto pubblico dei rapporti giuridici concernenti le aziende e i fondi agricoli

Capitolo 1: Divisione materiale di aziende agricole e frazionamento di fondi agricoli

Art. 58 Divieto di divisione materiale e di frazionamento  

1Nes­sun fon­do o par­te di fon­do può es­se­re sot­trat­to a un'azien­da agri­co­la (di­vie­to di di­vi­sio­ne ma­te­ria­le).

2I fon­di agri­co­li non pos­so­no es­se­re sud­di­vi­si in par­ti­cel­le di me­no di 25 are (di­vie­to di fra­zio­na­men­to). Que­sta su­per­fi­cie mi­ni­ma è di 15 are per i fon­di vi­gna­ti. I Can­to­ni pos­so­no fis­sa­re su­per­fi­ci mi­ni­me più este­se.1

3Azien­de e fon­di agri­co­li non pos­so­no inol­tre es­se­re di­vi­si in quo­te di com­pro­prie­tà di su­per­fi­cie in­fe­rio­re a un do­di­ce­si­mo del­la su­per­fi­cie to­ta­le.


1 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I del­la LF del 5 ott. 2007, in vi­go­re dal 1° set. 2008 (RU 2008 3585; FF 2006 5815).

Art. 59 Eccezioni  

I di­vie­ti di di­vi­sio­ne ma­te­ria­le e di fra­zio­na­men­to non so­no ap­pli­ca­bi­li al­le se­pa­ra­zio­ni e di­vi­sio­ni ef­fet­tua­te:

a.
nell'am­bi­to di mi­glio­ra­men­ti del suo­lo at­tua­ti con il con­cor­so dell'au­to­ri­tà;
b.
al­lo sco­po di cor­reg­ge­re i con­fi­ni (art. 57) o di ret­ti­fi­car­li in ca­so di co­stru­zio­ne di un'ope­ra;
c.
in se­gui­to ad espro­pria­zio­ne o a una ven­di­ta a trat­ta­ti­ve pri­va­te se il ven­di­to­re è mi­nac­cia­to d'espro­pria­zio­ne;
d.
nell'am­bi­to di un'ese­cu­zio­ne for­za­ta.
Art. 60 Autorizzazioni eccezionali  

1L'au­to­ri­tà can­to­na­le com­pe­ten­te ad ac­cor­da­re l'au­to­riz­za­zio­ne per­met­te ec­ce­zio­ni ai di­vie­ti di di­vi­sio­ne ma­te­ria­le e di fra­zio­na­men­to se:

a.
l'azien­da agri­co­la o il fon­do agri­co­lo è di­vi­so in una par­te at­ti­nen­te e in una par­te non at­ti­nen­te al cam­po d'ap­pli­ca­zio­ne del­la pre­sen­te leg­ge;
b.1
c.2
so­no per­mu­ta­ti fon­di o par­ti di fon­do di un'azien­da agri­co­la, con o sen­za so­vrap­prez­zo, con ter­re­ni, edi­fi­ci o im­pian­ti ubi­ca­ti in una po­si­zio­ne più fa­vo­re­vo­le o più ido­nei per l'azien­da;
d.
la par­te da se­pa­ra­re ser­ve ad ar­ro­ton­da­re de­fi­ni­ti­va­men­te un fon­do non agri­co­lo fuo­ri del­la zo­na edi­fi­ca­bi­le. Que­sto può es­se­re in­gran­di­to di non ol­tre 1000 m2;
e.3
un edi­fi­cio agri­co­lo, con il re­la­ti­vo ter­re­no cir­co­stan­te, non più ne­ces­sa­rio per la ge­stio­ne di un'azien­da agri­co­la o di un fon­do agri­co­lo, è tra­sfe­ri­to al pro­prie­ta­rio di un'azien­da o di un fon­do agri­co­lo vi­ci­no per un uso con­for­me al­la fun­zio­ne pre­vi­sta del­la zo­na, per­met­ten­do co­sì di evi­ta­re la co­stru­zio­ne di un edi­fi­cio che do­vreb­be es­se­re au­to­riz­za­to in vir­tù dell'ar­ti­co­lo 16a del­la leg­ge del 22 giu­gno 19794 sul­la pia­ni­fi­ca­zio­ne del ter­ri­to­rio;
f.5
de­ve es­se­re co­sti­tui­to un di­rit­to di su­per­fi­cie a fa­vo­re dell'af­fit­tua­rio dell'azien­da agri­co­la sul­la par­te da se­pa­ra­re;
g.6
l'esi­sten­za fi­nan­zia­ria del­la fa­mi­glia con­ta­di­na è for­te­men­te mi­nac­cia­ta e un'im­mi­nen­te rea­liz­za­zio­ne for­za­ta può es­se­re evi­ta­ta me­dian­te l'alie­na­zio­ne di fon­di o par­ti di fon­di;
h.7
dev'es­se­re adem­piu­to un com­pi­to pub­bli­co o di in­te­res­se pub­bli­co;
i.8
la se­pa­ra­zio­ne av­vie­ne per co­strui­re un edi­fi­cio di eco­no­mia ru­ra­le che ser­va al­la ge­stio­ne co­mu­ne o un im­pian­to cor­ri­spon­den­te.

2L'au­to­ri­tà per­met­te inol­tre un'ec­ce­zio­ne al di­vie­to di di­vi­sio­ne ma­te­ria­le se:

a.
la di­vi­sio­ne ma­te­ria­le ser­ve es­sen­zial­men­te a mi­glio­ra­re strut­tu­ral­men­te al­tre azien­de agri­co­le;
b.
nes­sun pa­ren­te ti­to­la­re di un di­rit­to di pre­la­zio­ne o di un di­rit­to all'at­tri­bu­zio­ne in­ten­de ri­pren­de­re l'azien­da agri­co­la per la col­ti­va­zio­ne di­ret­ta e nes­sun'al­tra per­so­na che po­treb­be chie­de­re l'at­tri­bu­zio­ne nel­la di­vi­sio­ne suc­ces­so­ria (art. 11 cpv. 2) vuo­le ri­pren­de­re in­te­gral­men­te l'azien­da per af­fit­tar­la; e
c.
il co­niu­ge che ha ge­sti­to l'azien­da con il pro­prie­ta­rio ac­con­sen­te al­la di­vi­sio­ne ma­te­ria­le.9

1 Abro­ga­to dal n. I del­la LF del 20 giu. 2003, con ef­fet­to dal 1° gen. 2004 (RU 2003 4123; FF 2002 4208).
2 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I del­la LF del 26 giu. 1998, in vi­go­re dal 1° gen. 1999 (RU 1998 3009 3011; FF 1996 IV 1).
3 In­tro­dot­ta dal n. II del­la LF del 20 mar. 1998, in vi­go­re dal 1° set. 2000 (RU 2000 2042 2046; FF 1996 III 457).
4 RS 700
5 In­tro­dot­ta dal n. I del­la LF del 26 giu. 1998 (RU 1998 3009; FF 1996 IV 1). Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I del­la LF del 20 giu. 2003, in vi­go­re dal 1° gen. 2004 (RU 2003 4123; FF 2002 4208).
6 In­tro­dot­ta dal n. I del­la LF del 26 giu. 1998, in vi­go­re dal 1° gen. 1999 (RU 1998 3009 3011; FF 1996 IV 1).
7 In­tro­dot­ta dal n. I del­la LF del 26 giu. 1998, in vi­go­re dal 1° gen. 1999 (RU 1998 3009 3011; FF 1996 IV 1).
8 In­tro­dot­ta dal n. I del­la LF del 20 giu. 2003, in vi­go­re dal 1° gen. 2004 (RU 2003 4123; FF 2002 4208).
9 In­tro­dot­to dal n. I del­la LF del 26 giu. 1998, in vi­go­re dal 1° gen. 1999 (RU 1998 3009 3011; FF 1996 IV 1).

Capitolo 2: Acquisto di aziende e fondi agricoli

Art. 61 Principio  

1Chi in­ten­de ac­qui­sta­re un'azien­da agri­co­la o un fon­do agri­co­lo de­ve ot­te­ne­re un'au­to­riz­za­zio­ne.

2L'au­to­riz­za­zio­ne è ri­la­scia­ta se non sus­si­sto­no mo­ti­vi per ri­fiu­tar­la.

