With big laws like OR and ZGB this can take up to 30 seconds

Ordinanza
sulla circolazione stradale militare
(OCSM)

dell’11 febbraio 2004 (Stato 1° gennaio 2021)

Il Consiglio federale svizzero,

visti gli articoli 2, 8, 30 capoversi 4 e 5, 43, 55, 57 e106 della legge federale del 19 dicembre 19581 sulla circolazione stradale (LCStr);
visto l’articolo 150 capoverso 1 della legge militare del 3 febbraio 19952 (LM),3

ordina:

1 RS 741.01

2 RS 510.10

3 Nuovo testo giusta il n. I dell’O del 16 nov. 2016, in vigore dal 1° gen. 2017 (RU 2016 4423).

Capitolo 1: Disposizioni generali4

4 Questo Cap., al momento dell’elaborazione del progetto, comprendeva 6 art.

Art. 1 Oggetto  

La pre­sen­te or­di­nan­za con­tie­ne pre­scri­zio­ni com­ple­men­ta­ri al­la le­gi­sla­zio­ne ci­vi­le sul­la cir­co­la­zio­ne stra­da­le, de­ro­ghe al­le nor­me del­la cir­co­la­zio­ne ci­vi­le e di­spo­si­zio­ni con­cer­nen­ti se­gna­ta­men­te i re­qui­si­ti tec­ni­ci per vei­co­li mi­li­ta­ri e la cir­co­la­zio­ne stra­da­le mi­li­ta­re sul­le stra­de pub­bli­che e fuo­ri del­le stra­de pub­bli­che.

Art. 2 Campo d’applicazione 5  

1 La pre­sen­te or­di­nan­za si ap­pli­ca:

a.
a con­du­cen­ti e pe­do­ni im­pie­ga­ti in ser­vi­zio mi­li­ta­re o per at­ti­vi­tà mi­li­ta­ri fuo­ri del ser­vi­zio;
b.
al per­so­na­le mi­li­ta­re e agli in­se­gnan­ti spe­cia­li­sti che nell’am­bi­to del­la lo­ro at­ti­vi­tà pro­fes­sio­na­le con­du­co­no vei­co­li mi­li­ta­ri;
c.
ai vei­co­li non­ché agli ani­ma­li da sel­la, da ti­ro e da so­ma im­pie­ga­ti per sco­pi mi­li­ta­ri;
d.6
al per­so­na­le ci­vi­le dell’Ag­grup­pa­men­to Di­fe­sa du­ran­te un im­pie­go mi­li­ta­re se­con­do l’ar­ti­co­lo 65c LM.

2 Per gli im­pie­ghi all’este­ro si ap­pli­ca per ana­lo­gia la pre­sen­te or­di­nan­za se le pre­scri­zio­ni del Pae­se ospi­te o nel­la zo­na d’im­pie­go non sod­di­sfa­no gli stan­dard di si­cu­rez­za dell’eser­ci­to sviz­ze­ro. Per ogni im­pie­go all’este­ro so­no con­ve­nu­te di­spo­si­zio­ni par­ti­co­la­ri me­dian­te ac­cor­di in­ter­na­zio­na­li.

3 Il per­so­na­le ci­vi­le dell’Ag­grup­pa­men­to Di­fe­sa e i col­la­bo­ra­to­ri di ar­ma­suis­se sot­to­stan­no al­la le­gi­sla­zio­ne ci­vi­le sul­la cir­co­la­zio­ne stra­da­le e al­le di­spo­si­zio­ni dell’or­di­nan­za del 23 feb­bra­io 20057 con­cer­nen­te i vei­co­li del­la Con­fe­de­ra­zio­ne e i lo­ro con­du­cen­ti (OVCC). Al­la gui­da di vei­co­li mi­li­ta­ri nel qua­dro dell’at­ti­vi­tà pro­fes­sio­na­le so­no inol­tre ap­pli­ca­bi­li gli ar­ti­co­li 13 ca­po­ver­so 2, 17, 54, 56–58, 79 ca­po­ver­si 1 e 2, 91 ca­po­ver­so 7 e 91a del­la pre­sen­te or­di­nan­za.8 Ai re­qui­si­ti per vei­co­li mi­li­ta­ri gui­da­ti nel qua­dro dell’at­ti­vi­tà pro­fes­sio­na­le so­no ap­pli­ca­bi­li gli ar­ti­co­li 39–42, 46 e 91 ca­po­ver­si 5 e 6 del­la pre­sen­te or­di­nan­za.9

5 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 14 giu. 2013, in vi­go­re dal 1° lug. 2013 (RU 2013 1801).

6 In­tro­dot­ta dal n. I dell’O del 13 feb. 2019, in vi­go­re dal 15 mar. 2019 (RU 2019 771).

7 RS 514.31

8 Nuo­vo te­sto del per. giu­sta il n. I dell’O del 25 nov. 2020, in vi­go­re dal 1° gen. 2021 (RU 2020 6015).

9 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 13 feb. 2019, in vi­go­re dal 15 mar. 2019 (RU 2019 771).

Art. 3 Strade forestali, percorsi pedonali e sentieri 10  

1 Le di­spo­si­zio­ni fe­de­ra­li con­cer­nen­ti le stra­de fo­re­sta­li, i per­cor­si pe­do­na­li e i sen­tie­ri non si ap­pli­ca­no né ai vei­co­li né agli ani­ma­li da sel­la, da ti­ro e da so­ma im­pie­ga­ti per sco­pi mi­li­ta­ri.

2 Pri­ma di cir­co­la­re su per­cor­si pe­do­na­li e sen­tie­ri con det­ti vei­co­li o ani­ma­li oc­cor­re sem­pre ot­te­ne­re l’au­to­riz­za­zio­ne del­le au­to­ri­tà com­pe­ten­ti.11

10 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 14 giu. 2013, in vi­go­re dal 1° lug. 2013 (RU 2013 1801).

11 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 13 feb. 2019, in vi­go­re dal 15 mar. 2019 (RU 2019 771).

Art. 4 Definizioni  

Nel­la pre­sen­te or­di­nan­za so­no uti­liz­za­te le de­fi­ni­zio­ni se­guen­ti:

a.12
vei­co­li mi­li­ta­ri: i vei­co­li ac­qui­sta­ti, no­leg­gia­ti, pre­si in lea­sing, pre­sta­ti o re­qui­si­ti a fa­vo­re dell’eser­ci­to;
b.
con­du­cen­ti: i ti­to­la­ri di un’au­to­riz­za­zio­ne a con­dur­re mi­li­ta­re;
c.
ser­vi­zio mi­li­ta­re: il ser­vi­zio di trup­pa con di­rit­to al sol­do;
d.13
...
e.
traf­fi­co in­ter­no d’azien­da: le cor­se all’in­ter­no di pe­ri­me­tri mi­li­ta­ri o su stra­de pub­bli­che che col­le­ga­no par­ti vi­ci­ne di pe­ri­me­tri mi­li­ta­ri;
f.
pe­ri­me­tri mi­li­ta­ri: gli im­mo­bi­li o i ter­re­ni con­tras­se­gna­ti co­me ta­li op­pu­re sbar­ra­ti o sbar­ra­bi­li me­dian­te mi­su­re edi­li (bar­rie­re, re­cin­zio­ni ecc.);
g.
prov­ve­di­men­ti di cir­co­la­zio­ne: le li­mi­ta­zio­ni del­la cir­co­la­zio­ne, le di­spo­si­zio­ni vol­te al di­sci­pli­na­men­to o al­la si­cu­rez­za del­la cir­co­la­zio­ne e gli al­tri prov­ve­di­men­ti che si ri­per­cuo­to­no sul­la cir­co­la­zio­ne.

12 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 14 giu. 2013, in vi­go­re dal 1° lug. 2013 (RU 2013 1801).

13 Abro­ga­ta dal n. I dell’O del 14 giu. 2013, con ef­fet­to dal 1° lug. 2013 (RU 2013 1801).

Art. 5 Abbreviazioni  

1 Per le au­to­ri­tà so­no uti­liz­za­te le ab­bre­via­zio­ni se­guen­ti:

a.
DA­TEC­Di­par­ti­men­to fe­de­ra­le dell’am­bien­te, dei tra­spor­ti, dell’ener­gia e del­le co­mu­ni­ca­zio­ni;
b.
USTRAUf­fi­cio fe­de­ra­le del­le stra­de;
c.
DDP­SDi­par­ti­men­to fe­de­ra­le del­la di­fe­sa, del­la pro­te­zio­ne del­la po­po­la­zio­ne e del­lo sport;
d.14
BLE­sBa­se lo­gi­sti­ca dell’eser­ci­to;
e.15
FOA log­For­ma­zio­ne d’ad­de­stra­men­to del­la lo­gi­sti­ca;
f.
UC­NE­sUf­fi­cio del­la cir­co­la­zio­ne e del­la na­vi­ga­zio­ne dell’eser­ci­to;
g.16
TAF­SU­ni­tà am­mi­ni­stra­ti­va Ti­ro e at­ti­vi­tà fuo­ri del ser­vi­zio.

2 Per i te­sti le­gi­sla­ti­vi so­no uti­liz­za­te le ab­bre­via­zio­ni se­guen­ti:

a.
LC­Str­Leg­ge fe­de­ra­le del 19 di­cem­bre 1958 sul­la cir­co­la­zio­ne stra­da­le;
b.
SDROr­di­nan­za del 29 no­vem­bre 200217 con­cer­nen­te il tra­spor­to di mer­ci pe­ri­co­lo­se su stra­da;
c.
ADRAc­cor­do eu­ro­peo del 30 set­tem­bre 195718 re­la­ti­vo al tra­spor­to in­ter­na­zio­na­le su stra­da del­le mer­ci pe­ri­co­lo­se;
d.
LM­Leg­ge mi­li­ta­re del 3 feb­bra­io 1995;
e.
CPM­Co­di­ce pe­na­le mi­li­ta­re del 13 giu­gno 192719;
f.
LStu­pLeg­ge fe­de­ra­le del 3 ot­to­bre 195120 su­gli stu­pe­fa­cen­ti e sul­le so­stan­ze psi­co­tro­pe;
g.21
OAEOr­di­nan­za del 21 feb­bra­io 201822 con­cer­nen­te l’am­mi­ni­stra­zio­ne dell'eser­ci­to;
h.
OET­VOr­di­nan­za del 19 giu­gno 199523 con­cer­nen­te le esi­gen­ze tec­ni­che per i vei­co­li stra­da­li;
i.24
OVC­COr­di­nan­za del 23 feb­bra­io 200525 con­cer­nen­te i vei­co­li del­la Con­fe­de­ra­zio­ne e i lo­ro con­du­cen­ti;
j.26
OA­COr­di­nan­za del 27 ot­to­bre 197627 sull’am­mis­sio­ne al­la cir­co­la­zio­ne;
k.28
OA­SA­MOr­di­nan­za del 26 no­vem­bre 200329 sull’at­ti­vi­tà fuo­ri del ser­vi­zio nel­le so­cie­tà mi­li­ta­ri e nel­le as­so­cia­zio­ni mi­li­ta­ri man­tel­lo;
l.30
OAM­MOr­di­nan­za del 24 no­vem­bre 200431 con­cer­nen­te l’ap­prez­za-men­to me­di­co dell’ido­nei­tà al ser­vi­zio mi­li­ta­re e dell’ido­nei­tà a pre­sta­re ser­vi­zio mi­li­ta­re.

14 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 14 giu. 2013, in vi­go­re dal 1° lug. 2013 (RU 2013 1801).

15 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 12 nov. 2008, in vi­go­re dal 1° gen. 2009 (RU 2008 5653).

16 In­tro­dot­ta dal n. I dell’O del 13 feb. 2019, in vi­go­re dal 15 mar. 2019 (RU 2019 771).

17 RS 741.621

18 RS 0.741.621

19 RS 321.0

20 RS 812.121

21 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 13 feb. 2019, in vi­go­re dal 15 mar. 2019 (RU 2019 771).

22 RS 510.301

23 RS 741.41

24 In­tro­dot­ta dal n. I dell’O del 14 giu. 2013, in vi­go­re dal 1° lug. 2013 (RU 2013 1801).

25 RS 514.31

26 In­tro­dot­ta dal n. I dell’O del 16 nov. 2016, in vi­go­re dal 1° gen. 2017 (RU 2016 4423).

27 RS 741.51

28 In­tro­dot­ta dal n. I dell’O del 13 feb. 2019, in vi­go­re dal 15 mar. 2019 (RU 2019 771).

29 RS 512.30

30 In­tro­dot­ta dal n. I dell’O del 13 feb. 2019, in vi­go­re dal 15 mar. 2019 (RU 2019 771).

31 RS 511.12

Capitolo 2: Provvedimenti di circolazione

Sezione 1: Provvedimenti per la circolazione stradale civile

Art. 7 Competenza  

1 I co­man­dan­ti di trup­pa re­spon­sa­bi­li, la po­li­zia mi­li­ta­re o i qua­dri del­le for­ma­zio­ni del­la cir­co­la­zio­ne pos­so­no or­di­na­re prov­ve­di­men­ti di cir­co­la­zio­ne del­la du­ra­ta mas­si­ma di ot­to gior­ni su stra­de pub­bli­che, ec­cet­tua­te le au­to­stra­de e le se­miau­to­stra­de.32

2 La po­li­zia mi­li­ta­re può inol­tre or­di­na­re prov­ve­di­men­ti di cir­co­la­zio­ne in oc­ca­sio­ne di spo­sta­men­ti:

a.
su au­to­stra­de e se­miau­to­stra­de;
b.
di vei­co­li cin­go­la­ti;
c.
di vei­co­li e di tra­spor­ti spe­cia­li.

32 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 14 giu. 2013, in vi­go­re dal 1° lug. 2013 (RU 2013 1801).

Art. 8 Consultazione delle autorità civili 33  

Pri­ma dell’ese­cu­zio­ne dei prov­ve­di­men­ti di cir­co­la­zio­ne, gli or­ga­ni che di­spon­go­no ta­li prov­ve­di­men­ti con­sul­ta­no le au­to­ri­tà ci­vi­li com­pe­ten­ti del­la Con­fe­de­ra­zio­ne, dei Can­to­ni e dei Co­mu­ni.

33 Nuo­vo te­sto giu­sta l’all. 4 n. II 3 dell’O del 7 nov. 2007 sul­le stra­de na­zio­na­li, in vi­go­re dal 1° gen. 2008 (RU 2007 5957).

Art. 9 Segnaletica, segni e istruzioni  

1 L’or­ga­no mi­li­ta­re che pren­de un prov­ve­di­men­to di cir­co­la­zio­ne nei con­fron­ti di uten­ti ci­vi­li del­la stra­da prov­ve­de al di­sci­pli­na­men­to del­la cir­co­la­zio­ne o al­la po­sa di sbar­ra­men­ti. Qua­lo­ra si deb­ba­no col­lo­ca­re se­gna­li o ese­gui­re de­mar­ca­zio­ni, que­sti la­vo­ri van­no pos­si­bil­men­te af­fi­da­ti al­le au­to­ri­tà ci­vi­li.

2 La trup­pa col­lo­ca il se­gna­le ci­vi­le «Al­tri pe­ri­co­li» o im­pie­ga al­tri mez­zi ade­gua­ti quan­do le sue at­ti­vi­tà si svol­go­no nel pe­ri­me­tro del­la car­reg­gia­ta e le con­di­zio­ni del­la cir­co­la­zio­ne o le con­di­zio­ni me­teo­ro­lo­gi­che lo ri­chie­do­no. Gli or­ga­ni ad­det­ti al di­sci­pli­na­men­to del­la cir­co­la­zio­ne im­pie­ga­ti su stra­de di pri­ma clas­se o di una clas­se su­pe­rio­re de­vo­no im­pe­ra­ti­va­men­te es­se­re se­gna­la­ti me­dian­te se­gna­li d’av­ver­ti­men­to Trio­pan non­ché, di not­te o in ca­so di cat­ti­ve con­di­zio­ni me­teo­ro­lo­gi­che, me­dian­te lam­peg­gia­to­ri.

Art. 10 Disposizioni delle autorità civili  

Se so­no ne­ces­sa­ri prov­ve­di­men­ti di cir­co­la­zio­ne che non rien­tra­no nel­la com­pe­ten­za de­gli or­ga­ni mi­li­ta­ri, ta­li prov­ve­di­men­ti so­no og­get­to di una do­man­da tra­smes­sa per la via di ser­vi­zio, per il tra­mi­te dell’UC­NEs, all’au­to­ri­tà ci­vi­le com­pe­ten­te.

Art. 11 Ricorso da parte del DDPS  

Il DDPS è com­pe­ten­te per i ri­cor­si con­tro de­ci­sio­ni can­to­na­li con­cer­nen­ti prov­ve­di­men­ti di cir­co­la­zio­ne che toc­ca­no in­te­res­si mi­li­ta­ri, sem­pre che det­ti ri­cor­si sia­no am­mis­si­bi­li.

Art. 12 Strade e perimetri della Confederazione  

1 I prov­ve­di­men­ti di cir­co­la­zio­ne con­cer­nen­ti la cir­co­la­zio­ne pub­bli­ca su stra­de e pe­ri­me­tri di pro­prie­tà del­la Con­fe­de­ra­zio­ne am­mi­ni­stra­ti dal DDPS so­no de­ci­si dall’UC­NEs.

2 Se un prov­ve­di­men­to di cir­co­la­zio­ne com­por­ta una re­stri­zio­ne o un di­vie­to del­la cir­co­la­zio­ne pub­bli­ca, la re­la­ti­va de­ci­sio­ne de­ve es­se­re pub­bli­ca­ta nel Fo­glio fe­de­ra­le e nel Fo­glio uf­fi­cia­le can­to­na­le. So­no fat­te sal­ve le di­spo­si­zio­ni con­cer­nen­ti la tu­te­la del se­gre­to.

Sezione 2: Provvedimenti per la circolazione stradale militare

Art. 13 Deroghe alle norme per la circolazione civile  

1 Per gli uten­ti mi­li­ta­ri del­la stra­da pos­so­no es­se­re or­di­nan­te de­ro­ghe a di­vie­ti o a re­stri­zio­ni ci­vi­li sol­tan­to quan­do le ne­ces­si­tà mi­li­ta­ri lo esi­go­no e se so­no sta­ti adot­ta­ti le mi­su­re di si­cu­rez­za ne­ces­sa­rie non­ché prov­ve­di­men­ti nell’in­te­res­se del­la cir­co­la­zio­ne in ge­ne­ra­le.