3So­no ac­qui­sto il tra­sfe­ri­men­to del­la pro­prie­tà, co­me ogni al­tro ne­go­zio giu­ri­di­co che equi­val­ga eco­no­mi­ca­men­te a un tra­sfe­ri­men­to del­la pro­prie­tà.

Art. 62 Eccezioni  

L'au­to­riz­za­zio­ne non è ne­ces­sa­ria in ca­so di ac­qui­sto:

a.
per suc­ces­sio­ne e at­tri­bu­zio­ne ere­di­ta­ria;
b.
da par­te di un di­scen­den­te, del co­niu­ge, dei ge­ni­to­ri o di un fra­tel­lo o so­rel­la, o di un fi­glio lo­ro, dell'alie­nan­te;
c.
da par­te di un com­pro­prie­ta­rio o di un pro­prie­ta­rio in co­mu­ne;
d.
me­dian­te eser­ci­zio di un di­rit­to le­ga­le di com­pe­ra o di ri­cu­pe­ra;
e.
nell'am­bi­to di un'espro­pria­zio­ne o di un mi­glio­ra­men­to del suo­lo ope­ra­to con il con­cor­so dell'au­to­ri­tà;
f.1
al­lo sco­po di ret­ti­fi­ca­re o di mi­glio­ra­re i con­fi­ni;
g.2
per tra­pas­so di pro­prie­tà me­dian­te fu­sio­ne o scis­sio­ne in vir­tù del­la leg­ge del 3 ot­to­bre 20033 sul­la fu­sio­ne, se gli at­ti­vi del sog­get­to giu­ri­di­co tra­sfe­ren­te o del sog­get­to as­sun­to­re non so­no co­sti­tui­ti prin­ci­pal­men­te da un'azien­da o da un fon­do agri­co­li;
h.4
da par­te del Can­to­ne o di un Co­mu­ne ai fi­ni del­la pro­te­zio­ne con­tro le pie­ne, del­la ri­vi­ta­liz­za­zio­ne del­le ac­que, del­la co­stru­zio­ne di ba­ci­ni di com­pen­sa­zio­ne e di ac­cu­mu­la­zio­ne per pom­pag­gio per cen­tra­li idroe­let­tri­che non­ché a sco­po di so­sti­tu­zio­ne rea­le per ta­li esi­gen­ze.

1 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I del­la LF del 5 ott. 2007, in vi­go­re dal 1° set. 2008 (RU 2008 3585; FF 2006 5815).
2 In­tro­dot­ta dal n. 1 dell'all. al­la L del 3 ott. 2003 sul­la fu­sio­ne, in vi­go­re dal 1° lug. 2004 (RU 2004 2617; FF 2000 3765).
3 RS 221.301
4 In­tro­dot­ta dal n. II 3 del­la LF dell'11 dic. 2009 (Ri­na­tu­ra­zio­ne), in vi­go­re dal 1° gen. 2011 (RU 2010 4285; FF 2008 7033 7069).

Art. 63 Motivi di rifiuto  

1L'au­to­riz­za­zio­ne per l'ac­qui­sto di un'azien­da agri­co­la o di un fon­do agri­co­lo è ri­fiu­ta­ta se:

a.
l'ac­qui­ren­te non è col­ti­va­to­re di­ret­to;
b.
è sta­to pat­tui­to un prez­zo esor­bi­tan­te;
c. 1
d.
il fon­do da ac­qui­sta­re è ubi­ca­to fuo­ri del rag­gio d'eser­ci­zio dell'azien­da dell'ac­qui­ren­te se­con­do l'uso lo­ca­le.

2 Il mo­ti­vo di ri­fiu­to di cui al ca­po­ver­so 1 let­te­ra b non è per­ti­nen­te se l'azien­da o il fon­do agri­co­lo è ac­qui­sta­to nell'am­bi­to di una pro­ce­du­ra di rea­liz­za­zio­ne for­za­ta.2


1 Abro­ga­ta dal n. I del­la LF del 26 giu. 1998, con ef­fet­to dal 1° gen. 1999 (RU 1998 3009; FF 1996 IV 1).
2 In­tro­dot­to dal n. I del­la LF del 26 giu. 1998, in vi­go­re dal 1° gen. 1999 (RU 1998 3009 3011; FF 1996 IV 1).

Art. 64 Eccezioni al principio della coltivazione diretta  

1Se non vi è col­ti­va­zio­ne di­ret­ta, l'au­to­riz­za­zio­ne dev'es­se­re ri­la­scia­ta se l'ac­qui­ren­te pro­va che sus­si­ste un gra­ve mo­ti­vo, se­gna­ta­men­te che:

a.1
l'ac­qui­sto ser­ve a pre­ser­va­re co­me azien­da in af­fit­to un'azien­da da lun­go tem­po in­te­gral­men­te af­fit­ta­ta, a mi­glio­ra­re strut­tu­ral­men­te un'azien­da in af­fit­to o a isti­tui­re o pre­ser­va­re un'azien­da spe­ri­men­ta­le o sco­la­sti­ca;
b.
l'ac­qui­ren­te di­spo­ne di un'au­to­riz­za­zio­ne de­fi­ni­ti­va per un'uti­liz­za­zio­ne non agri­co­la del suo­lo a' sen­si dell'ar­ti­co­lo 24 del­la leg­ge fe­de­ra­le del 22 giu­gno 19792 sul­la pia­ni­fi­ca­zio­ne del ter­ri­to­rio;
c.
l'ac­qui­sto è ope­ra­to in vi­sta dell'estra­zio­ne di ri­sor­se mi­ne­ra­rie, am­mes­sa dal­la le­gi­sla­zio­ne in ma­te­ria di pia­ni­fi­ca­zio­ne del ter­ri­to­rio, e la su­per­fi­cie non ec­ce­de quel­la ra­gio­ne­vol­men­te ne­ces­sa­ria all'im­pre­sa co­me ri­ser­va di ma­te­rie pri­me o co­me so­sti­tu­zio­ne rea­le per una su­per­fi­cie nel­la zo­na d'estra­zio­ne, per 15 an­ni al mas­si­mo. Il ter­re­no che, en­tro 15 an­ni dall'ac­qui­sto, non è uti­liz­za­to se­con­do la de­sti­na­zio­ne pre­vi­sta dev'es­se­re alie­na­to con­for­me­men­te al­le di­spo­si­zio­ni del­la pre­sen­te leg­ge. Lo stes­so va­le a ri­col­ti­va­zio­ne av­ve­nu­ta;
d.
l'azien­da agri­co­la o il fon­do agri­co­lo so­no si­tua­ti in una zo­na pro­tet­ta e l'ac­qui­ren­te ac­qui­sta il ter­re­no ai fi­ni di ta­le pro­te­zio­ne;
e.
l'ac­qui­sto è ope­ra­to al fi­ne di pre­ser­va­re i din­tor­ni, de­gni di pro­te­zio­ne, di cen­tri, co­stru­zio­ni od im­pian­ti sto­ri­ci o di un'ope­ra na­tu­ra­le pro­tet­ta;
f.
no­no­stan­te pub­bli­co ban­do a un prez­zo non esor­bi­tan­te (art. 66) non vi so­no of­fer­te di col­ti­va­to­ri di­ret­ti.
g.3
un cre­di­to­re che de­tie­ne un di­rit­to di pe­gno sull'azien­da o sul fon­do ac­qui­si­sce que­st'ul­ti­mi nell'am­bi­to di una pro­ce­du­ra di rea­liz­za­zio­ne for­za­ta.

2L'au­to­riz­za­zio­ne può es­se­re su­bor­di­na­ta ad one­ri.


1 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I del­la LF del 26 giu. 1998, in vi­go­re dal 1° gen. 1999 (RU 1998 3009 3011; FF 1996 IV 1).
2 RS 700
3 In­tro­dot­ta dal n. I del­la LF del 26 giu. 1998, in vi­go­re dal 1° gen. 1999 (RU 1998 3009 3011; FF 1996 IV 1).