2 Il se­gna­le ci­vi­le di pre­scri­zio­ne «Lar­ghez­za mas­si­ma 2,3 m» non si ap­pli­ca ai vei­co­li mi­li­ta­ri.

Art. 14 Competenza per i provvedimenti di circolazione temporanei  

1 I prov­ve­di­men­ti di cir­co­la­zio­ne fi­no a una du­ra­ta mas­si­ma di 30 gior­ni (prov­ve­di­men­ti di cir­co­la­zio­ne tem­po­ra­nei) pos­so­no es­se­re pre­si da­gli uf­fi­cia­li del­la cir­co­la­zio­ne e dei tra­spor­ti, dai co­man­dan­ti di trup­pa o dai ca­pi del­la cir­co­la­zio­ne e dei tra­spor­ti del­le for­ma­zio­ni d’ad­de­stra­men­to. So­no ec­cet­tua­ti prov­ve­di­men­ti di cir­co­la­zio­ne con­cer­nen­ti se­miau­to­stra­de e au­to­stra­de non­ché de­ro­ghe a di­vie­ti per vei­co­li che sot­to­stan­no al­le di­spo­si­zio­ni dell’SDR/ADR. Le de­ro­ghe tem­po­ra­nee so­no se­gna­la­te dal­la trup­pa con se­gna­li mi­li­ta­ri.

2 I prov­ve­di­men­ti di cir­co­la­zio­ne tem­po­ra­nei con­cer­nen­ti le piaz­ze di ti­ro e le piaz­ze d’eser­ci­ta­zio­ne non­ché i po­sti di at­tra­ver­sa­men­to di cor­si d’ac­qua so­no or­di­na­ti dal­la for­ma­zio­ne d’ad­de­stra­men­to com­pe­ten­te, dal­la bri­ga­ta d’im­pie­go com­pe­ten­te, dal­la di­vi­sio­ne ter­ri­to­ria­le com­pe­ten­te o dal­le For­ze ae­ree.34

34 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 13 feb. 2019, in vi­go­re dal 15 mar. 2019 (RU 2019 771).

Art. 15 Competenza per i provvedimenti di circolazione permanenti  

1 I prov­ve­di­men­ti di cir­co­la­zio­ne con una du­ra­ta su­pe­rio­re a 30 gior­ni (prov­ve­di­men­ti di cir­co­la­zio­ne per­ma­nen­ti) pos­so­no es­se­re de­ci­si dall’UC­NEs. Que­st’ul­ti­mo prov­ve­de al­la se­gna­le­ti­ca; es­so può af­fi­da­re ta­le com­pi­to ad al­tri uf­fi­ci o or­ga­ni di co­man­do.

2 In sin­go­li ca­si mo­ti­va­ti, l’UC­NEs può ri­nun­cia­re a se­gna­la­re i prov­ve­di­men­ti di cir­co­la­zio­ne per­ma­nen­ti o le de­ro­ghe a di­vie­ti per vei­co­li con ca­ri­chi pe­ri­co­lo­si o su­scet­ti­bi­li d’in­qui­na­re le ac­que.

3 I prov­ve­di­men­ti di cir­co­la­zio­ne per gli uten­ti mi­li­ta­ri del­la stra­da e le de­ro­ghe a di­vie­ti ci­vi­li di cir­co­la­zio­ne non­ché a li­mi­ta­zio­ni di di­men­sio­ni e pe­so de­vo­no es­se­re pub­bli­ca­ti nel Fo­glio fe­de­ra­le e nel Fo­glio uf­fi­cia­le can­to­na­le. So­no fat­te sal­ve le di­spo­si­zio­ni con­cer­nen­ti la tu­te­la del se­gre­to.

Art. 16 Consultazione  

1 L’au­to­ri­tà che di­spo­ne un prov­ve­di­men­to con­sul­ta pre­li­mi­nar­men­te le au­to­ri­tà ci­vi­li in­te­res­sa­te e i pro­prie­ta­ri fon­dia­ri in­te­res­sa­ti e sta­bi­li­sce le con­di­zio­ni e le mi­su­re di si­cu­rez­za ne­ces­sa­rie. Se le cir­co­stan­ze non lo con­sen­to­no, gli uf­fi­cia­li del­la cir­co­la­zio­ne e dei tra­spor­ti o i co­man­dan­ti di trup­pa pos­so­no ri­nun­cia­re al­la con­sul­ta­zio­ne pre­li­mi­na­re.

2 L’UC­NEs con­sul­ta l’USTRA pri­ma di con­ce­de­re de­ro­ghe a di­vie­ti ri­guar­dan­ti vei­co­li con ca­ri­chi pe­ri­co­lo­si o su­scet­ti­bi­li d’in­qui­na­re le ac­que.

Art. 17 Segnaletica stradale militare 35  

1 I se­gna­li stra­da­li mi­li­ta­ri so­no ri­vol­ti a tut­ti i con­du­cen­ti di vei­co­li con tar­ghe di con­trol­lo mi­li­ta­ri. Es­si han­no la prio­ri­tà sui se­gna­li ci­vi­li.

2 I se­gna­li di pre­scri­zio­ne mi­li­ta­ri, ec­cet­tua­ti i se­gna­li di ve­lo­ci­tà mas­si­ma, non so­no va­le­vo­li per i con­du­cen­ti di vei­co­li mi­li­ta­ri di cui all’ar­ti­co­lo 2 ca­po­ver­so 3.

35 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 14 giu. 2013, in vi­go­re dal 1° lug. 2013 (RU 2013 1801).

Capitolo 3: Autorizzazioni a condurre militari

Sezione 1: Disposizioni generali

Art. 18 Autorizzazione a condurre militare 36  

1 Chi con­du­ce vei­co­li mi­li­ta­ri du­ran­te il ser­vi­zio mi­li­ta­re o du­ran­te un’at­ti­vi­tà mi­li­ta­re fuo­ri del ser­vi­zio de­ve es­se­re ti­to­la­re di un’au­to­riz­za­zio­ne a con­dur­re mi­li­ta­re. Ta­le au­to­riz­za­zio­ne è in­te­gra­ta nel­la li­cen­za di con­dur­re ci­vi­le ed è va­le­vo­le sol­tan­to uni­ta­men­te a que­st’ul­ti­ma. Le con­di­zio­ni ci­vi­li so­no va­le­vo­li an­che per il set­to­re mi­li­ta­re.

2 Il per­so­na­le mi­li­ta­re e gli in­se­gnan­ti spe­cia­li­sti che con­du­co­no vei­co­li mi­li­ta­ri du­ran­te la lo­ro at­ti­vi­tà pro­fes­sio­na­le ne­ces­si­ta­no:

a.
di una li­cen­za di con­dur­re ci­vi­le del­la per­ti­nen­te ca­te­go­ria di li­cen­za; o
b.
di una li­cen­za di con­dur­re ci­vi­le cor­re­da­ta del­la per­ti­nen­te au­to­riz­za­zio­ne a con­dur­re mi­li­ta­re.

3 Non ne­ces­si­ta­no di un’au­to­riz­za­zio­ne a con­dur­re mi­li­ta­re:

a.
il per­so­na­le mi­li­ta­re se, du­ran­te il ser­vi­zio mi­li­ta­re o du­ran­te un’at­ti­vi­tà mi­li­ta­re fuo­ri del ser­vi­zio, con­du­ce vei­co­li mi­li­ta­ri con una li­cen­za di con­dur­re ci­vi­le del­la per­ti­nen­te ca­te­go­ria di li­cen­za;
b.
i mem­bri at­ti­vi del­la po­li­zia, dei pom­pie­ri, del ser­vi­zio sa­ni­ta­rio e dell’Am­mi­ni­stra­zio­ne del­le do­ga­ne se, du­ran­te un’at­ti­vi­tà mi­li­ta­re fuo­ri del ser­vi­zio, con­du­co­no vei­co­li mi­li­ta­ri con una li­cen­za di con­dur­re ci­vi­le del­la per­ti­nen­te ca­te­go­ria di li­cen­za;
c.37
i mi­li­ta­ri se du­ran­te il ser­vi­zio mi­li­ta­re uti­liz­za­no per mo­ti­vi di ser­vi­zio il pro­prio vei­co­lo ci­vi­le pre­via au­to­riz­za­zio­ne se­con­do l’ar­ti­co­lo 106 OAE38;
d.39
il per­so­na­le ci­vi­le dell’Ag­grup­pa­men­to Di­fe­sa in­cor­po­ra­to in for­ma­zio­ni d’ae­ro­dro­mo o lo­gi­sti­che, se du­ran­te il ser­vi­zio mi­li­ta­re con­du­ce i me­de­si­mi ti­pi di vei­co­li che con­du­ce nell’am­bi­to del­la pro­pria at­ti­vi­tà pro­fes­sio­na­le con una li­cen­za di con­dur­re ci­vi­le del­la per­ti­nen­te ca­te­go­ria di li­cen­za;
e.40
il per­so­na­le ci­vi­le at­ti­vo e l’ex per­so­na­le ci­vi­le dell’Ag­grup­pa­men­to Di­fe­sa non­ché l’ex per­so­na­le mi­li­ta­re, se:
1.
la cor­ri­spon­den­te de­ci­sio­ne re­la­ti­va all’ido­nei­tà, ema­na­ta in oc­ca­sio­ne di un ap­prez­za­men­to me­di­co dell’ido­nei­tà al ser­vi­zio mi­li­ta­re, non re­ca la men­zio­ne «abi­le al ser­vi­zio mi­li­ta­re, non può con­dur­re vei­co­li a mo­to­re mi­li­ta­ri»,
2.
la cor­ri­spon­den­te au­to­riz­za­zio­ne a con­dur­re mi­li­ta­re non è sta­ta re­vo­ca­ta se­con­do l’ar­ti­co­lo 38,
3.
è au­to­riz­za­to a par­te­ci­pa­re ad at­ti­vi­tà vo­lon­ta­rie fuo­ri del ser­vi­zio se­con­do l’ar­ti­co­lo 8 OA­SAM41,
4.
du­ran­te l’at­ti­vi­tà vo­lon­ta­ria fuo­ri del ser­vi­zio con­du­ce vei­co­li mi­li­ta­ri con una li­cen­za di con­dur­re ci­vi­le del­la per­ti­nen­te ca­te­go­ria di li­cen­za, e
5.
è com­pro­va­to che la per­so­na in­te­res­sa­ta ha ri­ce­vu­to da par­te del­la so­cie­tà mi­li­ta­re or­ga­niz­za­tri­ce un’in­tro­du­zio­ne ai vei­co­li a mo­to­re mi­li­ta­ri da con­dur­re, con­for­me­men­te al­le di­ret­ti­ve del­la FOA log.

4 Chi con­du­ce vei­co­li mi­li­ta­ri con una li­cen­za se­con­do i ca­po­ver­si 1, 2 o 3 let­te­re a, b o c è au­to­riz­za­to a tra­spor­ta­re per­so­ne e co­se an­che qua­lo­ra la li­cen­za di con­dur­re ci­vi­le non com­pren­da ta­le au­to­riz­za­zio­ne.42

5 Il per­so­na­le ci­vi­le dell’Ag­grup­pa­men­to Di­fe­sa che, du­ran­te un im­pie­go mi­li­ta­re se­con­do l’ar­ti­co­lo 65c LM, con­du­ce il me­de­si­mo ti­po di vei­co­lo che con­du­ce nell’am­bi­to del­la pro­pria at­ti­vi­tà pro­fes­sio­na­le de­ve es­se­re ti­to­la­re:

a.
di una li­cen­za di con­dur­re ci­vi­le del­la per­ti­nen­te ca­te­go­ria di li­cen­za; o
b.
di una li­cen­za di con­dur­re ci­vi­le e del­la per­ti­nen­te au­to­riz­za­zio­ne a con­dur­re mi­li­ta­re.43

6 Du­ran­te un im­pie­go mi­li­ta­re se­con­do l’ar­ti­co­lo 65c LM il per­so­na­le ci­vi­le dell’Ag­grup­pa­men­to Di­fe­sa è au­to­riz­za­to a tra­spor­ta­re per­so­ne o co­se se la li­cen­za di con­dur­re ci­vi­le com­pren­de ta­le au­to­riz­za­zio­ne.44

36 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 14 giu. 2013, in vi­go­re dal 1° lug. 2013 (RU 2013 1801).

37 In­tro­dot­ta dal n. I dell’O del 16 nov. 2016 (RU 2016 4423). Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 13 feb. 2019, in vi­go­re dal 15 mar. 2019 (RU 2019 771).

38 RS 510.301

39 In­tro­dot­ta dal n. I dell’O del 13 feb. 2019, in vi­go­re dal 15 mar. 2019 (RU 2019 771).

40 In­tro­dot­ta dal n. I dell’O del 25 nov. 2020, in vi­go­re dal 1° gen. 2021 (RU 2020 6015).

41 RS 512.30

42 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 13 feb. 2019, in vi­go­re dal 15 mar. 2019 (RU 2019 771).

43 In­tro­dot­to dal n. I dell’O del 13 feb. 2019, in vi­go­re dal 15 mar. 2019 (RU 2019 771).

44 In­tro­dot­to dal n. I dell’O del 13 feb. 2019, in vi­go­re dal 15 mar. 2019 (RU 2019 771).

Art. 19 Categorie di autorizzazioni a condurre  

1 L’au­to­riz­za­zio­ne a con­dur­re mi­li­ta­re45 è ri­la­scia­ta per le se­guen­ti ca­te­go­rie prin­ci­pa­li:

Co­di­ce

a.
mo­to­ci­clet­te;

910

b.
au­to­vei­co­li leg­ge­ri con un pe­so to­ta­le mas­si­mo di 3500 kg;

920

c.
au­to­vei­co­li pe­san­ti con un pe­so to­ta­le su­pe­rio­re a 3500 kg;

930

d.
au­to­vei­co­li la cui ve­lo­ci­tà mas­si­ma non su­pe­ra 45 km/h;

940

Co­di­ce

e.
vei­co­li blin­da­ti cin­go­la­ti;

950

f.
vei­co­li blin­da­ti ruo­ta­ti;

960

g.
vei­co­li spe­cia­li;

970

h.
ri­mor­chi.

E

2 L’UC­NEs può:

a.
sud­di­vi­de­re le ca­te­go­rie prin­ci­pa­li;
b.
esten­de­re o li­mi­ta­re le au­to­riz­za­zio­ni a con­dur­re a de­ter­mi­na­te ca­te­go­rie o ti­pi di vei­co­li.

45 Nuo­va espr. giu­sta il n. I dell’O del 14 giu. 2013, in vi­go­re dal 1° lug. 2013 (RU 2013 1801). Di det­ta mod. è te­nu­to con­to in tut­to il pre­sen­te te­sto.

Art. 20 Controllo dell’istruzione  

In ve­ce di una li­cen­za per al­lie­vo con­du­cen­te, i con­du­cen­ti di vei­co­li mi­li­ta­ri so­no ti­to­la­ri, si­no al ri­la­scio dell’au­to­riz­za­zio­ne a con­dur­re mi­li­ta­re, di un con­trol­lo dell’istru­zio­ne per con­du­cen­ti di au­to­vei­co­li.

Art. 21 Autobus e autogrù  

1 La ca­te­go­ria di au­to­riz­za­zio­ne a con­dur­re 930, cor­re­da­ta del cor­ri­spon­den­te co­di­ce d’istru­zio­ne PI­SA, au­to­riz­za a gui­da­re au­to­bus, sem­pre che le per­so­ne tra­spor­ta­te:

a.
as­sol­va­no il ser­vi­zio mi­li­ta­re;
b.
svol­ga­no la pro­pria at­ti­vi­tà pro­fes­sio­na­le in qua­li­tà di per­so­na­le mi­li­ta­re o di in­se­gnan­ti spe­cia­li­sti;
c.46
par­te­ci­pi­no in quan­to mem­bri di una so­cie­tà mi­li­ta­re o di un’as­so­cia­zio­ne mi­li­ta­re man­tel­lo ai sen­si dell’ar­ti­co­lo 6 OA­SAM47 a un’at­ti­vi­tà fuo­ri del ser­vi­zio au­to­riz­za­ta dal TAFS;
d.48
par­te­ci­pi­no in quan­to ospi­ti a un’at­ti­vi­tà fuo­ri del ser­vi­zio au­to­riz­za­ta dal TAFS e sia­no tra­spor­ta­ti con­for­me­men­te all’ar­ti­co­lo 47 ca­po­ver­so 2 let­te­re a o b; o
e.49
sia­no ci­vi­li che, con­for­me­men­te all’ar­ti­co­lo 47 ca­po­ver­so 2 let­te­ra e, de­vo­no es­se­re tra­spor­ta­ti in ca­so d’ur­gen­za o per pre­sta­re soc­cor­so.50

1bis Al­tre per­so­ne pos­so­no es­se­re tra­spor­ta­te in au­to­bus sol­tan­to se il con­du­cen­te sod­di­sfa le con­di­zio­ni di cui all’ar­ti­co­lo 18 ca­po­ver­so 3 let­te­re a o b.51

2 I con­du­cen­ti di au­to­grù im­ma­tri­co­la­te mi­li­tar­men­te non ne­ces­si­ta­no di una pa­ten­te di grui­sta del­la ca­te­go­ria A ai sen­si dell’or­di­nan­za del 27 set­tem­bre 199952 sul­le gru.

46 In­tro­dot­ta dal n. I dell’O del 13 feb. 2019, in vi­go­re dal 15 mar. 2019 (RU 2019 771).

47 RS 512.30

48 In­tro­dot­ta dal n. I dell’O del 13 feb. 2019, in vi­go­re dal 15 mar. 2019 (RU 2019 771).

49 In­tro­dot­ta dal n. I dell’O del 13 feb. 2019, in vi­go­re dal 15 mar. 2019 (RU 2019 771).

50 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 14 giu. 2013, in vi­go­re dal 1° lug. 2013 (RU 2013 1801).

51 In­tro­dot­to dal n. I dell’O del 13 feb. 2019, in vi­go­re dal 15 mar. 2019 (RU 2019 771).

52 RS 832.312.15

Art. 2253  

53 Abro­ga­to dal n. I dell’O del 14 giu. 2013, con ef­fet­to dal 1° lug. 2013 (RU 2013 1801).

Sezione 2: Istruzione

Art. 23 Condizioni  

1 I mi­li­ta­ri so­no am­mes­si all’istru­zio­ne per con­du­cen­ti di vei­co­li mi­li­ta­ri se:

a.
esi­ste la ne­ces­si­tà mi­li­ta­re;
b.
sod­di­sfa­no le esi­gen­ze me­di­che mi­ni­me;
c.
han­no su­pe­ra­to l’esa­me d’ido­nei­tà per con­du­cen­ti;
d.
so­no ti­to­la­ri del­la li­cen­za di con­dur­re ci­vi­le54 ri­chie­sta;
e.55
ne­gli ul­ti­mi due an­ni la li­cen­za di con­dur­re ci­vi­le del­la ca­te­go­ria A, A1, B, B1, C, C1, D o D1 non è sta­ta lo­ro ri­ti­ra­ta:
1.
per più di tre me­si, o
2.
per gui­da in sta­to di ebrie­tà o sot­to l’in­flus­so di stu­pe­fa­cen­ti;
f.56
la lo­ro li­cen­za di con­dur­re in pro­va non è sta­ta an­nul­la­ta.