Art. 65 Acquisto da parte dell'ente pubblico  

1L'ac­qui­sto da par­te dell'en­te pub­bli­co o di suoi sta­bi­li­men­ti dev'es­se­re au­to­riz­za­to se:

a.
oc­cor­re per adem­pie­re un com­pi­to pub­bli­co pre­vi­sto nei pia­ni del­la le­gi­sla­zio­ne in ma­te­ria di pia­ni­fi­ca­zio­ne del ter­ri­to­rio;
b.
ser­ve co­me so­sti­tu­zio­ne rea­le nel­la co­stru­zio­ne di un'ope­ra pre­vi­sta nei pia­ni del­la le­gi­sla­zio­ne in ma­te­ria di pia­ni­fi­ca­zio­ne del ter­ri­to­rio e una leg­ge fe­de­ra­le o can­to­na­le pre­scri­ve o con­sen­te la pre­sta­zio­ne di so­sti­tu­zio­ni rea­li.

2I mo­ti­vi di ri­fiu­to di cui all'ar­ti­co­lo 63 non si ap­pli­ca­no nel ca­so pre­vi­sto dal ca­po­ver­so 1 let­te­ra a.

Art. 66 Prezzo d'acquisto esorbitante  

1 Il prez­zo d'ac­qui­sto è esor­bi­tan­te se su­pe­ra di ol­tre il 5 per cen­to il prez­zo pa­ga­to in me­dia per azien­de o fon­di agri­co­li pa­ra­go­na­bi­li del­la stes­sa re­gio­ne du­ran­te gli ul­ti­mi cin­que an­ni.

2 I Can­to­ni pos­so­no au­men­ta­re que­sta per­cen­tua­le si­no al 15 per cen­to al mas­si­mo nel­la lo­ro le­gi­sla­zio­ne.1


1 In­tro­dot­to dal n. I del­la LF del 5 ott. 2007, in vi­go­re dal 1° set. 2008 (RU 2008 3585; FF 2006 5815).

Art. 67 Incanto forzato  

1In ca­so di in­can­to for­za­to, l'ag­giu­di­ca­ta­rio de­ve pro­dur­re l'au­to­riz­za­zio­ne o de­po­si­ta­re i co­sti per un nuo­vo in­can­to e ri­chie­de­re l'au­to­riz­za­zio­ne en­tro die­ci gior­ni dall'ag­giu­di­ca­zio­ne.

2Se l'ag­giu­di­ca­ta­rio non chie­de l'au­to­riz­za­zio­ne o se que­sta è ri­fiu­ta­ta, l'au­to­ri­tà pre­po­sta all'in­can­to re­vo­ca l'ag­giu­di­ca­zio­ne e or­di­na una nuo­va asta.

3Il pri­mo ag­giu­di­ca­ta­rio ri­spon­de del­le spe­se del­la nuo­va asta.

Art. 68  

1 Abro­ga­to dal n. I del­la LF del 26 giu. 1998, con ef­fet­to dal 1° gen. 1999 (RU 1998 3009; FF 1996 IV 1).

Art. 69 Illiceità dell'asta volontaria  

Le azien­de e i fon­di agri­co­li non pos­so­no es­se­re ven­du­ti all'asta vo­lon­ta­ria.

Capitolo 3: Conseguenze di diritto civile e di diritto amministrativo

Art. 70 Negozi giuridici nulli  

I ne­go­zi giu­ri­di­ci che in­fran­go­no o so­no vol­ti ad elu­de­re i di­vie­ti di di­vi­sio­ne ma­te­ria­le e di fra­zio­na­men­to (art. 58) o le di­spo­si­zio­ni sull'ac­qui­sto di azien­de e fon­di agri­co­li (art. 61-69) so­no nul­li.

Art. 71 Revoca dell'autorizzazione  

1L'au­to­ri­tà com­pe­ten­te ad ac­cor­da­re l'au­to­riz­za­zio­ne re­vo­ca la sua de­ci­sio­ne se l'ac­qui­ren­te l'ha con­se­gui­ta for­nen­do in­for­ma­zio­ni fal­se.

2La de­ci­sio­ne non è più re­vo­ca­bi­le quan­do sia­no tra­scor­si più di die­ci an­ni dall'iscri­zio­ne del ne­go­zio giu­ri­di­co nel re­gi­stro fon­dia­rio.

Art. 72 Rettificazione del registro fondiario  

1Se un ne­go­zio nul­lo è sta­to iscrit­to nel re­gi­stro fon­dia­rio, l'au­to­ri­tà com­pe­ten­te ad ac­cor­da­re l'au­to­riz­za­zio­ne or­di­na la ret­ti­fi­ca­zio­ne del re­gi­stro fon­dia­rio do­po aver re­vo­ca­to la sua de­ci­sio­ne (art. 71).

2L'uf­fi­cia­le del re­gi­stro fon­dia­rio, se vie­ne a sa­pe­re in se­gui­to che un ne­go­zio è sog­get­to ad au­to­riz­za­zio­ne, ne av­ver­te l'au­to­ri­tà com­pe­ten­te ad ac­cor­da­re l'au­to­riz­za­zio­ne.

3La ret­ti­fi­ca­zio­ne del re­gi­stro fon­dia­rio pre­vi­sta dal ca­po­ver­so 1 è esclu­sa quan­do sia­no tra­scor­si più di die­ci an­ni dall'iscri­zio­ne del ne­go­zio giu­ri­di­co nel re­gi­stro fon­dia­rio.

4La ret­ti­fi­ca­zio­ne del re­gi­stro fon­dia­rio è inol­tre esclu­sa ove le­des­se di­rit­ti di ter­zi di buo­na fe­de (art. 973 CC1). Pri­ma di de­ci­de­re, l'au­to­ri­tà com­pe­ten­te ad ac­cor­da­re l'au­to­riz­za­zio­ne s'in­for­ma pres­so l'uf­fi­cia­le del re­gi­stro fon­dia­rio se esi­sta­no ta­li di­rit­ti.


1 RS 210

Titolo quarto: Misure destinate a prevenire l'indebitamento eccessivo

Art. 73 Limite dell'aggravio  

1I fon­di agri­co­li pos­so­no es­se­re gra­va­ti da pe­gno im­mo­bi­lia­re sol­tan­to fi­no a con­cor­ren­za del li­mi­te dell'ag­gra­vio. Il li­mi­te dell'ag­gra­vio cor­ri­spon­de al­la som­ma del va­lo­re di red­di­to agri­co­lo au­men­ta­to del 35 per cen­to e del va­lo­re di red­di­to del­le par­ti non agri­co­le.1

2I li­mi­ti dell'ag­gra­vio de­vo­no es­se­re ri­spet­ta­ti per:

a.
la co­sti­tu­zio­ne di un di­rit­to di pe­gno im­mo­bi­lia­re;
b.
la co­sti­tu­zio­ne di un pe­gno ma­nua­le su un ti­to­lo ipo­te­ca­rio;
c.
il reim­pie­go di un ti­to­lo ipo­te­ca­rio re­den­to di cui il pro­prie­ta­rio può di­spor­re (car­tel­la ipo­te­ca­ria in­te­sta­ta al pro­prie­ta­rio).

3Per va­lu­ta­re se il li­mi­te dell'ag­gra­vio è rag­giun­to è de­ter­mi­nan­te la som­ma dei di­rit­ti di pe­gno im­mo­bi­lia­ri iscrit­ti, an­no­ta­ti e men­zio­na­ti nel re­gi­stro fon­dia­rio. I di­rit­ti di pe­gno im­mo­bi­lia­ri ai sen­si dell'ar­ti­co­lo 75 ca­po­ver­so 1 non so­no con­teg­gia­ti.2


1 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I del­la LF del 20 giu. 2003, in vi­go­re dal 1° gen. 2004 (RU 2003 4123; FF 2002 4208).
2 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I del­la LF del 20 giu. 2003, in vi­go­re dal 1° gen. 2004 (RU 2003 4123; FF 2002 4208).

Art. 74 Diritti di pegno collettivi  

1Se un pe­gno im­mo­bi­lia­re è co­sti­tui­to su più fon­di per ga­ran­ti­re il me­de­si­mo cre­di­to (pe­gno col­let­ti­vo; art. 798 cpv. 1 CC1), ogni fon­do può es­se­re gra­va­to fi­no a con­cor­ren­za del­la som­ma dei li­mi­ti d'ag­gra­vio dei sin­go­li fon­di.