2 I mi­li­ta­ri che, con­for­me­men­te all’al­le­ga­to 1 nu­me­ro 4 OAMM57, so­no abi­li al ser­vi­zio mi­li­ta­re uni­ca­men­te per fun­zio­ni par­ti­co­la­ri non­ché i mem­bri del­le so­cie­tà mi­li­ta­ri e del­le as­so­cia­zio­ni mi­li­ta­ri man­tel­lo, du­ran­te le lo­ro at­ti­vi­tà fuo­ri del ser­vi­zio, so­no am­mes­si all’istru­zio­ne per con­du­cen­ti di vei­co­li mi­li­ta­ri se sod­di­sfa­no le con­di­zio­ni di cui al ca­po­ver­so 1 let­te­re b–f.58

54 Nuo­va espr. giu­sta il n. I dell’O del 14 giu. 2013, in vi­go­re dal 1° lug. 2013 (RU 2013 1801). Di det­ta mod. è te­nu­to con­to in tut­to il pre­sen­te te­sto.

55 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 12 nov. 2008, in vi­go­re dal 1° gen. 2009 (RU 2008 5653).

56 In­tro­dot­ta dal n. I dell’O del 16 nov. 2016, in vi­go­re dal 1° gen. 2017 (RU 2016 4423).

57 RS 511.12

58 In­tro­dot­to dal n. I dell’O del 13 feb. 2019 (RU 2019 771). Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 25 nov. 2020, in vi­go­re dal 1° gen. 2021 (RU 2020 6015).

Art. 24 Esame d’idoneità 59  

1 Per ot­te­ne­re un’au­to­riz­za­zio­ne a con­dur­re mi­li­ta­re è ne­ces­sa­rio su­pe­ra­re un esa­me d’ido­nei­tà.

2 Non è ri­chie­sto al­cun esa­me d’ido­nei­tà per ot­te­ne­re l’au­to­riz­za­zio­ne mi­li­ta­re a con­dur­re au­to­vei­co­li leg­ge­ri non fuo­ri­stra­da e vei­co­li a mo­to­re con una ve­lo­ci­tà mas­si­ma di 45 km/h.

3 Il Co­man­do Istru­zio­ne sta­bi­li­sce i con­te­nu­ti e le esi­gen­ze dell’esa­me d’ido­nei­tà.

59 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 13 feb. 2019, in vi­go­re dal 15 mar. 2019 (RU 2019 771).

Art. 25 licenza di condurre civile  

1 Chi in­ten­de es­se­re istrui­to co­me con­du­cen­te de­ve di mas­si­ma es­se­re ti­to­la­re di una li­cen­za di con­dur­re ci­vi­le del­la ca­te­go­ria B.60

2 Per l’istru­zio­ne su mo­to­ci­clet­te è suf­fi­cien­te una li­cen­za di con­dur­re ci­vi­le del­la ca­te­go­ria A o del­la sot­to­ca­te­go­ria A1.

3 Per l’istru­zio­ne su au­to­vei­co­li con una ve­lo­ci­tà mas­si­ma di 45 km/h è suf­fi­cien­te una li­cen­za di con­dur­re ci­vi­le di una ca­te­go­ria da A a G.

4 I mi­li­ta­ri che, con­for­me­men­te all’al­le­ga­to 1 nu­me­ro 4 OAMM61, so­no abi­li al ser­vi­zio mi­li­ta­re uni­ca­men­te per fun­zio­ni par­ti­co­la­ri non­ché i mem­bri del­le so­cie­tà mi­li­ta­ri e del­le as­so­cia­zio­ni mi­li­ta­ri man­tel­lo, du­ran­te le lo­ro at­ti­vi­tà fuo­ri del ser­vi­zio, pos­so­no es­se­re istrui­ti uni­ca­men­te al­la gui­da di au­to­vei­co­li leg­ge­ri non fuo­ri­stra­da e di car­rel­li ele­va­to­ri a for­ca. Es­si de­vo­no:62

a.
es­se­re ti­to­la­ri di una li­cen­za di con­dur­re ci­vi­le del­la per­ti­nen­te ca­te­go­ria di li­cen­za;
b.
per con­dur­re car­rel­li ele­va­to­ri a for­ca, pre­sen­ta­re in via sup­ple­men­ta­re un cor­ri­spon­den­te at­te­sta­to di for­ma­zio­ne se­con­do la di­ret­ti­va 6518 del­la CF­SL63.64

60 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 13 feb. 2019, in vi­go­re dal 15 mar. 2019 (RU 2019 771).

61 RS 511.12

62 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 25 nov. 2020, in vi­go­re dal 1° gen. 2021 (RU 2020 6015).

63 Può es­se­re con­sul­ta­ta sul si­to www.ekas.ad­min.ch

64 In­tro­dot­to dal n. I dell’O del 13 feb. 2019, in vi­go­re dal 15 mar. 2019 (RU 2019 771).

Art. 26 Responsabilità dell’istruzione 65  

La FOA log è re­spon­sa­bi­le dell’istru­zio­ne e del per­fe­zio­na­men­to del per­so­na­le in­se­gnan­te im­pie­ga­to nel set­to­re del­la cir­co­la­zio­ne e dei tra­spor­ti.

65 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 12 nov. 2008, in vi­go­re dal 1° gen. 2009 (RU 2008 5653).

Art. 27 Istruttori  

1 Chi istrui­sce in­di­vi­dual­men­te al­lie­vi con­du­cen­ti del­le ca­te­go­rie di au­to­riz­za­zio­ne a con­dur­re mi­li­ta­re 910, 930 o 930E de­ve es­se­re ti­to­la­re dell’abi­li­ta­zio­ne a mae­stro con­du­cen­te del­la per­ti­nen­te ca­te­go­ria.66

1bis L’UC­NEs è l’au­to­ri­tà di vi­gi­lan­za per i mae­stri con­du­cen­ti im­pie­ga­ti esclu­si­va­men­te nell’eser­ci­to e nell’Ag­grup­pa­men­to Di­fe­sa. Es­so di­sci­pli­na l’eser­ci­zio del­la pro­fes­sio­ne e il per­fe­zio­na­men­to pro­fes­sio­na­le.67

1ter I ser­vi­zi dell’Ag­grup­pa­men­to Di­fe­sa com­pe­ten­ti per l’as­sun­zio­ne dei mae­stri con­du­cen­ti no­ti­fi­ca­no all’UC­NEs i da­ti di que­st’ul­ti­mi ne­ces­sa­ri per l’adem­pi­men­to dei suoi com­pi­ti di con­trol­lo, se­gna­ta­men­te il co­gno­me, il no­me, l’in­di­riz­zo, il nu­me­ro d’as­si­cu­ra­to AVS, il tas­so di oc­cu­pa­zio­ne e il luo­go di la­vo­ro.68

2 Gli ac­com­pa­gna­to­ri im­pie­ga­ti per l’istru­zio­ne al­la gui­da de­vo­no es­se­re ti­to­la­ri dell’au­to­riz­za­zio­ne a con­dur­re mi­li­ta­re o del­la li­cen­za di con­dur­re ci­vi­le del­la per­ti­nen­te ca­te­go­ria e aver as­sol­to un’istru­zio­ne ade­gua­ta.

66 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 12 nov. 2008, in vi­go­re dal 1° gen. 2009 (RU 2008 5653).

67 In­tro­dot­to dal n. I dell’O del 12 nov. 2008 (RU 2008 5653). Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 25 nov. 2020, in vi­go­re dal 1° gen. 2021 (RU 2020 6015).

68 In­tro­dot­to dal n. I dell’O del 25 nov. 2020, in vi­go­re dal 1° gen. 2021 (RU 2020 6015).

Art. 28 Scuola guida e istruzione alla guida  

1 Per scuo­la gui­da si in­ten­de ogni cor­sa du­ran­te la qua­le i con­du­cen­ti non an­co­ra ti­to­la­ri del­la li­cen­za di con­dur­re ci­vi­le ri­chie­sta so­no ac­com­pa­gna­ti e istrui­ti in­di­vi­dual­men­te da un ti­to­la­re dell’abi­li­ta­zio­ne a mae­stro con­du­cen­te del­la per­ti­nen­te ca­te­go­ria. Per ta­li cor­se de­ve es­se­re ap­pli­ca­ta al vei­co­lo la tar­ga blu con una «L» bian­ca.69

2 Per istru­zio­ne al­la gui­da si in­ten­do­no le ri­ma­nen­ti cor­se con o sen­za ac­com­pa­gna­to­re or­di­na­te mi­li­tar­men­te per sco­pi di istru­zio­ne e di eser­ci­ta­zio­ne. Per ta­li cor­se non è au­to­riz­za­ta l’ap­pli­ca­zio­ne al vei­co­lo del­la tar­ga blu con una «L» bian­ca.

3 Du­ran­te la scuo­la gui­da e l’istru­zio­ne al­la gui­da i tra­spor­ti di per­so­ne so­no vie­ta­ti fi­no al mo­men­to in cui il con­du­cen­te è pron­to a su­pe­ra­re l’esa­me. A par­ti­re da det­to mo­men­to, i pe­ri­ti del­la cir­co­la­zio­ne mi­li­ta­re del­la per­ti­nen­te ca­te­go­ria pos­so­no iscri­ve­re nel con­trol­lo dell’istru­zio­ne per con­du­cen­ti l’au­to­riz­za­zio­ne a ef­fet­tua­re tra­spor­ti di per­so­ne.

69 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 12 nov. 2008, in vi­go­re dal 1° gen. 2009 (RU 2008 5653).

Art. 29 Periti della circolazione militare  

1 Chi pro­ce­de a un esa­me mi­li­ta­re di con­du­cen­te de­ve es­se­re ti­to­la­re del­la per­ti­nen­te li­cen­za di pe­ri­to del­la cir­co­la­zio­ne mi­li­ta­re.

2 L’UC­NEs ema­na, d’in­te­sa con l’USTRA, istru­zio­ni con­cer­nen­ti l’istru­zio­ne e il per­fe­zio­na­men­to non­ché gli esa­mi dei pe­ri­ti del­la cir­co­la­zio­ne mi­li­ta­re e or­ga­niz­za det­ti esa­mi.

3 Le li­cen­ze di pe­ri­to del­la cir­co­la­zio­ne mi­li­ta­re so­no ri­la­scia­te e re­vo­ca­te dall’UC­NEs.

Art. 30 Veicoli per l’istruzione e veicoli d’esame  

L’UC­NEs sta­bi­li­sce, d’in­te­sa con l’USTRA, i vei­co­li per l’istru­zio­ne e i vei­co­li d’esa­me del­le sin­go­le ca­te­go­rie non­ché il re­la­ti­vo equi­pag­gia­men­to.

Sezione 3: Esame di conducente

Art. 31  

1 Sul­la ba­se dell’OAC70, l’UC­NEs sta­bi­li­sce, d’in­te­sa con l’USTRA, le esi­gen­ze dell’esa­me teo­ri­co e pra­ti­co.

2 Gli esa­mi di con­du­cen­te so­no svol­ti da pe­ri­ti del­la cir­co­la­zio­ne mi­li­ta­re. Que­st’ul­ti­mi so­no no­mi­na­ti dall’UC­NEs d’in­te­sa con la FOA log.71

3 Se so­no ti­to­la­ri di una li­cen­za di con­dur­re ci­vi­le del­la ca­te­go­ria B, so­no au­to­riz­za­ti a svol­ge­re l’esa­me di con­du­cen­te per au­to­vei­co­li leg­ge­ri non fuo­ri­stra­da du­ran­te il ser­vi­zio mi­li­ta­re an­che i re­spon­sa­bi­li del­la cir­co­la­zio­ne e dei tra­spor­ti.72

4 Se so­no ti­to­la­ri di una li­cen­za di con­dur­re ci­vi­le del­la ca­te­go­ria B, i pe­ri­ti de­si­gna­ti dal TAFS so­no au­to­riz­za­ti a svol­ge­re l’esa­me di con­du­cen­te per au­to­vei­co­li leg­ge­ri non fuo­ri­stra­da du­ran­te l’at­ti­vi­tà mi­li­ta­re fuo­ri del ser­vi­zio. Il TAFS no­ti­fi­ca all’UC­NEs le per­so­ne au­to­riz­za­te.73

70 RS 741.51

71 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 12 nov. 2008, in vi­go­re dal 1° gen. 2009 (RU 2008 5653).

72 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 25 nov. 2020, in vi­go­re dal 1° gen. 2021 (RU 2020 6015).

73 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 25 nov. 2020, in vi­go­re dal 1° gen. 2021 (RU 2020 6015).

Sezione 4: Rilascio dell’autorizzazione a condurre militare e controlli successivi

Art. 32 Competenza 74  

1 L’UC­NEs ri­la­scia l’au­to­riz­za­zio­ne a con­dur­re mi­li­ta­re e de­ci­de even­tua­li con­di­zio­ni e re­stri­zio­ni mi­li­ta­ri.

2 Prov­ve­de a tra­smet­te­re al sot­to­si­ste­ma SIAC-per­so­ne i da­ti di cui all’ar­ti­co­lo 6 let­te­ra a dell’or­di­nan­za del 30 no­vem­bre 201875 con­cer­nen­te il si­ste­ma d’in­for­ma­zio­ne sull’am­mis­sio­ne al­la cir­co­la­zio­ne.

74 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 13 feb. 2019, in vi­go­re dal 15 mar. 2019 (RU 2019 771).

75 RS741.58

Art. 33 Validità e iscrizione  

L’au­to­riz­za­zio­ne a con­dur­re mi­li­ta­re ha va­li­di­tà il­li­mi­ta­ta ed è iscrit­ta nel­la li­cen­za di con­dur­re ci­vi­le in for­ma­to car­ta di cre­di­to (LCC). So­no fat­te sal­ve le di­spo­si­zio­ni di cui all’ar­ti­co­lo 34. Es­sa man­tie­ne la sua va­li­di­tà per l’at­ti­vi­tà mi­li­ta­re fuo­ri del ser­vi­zio an­che do­po il pro­scio­gli­men­to da­gli ob­bli­ghi mi­li­ta­ri del con­du­cen­te.

Art. 34 Autorizzazione a condurre militare in prova  

1 Ai ti­to­la­ri di una li­cen­za di con­dur­re ci­vi­le in pro­va, l’au­to­riz­za­zio­ne a con­dur­re mi­li­ta­re è ri­la­scia­ta con la stes­sa du­ra­ta di va­li­di­tà pre­vi­sta dal di­rit­to ci­vi­le.

2 Il pro­lun­ga­men­to del pe­rio­do di pro­va del­la li­cen­za di con­dur­re ci­vi­le in pro­va è va­le­vo­le an­che per l’au­to­riz­za­zio­ne a con­dur­re mi­li­ta­re.

3 Il ca­po­ver­so 2 non si ap­pli­ca in ca­so di ces­sa­zio­ne del­le con­di­zio­ni per il ri­la­scio dell’au­to­riz­za­zio­ne a con­dur­re mi­li­ta­re e in ca­so di in­fra­zio­ni che ne com­por­ta­no la re­vo­ca.

Art. 35 Visita di controllo da parte di un medico di fiducia  

1 I ti­to­la­ri di un’au­to­riz­za­zio­ne a con­dur­re mi­li­ta­re del­la ca­te­go­ria prin­ci­pa­le 930 so­no con­vo­ca­ti dall’au­to­ri­tà ci­vi­le com­pe­ten­te, con­for­me­men­te al­le pre­scri­zio­ni ci­vi­li, a una vi­si­ta di con­trol­lo da par­te di un me­di­co di fi­du­cia. Se non sot­to­stan­no o non sot­to­stan­no più all’ob­bli­go d’or­di­ne ci­vi­le di sot­to­por­si a una vi­si­ta di con­trol­lo, so­no con­vo­ca­ti dall’UC­NEs se­con­do le di­spo­si­zio­ni dell’ar­ti­co­lo 27 ca­po­ver­so 1 OAC76 si­no al pro­scio­gli­men­to dall’ob­bli­go di pre­sta­re ser­vi­zio mi­li­ta­re a una vi­si­ta di con­trol­lo da par­te del me­di­co di trup­pa.77

2 I ti­to­la­ri di un’au­to­riz­za­zio­ne a con­dur­re mi­li­ta­re del­le ca­te­go­rie prin­ci­pa­li 950 e 960 so­no con­vo­ca­ti dall’UC­NEs se­con­do le di­spo­si­zio­ni dell’ar­ti­co­lo 27 ca­po­ver­so 1 OAC si­no al pro­scio­gli­men­to dall’ob­bli­go di pre­sta­re ser­vi­zio mi­li­ta­re a una vi­si­ta di con­trol­lo da par­te del me­di­co di trup­pa.78

3 Per i ti­to­la­ri di un’au­to­riz­za­zio­ne a con­dur­re mi­li­ta­re non sog­get­ti all’ob­bli­go di pre­sta­re ser­vi­zio mi­li­ta­re che con­du­co­no au­to­vei­co­li pe­san­ti nell’am­bi­to dell’at­ti­vi­tà pro­fes­sio­na­le o nel qua­dro di at­ti­vi­tà mi­li­ta­ri fuo­ri del ser­vi­zio la vi­si­ta di con­trol­lo di ido­nei­tà al­la gui­da è ret­ta dall’ar­ti­co­lo 27 ca­po­ver­so 1 OAC.79

4 D’in­te­sa con la FOA log, l’UC­NEs ema­na istru­zio­ni con­cer­nen­ti la vi­si­ta di con­trol­lo se­con­do il ca­po­ver­so 3, se­gna­ta­men­te per quan­to con­cer­ne la com­pe­ten­za me­di­ca.80

76 RS 741.51

77 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 13 feb. 2019, in vi­go­re dal 15 mar. 2019 (RU 2019 771).

78 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 13 feb. 2019, in vi­go­re dal 15 mar. 2019 (RU 2019 771).

79 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 13 feb. 2019, in vi­go­re dal 15 mar. 2019 (RU 2019 771).

80 In­tro­dot­to dal n. I dell’O del 14 giu. 2013, in vi­go­re dal 1° lug. 2013 (RU 2013 1801).

Art. 36 Corsi di istruzione continua  

1 All’ini­zio del ser­vi­zio i con­du­cen­ti di tut­te le ca­te­go­rie as­sol­vo­no un’istru­zio­ne di ri­pe­ti­zio­ne con­for­me al­la fun­zio­ne.81

2 La FOA log ema­na le di­ret­ti­ve e sta­bi­li­sce le esi­gen­ze ne­ces­sa­rie a tal fi­ne e de­fi­ni­sce la du­ra­ta di va­li­di­tà dei cor­si di istru­zio­ne con­ti­nua.82

3 I co­man­dan­ti di trup­pa so­no re­spon­sa­bi­li dell’ese­cu­zio­ne.

81 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 13 feb. 2019, in vi­go­re dal 15 mar. 2019 (RU 2019 771).

82 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 13 feb. 2019, in vi­go­re dal 15 mar. 2019 (RU 2019 771).

Sezione 5: Revoca della licenza di condurre civile e dell’autorizzazione a condurre militare

Art. 37 Revoca della licenza di condurre civile  

1 Il con­du­cen­te al qua­le è sta­ta re­vo­ca­ta la li­cen­za di con­dur­re ci­vi­le non può gui­da­re al­cun au­to­vei­co­lo nem­me­no in ser­vi­zio mi­li­ta­re. I con­du­cen­ti de­vo­no an­nun­cia­re im­me­dia­ta­men­te al lo­ro co­man­dan­te di trup­pa il ri­ti­ro del­la li­cen­za quan­do il pe­rio­do di re­vo­ca ca­de du­ran­te un ser­vi­zio.

2 Qua­lo­ra, in ser­vi­zio mi­li­ta­re, vi fos­se­ro mo­ti­vi per re­vo­ca­re la li­cen­za di con­dur­re ci­vi­le, il co­man­dan­te di trup­pa, gli or­ga­ni del­la po­li­zia mi­li­ta­re o gli or­ga­ni del­la giu­sti­zia mi­li­ta­re ne in­for­ma­no l’UC­NEs.

3 L’UC­NEs av­vi­sa le au­to­ri­tà am­mi­ni­stra­ti­ve ci­vi­li com­pe­ten­ti del Can­to­ne di do­mi­ci­lio.

Art. 38 Revoca dell’autorizzazione a condurre militare  

1 L’UC­NEs re­vo­ca ai mi­li­ta­ri l’au­to­riz­za­zio­ne a con­dur­re mi­li­ta­re quan­do:

a.
la lo­ro li­cen­za di con­dur­re ci­vi­le è sta­ta ri­pe­tu­ta­men­te o de­fi­ni­ti­va­men­te re­vo­ca­ta;
b.
non sod­di­sfa­no più le esi­gen­ze po­ste ai con­du­cen­ti mi­li­ta­ri;
c.83
non os­ser­va­no le pre­scri­zio­ni mi­li­ta­ri in ma­te­ria di con­su­mo di al­col o di stu­pe­fa­cen­ti;
d.
non sod­di­sfa­no più le esi­gen­ze e le con­di­zio­ni per il ri­la­scio del­la li­cen­za di con­dur­re ci­vi­le o dell’au­to­riz­za­zio­ne a con­dur­re mi­li­ta­re;
e.84
non sod­di­sfa­no più le esi­gen­ze me­di­che.

2 L’au­to­riz­za­zio­ne a con­dur­re mi­li­ta­re è re­vo­ca­ta per tut­te le ca­te­go­rie. Ai mi­li­ta­ri che, con­for­me­men­te all’al­le­ga­to 1 nu­me­ro 4 OAMM85, so­no di­chia­ra­ti abi­li al ser­vi­zio mi­li­ta­re uni­ca­men­te per fun­zio­ni par­ti­co­la­ri, l’au­to­riz­za­zio­ne a con­dur­re mi­li­ta­re è re­vo­ca­ta per tut­te le ca­te­go­rie, fat­ta ec­ce­zio­ne per quel­le men­zio­na­te all’ar­ti­co­lo 25 ca­po­ver­so 4.86

3 Con­tro la de­ci­sio­ne di re­vo­ca dell’au­to­riz­za­zio­ne a con­dur­re mi­li­ta­re può es­se­re inol­tra­to re­cla­mo.

83 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 12 nov. 2008, in vi­go­re dal 1° gen. 2009 (RU 2008 5653).

84 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 14 giu. 2013, in vi­go­re dal 1° lug. 2013 (RU 2013 1801).

85 RS 511.12

86 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 13 feb. 2019, in vi­go­re dal 15 mar. 2019 (RU 2019 771).

Capitolo 4: Veicoli

Sezione 1: Eccezioni alle esigenze tecniche civili per i veicoli stradali

Art. 39 Principio 87  

L’UC­NEs può, in sin­go­li ca­si mo­ti­va­ti, or­di­na­re per i vei­co­li mi­li­ta­ri de­ro­ghe all’OETV88 non­ché al­le pre­scri­zio­ni con­cer­nen­ti le di­men­sio­ni e il pe­so dei vei­co­li e del lo­ro ca­ri­co.

87 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 13 feb. 2019, in vi­go­re dal 15 mar. 2019 (RU 2019 771).

88 RS 741.41

Art. 40 Veicoli cingolati  

1 I vei­co­li cin­go­la­ti non ne­ces­si­ta­no di ap­pa­rec­chio per la re­gi­stra­zio­ne dei da­ti né di odo­cro­no­gra­fo. 89

2 L’ob­bli­go dell’esa­me pe­rio­di­co dei vei­co­li cin­go­la­ti è abo­li­to; in so­sti­tu­zio­ne, si ef­fet­tua­no con­trol­li tec­ni­ci re­go­la­ri nell’am­bi­to del­la ma­nu­ten­zio­ne.

89 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 12 nov. 2008, in vi­go­re dal 1° gen. 2009 (RU 2008 5653).

Art. 41 Altri veicoli  

1 Le pre­scri­zio­ni con­cer­nen­ti le esi­gen­ze tec­ni­che per i vei­co­li stra­da­li non­ché la co­stru­zio­ne, l’equi­pag­gia­men­to, le di­men­sio­ni e il pe­so dei vei­co­li (po­ten­za del mo­to­re, va­lo­ri li­mi­te di fu­mo, gas di sca­ri­co o ru­mo­re ecc.) va­le­vo­li all’at­to del ri­la­scio dell’ap­pro­va­zio­ne del ti­po del per­ti­nen­te vei­co­lo so­no pu­re ap­pli­ca­bi­li ai vei­co­li mi­li­ta­ri del­lo stes­so ti­po mes­si in cir­co­la­zio­ne per la pri­ma vol­ta ul­te­rior­men­te.

1bis In au­to­vei­co­li pe­san­ti, se­gna­ta­men­te in au­to­car­ri, pos­so­no es­se­re au­to­riz­za­ti se­di­li sup­ple­men­ta­ri nel­lo spa­zio di ca­ri­co.90

2 Le pre­scri­zio­ni dell’ADR91 e del­la SDR92 ri­guar­dan­ti la co­stru­zio­ne e l’equi­pag­gia­men­to di vei­co­li non so­no ap­pli­ca­bi­li ai vei­co­li mi­li­ta­ri per il traf­fi­co di col­let­ta­me che so­no sta­ti mes­si in cir­co­la­zio­ne pri­ma del 1° gen­na­io 2000 e il cui uso rien­tra nel cam­po d’ap­pli­ca­zio­ne de­gli al­le­ga­ti 1 e 2 del­la pre­sen­te or­di­nan­za. Es­se so­no tut­ta­via ap­pli­ca­bi­li ai vei­co­li prov­vi­sti di ci­ster­ne fis­se (vei­co­li ci­ster­na), ci­ster­ne smon­ta­bi­li, con­tai­ner-ci­ster­na, cas­se mo­bi­li ci­ster­na o ci­ster­ne mo­bi­li non­ché ai vei­co­li bat­te­ria e ai vei­co­li prov­vi­sti di con­tai­ner per gas a ele­men­ti mul­ti­pli (CGEM). Le ec­ce­zio­ni so­no in­di­ca­te nell’al­le­ga­to 1.93

3 I vei­co­li blin­da­ti ruo­ta­ti o cin­go­la­ti mu­ni­ti di un im­pian­to an­tin­cen­dio di bor­do o di un estin­to­re di al­me­no 2 chi­lo­gram­mi so­no esen­ta­ti dall’ob­bli­go di es­se­re equi­pag­gia­ti con estin­to­ri se­con­do l’ar­ti­co­lo 114 ca­po­ver­so 2 OETV94.95

3bis I vei­co­li blin­da­ti ruo­ta­ti so­no equi­pa­ra­ti ai vei­co­li cin­go­la­ti per quan­to con­cer­ne la mi­su­ra­zio­ne del fu­mo, dei gas di sca­ri­co e dell’eva­po­ra­zio­ne. Al­tri vei­co­li mi­li­ta­ri de­vo­no adem­pie­re le pre­scri­zio­ni in ma­te­ria di mi­su­ra­zio­ne del fu­mo, dei gas di sca­ri­co e dell’eva­po­ra­zio­ne nei li­mi­ti con­sen­ti­ti dal lo­ro im­pie­go.96

4 Gli in­ter­val­li de­gli esa­mi pe­rio­di­ci dei vei­co­li mi­li­ta­ri so­no sta­bi­li­ti dall’UC­NEs.

90 In­tro­dot­to dal n. I dell’O del 14 giu. 2013, in vi­go­re dal 1° lug. 2013 (RU 2013 1801).

91 RS 0.741.621

92 RS 741.621

93 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 14 giu. 2013, in vi­go­re dal 1° lug. 2013 (RU 2013 1801).

94 RS 741.41

95 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 16 nov. 2016, in vi­go­re dal 1° gen. 2017 (RU 2016 4423).

96 In­tro­dot­to dal n. I dell’O del 12 nov. 2008 (RU 2008 5653). Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 14 giu. 2013, in vi­go­re dal 1° lug. 2013 (RU 2013 1801).

Art. 42 Approvazione del tipo  

L’UC­NEs è com­pe­ten­te per l’ap­pro­va­zio­ne del ti­po, sem­pre che il vei­co­lo non cor­ri­spon­da a un ti­po og­get­to di un’ap­pro­va­zio­ne del ti­po ci­vi­le.

Sezione 2: Immatricolazione dei veicoli e contrassegni

Art. 43 Veicoli militari  

1 Di re­go­la, i vei­co­li mi­li­ta­ri cir­co­la­no con tar­ghe di con­trol­lo mi­li­ta­ri. In ca­so di uti­liz­za­zio­ne da par­te del­la trup­pa es­si de­vo­no es­se­re con­tras­se­gna­ti con l’in­di­ca­zio­ne del­la for­ma­zio­ne.

2 La con­se­gna di vei­co­li mi­li­ta­ri a ter­zi è ret­ta dall’ar­ti­co­lo 8 OVCC97.98

97 RS 514.31

98 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 14 giu. 2013, in vi­go­re dal 1° lug. 2013 (RU 2013 1801).

Art. 43a Requisiti formali per le targhe di controllo militari 99  

1 Le tar­ghe di con­trol­lo mi­li­ta­ri de­vo­no es­se­re ret­tan­go­la­ri.

2 Se le tar­ghe di con­trol­lo mi­li­ta­ri non pos­so­no es­se­re ap­pli­ca­te in mo­do ade­gua­to, lo stem­ma, le let­te­re e le ci­fre de­vo­no es­se­re di­pin­te o in­col­la­te sul­la car­roz­ze­ria su fon­do gri­gio scu­ro.

3 Per i ri­mor­chi mi­li­ta­ri, la tar­ga con due ri­ghe di iscri­zio­ne può cor­ri­spon­de­re al for­ma­to del­la tar­ga per mo­to­vei­co­li e la tar­ga con una so­la ri­ga di iscri­zio­ne può cor­ri­spon­de­re al­la tar­ga an­te­rio­re de­gli au­to­vei­co­li.

4 Sul­la tar­ga con due ri­ghe di iscri­zio­ne ad uso dei ri­mor­chi mi­li­ta­ri, le pri­me due ci­fre so­no iscrit­te nel­la par­te su­pe­rio­re, di fian­co al­la let­te­ra at­tri­bui­ta; sul­la tar­ga con una so­la ri­ga di iscri­zio­ne può es­se­re la­scia­to uno spa­zio mag­gio­re tra la se­con­da e la ter­za ci­fra. Lo stem­ma è sop­pres­so.

99 In­tro­dot­to n. I dell’O del 13 feb. 2019, in vi­go­re dal 15 mar. 2019 (RU 2019 771).

Art. 44 Veicoli di requisizione  

1 I vei­co­li di re­qui­si­zio­ne cir­co­la­no con tar­ghe di con­trol­lo can­to­na­li.

2 In man­can­za di li­cen­za di cir­co­la­zio­ne e di tar­ghe di con­trol­lo, que­st’ul­ti­me so­no so­sti­tui­te dal­la de­ci­sio­ne di re­qui­si­zio­ne du­ran­te le cor­se vol­te a con­se­gna­re il vei­co­lo.

3 Do­po il ri­ti­ro da par­te del­la trup­pa, il nu­me­ro di ma­tri­co­la del vei­co­lo di­ven­ta il nu­me­ro del­la tar­ga di con­trol­lo mi­li­ta­re.

4 I vei­co­li di re­qui­si­zio­ne de­vo­no es­se­re con­tras­se­gna­ti co­me vei­co­li mi­li­ta­ri ed es­se­re mu­ni­ti dell’in­di­ca­zio­ne del­la for­ma­zio­ne.

Art. 45 Veicoli noleggiati  

I vei­co­li no­leg­gia­ti cir­co­la­no con tar­ghe di con­trol­lo can­to­na­li. Il de­ten­to­re ci­vi­le as­su­me la re­spon­sa­bi­li­tà ci­vi­le con­for­me­men­te al­la LC­Str. Le pre­te­se dell’as­si­cu­ra­to­re di re­spon­sa­bi­li­tà ci­vi­le nei con­fron­ti del de­ten­to­re ri­sul­tan­ti da in­ci­den­ti so­prav­ve­nu­ti du­ran­te il no­leg­gio so­no as­sun­te dal­la Con­fe­de­ra­zio­ne. So­no fat­te sal­ve le pre­te­se ai sen­si del­la LM.

Art. 46 Iscrizioni nella licenza di circolazione  

1 L’UC­NEs può iscri­ve­re nel­la li­cen­za di cir­co­la­zio­ne le de­ci­sio­ni ne­ces­sa­rie per i vei­co­li mi­li­ta­ri.

2 L’au­to­riz­za­zio­ne di por­ta­re lu­ci gial­le di pe­ri­co­lo de­ve fi­gu­ra­re so­lo se det­te lu­ci so­no fis­sa­te e ap­pli­ca­te in per­ma­nen­za al vei­co­lo mi­li­ta­re.

Sezione 3: Uso dei veicoli

Art. 46a Uso dei veicoli militari 100  

I con­du­cen­ti pos­so­no gui­da­re vei­co­li mi­li­ta­ri sol­tan­to quan­do ne so­no sta­ti espres­sa­men­te au­to­riz­za­ti o le cir­co­stan­ze lo giu­sti­fi­ca­no.

100 In­tro­dot­to dal n. I dell’O del 14 giu. 2013, in vi­go­re dal 1° lug. 2013 (RU 2013 1801).

Art. 47 Corse private e trasporti di civili  

1 Non è per­mes­so fa­re uso di vei­co­li mi­li­ta­ri per cor­se pri­va­te.

2 I ci­vi­li non so­no au­to­riz­za­ti a viag­gia­re su vei­co­li mi­li­ta­ri, sal­vo se:

a.
par­te­ci­pa­no a un’eser­ci­ta­zio­ne mi­li­ta­re, a un’at­ti­vi­tà di ser­vi­zio del­la trup­pa o a ma­ni­fe­sta­zio­ni mi­li­ta­ri fuo­ri del ser­vi­zio;
b.
de­vo­no es­se­re tra­spor­ta­ti co­me vi­si­ta­to­ri in oc­ca­sio­ne di eser­ci­ta­zio­ni mi­li­ta­ri, gior­na­te del­le por­te aper­te, con­se­gne del­la ban­die­ra o del­lo sten­dar­do, ce­ri­mo­nie di pro­mo­zio­ne op­pu­re du­ran­te ma­ni­fe­sta­zio­ni mi­li­ta­ri fuo­ri del ser­vi­zio;
c.101
par­te­ci­pa­no a vi­si­te mi­li­ta­ri or­ga­niz­za­te o de­vo­no es­se­re tra­spor­ta­ti nel qua­dro di im­pie­ghi del­la trup­pa au­to­riz­za­ti con­for­me­men­te all’or­di­nan­za del 21 ago­sto 2013102 con­cer­nen­te l’ap­pog­gio a fa­vo­re di at­ti­vi­tà ci­vi­li e di at­ti­vi­tà fuo­ri del ser­vi­zio me­dian­te mez­zi mi­li­ta­ri;
d.
de­vo­no es­se­re tra­spor­ta­ti per al­tre ra­gio­ni di ser­vi­zio o d’or­di­ne mi­li­ta­re;
e.
de­vo­no es­se­re tra­spor­ta­ti in ca­so d’ur­gen­za o per pre­sta­re soc­cor­so.103

3 ...104

101 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. II dell’O del 13 gen. 2016, in vi­go­re dal 15 feb. 2016 (RU 2016 393).

102 RS 513.74

103 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 14 giu. 2013, in vi­go­re dal 1° lug. 2013 (RU 2013 1801).

104 Abro­ga­to dal n. I dell’O del 14 giu. 2013, con ef­fet­to dal 1° lug. 2013 (RU 2013 1801).

Art. 48 Uso privato di veicoli civili 105  

L’uso pri­va­to di vei­co­li ci­vi­li in ser­vi­zio mi­li­ta­re è per­mes­so sol­tan­to per l’en­tra­ta in ser­vi­zio, du­ran­te i con­ge­di e do­po il li­cen­zia­men­to. Il co­man­dan­te può au­to­riz­za­re de­ro­ghe in ca­si mo­ti­va­ti.

105 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 13 feb. 2019, in vi­go­re dal 15 mar. 2019 (RU 2019 771).

Art. 49 Uso di veicoli civili per ragioni di servizio  

1 In ca­si par­ti­co­la­ri può es­se­re au­to­riz­za­ta l’uti­liz­za­zio­ne tem­po­ra­nea, in ser­vi­zio mi­li­ta­re, di vei­co­li ci­vi­li. A ta­li vei­co­li ci­vi­li si ap­pli­ca­no per il ri­ma­nen­te gli ar­ti­co­li 105–109 OAE106.107

2 Le li­mi­ta­zio­ni pre­scrit­te per l’uso di vei­co­li da la­vo­ro ci­vi­li e di vei­co­li agri­co­li ci­vi­li non so­no va­le­vo­li quan­do ta­li vei­co­li so­no im­pie­ga­ti dal­la trup­pa.