2La co­sti­tu­zio­ne di un pe­gno col­let­ti­vo su fon­di che sog­giac­cio­no e su fon­di che non sog­giac­cio­no al­la pre­sen­te leg­ge non è am­mes­sa.


1 RS 210

Art. 75 Eccezioni al limite dell'aggravio  

1Non vi è li­mi­te d'ag­gra­vio per:

a.
i di­rit­ti di pe­gno im­mo­bi­lia­re le­ga­li pre­vi­sti da­gli ar­ti­co­li 808 e 810 del CC1, co­me pu­re le ipo­te­che le­ga­li pre­vi­ste dal di­rit­to pub­bli­co can­to­na­le (art. 836 CC);
b.
i di­rit­ti di pe­gno im­mo­bi­lia­re per mi­glio­ra­men­ti del suo­lo (art. 820 e 821 CC);
c.2
i di­rit­ti di pe­gno im­mo­bi­lia­re a ga­ran­zia di mu­tui ac­cor­da­ti qua­li aiu­ti per la con­du­zio­ne azien­da­le o cre­di­ti d'in­ve­sti­men­to in vir­tù del­la leg­ge del 29 apri­le 19983 sull'agri­col­tu­ra;
d.
i di­rit­ti di pe­gno im­mo­bi­lia­re per mu­tui che la Con­fe­de­ra­zio­ne o i Can­to­ni ac­cor­da­no o ga­ran­ti­sco­no in vir­tù del­la le­gi­sla­zio­ne che pro­muo­ve la co­stru­zio­ne di abi­ta­zio­ni, in quan­to le abi­ta­zio­ni sia­no uti­liz­za­te per i bi­so­gni dell'eser­ci­zio;
e.
i di­rit­ti di pe­gno im­mo­bi­lia­re in for­ma di ipo­te­che per ga­ran­ti­re il di­rit­to all'uti­le, dei coe­re­di e dell'alie­nan­te.

2Le iscri­zio­ni prov­vi­so­rie di ipo­te­che le­ga­li giu­sta gli ar­ti­co­li 837 e 961 ca­po­ver­so 1 nu­me­ro 1 CC pos­so­no es­se­re an­no­ta­te nel re­gi­stro fon­dia­rio in­di­pen­den­te­men­te dal li­mi­te dell'ag­gra­vio.

3I di­rit­ti di pe­gno im­mo­bi­lia­re già iscrit­ti, di ran­go po­ste­rio­re, non so­no toc­ca­ti, nel­la lo­ro con­si­sten­za, dall'iscri­zio­ne di un di­rit­to di pe­gno im­mo­bi­lia­re giu­sta il ca­po­ver­so 1 let­te­re a e b.


1 RS 210
2 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I del­la LF del 20 giu. 2003, in vi­go­re dal 1° gen. 2004 (RU 2003 4123; FF 2002 4208).
3 RS 910.1

Art. 76 Sorpasso del limite d'aggravio  

1Un di­rit­to di pe­gno im­mo­bi­lia­re che su­pe­ri il pro­prio li­mi­te d'ag­gra­vio può es­se­re co­sti­tui­to sol­tan­to per ga­ran­ti­re un mu­tuo che:

a.
una so­cie­tà coo­pe­ra­ti­va o fon­da­zio­ne di di­rit­to pri­va­to ri­co­no­sciu­ta dal­la Con­fe­de­ra­zio­ne o un'isti­tu­zio­ne del di­rit­to pub­bli­co can­to­na­le ac­cor­da sen­za in­te­res­si al de­bi­to­re;
b.
un ter­zo ac­cor­da al de­bi­to­re e una so­cie­tà coo­pe­ra­ti­va, fon­da­zio­ne o isti­tu­zio­ne ai sen­si del­la let­te­ra a ga­ran­ti­sce o ri­mu­ne­ra.

2L'au­to­ri­tà can­to­na­le può au­to­riz­za­re un mu­tuo di ter­zi ga­ran­ti­to da un di­rit­to di pe­gno che su­pe­ri il li­mi­te d'ag­gra­vio, pur­ché sia­no os­ser­va­te le di­spo­si­zio­ni de­gli ar­ti­co­li 77 e 78.

3L'uf­fi­cia­le del re­gi­stro fon­dia­rio re­spin­ge la do­man­da che non adem­pia al­cu­na di ta­li con­di­zio­ni.

Art. 77 Concessione di mutui garantiti da pegno  

1Un mu­tuo ga­ran­ti­to da un di­rit­to di pe­gno che su­pe­ri il li­mi­te d'ag­gra­vio può es­se­re ac­cor­da­to sol­tan­to se:

a.
è uti­liz­za­to dal de­bi­to­re per ac­qui­sta­re, esten­de­re, man­te­ne­re o mi­glio­ra­re un'azien­da agri­co­la o un fon­do agri­co­lo, ov­ve­ro per ac­qui­sta­re o rin­no­va­re le per­ti­nen­ze azien­da­li ne­ces­sa­rie e
b.
non por­ti a un in­de­bi­ta­men­to in­sop­por­ta­bi­le per il de­bi­to­re.

2Per va­lu­ta­re se il mu­tuo re­sta sop­por­ta­bi­le, de­ve es­se­re sta­bi­li­to un bi­lan­cio pre­ven­ti­vo d'eser­ci­zio. Bi­so­gna te­ne­re con­to a tal fi­ne di tut­te le spe­se del de­bi­to­re per la ri­mu­ne­ra­zio­ne e il rim­bor­so dei suoi de­bi­ti ipo­te­ca­ri e chi­ro­gra­fa­ri. De­vo­no es­se­re com­pre­si nell'esa­me an­che i mu­tui ga­ran­ti­ti da di­rit­ti di pe­gno non sot­to­po­sti al li­mi­te d'ag­gra­vio.

3Le per­so­ne o isti­tu­zio­ni che ga­ran­ti­sco­no il mu­tuo, lo ri­mu­ne­ra­no o lo ac­cor­da­no sen­za in­te­res­si e l'au­to­ri­tà che l'ha con­trol­la­to si ac­cer­ta­no che il mu­tuo ven­ga uti­liz­za­to per lo sco­po fis­sa­to. Se ta­le non è il ca­so, la per­so­na o l'isti­tu­zio­ne che ga­ran­ti­sce il mu­tuo o lo ri­mu­ne­ra e l'au­to­ri­tà che l'ha con­trol­la­to pos­so­no ob­bli­ga­re il cre­di­to­re a de­nun­ciar­lo.

Art. 78 Obbligo di rimborso  

1Se un mu­tuo è uti­liz­za­to per ac­qui­sta­re, esten­de­re, man­te­ne­re o mi­glio­ra­re un fon­do agri­co­lo, la par­te che su­pe­ri il li­mi­te d'ag­gra­vio dev'es­se­re rim­bor­sa­ta en­tro 25 an­ni. In cir­co­stan­ze spe­cia­li, il cre­di­to­re può ac­cor­da­re al de­bi­to­re una pro­ro­ga del ter­mi­ne di rim­bor­so o li­be­rar­lo in­te­ra­men­te dall'ob­bli­go di pa­ga­re per ac­con­ti. Que­ste age­vo­la­zio­ni pos­so­no es­se­re ac­cor­da­te sol­tan­to d'in­te­sa con la per­so­na o l'isti­tu­zio­ne che ga­ran­ti­sce o ri­mu­ne­ra il mu­tuo, ov­ve­ro con l'au­to­ri­tà che l'ha con­trol­la­to.

2Se il mu­tuo è uti­liz­za­to per fi­nan­zia­re le per­ti­nen­ze azien­da­li, il ter­mi­ne fis­sa­to per il rim­bor­so de­ve cor­ri­spon­de­re al­la du­ra­ta di am­mor­ta­men­to de­gli og­get­ti fi­nan­zia­ti.