106 RS 510.301

107 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 13 feb. 2019, in vi­go­re dal 15 mar. 2019 (RU 2019 771).

Art. 50 Passeggeri di veicoli militari  

1 È per­mes­so tra­spor­ta­re per­so­ne sul pia­no di ca­ri­co di vei­co­li mi­li­ta­ri sol­tan­to se i pas­seg­ge­ri so­no pro­tet­ti da fian­ca­te suf­fi­cien­te­men­te al­te. È vie­ta­to spor­ger­si e sta­re in pie­di non­ché se­der­si sul­le fian­ca­te o sul­la spon­da po­ste­rio­re. De­ve es­se­re as­si­cu­ra­ta un’ae­ra­zio­ne suf­fi­cien­te.

2 So­no vie­ta­ti i tra­spor­ti di per­so­ne sul pia­no di ca­ri­co di vei­co­li mi­li­ta­ri mu­ni­ti di piat­ta­for­me ele­va­tri­ci o di so­pra­strut­tu­re scar­ra­bi­li. 108

3 Gli og­get­ti o le ma­te­rie tra­spor­ta­ti non de­vo­no co­sti­tui­re un pe­ri­co­lo per i pas­seg­ge­ri.

4 ...109

5 È vie­ta­to il tra­spor­to di per­so­ne sul­la so­pra­strut­tu­ra di vei­co­li blin­da­ti ruo­ta­ti o cin­go­la­ti. Se ne­ces­sa­rio, i pas­seg­ge­ri dei ri­ma­nen­ti vei­co­li spe­cia­li e da la­vo­ro pos­so­no pren­de­re po­sto, du­ran­te la cor­sa, fuo­ri del­la ca­bi­na di gui­da. Es­si de­vo­no po­ter­si te­ne­re sal­da­men­te.

6 ...110

7 I mi­li­ta­ri pos­so­no viag­gia­re in pie­di sul vei­co­lo per sro­to­la­re e ar­ro­to­la­re le ma­ni­chet­te an­tin­cen­dio, sem­pre che pos­sa­no te­ner­si sal­da­men­te e il vei­co­lo non viag­gi a più di 30 km/h.

8 Su vei­co­li i cui con­du­cen­ti por­ta­no la ma­sche­ra di pro­te­zio­ne e cir­co­la­no con spor­tel­li chiu­si, vi­so­ri not­tur­ni e in­ten­si­fi­ca­to­ri del­la lu­ce re­si­dua, pos­so­no es­se­re tra­spor­ta­ti mi­li­ta­ri sol­tan­to se so­no sta­te adot­ta­te le mi­su­re di si­cu­rez­za di cui all’ar­ti­co­lo 69.111

108 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 12 nov. 2008, in vi­go­re dal 1° gen. 2009 (RU 2008 5653).

109 Abro­ga­to dal n. I dell’O del 14 giu. 2013, con ef­fet­to dal 1° lug. 2013 (RU 2013 1801).

110 Abro­ga­to dal n. I dell’O del 14 giu. 2013, con ef­fet­to dal 1° lug. 2013 (RU 2013 1801).

111 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 14 giu. 2013, in vi­go­re dal 1° lug. 2013 (RU 2013 1801).

Art. 51 Posa di linee della truppa  

1 Du­ran­te l’im­pie­go (po­sa di li­nee) è per­mes­so sta­re sui pre­del­li­ni ap­po­si­ta­men­te si­ste­ma­ti a ta­le sco­po die­tro agli au­to­vei­co­li o die­tro ai ri­mor­chi. Se è ag­gan­cia­to un ri­mor­chio, sul vei­co­lo trat­to­re non è con­sen­ti­to mon­ta­re al­cun pre­del­li­no.

2 Se il vei­co­lo per la po­sa di li­nee pro­ce­de al pas­so, è per­mes­so sa­li­re e scen­de­re, con la do­vu­ta pre­cau­zio­ne, dal pre­del­li­no.

3 Se du­ran­te la po­sa di li­nee la ve­lo­ci­tà non su­pe­ra i 30 km/h:

a.
l’aiu­to con­du­cen­te e i pas­seg­ge­ri del vei­co­lo per la po­sa di li­nee e del ri­mor­chio pos­so­no viag­gia­re in pie­di; es­si de­vo­no tut­ta­via po­ter­si te­ne­re sal­da­men­te;
b.
sul ri­mor­chio del vei­co­lo per la po­sa di li­nee pos­so­no viag­gia­re quat­tro per­so­ne al mas­si­mo.
Art. 52 Rimorchi di veicoli militari e rimorchiatura a traino  

1 Il trai­no di più di un ri­mor­chio è con­sen­ti­to uni­ca­men­te con l’au­to­riz­za­zio­ne dell’UC­NEs.

2 Nel traf­fi­co in­ter­no d’azien­da, gli ae­ro­pla­ni pos­so­no es­se­re trai­na­ti da vei­co­li mi­li­ta­ri.

Art. 53 Traino di sciatori  

1 I vei­co­li per la pre­pa­ra­zio­ne di pi­ste da sci pos­so­no trai­na­re die­ci scia­to­ri al mas­si­mo. Die­tro al vei­co­lo de­ve es­se­re ap­pli­ca­to un ar­co di si­cu­rez­za per pre­ve­ni­re gli ur­ti.

2 Le mo­to­slit­te pos­so­no trai­na­re due scia­to­ri per trac­cia­re una pi­sta di fon­do.

3 Gli scia­to­ri de­vo­no te­ner­si al­la cor­da da trai­no in mo­do da po­ter­la la­scia­re im­me­dia­ta­men­te. Pri­ma del­la par­ten­za il con­du­cen­te del vei­co­lo in­for­ma gli scia­to­ri sul mo­do di com­por­tar­si.

Sezione 4: Veicoli e trasporti speciali

Art. 54 Obbligo dell’autorizzazione  

1 Le cor­se con vei­co­li blin­da­ti ruo­ta­ti e con vei­co­li mi­li­ta­ri spe­cia­li non­ché i tra­spor­ti spe­cia­li fuo­ri dei pe­ri­me­tri del­le ca­ser­me, del­le piaz­ze d’eser­ci­ta­zio­ne e si­mi­li pos­so­no es­se­re ef­fet­tua­ti sen­za au­to­riz­za­zio­ne se non so­no su­pe­ra­ti le di­men­sio­ni e i li­mi­ti di pe­so se­guen­ti:112

a.
una lun­ghez­za di 30 m;
b.
una spor­gen­za del ca­ri­co di 3 m an­te­rior­men­te, mi­su­ra­ta dal cen­tro del­lo ster­zo, o di 5 m po­ste­rior­men­te, mi­su­ra­ta dal cen­tro dell’as­se po­ste­rio­re o dal pun­to di ro­ta­zio­ne dell’as­se po­ste­rio­re;
c.
una lar­ghez­za di 3 m;
d.113
...
e.
un’al­tez­za di 4 m;
f.114
f.un pe­so ef­fet­ti­vo di 44 t;
g.115
un ca­ri­co di 12 t per as­se sem­pli­ce, di 20 t per dop­pio as­se e di 30 t per tri­plo as­se.

2 Se so­no ol­tre­pas­sa­ti i pe­si e le mi­su­re di cui al ca­po­ver­so 1, è ne­ces­sa­ria un’au­to­riz­za­zio­ne dell’UC­NEs. Es­so con­sul­ta le au­to­ri­tà ci­vi­li com­pe­ten­ti e de­ci­de le con­di­zio­ni e le mi­su­re di si­cu­rez­za ne­ces­sa­rie. Le au­to­riz­za­zio­ni di lun­ga du­ra­ta de­vo­no es­se­re li­mi­ta­te a 36 me­si.

112 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 14 giu. 2013, in vi­go­re dal 1° lug. 2013 (RU 2013 1801).

113 Abro­ga­ta dal n. I dell’O del 25 nov. 2020, con ef­fet­to dal 1° gen. 2021 (RU 2020 6015).

114 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 14 giu. 2013, in vi­go­re dal 1° lug. 2013 (RU 2013 1801).

115 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 14 giu. 2013, in vi­go­re dal 1° lug. 2013 (RU 2013 1801).

Art. 55 Trasporto di merci su veicoli da lavoro  

I vei­co­li da la­vo­ro pos­so­no es­se­re usa­ti dal­la trup­pa per il tra­spor­to di mer­ci e ca­ri­chi:

a.
su bre­vi trat­ti, al­lo sco­po di ca­ri­ca­re e sca­ri­ca­re vei­co­li, car­ri fer­ro­via­ri, bat­tel­li e ae­ro­pla­ni;
b.
sui can­tie­ri;
c.
sul­le piaz­ze d’eser­ci­ta­zio­ne;
d.
nel traf­fi­co in­ter­no d’azien­da.
Art. 56 Corse con veicoli cingolati  

1 Per le cor­se con vei­co­li cin­go­la­ti del­la ca­te­go­ria prin­ci­pa­le 950 fuo­ri dei pe­ri­me­tri del­le ca­ser­me, dei pe­ri­me­tri de­gli eser­ci­zi lo­gi­sti­ci dell’eser­ci­to e del­le piaz­ze d’eser­ci­ta­zio­ne, è ne­ces­sa­ria di mas­si­ma un’au­to­riz­za­zio­ne del­la po­li­zia mi­li­ta­re. Que­st’ul­ti­ma con­sul­ta le au­to­ri­tà ci­vi­li com­pe­ten­ti e de­ci­de le con­di­zio­ni e le mi­su­re di si­cu­rez­za ne­ces­sa­rie.116

2 Tran­ne che sul­le se­miau­to­stra­de e au­to­stra­de, pos­so­no cir­co­la­re sen­za au­to­riz­za­zio­ne:

a.
i car­ri ar­ma­ti di ri­cu­pe­ro, per pre­sta­re soc­cor­so;
b.
i car­ri ar­ma­ti gra­na­tie­ri del­la se­rie M 113;
c.
i vei­co­li cin­go­la­ti da tra­spor­to M 548;
d.
tut­ti i vei­co­li cin­go­la­ti sul­le stra­de del­la ca­te­go­ria P1 men­zio­na­te nel­le car­te stra­da­li per car­ri ar­ma­ti.

116 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 14 giu. 2013, in vi­go­re dal 1° lug. 2013 (RU 2013 1801).

Art. 57 Misure di sicurezza in caso di corse con veicoli blindati ruotati o cingolati 117  

1 Per tut­te le cor­se con vei­co­li cin­go­la­ti fuo­ri dei pe­ri­me­tri del­le ca­ser­me, dei pe­ri­me­tri de­gli eser­ci­zi lo­gi­sti­ci dell’eser­ci­to e del­le piaz­ze d’eser­ci­ta­zio­ne, il per­cor­so de­ve es­se­re ri­co­no­sciu­to im­me­dia­ta­men­te pri­ma del­la cor­sa.

2 Du­ran­te la cor­sa la di­stan­za tra i vei­co­li blin­da­ti ruo­ta­ti o cin­go­la­ti de­ve es­se­re di al­me­no 50 me­tri, tran­ne du­ran­te le cor­se all’in­ter­no dei pe­ri­me­tri del­le ca­ser­me, dei pe­ri­me­tri del­la Ba­se lo­gi­sti­ca dell’eser­ci­to, del­le piaz­ze di ti­ro, del­le piaz­ze d’eser­ci­ta­zio­ne e dei vil­lag­gi d’eser­ci­ta­zio­ne.118

2bis In oc­ca­sio­ne di cor­se al di fuo­ri dei pe­ri­me­tri del­le ca­ser­me, dei pe­ri­me­tri del­la Ba­se lo­gi­sti­ca dell’eser­ci­to, del­le piaz­ze di ti­ro, del­le piaz­ze d’eser­ci­ta­zio­ne e dei vil­lag­gi d’eser­ci­ta­zio­ne, i vei­co­li blin­da­ti ruo­ta­ti o cin­go­la­ti ec­ces­si­va­men­te lar­ghi de­vo­no es­se­re con­tras­se­gna­ti con i mez­zi pre­vi­sti a tal fi­ne.119

3 Gli equi­pag­gi dei vei­co­li cin­go­la­ti pos­so­no con­ce­de­re agli al­tri uten­ti del­la stra­da il per­mes­so di sor­pas­sa­re sol­tan­to nei ca­si in cui ta­le ma­no­vra è con­sen­ti­ta dal­le nor­me ge­ne­ra­li. Sem­pre che pos­sa es­se­re esclu­so qual­sia­si pe­ri­co­lo, il se­gno d’in­vi­to al sor­pas­so può es­se­re da­to ec­ce­zio­nal­men­te an­che nei pun­ti in cui i se­gna­li o le de­mar­ca­zio­ni vie­ta­no ta­le ma­no­vra.

4 Agli al­tri uten­ti del­la stra­da de­ve es­se­re fa­ci­li­ta­to il sor­pas­so, se ne­ces­sa­rio me­dian­te so­ste.

5 In oc­ca­sio­ne di cor­se al di fuo­ri dei pe­ri­me­tri del­le ca­ser­me, dei pe­ri­me­tri del­la Ba­se lo­gi­sti­ca dell’eser­ci­to, del­le piaz­ze di ti­ro, del­le piaz­ze d’eser­ci­ta­zio­ne e dei vil­lag­gi d’eser­ci­ta­zio­ne la co­lon­na o il sin­go­lo vei­co­lo cin­go­la­to de­vo­no es­se­re pre­ce­du­ti da un vei­co­lo d’ac­com­pa­gna­men­to con la lu­ce gial­la di pe­ri­co­lo ac­ce­sa. Su se­miau­to­stra­de e su au­to­stra­de, il vei­co­lo d’ac­com­pa­gna­men­to se­gue la co­lon­na o il sin­go­lo vei­co­lo cin­go­la­to.120

6 Tran­ne che sul­le se­miau­to­stra­de e au­to­stra­de, pos­so­no cir­co­la­re sen­za vei­co­li d’ac­com­pa­gna­men­to:

a.
i car­ri ar­ma­ti gra­na­tie­ri del­la se­rie M 113;
b.
i vei­co­li cin­go­la­ti da tra­spor­to M 548.121

117 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 13 feb. 2019, in vi­go­re dal 15 mar. 2019 (RU 2019 771).

118 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 13 feb. 2019, in vi­go­re dal 15 mar. 2019 (RU 2019 771).

119 In­tro­dot­to dal n. I dell’O del 25 nov. 2020, in vi­go­re dal 1° gen. 2021 (RU 2020 6015).

120 In­tro­dot­to dal n. I dell’O del 14 giu. 2013 (RU 2013 1801). Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 13 feb. 2019, in vi­go­re dal 15 mar. 2019 (RU 2019 771).

121 In­tro­dot­to dal n. I dell’O del 29 gen. 2014, in vi­go­re dal 1° mar. 2014 (RU 2014 467).

Capitolo 5: Trasporto di merci pericolose

Art. 58 Principi  

1 Il tra­spor­to di mer­ci pe­ri­co­lo­se è di­sci­pli­na­to da­gli al­le­ga­ti 1 e 2 del­la pre­sen­te or­di­nan­za.

2 Il DDPS può mo­di­fi­ca­re gli al­le­ga­ti 1 e 2 del­la pre­sen­te or­di­nan­za con il con­sen­so del DA­TEC.

Art. 59 Istruzione 122123  

1 Chi tra­spor­ta mer­ci pe­ri­co­lo­se de­ve aver as­sol­to la per­ti­nen­te istru­zio­ne.

2 L’UC­NEs de­fi­ni­sce le di­ret­ti­ve in ma­te­ria d’istru­zio­ne ed esa­mi in ba­se al­le pre­scri­zio­ni dell’ADR124.

3 Può de­le­ga­re ta­le com­pi­to a ter­zi.125

122 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 12 nov. 2008, in vi­go­re dal 1° gen. 2009 (RU 2008 5653).

123 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 14 giu. 2013, in vi­go­re dal 1° lug. 2013 (RU 2013 1801).

124 RS 0.741.621

125 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 13 feb. 2019, in vi­go­re dal 15 mar. 2019 (RU 2019 771).

Capitolo 6: Norme per la circolazione dei veicoli

Sezione 1: Idoneità alla guida

Art. 60 Idoneità del conducente alla guida  

1 La per­so­na che con­du­ce un vei­co­lo du­ran­te il ser­vi­zio mi­li­ta­re, per un’at­ti­vi­tà mi­li­ta­re fuo­ri del ser­vi­zio o in qua­li­tà di per­so­na­le ci­vi­le dell’Ag­grup­pa­men­to Di­fe­sa du­ran­te un im­pie­go mi­li­ta­re se­con­do l’ar­ti­co­lo 65c LM ri­spon­de del­la pro­pria ido­nei­tà al­la gui­da. La per­so­na in­te­res­sa­ta è te­nu­ta a co­mu­ni­ca­re al pro­prio su­pe­rio­re le ra­gio­ni che la ren­do­no par­zial­men­te o to­tal­men­te ina­bi­le al­la gui­da. L’ina­bi­li­tà al­la gui­da è con­si­de­ra­ta in ogni ca­so pro­va­ta se il con­du­cen­te con­trav­vie­ne al­le pre­scri­zio­ni de­gli ar­ti­co­li 60-63.126

2 I su­pe­rio­ri sor­ve­glia­no di mas­si­ma l’ido­nei­tà dei con­du­cen­ti al­la gui­da.

3 Per quan­to con­cer­ne l’ido­nei­tà al­la gui­da, il per­so­na­le mi­li­ta­re e gli in­se­gnan­ti spe­cia­li­sti che con­du­co­no vei­co­li mi­li­ta­ri du­ran­te la lo­ro at­ti­vi­tà pro­fes­sio­na­le sot­to­stan­no al­la le­gi­sla­zio­ne ci­vi­le sul­la cir­co­la­zio­ne stra­da­le. Non si ap­pli­ca­no gli ar­ti­co­li 61–63.127

126 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 13 feb. 2019, in vi­go­re dal 15 mar. 2019 (RU 2019 771).