3Se il mu­tuo rim­bor­sa­to era ga­ran­ti­to da una car­tel­la ipo­te­ca­ria o da una ren­di­ta fon­dia­ria (art. 33a tit. fin. CC1) e se que­ste non so­no uti­liz­za­te per ga­ran­ti­re un nuo­vo mu­tuo con­for­me­men­te agli ar­ti­co­li 76 e 77, il cre­di­to­re de­ve cu­rar­si che la som­ma ga­ran­ti­ta sia mo­di­fi­ca­ta o ra­dia­ta nel re­gi­stro fon­dia­rio e sul ti­to­lo di pe­gno, nel­la mi­su­ra in cui su­pe­ri il li­mi­te d'ag­gra­vio. Le per­so­ne o isti­tu­zio­ni che ga­ran­ti­sco­no o ri­mu­ne­ra­no il mu­tuo e l'au­to­ri­tà che l'ha con­trol­la­to han­no il di­rit­to di do­man­da­re all'uf­fi­cio del re­gi­stro fon­dia­rio di pro­ce­de­re al­la mo­di­fi­ca­zio­ne o al­la ra­dia­zio­ne.2

4Il ti­to­lo di pe­gno può es­se­re re­sti­tui­to al de­bi­to­re sol­tan­to se le con­di­zio­ni di cui al ca­po­ver­so 3 so­no adem­piu­te.


1 RS 210
2 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. II 1 del­la LF dell'11 dic. 2009 (Car­tel­la ipo­te­ca­ria re­gi­stra­le e di­rit­ti rea­li), in vi­go­re dal 1° gen. 2012 (RU 2011 4637; FF 2007 4845).

Art. 79 Riconoscimento delle società cooperative, fondazioni e istituzioni cantonali  

1Una so­cie­tà coo­pe­ra­ti­va o fon­da­zio­ne di di­rit­to pri­va­to è ri­co­no­sciu­ta se i suoi sta­tu­ti:

a.
pre­ve­do­no d'ac­cor­da­re sen­za in­te­res­si, ga­ran­ti­re o ri­mu­ne­ra­re mu­tui a fi­ni agri­co­li;
b.
fis­sa­no un im­por­to mas­si­mo per la con­ces­sio­ne sen­za in­te­res­si, la ga­ran­zia o la ri­mu­ne­ra­zio­ne dei sin­go­li mu­tui;
c.
in­ca­ri­ca­no dell'am­mi­ni­stra­zio­ne un or­ga­no com­po­sto di pe­ri­ti;
d.
esclu­do­no che agli or­ga­ni sia­no ver­sa­te pre­sta­zio­ni le­ga­te al red­di­to, qua­li per­cen­tua­li d'in­te­res­sen­za (tan­tiè­mes);
e.
pre­ve­do­no che il ca­pi­ta­le di par­te­ci­pa­zio­ne e al­tri con­fe­ri­men­ti dei mem­bri pos­sa­no es­se­re al mas­si­mo ri­mu­ne­ra­ti al tas­so ap­pli­ca­bi­le al­le ipo­te­che di pri­mo gra­do, e
f.
pre­ve­do­no che un red­di­to net­to sia at­tri­bui­to agli ac­can­to­na­men­ti e al­le ri­ser­ve.

2Il Di­par­ti­men­to fe­de­ra­le di giu­sti­zia e po­li­zia de­ci­de del ri­co­no­sci­men­to e pub­bli­ca la de­ci­sio­ne nel Fo­glio fe­de­ra­le.

3Le di­spo­si­zio­ni sul ri­co­no­sci­men­to del­le so­cie­tà coo­pe­ra­ti­ve e del­le fon­da­zio­ni si ap­pli­ca­no per ana­lo­gia al ri­co­no­sci­men­to del­le isti­tu­zio­ni can­to­na­li.

4Le so­cie­tà coo­pe­ra­ti­ve, fon­da­zio­ni e isti­tu­zio­ni can­to­na­li ri­co­no­sciu­te so­no ob­bli­ga­te a for­ni­re re­go­lar­men­te al Di­par­ti­men­to fe­de­ra­le di giu­sti­zia e po­li­zia un rap­por­to sul­la lo­ro ge­stio­ne.

Titolo quinto: Procedura, protezione giuridica

Capitolo 1: Prescrizioni di procedura

Sezione 1: Disposizioni generali

Art. 80 Competenza  

1L'istan­za di ri­la­scio di un'au­to­riz­za­zio­ne, di ema­na­zio­ne di una de­ci­sio­ne d'ac­cer­ta­men­to o di sti­ma del va­lo­re di red­di­to si pro­po­ne all'au­to­ri­tà can­to­na­le.

2Se un'azien­da agri­co­la è ubi­ca­ta in più Can­to­ni, per il ri­la­scio di un'au­to­riz­za­zio­ne o l'ema­na­zio­ne di una de­ci­sio­ne d'ac­cer­ta­men­to è com­pe­ten­te il Can­to­ne nel qua­le è ubi­ca­ta la par­te di va­lo­re più ele­va­to.

Art. 81 Trattazione da parte dell'ufficiale del registro fondiario  

1All'uf­fi­cio del re­gi­stro fon­dia­rio van­no esi­bi­ti, ol­tre all'at­to con­cer­nen­te il ne­go­zio giu­ri­di­co, la ne­ces­sa­ria au­to­riz­za­zio­ne o do­cu­men­ti dai qua­li ri­sul­ti che l'au­to­riz­za­zio­ne non è ne­ces­sa­ria, non­ché, se del ca­so, la de­ci­sio­ne che ha fis­sa­to il li­mi­te d'ag­gra­vio.

2Se è ma­ni­fe­sto che il ne­go­zio no­ti­fi­ca­to sot­to­stà ad au­to­riz­za­zio­ne e que­sta non è esi­bi­ta, l'uf­fi­cia­le del re­gi­stro fon­dia­rio re­spin­ge la no­ti­fi­ca­zio­ne.

3Se sus­si­ste in­cer­tez­za cir­ca la ne­ces­si­tà dell'au­to­riz­za­zio­ne per il ne­go­zio no­ti­fi­ca­to, l'uf­fi­cia­le del re­gi­stro fon­dia­rio iscri­ve la no­ti­fi­ca­zio­ne nel li­bro gior­na­le, rin­vian­do la de­ci­sio­ne cir­ca l'iscri­zio­ne nel re­gi­stro al mo­men­to in cui si sa­rà de­ci­so sull'ob­bli­go d'au­to­riz­za­zio­ne ed even­tual­men­te sull'istan­za.

4L'uf­fi­cia­le del re­gi­stro fon­dia­rio as­se­gna un ter­mi­ne di 30 gior­ni per pro­por­re l'istan­za di de­ci­sio­ne sull'ob­bli­go d'au­to­riz­za­zio­ne o di ri­la­scio dell'au­to­riz­za­zio­ne me­de­si­ma. Re­spin­ge la no­ti­fi­ca­zio­ne se il ter­mi­ne è tra­scor­so in­frut­tuo­sa­men­te o se l'au­to­riz­za­zio­ne è sta­ta ri­fiu­ta­ta.

Art. 82  

1 Abro­ga­to dal n. 3 dell'all. al­la L del 24 mar. 2000 sul fo­ro, con ef­fet­to dal 1° gen. 2001 (RU 2000 2355; FF 1999 2427).

Art. 83 Procedura d'autorizzazione  

1L'istan­za di ri­la­scio di un'au­to­riz­za­zio­ne si pro­po­ne all'au­to­ri­tà can­to­na­le com­pe­ten­te (art. 90 lett. a).

2Que­sta au­to­ri­tà co­mu­ni­ca la sua de­ci­sio­ne al­le par­ti, all'uf­fi­cia­le del re­gi­stro fon­dia­rio, all'au­to­ri­tà can­to­na­le di vi­gi­lan­za (art. 90 lett. b), all'af­fit­tua­rio non­ché ai ti­to­la­ri di di­rit­ti di com­pe­ra o di pre­la­zio­ne e agli aven­ti di­rit­to all'at­tri­bu­zio­ne.

3Il ri­fiu­to dell'au­to­riz­za­zio­ne può es­se­re im­pu­gna­to dal­le par­ti da­van­ti all'au­to­ri­tà can­to­na­le di ri­cor­so (art. 88). Pres­so la stes­sa au­to­ri­tà pos­so­no in­ter­por­re ri­cor­so con­tro il ri­la­scio dell'au­to­riz­za­zio­ne l'au­to­ri­tà can­to­na­le di vi­gi­lan­za, l'af­fit­tua­rio, non­ché i ti­to­la­ri di di­rit­ti di com­pe­ra o di pre­la­zio­ne e gli aven­ti di­rit­to all'at­tri­bu­zio­ne.