127 In­tro­dot­to dal n. I dell’O del 14 giu. 2013, in vi­go­re dal 1° lug. 2013 (RU 2013 1801).

Art. 61 Tempo di riposo e di guida 128  

1 La per­so­na che con­du­ce un au­to­vei­co­lo du­ran­te il ser­vi­zio mi­li­ta­re de­ve aver os­ser­va­to in ogni mo­men­to di ta­le at­ti­vi­tà un tem­po di ri­po­so di sei ore con­se­cu­ti­ve nel­le 24 ore che pre­ce­do­no.129

2 Du­ran­te le eser­ci­ta­zio­ni il tem­po di ri­po­so può es­se­re fra­zio­na­to. In tal ca­so de­ve am­mon­ta­re ad al­me­no ot­to ore. È pos­si­bi­le una sud­di­vi­sio­ne in bloc­chi di una vol­ta quat­tro ore più due vol­te due ore, di una vol­ta cin­que ore più una vol­ta tre ore op­pu­re di due vol­te quat­tro ore.

3 È con­si­de­ra­to tem­po di ri­po­so:

a.
il tem­po in cui il con­du­cen­te non eser­ci­ta al­cu­na at­ti­vi­tà di ser­vi­zio e ha la pos­si­bi­li­tà di dor­mi­re;
b.
il con­ge­do ge­ne­ra­le (per­cor­so di an­da­ta e ri­tor­no non com­pre­so).

4 Le pau­se or­di­na­te per i pa­sti non so­no con­si­de­ra­te co­me tem­po di ri­po­so.

5 Su 24 ore, il tem­po ef­fet­ti­vo di gui­da non può su­pe­ra­re die­ci ore.

128 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 12 nov. 2008, in vi­go­re dal 1° gen. 2009 (RU 2008 5653).

129 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 16 nov. 2016, in vi­go­re dal 1° gen. 2017 (RU 2016 4423).

Art. 62 Controllo delle ore d’impiego 130  

La per­so­na che con­du­ce un au­to­vei­co­lo du­ran­te il ser­vi­zio mi­li­ta­re tie­ne un con­trol­lo del­le ore d’im­pie­go re­la­ti­vo al­le 24 ore pre­ce­den­ti al­la cor­sa, che por­ta sem­pre con sé.

130 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 16 nov. 2016, in vi­go­re dal 1° gen. 2017 (RU 2016 4423).

Art. 63 Consumo di alcol e stupefacenti 131  

1 La per­so­na che sa o, se­con­do le cir­co­stan­ze, de­ve pre­su­me­re di do­ver gui­da­re un au­to­vei­co­lo du­ran­te il ser­vi­zio mi­li­ta­re o per un’at­ti­vi­tà mi­li­ta­re fuo­ri del ser­vi­zio, de­ve aste­ner­si dal con­su­mo di be­van­de al­co­li­che nel­le sei ore che pre­ce­do­no la cor­sa.132

2 Il con­du­cen­te non può gui­da­re un au­to­vei­co­lo se pre­sen­ta una con­cen­tra­zio­ne di al­col nell’aria espi­ra­ta pa­ri o su­pe­rio­re a 0,05 mg/l o un tas­so al­co­le­mi­co pa­ri o su­pe­rio­re al­lo 0,10 per mil­le, op­pu­re se ha nell’or­ga­ni­smo una quan­ti­tà di al­col ta­le da de­ter­mi­na­re una si­mi­le con­cen­tra­zio­ne nel san­gue.133

3 L’ini­do­nei­tà al­la gui­da è con­si­de­ra­ta in ogni ca­so pro­va­ta se il con­du­cen­te ha con­su­ma­to stu­pe­fa­cen­ti.

4 Il con­du­cen­te an­nun­cia im­me­dia­ta­men­te al me­di­co di trup­pa il con­su­mo di me­di­ca­men­ti e di al­tre so­stan­ze che pos­so­no pre­giu­di­ca­re l’ido­nei­tà al­la gui­da e in­for­ma il su­pe­rio­re ri­guar­do al­la re­stri­zio­ne all’ido­nei­tà al­la gui­da. In tal ca­so il con­du­cen­te non è au­to­riz­za­to a met­ter­si al­la gui­da di un vei­co­lo.

131 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 12 nov. 2008, in vi­go­re dal 1° gen. 2009 (RU 2008 5653).

132 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 14 giu. 2013, in vi­go­re dal 1° lug. 2013 (RU 2013 1801).

133 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. II dell’O del 1° lug. 2015, in vi­go­re dal 1° ott. 2016 (RU 2015 2585).

Art. 63a Procedura 134  

1 Per sta­bi­li­re l’inos­ser­van­za del di­vie­to di con­su­ma­re be­van­de al­co­li­che si ap­pli­ca­no al­le au­to­ri­tà mi­li­ta­ri com­pe­ten­ti le di­spo­si­zio­ni del­la le­gi­sla­zio­ne ci­vi­le sul­la cir­co­la­zio­ne stra­da­le.

2 Nel ca­so in cui l’ac­cer­ta­men­to eti­lo­me­tri­co ven­ga ef­fet­tua­to con un eti­lo­me­tro pre­cur­so­re di cui all’ar­ti­co­lo 11 dell’or­di­nan­za del 28 mar­zo 2007135 sul con­trol­lo del­la cir­co­la­zio­ne stra­da­le, l’inos­ser­van­za del di­vie­to di con­su­ma­re be­van­de al­co­li­che è ac­cer­ta­ta se il va­lo­re più bas­so del­le due mi­su­ra­zio­ni eti­lo­me­tri­che cor­ri­spon­de a una con­cen­tra­zio­ne di al­col nell’aria espi­ra­ta pa­ri o su­pe­rio­re a 0,05 ma in­fe­rio­re a 0,40 mg/l e il con­du­cen­te in­te­res­sa­to ri­co­no­sce que­sto va­lo­re con la pro­pria fir­ma.

134 In­tro­dot­to dal n. I dell’O del 12 nov. 2008 (RU 2008 5653). Nuo­vo te­sto giu­sta il n. II dell’O del 1° lug. 2015, in vi­go­re dal 1° ott. 2016 (RU 2015 2585).

135 RS 741.013

Art. 63b e 63c136  

136 In­tro­dot­ti dal n. I dell’O del 12 nov. 2008 (RU 2008 5653). Abro­ga­ti dal n. II dell’O del 1° lug. 2015, con ef­fet­to dal 1° ott. 2016 (RU 2015 2585).

Sezione 2: Norme della circolazione

Art. 64 Deroghe al diritto civile  

1 Per la cir­co­la­zio­ne stra­da­le mi­li­ta­re si ap­pli­ca­no le nor­me del­la cir­co­la­zio­ne ci­vi­le, sem­pre che la pre­sen­te or­di­nan­za non pre­ve­da de­ro­ghe o di­spo­si­zio­ni com­ple­men­ta­ri.

2 Le de­ro­ghe al­le nor­me del­la cir­co­la­zio­ne ci­vi­le pos­so­no es­se­re am­mes­se sol­tan­to quan­do le ne­ces­si­tà mi­li­ta­ri lo esi­go­no e so­no sta­ti pre­si le mi­su­re di si­cu­rez­za ne­ces­sa­rie non­ché prov­ve­di­men­ti nell’in­te­res­se del­la cir­co­la­zio­ne in ge­ne­ra­le. Det­te de­ro­ghe so­no tut­ta­via esclu­se su se­miau­to­stra­de e au­to­stra­de.

Art. 65 Velocità massime 137  

1 L’UC­NEs può li­mi­ta­re la ve­lo­ci­tà con­sen­ti­ta per sin­go­li ti­pi di vei­co­li e per sin­go­le com­bi­na­zio­ni di vei­co­li. Es­so iscri­ve le re­stri­zio­ni nel­la li­cen­za di cir­co­la­zio­ne.

2 ...138

3 Su se­miau­to­stra­de e au­to­stra­de, i vei­co­li cin­go­la­ti pos­so­no es­se­re gui­da­ti al­la ve­lo­ci­tà mas­si­ma d’eser­ci­zio, te­nen­do in de­bi­ta con­si­de­ra­zio­ne le con­di­zio­ni del­la stra­da, del­la cir­co­la­zio­ne e di vi­si­bi­li­tà.

137 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 14 giu. 2013, in vi­go­re dal 1° lug. 2013 (RU 2013 1801).

138 Abro­ga­to dal n. I dell’O del 13 feb. 2019, con ef­fet­to dal 15 mar. 2019 (RU 2019 771).

Art. 66 Autostrade e semiautostrade  

1 Pos­so­no cir­co­la­re su se­miau­to­stra­de e au­to­stra­de sol­tan­to con l’au­to­riz­za­zio­ne dell’UC­NEs:

a.
le for­ma­zio­ni di ol­tre 30 au­to­vei­co­li non­ché par­ti di for­ma­zio­ni che si sus­se­guo­no nel­lo spa­zio di un’ora e che com­pren­do­no com­ples­si­va­men­te più di 30 au­to­vei­co­li;
b.
i vei­co­li blin­da­ti ruo­ta­ti, i vei­co­li spe­cia­li e i tra­spor­ti spe­cia­li che ol­tre­pas­sa­no le di­men­sio­ni e i li­mi­ti di pe­so di cui all’ar­ti­co­lo 54.139

2 Le eser­ci­ta­zio­ni di com­bat­ti­men­to, le sfi­la­te e la po­sa di se­gna­li e di li­nee so­no vie­ta­te sul­le au­to­stra­de e se­miau­to­stra­de.

139 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 14 giu. 2013, in vi­go­re dal 1° lug. 2013 (RU 2013 1801).

Art. 67 Formazioni di veicoli militari  

1 Fuo­ri del­le lo­ca­li­tà, i vei­co­li mi­li­ta­ri de­vo­no te­ne­re fra di lo­ro una di­stan­za mi­ni­ma di 50 m.

2 Le so­ste di for­ma­zio­ni di vei­co­li sul­le stra­de prin­ci­pa­li e se­con­da­rie so­no con­sen­ti­te sol­tan­to quan­do non esi­sto­no al­tre pos­si­bi­li­tà e se si prov­ve­de a un di­sci­pli­na­men­to del­la cir­co­la­zio­ne e una se­gna­le­ti­ca suf­fi­cien­ti.

3 Il pub­bli­co de­ve es­se­re in­for­ma­to tem­pe­sti­va­men­te per il tra­mi­te dei mez­zi di co­mu­ni­ca­zio­ne di mas­sa in me­ri­to agli spo­sta­men­ti di gros­se for­ma­zio­ni di vei­co­li che pos­so­no per­tur­ba­re la cir­co­la­zio­ne ci­vi­le o il ri­po­so de­gli abi­tan­ti. L’in­for­ma­zio­ne è di com­pe­ten­za dell’UC­NEs.

Sezione 3: Misure di sicurezza

Art. 68 Illuminazione  

1 Di gior­no gli au­to­vei­co­li mi­li­ta­ri cir­co­la­no con i fa­ri a lu­ce anab­ba­glian­te o le lu­ci di cir­co­la­zio­ne diur­na.140

2 I vei­co­li mi­li­ta­ri pos­so­no cir­co­la­re sen­za lu­ci sol­tan­to do­ve non è am­mes­sa la cir­co­la­zio­ne ci­vi­le e se so­no sta­te adot­ta­te le ne­ces­sa­rie mi­su­re di si­cu­rez­za.141

140 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 14 giu. 2013, in vi­go­re dal 1° lug. 2013 (RU 2013 1801).

141 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 16 nov. 2016, in vi­go­re dal 1° gen. 2017 (RU 2016 4423).

Art. 69 Corse con la maschera di protezione, con sportelli chiusi, con visori notturni o con occhiali ad intensificazione della luce residua 142  

1 La gui­da di vei­co­li da par­te di con­du­cen­ti che por­ta­no la ma­sche­ra di pro­te­zio­ne, con spor­tel­li chiu­si, con vi­so­ri not­tur­ni o con oc­chia­li ad in­ten­si­fi­ca­zio­ne del­la lu­ce re­si­dua è am­mes­sa uni­ca­men­te su ter­re­ni d’eser­ci­ta­zio­ne adi­bi­ti a tal fi­ne e sbar­ra­ti. La trup­pa as­si­cu­ra, me­dian­te mez­zi ade­gua­ti qua­li un’ap­po­si­ta se­gna­le­ti­ca, pian­to­ni e os­ser­va­to­ri, che i vei­co­li ci­vi­li e le per­so­ne di con­di­zio­ne ci­vi­le non ab­bia­no ac­ces­so al ter­re­no.

2 In ca­so di oscu­ri­tà per­ti­nen­ti zo­ne vie­ta­te so­no sta­bi­li­te per le trup­pe ap­pie­da­te im­pie­ga­te nell’eser­ci­ta­zio­ne, se det­te trup­pe non di­spon­go­no di oc­chia­li a in­ten­si­fi­ca­zio­ne del­la lu­ce re­si­dua o di al­tri ap­pa­rec­chi per la vi­sio­ne not­tur­na ade­gua­ti.

142 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 25 nov. 2020, in vi­go­re dal 1° gen. 2021 (RU 2020 6015).

Art. 70 Cinture di sicurezza 143  

1 Le cin­tu­re di si­cu­rez­za, se di­spo­ni­bi­li, de­vo­no es­se­re al­lac­cia­te in tut­ti gli au­to­vei­co­li.

2 So­no eso­ne­ra­ti dal sud­det­to ob­bli­go il co­man­dan­te e l’os­ser­va­to­re dell’area re­tro­stan­te di vei­co­li del­le ca­te­go­rie di au­to­riz­za­zio­ni a con­dur­re 950 e 960.144

3 Se il co­man­dan­te or­di­na di pre­pa­ra­re un’usci­ta ra­pi­da, so­no eso­ne­ra­ti dal sud­det­to ob­bli­go an­che i ri­ma­nen­ti pas­seg­ge­ri.145

143 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 14 giu. 2013, in vi­go­re dal 1° lug. 2013 (RU 2013 1801).

144 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 16 nov. 2016, in vi­go­re dal 1° gen. 2017 (RU 2016 4423).

145 In­tro­dot­to dal n. I dell’O del 13 feb. 2019, in vi­go­re dal 15 mar. 2019 (RU 2019 771).

Art. 70a Casco e equipaggiamento di protezione 146  

I mi­li­ta­ri por­ta­no:

a.
sul­le mo­to­ci­clet­te: il ca­sco in­te­gra­le mi­li­ta­re e l’equi­pag­gia­men­to di pro­te­zio­ne per mo­to­ci­cli­sti;
b.
sul­le bi­ci­clet­te: il ca­sco mi­li­ta­re per ci­cli­sti.

146 In­tro­dot­to dal n. I dell’O del 14 giu. 2013, in vi­go­re dal 1° lug. 2013 (RU 2013 1801).

Art. 71 Segnalazione degli animali da sella, da tiro e da soma  

Di not­te o se le con­di­zio­ni me­teo­ro­lo­gi­che lo ri­chie­do­no, gli ani­ma­li da sel­la, da ti­ro e da so­ma im­pie­ga­ti dal­la trup­pa de­vo­no por­ta­re gam­ba­li al­ti ri­flet­ten­ti.

Art. 72 Segnalazione dei pedoni  

1 Du­ran­te il tem­po di la­vo­ro, non ap­pe­na si spo­sta­no a pie­di su stra­de pub­bli­che e se le con­di­zio­ni di vi­si­bi­li­tà lo ri­chie­do­no (se­gna­ta­men­te in ca­so di neb­bia), i mi­li­ta­ri por­ta­no le fa­sce ri­flet­ten­ti da ap­pli­ca­re agli scar­po­ni.

2 Di not­te e se le con­di­zio­ni me­teo­ro­lo­gi­che lo ri­chie­do­no, le co­lon­ne di pe­do­ni su stra­de pub­bli­che so­no se­gna­la­te al­me­no all’ini­zio e al­la fi­ne con un’ade­gua­ta fon­te lu­mi­no­sa anab­ba­glian­te (pi­la ta­sca­bi­le, tor­cia elet­tri­ca ecc.).

Sezione 4: Lavori sulle strade

Art. 73 Misure di sicurezza generali  

1 In si­tua­zio­ni pe­ri­co­lo­se, qua­li la­vo­ri sul la­to si­ni­stro del­la stra­da, su stra­de a traf­fi­co ve­lo­ce, di not­te o in ca­so di scar­sa vi­si­bi­li­tà do­vu­ta al­le con­di­zio­ni me­teo­ro­lo­gi­che ecc., de­ve es­se­re ac­ce­sa la lu­ce gial­la di pe­ri­co­lo; se ne­ces­sa­rio la cir­co­la­zio­ne de­ve es­se­re di­sci­pli­na­ta con­for­me­men­te all’ar­ti­co­lo 9.

2 Ogni mem­bro del­la trup­pa che ese­gue la­vo­ri sul­la stra­da è equi­pag­gia­to al­me­no di un giub­bot­to di se­gna­la­zio­ne ri­flet­ten­te e due gam­ba­li al­ti ri­flet­ten­ti.147

3 Gli or­ga­ni del­la trup­pa ad­det­ti al di­sci­pli­na­men­to del­la cir­co­la­zio­ne so­no inol­tre equi­pag­gia­ti di guan­ti bian­chi con ma­ni­che o di so­pram­ma­ni­che e, di not­te, con tor­ce elet­tri­che.148

147 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 13 feb. 2019, in vi­go­re dal 15 mar. 2019 (RU 2019 771).

148 In­tro­dot­to dal n. I dell’O del 13 feb. 2019, in vi­go­re dal 15 mar. 2019 (RU 2019 771).

Art. 74 Posa di linee telefoniche e di condotte dell’acqua  

Se po­sa li­nee te­le­fo­ni­che o con­dot­te dell’ac­qua ac­can­to a stra­de o al di so­pra di stra­de, la trup­pa prov­ve­de al­le mi­su­re di si­cu­rez­za e al­la se­gna­le­ti­ca ne­ces­sa­rie. Se il trat­to uti­liz­za­to per la po­sa si tro­va ac­can­to al­la stra­da, la se­gna­le­ti­ca è ne­ces­sa­ria sol­tan­to se le li­nee o le con­dot­te re­strin­go­no o osta­co­la­no la car­reg­gia­ta. In ca­so di im­pie­go di pas­sa­tu­bi si de­ve inol­tre pro­ce­de­re al di­sci­pli­na­men­to del­la cir­co­la­zio­ne.

Capitolo 7: Misure di polizia in relazione con la circolazione stradale

Art. 75 Truppa  

1 La trup­pa sor­ve­glia es­sa stes­sa la cir­co­la­zio­ne stra­da­le mi­li­ta­re nel pro­prio set­to­re. Es­sa prov­ve­de al di­sci­pli­na­men­to del­la cir­co­la­zio­ne e al­la di­sci­pli­na stra­da­le e vi­gi­la sull’os­ser­van­za del­le pre­scri­zio­ni in ma­te­ria di cir­co­la­zio­ne.

2 Per la du­ra­ta del per­ti­nen­te im­pie­go, il di­sci­pli­na­men­to del­la cir­co­la­zio­ne da par­te del­la trup­pa com­pren­de an­che il traf­fi­co ci­vi­le.