Art. 84 Decisione d'accertamento  

Chi ha un in­te­res­se de­gno di pro­te­zio­ne può in par­ti­co­la­re far ac­cer­ta­re dall'au­to­ri­tà com­pe­ten­te ad ac­cor­da­re l'au­to­riz­za­zio­ne se:

a.
un'azien­da agri­co­la o un fon­do agri­co­lo sog­gia­ce al di­vie­to di di­vi­sio­ne ma­te­ria­le, al di­vie­to di fra­zio­na­men­to, al­la pro­ce­du­ra d'au­to­riz­za­zio­ne o al li­mi­te dell'ag­gra­vio;
b.
l'ac­qui­sto di un'azien­da agri­co­la o di un fon­do agri­co­lo può es­se­re au­to­riz­za­to.
Art. 85 Modificazione di un piano d'utilizzazione  

Se, in una pro­ce­du­ra d'esa­me di un pia­no d'uti­liz­za­zio­ne ai sen­si dell'ar­ti­co­lo 21 ca­po­ver­so 2 del­la leg­ge fe­de­ra­le del 22 giu­gno 19791 sul­la pia­ni­fi­ca­zio­ne del ter­ri­to­rio, è coin­vol­ta an­che un'azien­da agri­co­la o un fon­do agri­co­lo, un pro­ces­so pen­den­te o una pro­ce­du­ra in cor­so pos­so­no, a ri­chie­sta di un par­te­ci­pan­te, es­se­re so­spe­si fi­no al­la nuo­va de­ter­mi­na­zio­ne del­la zo­na d'uti­liz­za­zio­ne, ma al mas­si­mo per cin­que an­ni.


1 RS 700

Sezione 2: Disposizioni speciali

Art. 86 Menzione nel registro fondiario  

1Van­no men­zio­na­ti nel re­gi­stro fon­dia­rio:

a.
i fon­di agri­co­li ubi­ca­ti in zo­na edi­fi­ca­bi­le e sot­to­po­sti al­la pre­sen­te leg­ge (art. 2);
b.
i fon­di non agri­co­li ubi­ca­ti fuo­ri zo­na edi­fi­ca­bi­le e non sot­to­po­sti al­la pre­sen­te leg­ge (art. 2).

2Il Con­si­glio fe­de­ra­le fis­sa le ec­ce­zio­ni e di­sci­pli­na le con­di­zio­ni al­le qua­li una men­zio­ne è ra­dia­ta d'uf­fi­cio.

Art. 87 Stima del valore di reddito  

1Il va­lo­re di red­di­to è sti­ma­to da un'au­to­ri­tà, d'uf­fi­cio o a ri­chie­sta di un aven­te di­rit­to. Per edi­fi­ci o im­pian­ti pro­get­ta­ti, l'au­to­ri­tà può pro­ce­de­re a una sti­ma prov­vi­so­ria.

1bisL'aven­te di­rit­to le­git­ti­ma­to a do­man­da­re la sti­ma del va­lo­re di red­di­to può chie­de­re che le per­ti­nen­ze sia­no sti­ma­te al lo­ro va­lo­re d'uso.1

2Il va­lo­re di red­di­to può an­che es­se­re sti­ma­to da un pe­ri­to; una ta­le sti­ma è vin­co­lan­te sol­tan­to se ap­pro­va­ta dall'au­to­ri­tà.

3Pos­so­no do­man­da­re la sti­ma del va­lo­re di red­di­to:

a.
il pro­prie­ta­rio e ognu­no dei suoi ere­di;
b.
ogni ti­to­la­re, se­con­do la pre­sen­te leg­ge, di un di­rit­to di com­pe­ra o di pre­la­zio­ne sull'azien­da o sul fon­do di cui si trat­ta, se po­tes­se eser­ci­ta­re il suo di­rit­to;
c.
i cre­di­to­ri pi­gno­ra­ti­zi, i ga­ran­ti e le per­so­ne o isti­tu­zio­ni se­con­do l'ar­ti­co­lo 76, se ac­cor­da­no, ga­ran­ti­sco­no o ri­mu­ne­ra­no un mu­tuo ga­ran­ti­to da pe­gno o se il va­lo­re dell'azien­da o del fon­do si è mo­di­fi­ca­to in se­gui­to a even­to na­tu­ra­le, mi­glio­ra­men­to del suo­lo, au­men­to o di­mi­nu­zio­ne del­la su­per­fi­cie, nuo­va co­stru­zio­ne, tra­sfor­ma­zio­ne, de­mo­li­zio­ne o chiu­su­ra di un edi­fi­cio, cam­bia­men­to di de­sti­na­zio­ne o per al­tra cau­sa ana­lo­ga.

4L'au­to­ri­tà co­mu­ni­ca al pro­prie­ta­rio, al pro­po­nen­te e all'uf­fi­cio del re­gi­stro fon­dia­rio il nuo­vo va­lo­re di red­di­to; de­ve in­di­ca­re an­che qua­li im­por­ti so­no at­tri­bui­ti al va­lo­re del­le par­ti non agri­co­le. In­di­ca inol­tre il va­lo­re d'uso del­le per­ti­nen­ze, qua­lo­ra que­sto sia sta­to sti­ma­to.2


1 In­tro­dot­to dal n. I del­la LF del 20 giu. 2003, in vi­go­re dal 1° gen. 2004 ( RU 2003 4123; FF 2002 4208).
2 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I del­la LF del 20 giu. 2003, in vi­go­re dal 1° gen. 2004 (RU 2003 4123; FF 2002 4208).

Capitolo 2: Protezione giuridica

Art. 88  

1Le de­ci­sio­ni pre­se in vir­tù del­la pre­sen­te leg­ge (art. 80 cpv. 1 e 87) pos­so­no es­se­re im­pu­gna­te en­tro 30 gior­ni da­van­ti all'au­to­ri­tà can­to­na­le di ri­cor­so (art. 90 lett. f).

2Le de­ci­sio­ni can­to­na­li d'ul­ti­ma istan­za van­no co­mu­ni­ca­te al Di­par­ti­men­to fe­de­ra­le di giu­sti­zia e po­li­zia.

3Per il ri­ma­nen­te, la tu­te­la giu­ri­sdi­zio­na­le è ret­ta dal­le di­spo­si­zio­ni ge­ne­ra­li sull'am­mi­ni­stra­zio­ne del­la giu­sti­zia fe­de­ra­le.2


1 Abro­ga­ta dal n. I 5 dell'O dell'AF del 20 dic. 2006 che ade­gua ta­lu­ni at­ti nor­ma­ti­vi al­le di­spo­si­zio­ni del­la L sul Tri­bu­na­le fe­de­ra­le e del­la L sul Tri­bu­na­le am­mi­ni­stra­ti­vo fe­de­ra­le, con ef­fet­to dal 1° gen. 2007 (RU 2006 5599; FF 2006 7109).
2 In­tro­dot­to dal n. I 5 dell'O dell'AF del 20 dic. 2006 che ade­gua ta­lu­ni at­ti nor­ma­ti­vi al­le di­spo­si­zio­ni del­la L sul Tri­bu­na­le fe­de­ra­le e del­la L sul Tri­bu­na­le am­mi­ni­stra­ti­vo fe­de­ra­le, in vi­go­re dal 1° gen. 2007 (RU 2006 5599; FF 2006 7109).

Art. 89 Ricorso al Tribunale federale  

Le de­ci­sio­ni su ri­cor­so pro­nun­cia­te dal­le au­to­ri­tà can­to­na­li di ul­ti­ma istan­za sog­giac­cio­no al ri­cor­so in ma­te­ria di di­rit­to pub­bli­co con­for­me­men­te agli ar­ti­co­li 82-89 del­la leg­ge fe­de­ra­le del 17 giu­gno 20052 sul Tri­bu­na­le fe­de­ra­le.