3 La trup­pa de­ve ot­te­ne­re il con­sen­so del­la po­li­zia ci­vi­le se in­ten­de di­sci­pli­na­re la cir­co­la­zio­ne per sco­pi d’istru­zio­ne op­pu­re agli in­cro­ci mu­ni­ti di se­gna­li lu­mi­no­si.

4 Le for­ma­zio­ni del­la cir­co­la­zio­ne mi­li­ta­re so­no se­gna­ta­men­te com­pe­ten­ti per l’or­ga­niz­za­zio­ne del­la cir­co­la­zio­ne in oc­ca­sio­ne di spo­sta­men­ti e tra­spor­ti non­ché per la sor­ve­glian­za del­la cir­co­la­zio­ne.

5 Gli or­ga­ni che di­sci­pli­na­no la cir­co­la­zio­ne por­ta­no l’equi­pag­gia­men­to di si­cu­rez­za spe­ci­fi­co.

Art. 76 Polizia militare  

1 La po­li­zia mi­li­ta­re prov­ve­de in ge­ne­ra­le al­la si­cu­rez­za del­la cir­co­la­zio­ne stra­da­le mi­li­ta­re. Es­sa è se­gna­ta­men­te com­pe­ten­te per:

a.
l’ese­cu­zio­ne di con­trol­li in ma­te­ria di po­li­zia del­la cir­co­la­zio­ne;
b.
il con­trol­lo de­gli au­to­vei­co­li ci­vi­li gui­da­ti da mi­li­ta­ri in ser­vi­zio mi­li­ta­re;
c.
l’ac­cer­ta­men­to dei fat­ti in oc­ca­sio­ne di in­ci­den­ti del­la cir­co­la­zio­ne mi­li­ta­ri.

2 Per l’adem­pi­men­to dei suoi com­pi­ti, la po­li­zia mi­li­ta­re di­spo­ne dei po­te­ri di cui all’ar­ti­co­lo 54 LC­Str.

3 La po­li­zia mi­li­ta­re in­ter­vie­ne nei con­fron­ti di uten­ti ci­vi­li del­la stra­da sol­tan­to nel ca­so in cui es­si rap­pre­sen­ti­no un pe­ri­co­lo per la cir­co­la­zio­ne. Es­sa fa ca­po sen­za in­du­gio al­la po­li­zia ci­vi­le com­pe­ten­te.

Art. 77 Annunci  

Gli or­ga­ni di po­li­zia an­nun­cia­no le in­fra­zio­ni al­le pre­scri­zio­ni in ma­te­ria di cir­co­la­zio­ne stra­da­le com­mes­se da uten­ti mi­li­ta­ri del­la stra­da al co­man­dan­te del­la per­so­na col­pe­vo­le.

Art. 78 Constatazione dell’inidoneità alla guida, prelievi di sangue e delle urine e altri test preliminari 149  

1 La po­li­zia mi­li­ta­re, gli or­ga­ni del­la giu­sti­zia mi­li­ta­re o il co­man­dan­te di trup­pa pos­so­no or­di­na­re un pre­lie­vo di san­gue o di uri­na op­pu­re ogni al­tro te­st pre­li­mi­na­re che si ri­ve­li ne­ces­sa­rio.

2 Sol­tan­to il giu­di­ce istrut­to­re mi­li­ta­re è com­pe­ten­te per or­di­na­re un pre­lie­vo o un te­st pre­li­mi­na­re quan­do de­ve es­se­re ese­gui­to con­tro la vo­lon­tà del­la per­so­na in­te­res­sa­ta.

3 I pre­lie­vi di san­gue o di uri­na e gli al­tri te­st pre­li­mi­na­ri so­no ese­gui­ti esclu­si­va­men­te da un me­di­co di trup­pa o da un me­di­co ci­vi­le. Que­st’ul­ti­mi prov­ve­do­no af­fin­ché il pre­lie­vo sia in­via­to per l’ana­li­si a un isti­tu­to ri­co­no­sciu­to dall’USTRA.

149 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 16 nov. 2016, in vi­go­re dal 1° gen. 2017 (RU 2016 4423).

Capitolo 8: Incidenti della circolazione

Sezione 1: Preservazione dei mezzi di prova, ricorso alla polizia e alla giustizia militare

Art. 79 Odocronografo 150  

1 In ca­so di in­ci­den­te che de­ve es­se­re no­ti­fi­ca­to con­for­me­men­te all’ar­ti­co­lo 83, se il vei­co­lo è prov­vi­sto di un odo­cro­no­gra­fo il sup­por­to di da­ti o il fo­glio dell’odo­cro­no­gra­fo de­vo­no es­se­re mes­si al si­cu­ro sul luo­go dell’in­ci­den­te pri­ma del re­cu­pe­ro o del­lo spo­sta­men­to del vei­co­lo.151

2 Es­si so­no in­via­ti sen­za in­du­gio al­la po­li­zia mi­li­ta­re per la va­lu­ta­zio­ne.152

3 Pri­ma del­la riu­ti­liz­za­zio­ne dei vei­co­lo, ma al più tar­di do­po 48 ore, la trup­pa è re­spon­sa­bi­le del mon­tag­gio di un nuo­vo sup­por­to di da­ti.

150 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 13 feb. 2019, in vi­go­re dal 15 mar. 2019 (RU 2019 771).

151 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 13 feb. 2019, in vi­go­re dal 15 mar. 2019 (RU 2019 771).

152 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 16 nov. 2016, in vi­go­re dal 1° gen. 2017 (RU 2016 4423).

Art. 80 Ricorso al giudice istruttore militare e alla polizia 153  

1 In ca­so di in­ci­den­te del­la cir­co­la­zio­ne o di si­ni­stro in cui so­no coin­vol­ti vei­co­li mi­li­ta­ri, il ri­cor­so al giu­di­ce istrut­to­re mi­li­ta­re e al­la po­li­zia mi­li­ta­re o ci­vi­le è im­pe­ra­ti­va­men­te ne­ces­sa­rio se:

a.
vi so­no sta­ti fe­ri­ti gra­vi o mor­ti;
b.
i fat­ti so­no po­co chia­ri op­pu­re so­no con­te­sta­ti;
c.
si pre­su­me ne­gli­gen­za gra­ve o in­ten­zio­na­li­tà; o
d.
l’am­mon­ta­re com­ples­si­vo del dan­no è su­pe­rio­re a 50 000 fran­chi.

2 Il ri­cor­so al­la po­li­zia mi­li­ta­re o ci­vi­le è im­pe­ra­ti­va­men­te ne­ces­sa­rio an­che quan­do il dan­no am­mon­ta com­ples­si­va­men­te ad al­me­no 5000 fran­chi.

153 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 13 feb. 2019, in vi­go­re dal 15 mar. 2019 (RU 2019 771).

Sezione 2: Liquidazione dei sinistri154

154 Nuovo testo giusta il n. I dell’O del 14 giu. 2013, in vigore dal 1° lug. 2013 (RU 2013 1801).

Art. 81 Responsabilità della Confederazione e partecipazione alle spese  

1 La li­qui­da­zio­ne dei si­ni­stri av­vie­ne per il tra­mi­te del Cen­tro dan­ni DDPS. In ca­so di uso au­to­riz­za­to di vei­co­li pri­va­ti per ra­gio­ni di ser­vi­zio, la li­qui­da­zio­ne del si­ni­stro av­vie­ne in pri­mo luo­go per il tra­mi­te dell’as­si­cu­ra­zio­ne dei vei­co­li a mo­to­re pri­va­ta.

2 Il Cen­tro dan­ni DDPS de­ci­de in pri­ma se­de in me­ri­to ad azio­ni di ri­val­sa nei con­fron­ti di mi­li­ta­ri e al­la lo­ro par­te­ci­pa­zio­ne al­le spe­se per i si­ni­stri in cui so­no coin­vol­ti vei­co­li mi­li­ta­ri.

3 Ai con­du­cen­ti di vei­co­li non è con­sen­ti­to fir­ma­re al­cun ri­co­no­sci­men­to di col­pa.

Art. 82  

Abro­ga­to

Sezione 3: Annunci e riparazione

Art. 83 Notifica d’incidente e avviso di sinistro 155  

1 Gli in­ci­den­ti del­la cir­co­la­zio­ne e i si­ni­stri de­vo­no sem­pre es­se­re no­ti­fi­ca­ti al su­pe­rio­re.

2 Il su­pe­rio­re inol­tra en­tro cin­que gior­ni al Cen­tro dan­ni DDPS, me­dian­te il mo­du­lo «No­ti­fi­ca d’in­ci­den­te/no­ti­fi­ca di dan­no per au­to­vei­co­li del­la Con­fe­de­ra­zio­ne», le no­ti­fi­che con­cer­nen­ti gli in­ci­den­ti del­la cir­co­la­zio­ne e i si­ni­stri.156

3 Se vi so­no sta­ti mi­li­ta­ri fe­ri­ti o mor­ti, il su­pe­rio­re inol­tra sen­za in­du­gio la no­ti­fi­ca an­che all’as­si­cu­ra­zio­ne mi­li­ta­re.157

4 In ca­so di uso di vei­co­li pri­va­ti per ra­gio­ni di ser­vi­zio, il con­du­cen­te del vei­co­lo in­for­ma inol­tre la pro­pria as­si­cu­ra­zio­ne dei vei­co­li a mo­to­re.

155 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 14 giu. 2013, in vi­go­re dal 1° lug. 2013 (RU 2013 1801).

156 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 25 nov. 2020, in vi­go­re dal 1° gen. 2021 (RU 2020 6015).

157 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 25 nov. 2020, in vi­go­re dal 1° gen. 2021 (RU 2020 6015).

Art. 84158  

158 Abro­ga­to dal n. I dell’O del 14 giu. 2013, con ef­fet­to dal 1° lug. 2013 (RU 2013 1801).

Art. 85 Incidenti gravi e informazione dei parenti  

1 In ca­so di in­ci­den­ti gra­vi con vei­co­li mi­li­ta­ri, in via ag­giun­ti­va al ri­cor­so al­le per­so­ne e agli or­ga­ni se­con­do l’ar­ti­co­lo 80 e al­le no­ti­fi­che di cui all’ar­ti­co­lo 83, la pri­ma no­ti­fi­ca de­ve es­se­re fat­ta su­bi­to per te­le­fo­no al ser­vi­zio di pic­chet­to del DDPS e con­fer­ma­ta sen­za in­du­gio me­dian­te l’ap­po­si­to mo­du­lo.159

2 Il co­man­dan­te com­pe­ten­te è re­spon­sa­bi­le per un’in­for­ma­zio­ne im­me­dia­ta dei pa­ren­ti di mi­li­ta­ri fe­ri­ti o de­ce­du­ti.

159 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 13 feb. 2019, in vi­go­re dal 15 mar. 2019 (RU 2019 771).

Art. 86160  

160 Abro­ga­to dal n. I dell’O del 14 giu. 2013, con ef­fet­to dal 1° lug. 2013 (RU 2013 1801).

Art. 87 Riparazione 161  

I vei­co­li mi­li­ta­ri dan­neg­gia­ti pos­so­no es­se­re ri­pa­ra­ti al più pre­sto al ter­mi­ne di un pe­rio­do d’at­te­sa di 14 gior­ni. So­no ri­ser­va­te le istru­zio­ni di al­tro te­no­re de­gli or­ga­ni in­ca­ri­ca­ti dell’in­chie­sta, dell’UC­NEs o del Cen­tro dan­ni DDPS.

161 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 14 giu. 2013, in vi­go­re dal 1° lug. 2013 (RU 2013 1801).

Capitolo 9: Disposizioni finali

Art. 88 Esecuzione 162  

1 La BLEs ema­na le istru­zio­ni ne­ces­sa­rie per l’ese­cu­zio­ne del­la pre­sen­te or­di­nan­za.

2 Se det­te istru­zio­ni han­no ri­per­cus­sio­ni sul­la cir­co­la­zio­ne ci­vi­le, la BLEs ri­chie­de il pre­vio con­sen­so dell’USTRA.

162 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 25 nov. 2020, in vi­go­re dal 1° gen. 2021 (RU 2020 6015).

Art. 89 Diritto previgente: abrogazione  

L’or­di­nan­za del 17 ago­sto 1994163 sul­la cir­co­la­zio­ne stra­da­le mi­li­ta­re (OC­SM) è abro­ga­ta.

163 [RU 1994 2211, 1996 158, 1997 2779II 29, 1998 1796art. 1 n. 1]

Art. 90 Modifica del diritto vigente  

Le or­di­nan­ze qui ap­pres­so so­no mo­di­fi­ca­te co­me se­gue:

...164

164 Le mod. pos­so­no es­se­re con­sul­ta­te al­la RU 2004 945.

Art. 91 Disposizioni transitorie  

1 La li­cen­za di con­dur­re mi­li­ta­re di co­lo­re ros­so man­tie­ne la sua va­li­di­tà.

2–4 ...165

5 I ri­mor­chi mi­li­ta­ri mes­si in cir­co­la­zio­ne pri­ma del 1° gen­na­io 1995 non ven­go­no equi­pag­gia­ti con un cu­neo.

6 I vei­co­li mi­li­ta­ri am­mes­si al­la cir­co­la­zio­ne per la pri­ma vol­ta pri­ma del 1° lu­glio 1983 non de­vo­no es­se­re rie­qui­pag­gia­ti. Le omo­lo­ga­zio­ni de­ci­se giu­sta il di­rit­to an­te­rio­re man­ten­go­no la lo­ro va­li­di­tà.

7 Per i ri­mor­chi mi­li­ta­ri già in cir­co­la­zio­ne non va por­ta­ta con sé la li­cen­za di cir­co­la­zio­ne, sem­pre che i vei­co­li trat­to­ri am­mes­si e la ve­lo­ci­tà mas­si­ma con­sen­ti­ta sia­no in­di­ca­ti su un pan­nel­lo ap­pli­ca­to al ri­mor­chio. La li­cen­za è de­po­si­ta­ta pres­so il for­ni­to­re del ri­mor­chio.

165 Abro­ga­ti dal n. I dell’O del 12 nov. 2008, con ef­fet­to dal 1° gen. 2009 (RU 2008 5653).

Art. 91a Disposizioni transitorie relative alla modifica del 12 novembre 2008 166  

1 Tut­ti i vei­co­li blin­da­ti ruo­ta­ti dell’eser­ci­to mes­si in cir­co­la­zio­ne per la pri­ma vol­ta a par­ti­re dal 1° gen­na­io 2004 so­no equi­pag­gia­ti con un ap­pa­rec­chio per la re­gi­stra­zio­ne dei da­ti o un odo­cro­no­gra­fo en­tro il 31 di­cem­bre 2010.

2 I vei­co­li mi­li­ta­ri mes­si in cir­co­la­zio­ne pri­ma del 1° gen­na­io 2000 non ne­ces­si­ta­no di al­cun cer­ti­fi­ca­to d’am­mis­sio­ne con­for­me­men­te all’ADR167 per il tra­spor­to in col­li di mer­ci pe­ri­co­lo­se.

3 ...168

4 Le au­to­mo­bi­li PU­CH/MBG a ot­to po­sti e i vei­co­li mi­li­ta­ri del­la clas­se N2, mes­si in cir­co­la­zio­ne pri­ma del 1º mar­zo 2006 e prov­vi­sti di pan­che di­spo­ste tra­sver­sal­men­te ri­spet­to al­la di­re­zio­ne di mar­cia, non de­vo­no es­se­re do­ta­ti di cin­tu­re ad­do­mi­na­li.

166 In­tro­dot­to dal n. I dell’O del 12 nov. 2008, in vi­go­re dal 1° gen. 2009 (RU 2008 5653).

167 RS 0.741.621

168 Abro­ga­to dal n. I dell’O del 27 mag. 2015, con ef­fet­to dal 1° lug. 2015 (RU 2015 1695).

Art. 91b Disposizione transitoria della modifica del 27 maggio 2015 169  

Sal­vo spe­ci­fi­ca­zio­ne con­tra­ria nel­la li­cen­za di cir­co­la­zio­ne, i vei­co­li mi­li­ta­ri te­lo­na­ti con ac­cen­sio­ne per com­pres­sio­ne e un pe­so to­ta­le su­pe­rio­re a 3,5 ton­nel­la­te, i ri­mor­chi per so­pra­strut­tu­re in­ter­cam­bia­bi­li da 9,6 ton­nel­la­te a due as­si Lanz+Mar­ti con so­pra­strut­tu­ra C625 te­lo­na­ta e i ri­mor­chi per il tra­spor­to di co­se dei ti­pi 85 e 87 te­lo­na­ti pos­so­no es­se­re uti­liz­za­ti co­me uni­tà di tra­spor­to EX/II con­for­me­men­te all’ADR170 fi­no al 31 di­cem­bre 2022.

169 In­tro­dot­to dal n. I dell’O del 27 mag. 2015, in vi­go­re dal 1° lug. 2015 (RU 2015 1695).

170 RS 0.741.621

Art. 91c Disposizioni transitorie della modifica del 16 novembre 2016 171  

1 Le au­to­riz­za­zio­ni a con­dur­re per le qua­li è sta­ta ri­la­scia­ta una li­cen­za di con­dur­re mi­li­ta­re di co­lo­re gial­lo pos­so­no es­se­re so­sti­tui­te con au­to­riz­za­zio­ni a con­dur­re mi­li­ta­ri se­con­do il nuo­vo di­rit­to fi­no al più tar­di al 31 di­cem­bre 2017.

2 Do­po det­ta da­ta per­do­no la lo­ro va­li­di­tà.

171 In­tro­dot­to dal n. I dell’O del 16 nov. 2016, in vi­go­re dal 1° gen. 2017 (RU 2016 4423).

Art.91d Disposizione transitoria della modifica del 13 febbraio 2019 172  

Le tar­ghe mi­li­ta­ri che non sod­di­sfa­no i re­qui­si­ti di cui all’ar­ti­co­lo 43a pos­so­no es­se­re uti­liz­za­te fi­no al 30 giu­gno 2019.

172 In­tro­dot­to dal n. I dell’O del 13 feb. 2019, in vi­go­re dal 15 mar. 2019 (RU 2019 771).

Art. 92 Entrata in vigore  

La pre­sen­te or­di­nan­za en­tra il vi­go­re il 1° mar­zo 2004.