1 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I del­la LF del 5 ott. 2007, in vi­go­re dal 1° set. 2008 (RU 2008 3585; FF 2006 5815).
2 RS 173.110

Titolo 6: Disposizioni finali

Capitolo 1: Esecuzione

Art. 90 Competenza dei Cantoni  

1I Can­to­ni de­si­gna­no le au­to­ri­tà com­pe­ten­ti a:

a.
ri­la­scia­re le au­to­riz­za­zio­ni di cui agli ar­ti­co­li 60, 63, 64 e 65;
b.
im­pu­gna­re le de­ci­sio­ni dell'au­to­ri­tà com­pe­ten­te ad ac­cor­da­re l'au­to­riz­za­zio­ne con­for­me­men­te all'ar­ti­co­lo 83 ca­po­ver­so 3 (au­to­ri­tà di vi­gi­lan­za);
c.
ac­cor­da­re l'au­to­riz­za­zio­ne pre­vi­sta dall'ar­ti­co­lo 76 ca­po­ver­so 2 per i mu­tui per i qua­li è con­sen­ti­to su­pe­ra­re il li­mi­te d'ag­gra­vio;
d.
do­man­da­re la men­zio­ne di cui all'ar­ti­co­lo 86;
e.
pro­ce­de­re al­la sti­ma del va­lo­re di red­di­to o ap­pro­var­la (art. 87);
f.
de­ci­de­re sui ri­cor­si (au­to­ri­tà di ri­cor­so).

2Gli at­ti nor­ma­ti­vi can­to­na­li fon­da­ti sul­la pre­sen­te leg­ge de­vo­no es­se­re por­ta­ti a co­no­scen­za del Di­par­ti­men­to fe­de­ra­le di giu­sti­zia e po­li­zia.1


1 In­tro­dot­to dal n. I del­la LF del 20 giu. 2003, in vi­go­re dal 1° gen. 2004 (RU 2003 4123; FF 2002 4208).

Art. 91 Competenza della Confederazione  

1Il Con­si­glio fe­de­ra­le ema­na le di­spo­si­zio­ni d'ese­cu­zio­ne de­gli ar­ti­co­li 10 ca­po­ver­so 2 e 86 ca­po­ver­so 2.

21

3Il Di­par­ti­men­to fe­de­ra­le di giu­sti­zia e po­li­zia de­ci­de del ri­co­no­sci­men­to del­le so­cie­tà coo­pe­ra­ti­ve e fon­da­zio­ni di di­rit­to pri­va­to co­me pu­re del­le isti­tu­zio­ni can­to­na­li ai sen­si dell'ar­ti­co­lo 79.


1 Abro­ga­to dal n. I del­la LF del 20 giu. 2003, con ef­fet­to dal 1° gen. 2004 (RU 2003 4123; FF 2002 4208).

Capitolo 2: Modificazione e abrogazione del diritto federale

Art. 92 Modificazioni  

...1


1 Le mo­di­fi­che pos­so­no es­se­re con­sul­ta­te al­la RU 1993 1410.

Art. 93 Diritto previgente: abrogazione  

So­no abro­ga­te:

a.
la leg­ge fe­de­ra­le del 12 giu­gno 19511 sul­la con­ser­va­zio­ne del­la pro­prie­tà fon­dia­ria agri­co­la;
b.
la leg­ge fe­de­ra­le del 12 di­cem­bre 19402 sul­lo sde­bi­ta­men­to di po­de­ri agri­co­li.

1 [RU 1952 419, 1973 93 n. I 3, 1986 926 art. 59 n. 2]
2 [CS 9 79; RU 1955 711, 1962 1323 art. 54 cpv. 1 n. 4 e cpv. 2, 1979 802]

Capitolo 3: Diritto transitorio

Art. 94 Diritto privato  

1La di­vi­sio­ne ere­di­ta­ria è ret­ta dal di­rit­to ap­pli­ca­bi­le al mo­men­to dell'aper­ta suc­ces­sio­ne; se la di­vi­sio­ne non è chie­sta en­tro l'an­no che se­gue l'en­tra­ta in vi­go­re del­la pre­sen­te leg­ge, è ap­pli­ca­bi­le sol­tan­to il nuo­vo di­rit­to.

2La pro­prie­tà col­let­ti­va (pro­prie­tà co­mu­ne o com­pro­prie­tà) co­sti­tui­ta per con­trat­to è sciol­ta se­con­do il di­rit­to an­te­rio­re se ta­le scio­gli­men­to è chie­sto en­tro l'an­no che se­gue l'en­tra­ta in vi­go­re del­la pre­sen­te leg­ge.

3Un di­rit­to le­ga­le o con­ven­zio­na­le all'uti­le, che esi­ste già al mo­men­to dell'en­tra­ta in vi­go­re del­la pre­sen­te leg­ge, re­sta va­li­do an­che nel nuo­vo di­rit­to. Sal­vo con­ven­zio­ne con­tra­ria, sca­den­za e com­pu­to so­no tut­ta­via ret­ti dal di­rit­to in vi­go­re al mo­men­to dell'alie­na­zio­ne. L'in­clu­sio­ne di un fon­do agri­co­lo in una zo­na edi­fi­ca­bi­le (art. 29 cpv. 1 lett. c) si ha per alie­na­zio­ne sol­tan­to se la de­ci­sio­ne d'az­zo­na­men­to è po­ste­rio­re all'en­tra­ta in vi­go­re del­la pre­sen­te leg­ge.

4Il di­rit­to di pre­la­zio­ne su azien­de e fon­di agri­co­li è ret­to dal nuo­vo di­rit­to, se il ca­so di pre­la­zio­ne è so­prag­giun­to do­po l'en­tra­ta in vi­go­re del­la pre­sen­te leg­ge.

Art. 95 Altre disposizioni  

1Le di­spo­si­zio­ni del­la pre­sen­te leg­ge sul di­vie­to di di­vi­sio­ne ma­te­ria­le, sul di­vie­to di fra­zio­na­men­to, sul­la pro­ce­du­ra d'au­to­riz­za­zio­ne e sul li­mi­te dell'ag­gra­vio si ap­pli­ca­no a tut­ti i ne­go­zi giu­ri­di­ci di cui è chie­sta l'iscri­zio­ne all'uf­fi­cio del re­gi­stro fon­dia­rio do­po l'en­tra­ta in vi­go­re del­la pre­sen­te leg­ge.

2Le pro­ce­du­re d'au­to­riz­za­zio­ne e di ri­cor­so, in cor­so al mo­men­to dell'en­tra­ta in vi­go­re del­la pre­sen­te leg­ge, so­no li­qui­da­te se­con­do il nuo­vo di­rit­to se, in quel mo­men­to, l'iscri­zio­ne del ne­go­zio giu­ri­di­co non era an­co­ra sta­ta chie­sta all'uf­fi­cio del re­gi­stro fon­dia­rio.

Art. 95a Disposizioni transitorie relative alla modifica del 20 giugno 2003  

Le di­spo­si­zio­ni tran­si­to­rie de­gli ar­ti­co­li 94 e 95 si ap­pli­ca­no pa­ri­men­ti al­la mo­di­fi­ca del­la pre­sen­te leg­ge del 20 giu­gno 2003.


1 In­tro­dot­to dal n. I del­la LF del 20 giu. 2003, in vi­go­re dal 1° gen. 2004 (RU 2003 4123; FF 2002 4208).

Art. 95b Disposizione transitoria della modifica del 5 ottobre 2007  

Gli ar­ti­co­li 94 e 95 si ap­pli­ca­no an­che al­la mo­di­fi­ca del­la pre­sen­te leg­ge del 5 ot­to­bre 2007.


1 In­tro­dot­to dal n. I del­la LF del 5 ott. 2007, in vi­go­re dal 1° set. 2008 (RU 2008 3585; FF 2006 5815).

Capitolo 4: Referendum ed entrata in vigore

Art. 96  

1La pre­sen­te leg­ge sot­to­stà al re­fe­ren­dum fa­col­ta­ti­vo.

2Il Con­si­glio fe­de­ra­le ne de­ter­mi­na l'en­tra­ta in vi­go­re.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Feedback
A: AB-EBV AB-SBV AB-VASm AdoV AEFV AETR AEV AFZFG AFZFV AHVG AHVV AIAG AIAV AIG AkkredV-PsyG ALBAG ALBAV AlgV AlkG AlkV AllergV AllgGebV AltlV AMBV AMZV AO ArG ArGV 1 ArGV 2 ArGV 3 ArGV 4 ArGV 5 ARPV ARV 1 ARV 2 ASG AStG AStV ASV ASV-RAB AsylG AsylV 1 AsylV 2 AsylV 3 AtraG AtraV ATSG ATSV AufRBGer AufzV AuLaV AVFV AVG AVIG AVIV AVO AVO-FINMA AVV AwG AWV AZG AZGV B: BankG BankV BauAV BauPG BauPV BBG BBV BDSV BEG BehiG BehiV BekV-RAB BetmG BetmKV BetmSV BetmVV-EDI BeV BevSV BewG BewV BG-HAÜ BG-KKE BGA BGBB BGCITES BGerR BGF BGFA BGG BGIAA BGLE BGMD BGMK BGRB BGS BGSA BGST BGÖ BIFG BiGV BIV-FINMA BiZG BKSG BKSV BMV BPDV BPG BPI BPR BPS BPV BSG BSO BStatG BStG BStGerNR BStGerOR BStKR BStV BSV BTrV BURV BV BVG BVV 1 BVV 2 BVV 3 BWIS BZG BöB BüG BÜPF BüV C: CartV ChemG ChemGebV ChemPICV ChemRRV ChemV CyRV CZV D: DBG DBV DBZV DesG DesV DGV DR 04 DSG DV-RAB DZV DüBV DüV E: EBG EBV EDAV-DS-EDI EDAV-EU-EDI EDAV-Ht EHSM-V EiV EKBV EleG ELG ELV EMRK EnEV EnFV EnG ENSIG ENSIV EntG EntsG EntsV EnV EOG EOV EPDG EPDV EPDV-EDI EpG EpV ERV-BVGer ESV ExpaV EÖBV EÖBV-EJPD F: FamZG FamZV FAV FDO FHG FHV FIFG FiFV FiG FiLaG FiLaV FinfraG FinfraV FinfraV-FINMA FINIG FINIV FINMAG FiV FKG FLG FLV FMBV FMedG FMedV FMG FMV FOrgV FPV FrSV FusG FV FVAV FWG FWV FZG FZV G: GaGV GBV GebR-BVGer GebR-PatGer GebV ESTV GebV SchKG GebV-AIG GebV-ArG GebV-ASTRA GebV-AVG GebV-BAFU GebV-BASPO GebV-BAZL GebV-BJ GebV-BLW GebV-EDA GebV-EDI-NBib GebV-En GebV-ESA GebV-fedpol GebV-FMG GebV-HReg GebV-IGE GebV-KG GebV-NBib GebV-Publ GebV-SBFI GebV-TPS GebV-TVD GebV-VBS GebV-öV GebV-ÜPF GeBüV GeoIG GeoIV GeoIV-swisstopo GeomV GeoNV GesBG GesBKV GGBV GGUV GgV GKZ GlG GLPV GR-PatGer GR-WEKO GRN GRS GSchG GSchV GSG GTG GUMG GUMV GUMV-EDI GVVG GüTG GüTV H: HArG HArGV HasLV HasLV-WBF HBV HELV HEsÜ HFG HFKG HFV HGVAnG HKSV HKsÜ HMG HRegV HSBBV HVA HVI HVUV HyV I: IAMV IBH-V IBLV IBSG IBSV IFEG IGE-OV IGE-PersV IGEG InvV IPFiV IPRG IQG IR-PatGer IRSG IRSV ISABV-V ISchV ISLV IStrV-EZV ISUV ISVet-V IVG IVV IVZV J: J+S-V-BASPO JSG JStG JStPO JSV K: KAG KAKV-FINMA KBFHV KEG KEV KFG KFV KG KGSG KGSV KGTG KGTV KGVV KHG KHV KJFG KJFV KKG KKV KKV-FINMA KlinV KLV KMG KMV KOV KoVo KPAV KPFV KR-PatGer KRG KRV KV-GE KVAG KVAV KVG KVV L: LAfV LBV LDV LeV LFG LFV LGBV LGeoIV LGV LIV LMG LMVV LPG LRV LSMV LSV LTrV LugÜ LV-Informationssystemeverordnung LVG LVV LVV-VBS LwG M: MAkkV MaLV MaschV MatV MAV MBV MCAV MedBG MedBV MepV MetG MetV MFV MG MIG MinLV MinVG MinVV MinöStG MinöStV MiPV MIV MiVo-HF MJV MNKPV MPV MSchG MSchV MSG MStG MStP MStV MSV MVG MVV MWSTG MWSTV N: NAFG NagV NBibG NBibV NDG NEV NFSV NHG NHV NISSG NISV NIV NSAG NSAV NSG NSV NZV NZV-BAV O: OAV-SchKG OBG OBV OHG OHV OR OrFV Org-VöB OV-BK OV-BR OV-EDA OV-EDI OV-EFD OV-EJPD OV-HFG OV-UVEK OV-VBS OV-WBF P: PAG ParlG ParlVV PartG PaRV PatG PatGG PatV PAV PAVO PAVV PBG PBV PfG PfV PG PGesV PGesV–WBF–UVEK PGRELV PhaV PHV POG PRG PrHG PrSG PrSV PRTR-V PSAV PSMV PSPV PSPV-BK PSPV-EDA PSPV-EDI PSPV-EJPD PSPV-UVEK PSPV-VBS PSPV-WBF PSPVK PsyBV PsyG PublG PublV PVBger PVFMH PVFMH-VBS PVGer PVO-ETH PVO-TVS PVSPA PVSPA-VBS PäV PüG Q: QStV QuNaV R: RAG RAV RDV ReRBGer ResV-EDI RHG RHV RKV RLG RLV RPG RPV RSD RTVG RTVV RV-AHV RVOG RVOV RöV S: SAFIG SBBG SBMV SBV SchKG SDR SDSG SebG SebV SEFV SeilV SFV SGV SIaG SIRG SKV SnAV SPBV-EJPD SpDV SpG SpoFöG SpoFöV SpV SRVG SSchG SSchV SSchV-EDI SSV StAG StAhiG StAhiV StAV StBOG STEBV StFG StFV StG StGB StHG StPO StromVG StromVV StSG StSV STUG STUV StV STVG SuG SV SVAG SVAV SVG SVKG SVV T: TabV TAMV TBDV TEVG TGBV TGV ToG ToV TPFV TrG TSchAV TSchG TSchV TSG TStG TStV TSV TUG TVAV TVSV TwwV TZV U: UIDV UraM URG URV USG UVG UVPV UVV UWG V: V Mil Pers V-ASG V-FIFG V-FIFG-WBF V-GSG V-HFKG V-LTDB V-NDA V-NISSG V-NQR-BB V-StGB-MSt VABK VABUA VAböV VAEW VAG VAK VAM VAmFD VAN VAND VAPF VAPK VASA VASm VASR VATV VATV-VBS VAusb VAusb-VBS VAV VAwG VAZV VBB VBBo VBGA VBGF VBGÖ VBKV VBLN VBO VBO-ÜPF VBP VBPO VBPV VBPV-EDA VBR I VBRK VBSTB VBVA VBVV VBWK VböV VCITES VD-ÜPF VDA VDPS VDPV-EDI VDSG VDSZ VDTI VDZV VEAGOG VEE-PW VegüV VEJ VEKF VEL VEleS VEMV VEP VerTi-V VES VEV VeVA VEVERA VeÜ-VwV VeÜ-ZSSV VFAI VFAL VFAV VFB-B VFB-DB VFB-H VFB-K VFB-LG VFB-S VFB-SB VFB-W VFBF VFD VFRR VFSD VFV VG VGD VGeK VGG VGKE VGR VGS VGSEB VGV VGVL VGWR VHK VHyMP VHyPrP VHyS VID VIL VILB VIMK VIntA VIS-NDB VISOS VISV VITH VIVS VIZBM VJAR-FSTD VKA VKKG VKKL VKKP VKL VKos VKOVE VKP VKP-KMU VKSWk VKV-FINMA VKZ VLBE VLE VLF VlG VLHb VLIb VLIp VLK VLKA VLL VLpH VLtH VlV VMAP VMBM VMDP VMILAK VMob VMS VMSch VMSV VMWG VNEK VNem VNF VOCV VOD VOEW VORA-EDI VOSA VPA VPABP VPAV VPB VPeA VPG VPGA VPiB VpM-BAFU VpM-BLW VPO ETH VPOB VPOG VPR VPRG VPRH VPrP VPS VPVKEU VR-ENSI VR-ETH 1 VR-ETH 2 VR-FINMA VR-IGE VR-METAS VR-PUBLICA VR-RAB VR-SNM