Allegato 1 173

173 Nuovo testo giusta il n. II dell’O del 14 giu. 2013 (RU 2013 1801). Aggiornato dal n. II cpv. 1 delle O del 27 mag. 2015 (RU 2015 1695), del 16 nov. 2016 (RU 2016 4423), dall’all. 11 n. 2 dell’O del 26 apr. 2017 sulla radioprotezione (RU 2017 4261), dal n. II cpv. 1 delle O del 13 feb. 2019 (RU 2019 771) e del 25 nov. 2020, in vigore dal 1° gen. 2021 (RU 2020 6015).

(art. 41 cpv. 2 e 58)

Prescrizioni per il trasporto di merci pericolose

Parte 1 Disposizioni generali

1100 Campo d’applicazione e applicabilità

1101 La classificazione e il trasporto di merci pericolose si fondano in linea di principio sull’ordinanza del 29 novembre 2002174 concernente il trasporto di merci pericolose su strada (SDR).

1102 Gli allegati 1 e 2 della presente ordinanza sono applicabili:

a.
alla truppa in servizio militare, se essa interviene ai sensi del capitolo 1.4 ADR175 in qualità di mittente, trasportatore, destinatario, caricatore, imballatore o scaricatore di merci pericolose;
b.
al personale militare e agli insegnanti specialisti che durante la loro attività professionale trasportano merci pericolose con veicoli militari;
c.
al personale civile dell’Aggruppamento Difesa che nell’adempimento dei suoi compiti trasporta merci pericolose con veicoli della Confederazione.

1103 Gli allegati 1 e 2 non si applicano:

a.
su territorio estero;
b.
ai trasporti eseguiti da fornitori civili di prestazioni;
c.
nel quadro di attività fuori del servizio;
d.
se sono trasportate merci pericolose non menzionate nell’allegato 2, fatta eccezione per le munizioni di nuovo acquisto;
e.
ai trasporti di rifiuti, segnatamente di rifiuti speciali e di altri rifiuti soggetti a controllo, a destinazione di imprese civili di smaltimento ai sensi dell’ordinanza del 22 giugno 2005176 sul traffico di rifiuti.

1104 Di regola, i trasporti di merci pericolose che non rientrano nel campo d’applicazione degli allegati 1 e 2 sottostanno alle prescrizioni civili in materia di trasporto. Tali prescrizioni possono essere eventualmente completate con disposizioni nazionali o inter­nazionali, per esempio con memorandum d’intesa (MOU), regole di impiego e di comportamento (ROE/ROB), accordi multilate­rali o decisioni e autorizzazioni eccezionali di durata limitata rilasciate dalle autorità nazionali competenti.

1105 I veicoli militari con cisterne fisse (veicoli cisterna), cisterne smontabili, container-cisterna, casse mobili cisterna, cisterne mobili nonché veicoli batteria e container per gas a elementi multipli (CGEM) nonché i loro conducenti sono soggetti alla SDR/ADR.

1106 L’UCNEs può, con il consenso dell’USTRA, autorizzare deroghe, segnatamente alle prescrizioni concernenti le modalità di trasporto della merce, i veicoli da utilizzare e la marcatura dei colli, dei container, dei veicoli e dei gruppi elettrogeni.

1200 Esenzioni relative alla natura dell’operazione di trasporto

1201 Le disposizioni degli allegati 1 e 2 non si applicano:

a.
ai trasporti di macchinari o dispositivi che possono contenere merci pericolose nel loro interno o nei loro circuiti di funzionamento, a condizione che siano adottate misure per impedire fughe del contenuto in condizioni di trasporto normali;
b.
ai trasporti di emergenza destinati a salvare vite umane o a proteggere l’ambiente, a condizione che siano adottate tutte le misure necessarie a effettuare questi trasporti in tutta sicurezza;
c.
ai trasporti di merci della classe 1 che sono considerate parte integrante del sistema d’arma e che servono all’impiego delle armi di bordo;
d.
ai trasporti di merci pericolose di cui sono equipaggiati l’equipaggio del veicolo e i passeggeri, a condizione che le merci pericolose trasportate siano previste per l’impiego immediato dell’equipaggio del veicolo e dei passeggeri.

1300 Esenzioni relative al trasporto di gas

1301 Le disposizioni degli allegati 1 e 2 non si applicano al trasporto di:

a.
gas dei gruppi A e O se, a una temperatura di 20 °C, la pressione del gas nel recipiente o nel serbatoio è di 200 kPa (2 bar) al massimo e il gas non è un gas liquefatto o un gas liquefatto refrigerato; ciò vale per qualsiasi tipo di recipiente o serba­toio, ad esempio anche per parti di macchinari e di apparecchi;
b.
gas negli equipaggiamenti del veicolo o della sua soprastruttura;
c.
gas contenuti nei serbatoi di carburante dei veicoli trasportati. La valvola situata tra il serbatoio e il motore deve essere chiusa e il contatto elettrico deve essere interrotto.

1400 Esenzioni relative al trasporto di carburanti liquidi

1401 Le disposizioni degli allegati 1 e 2 non si applicano ai trasporti di:

a.
carburante che serve alla propulsione del veicolo o al funzionamento dei suoi equipaggiamenti, segnatamente in recipienti di carburante di riserva portatili (taniche) fissati sull’unità di trasporto agli appositi equipaggiamenti;
b.
carburante in serbatoi di veicoli, macchine da cantiere o altri mezzi di trasporto (quali le imbarcazioni) trasportati come carico, se tale carburante è destinato alla loro propulsione o al funzionamento di uno dei loro equipaggiamenti, nonché del relativo carburante di riserva in recipienti portatili (quali le taniche) fissati agli appositi equipaggiamenti.

1500 Esenzioni relative ai trasporti di dispositivi per l’accumulo e la generazione di energia elettrica

1501 Le disposizioni degli allegati 1 e 2 non si applicano ai dispositivi per l’accumulo e la generazione di energia elettrica (per es. pile al litio, condensatori elettrici, condensatori asimmetrici, accumulatori all’idruro di metallo, pile a combustibile):

a.
installati in un veicolo che esegue un’operazione di trasporto e destinati alla sua propulsione o al funzionamento di uno dei suoi equipaggiamenti;
b.
contenuti, per il suo funzionamento, in un equipaggiamento utilizzato durante il trasporto o destinato a un’utilizzazione durante il trasporto (per es. computer portatile).

1600 Esenzioni relative alle quantità trasportate per unità di trasporto

1601 Salvo indicazione contraria, nell’allegato 2 sono utilizzate le seguenti unità di misura:

a.
per gli oggetti: la massa complessiva in kg degli oggetti, imballaggi non compresi (per gli oggetti della classe 1, la massa netta in kg della materia esplosiva);
b.
per le materie solide, i gas liquefatti, i gas liquefatti refrigerati e i gas disciolti sotto pressione: la massa netta in kg;
c.
per le materie liquide: la quantità totale di merci pericolose contenute, in litri.

1602 Quando nella medesima unità di trasporto sono trasportate merci pericolose, la somma delle quantità di materie e di oggetti, moltiplicata per il rispettivo fattore della merce pericolosa menzionato nella colonna 8 dell’allegato 2, non deve superare 1000 (limite libero).

1603 Le merci pericolose esenti giusta i numeri 1200–1501 non sono considerate nel calcolo di cui al numero 1602.

1604 Quando non sono superati i valori calcolati conformemente al numero 1602, le merci pericolose possono essere trasportate in colli nella medesima unità di trasporto, senza che si debbano applicare le seguenti disposizioni del presente allegato:

a.
numero 1701;
b.
parte 8 ad eccezione dei numeri 8101, 8106, 8110–8112, 8205, 8301–8303 e 8305–8403;
c.
parte 9;
d.
parte 10, tabella 10B.

1700 Restrizioni al trasporto emanate dalle autorità competenti

1701 Nelle gallerie contrassegnate con il segnale «Galleria» (art. 45 cpv. 3 e all. 2 n. 4.07 dell’O del 5 set. 1979177 sulla segnaletica stra­dale, OSStr), i veicoli che trasportano merci pericolose oltre il limite libero possono circolare soltanto sulla corsia di destra.

1702 Ai veicoli che trasportano merci pericolose è vietato, o autorizzato con restrizioni, circolare sui tratti stradali indicati con gli appositi segnali (all. 2 n. 2.10.1 – segnale «Divieto di circolazione per i veicoli che trasportano merci pericolose» –, 2.11 – segnale «Divieto di circolazione per i veicoli il cui carico può inquinare le acque» – e art. 19 cpv. 1 OSStr). Tali tratti e le relative restrizioni figurano nella parte 10, tabelle 10A e 10B, nonché nell’allegato 2 della presente ordinanza.

1703 In particolari casi di rigore e d’intesa con le autorità civili competenti, l’UCNEs può rilasciare un’autorizzazione unica per il passaggio nelle gallerie indicate nella parte 10, tabella 10B, con merci pericolose che eccedono i limiti prescritti. Al riguardo possono essere ordinate misure d’esercizio specifiche (tra l’altro, passaggio in determinate ore del giorno, passaggio in convogli scortati da veicoli di accompagnamento o impiego di particolari dispositivi di avvertimento).

1800 Trasporti di materiale radioattivo

1801 Il materiale dell’esercito con materiale radioattivo che conformemente alla SDR/ADR può essere trasportato come collo esente e gli oggetti ammessi dall’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) in virtù dell’articolo 15 dell’ordinanza del 26 aprile 2017178 sulla radioprotezione non sottostanno alle prescrizioni in materia di trasporti della SDR/ADR concernenti la classe 7.

1802 In tutti gli altri casi, segnatamente se il materiale è menzionato con la specificazione dei nuclidi in una licenza per l’impiego di radiazioni ionizzanti dell’UFSP, devono imperativamente essere osservate le disposizioni della SDR/ADR concernenti la classe 7. I trasporti di tale natura devono essere annunciati all’UCNEs con almeno dieci giorni di anticipo.

178 RS814.501

1900 Regolamentazione delle autorizzazioni per trasporti secondo i numeri1703–1802 e controlli

1901 Il conducente del veicolo deve portare con sé l’autorizzazione rilasciata dall’UCNEs dal luogo di carico fino al luogo di destinazione.

Autorità che rilascia il visto o l’autorizzazione

Ufficio della circolazione e della navigazione dell’esercito (UCNEs)

CH-3003 Berna

Durante le ore d’ufficio Tel. +41 (0)58 464 29 06 oppure +41 (0)58 464 10 43

Al di fuori delle ore d’ufficio Fax +41 (0)58 463 37 88 oppure cellulare +41 (0)79 211 69 46

Parte 2 Classificazione

2100 La classificazione delle merci pericolose (attribuzione del No ONU, dei codici di classificazione e degli eventuali gruppi di imballaggio) si fonda sull’ADR.

Parte 3 Lista delle merci pericolose e delle disposizioni speciali

3100 Le merci pericolose sono menzionate nell’allegato 2 unitamente alle pertinenti disposizioni speciali.

Parte 4 Disposizioni relative all’utilizzazione degli imballaggi e delle cisterne

4100 Le merci pericolose possono essere trasportate unicamente in imballaggi omologati originali o d’ordinanza quali taniche, fusti, casse, bottiglie o recipienti a pressione con cui sono state fornite o che sono stati messi a disposizione per tale scopo. I sacchi della spazzatura o i sacchi per i bossoli non sono considerati imballaggi omologati e segnatamente non possono essere impiegati per la restituzione di munizioni inutilizzate. Non è più autorizzato l’impiego di imballaggi non a tenuta stagna o danneggiati.

4200 In deroga alle disposizioni della SDR e dell’ADR, i serbatoi di carburante vuoti, non ripuliti, per i velivoli delle Forze aeree, che hanno contenuto cherosene (No ONU 1223) o carburante per aviogetti (No ONU 1863, gruppo d’imballaggio III), possono essere trasportati alle seguenti condizioni:

a.
la capacità di ogni serbatoio non è superiore ai 1500 litri;
b.
i serbatoi sono fusti cilindrici in lega di alluminio con uno spessore della parete di 2–3 mm, muniti di aperture di riempimento con dispositivi di chiusura e di raccordi di svuotamento nella parte superiore. Essi non sono soggetti alle prescri­zioni relative a uso, costruzione, equipaggiamenti, approvazione del prototipo, prove e controlli e marcatura conforme­mente ai capitoli 4.3 e 6.8 SDR/ADR;
c.
durante il trasporto, tali raccordi di svuotamento sono chiusi ermeticamente con tappi di gomma oppure mediante appositi dispositivi di chiusura;
d.
i serbatoi sono fissati in telai o involucri da trasporto impilabili in modo da non poter fare gioco o spostarsi nelle normali condizioni di trasporto;
e.
i serbatoi sono trasportati con le aperture chiuse ermeticamente oppure, se possibile, su veicoli chiusi o su veicoli telonati con sufficiente aerazione;
f.
le pareti esterne dei serbatoi o dei relativi telai o involucri da trasporto sono contrassegnate sulle due fiancate nonché davanti e dietro conformemente al capoverso 5.3.1.7.3 e alla sezione 5.3.6 SDR/ADR;
g.
se le marcature affisse conformemente alla lettera f non sono visibili all’esterno del veicolo, devono essere affissi le medesime etichette (placard) e i medesimi marchi anche sulle due fiancate del veicolo e dietro il vei­colo. Davanti e dietro l’unità di trasporto deve in ogni caso trovarsi un pannello arancio senza numero d’identificazione conformemente al capoverso 5.3.2.1.1 SDR/ADR;
h.
nel documento di trasporto sono riportate le seguenti informazioni:
«Serbatoio di carburante per velivoli, vuoto, ultimo contenuto trasportato: No ONU 1223 cherosene, 3, III, (D/E) PERICOLOSO PER L’AMBIENTE» o

«Serbatoio di carburante per velivoli, vuoto, ultimo contenuto trasportato: No ONU 1863 carburante per aviogetti, 3, III, (D/E) PERICOLOSO PER L’AMBIENTE».
Tutte le altre disposizioni della SDR e dell’ADR rimangono applicabili.

4300 In deroga alle disposizioni della SDR e dell’ADR, i caricatori di munizioni F18 delle Forze aeree carichi possono essere trasportati come segue:

a.
il tamburo di munizioni può essere munito soltanto di CARTUCCE CON PROIETTILE INERTE PER ARMI No ONU 0328 (CAN AV 20MM 92 CART ESER 97), 1.2C o di CARTUCCE CON PROIETTILE INERTE PER ARMI No ONU 0339 (CAN AV 20MM 92 CART POLI), 1.4C;
b.
nei nastri d’alimentazione non è consentita la presenza di alcuna munizione;
c.
i caricatori di munizioni F18 carichi devono essere marcati con il numero ONU, la denominazione e un’etichetta di peri­colo conformemente al capitolo 5.2 SDR/ADR;
d.
i caricatori di munizioni F18 carichi devono essere coperti con il tendone di protezione appositamente realizzato a tal fine. Il tendone deve recare sulle due fiancate le iscrizioni «SOVRIMBALLAGGIO» nonché le corrispondenti etichette di pericolo 1.2C e i marchi «UN0328 PATRONEN FÜR WAFFEN, MIT INERTEM GESCHOSS/CARTOUCHES À PROJECTILE INERTE POUR ARMES» o le etichette di pericolo 1.4C e i marchi «UN0339 PATRONEN FÜR WAFFEN, MIT INERTEM GESCHOSS/CARTOUCHES À PROJECTILE INERTE POUR ARMES»;
e.
le bombole per gas compressi (capacità nominale di 33 litri ciascuna) con No ONU 1066 AZOTO COMPRESSO devono essere vuote. Le valvole devono essere aperte, le parti superiori della bombola devono essere munite di un cappuccio recante l’iscrizione «Flasche leer, Ventil offen/Bouteille vide, valve ouverte». Le bombole per gas compressi parzialmente o totalmente cariche devono essere rimosse, munite di un cappellotto di protezione della valvola e trasportate, assicurate, in un altro veicolo;
f.
i caricatori di munizioni F18 carichi devono essere trasportati in veicoli telonati o chiusi marcati sulle due fiancate nonché dietro il veicolo con etichette (placard) conformemente ai capitoli 5.3 SDR/ADR. Davanti e dietro l’unità di trasporto deve trovarsi un pannello arancio senza numero d’identificazione conformemente al capoverso 5.3.2.1.1 SDR/ADR;
g.
conformemente al capoverso 5.4.1.1.1 e) SDR/ADR, nel documento di trasporto è riportata la seguente informazione: «Caricatori di munizioni F18».
Tutte le altre disposizioni della SDR e dell’ADR rimangono applicabili.

Parte 5 Procedure di spedizione

5100 Chi spedisce merci pericolose è tenuto ad assicurarsi che il trasporto sia eseguito conformemente alle condizioni imposte dalla presente ordinanza, segnatamente per quanto riguarda l’imballaggio, il divieto di carico in comune, la presenza delle istruzioni scritte da portare con sé ed eventualmente del documento di trasporto.

5200 Marcatura ed etichettatura

5201 Le munizioni nell’imballaggio originale possono essere trasportate senza recare una marcatura e un’etichettatura ai sensi delle sezioni 5.2.1 e 5.2.2 SDR/ADR.

5202 In deroga alla SDR e all’ADR, nell’esercito le merci della classe 1 possono essere contrassegnate con le etichette di pericolo seguenti:

1.1B
per il gruppo di compatibilità B delle divisioni 1.1, 1.2 e 1.4;
1.1E
per i gruppi di compatibilità C, D, E, G della divisione 1.1;
1.2E
per i gruppi di compatibilità C, D, E, G delle divisioni 1.2 e 1.4, i gruppi di compatibilità C e G della divisione 1.3 e il gruppo di compatibilità S della divisione 1.4.

5203 Le merci pericolose della classe 1 possono recare anche nell’esercito le etichette di pericolo conformemente al capitolo 5.2 SDR/ADR.

5204 In occasione della restituzione di imballaggi o sovrimballaggi, vuoti e ripuliti, che hanno contenuto merci della classe 1, le identificazioni delle merci pericolose (numero ONU e denominazione) e le relative etichettature (etichetta di pericolo) devono essere rimosse, coperte o cancellate. Sono considerate coperte anche nei casi in cui gli imballaggi vuoti sono impilati e legati su palette in modo che le identificazioni delle merci pericolose e le relative etichettature siano rivolte verso l’interno e non siano visibili all’esterno.

Parte 6 Prescrizioni relative alla costruzione e alle prove di imballaggi e di cisterne

6100 Le prescrizioni relative alla costruzione e alle prove della SDR e dell’ADR per imballaggi, grandi recipienti (IBC), grandi imballaggi e cisterne si applicano per analogia. L’Aggruppamento armasuisse è autorizzato a verificare gli imballaggi. Esso può, con il consenso di un organismo di valutazione della conformità designato secondo l’articolo 15 dell’ordinanza del 31 ottobre 2012179 sui mezzi di contenimento per merci pericolose, autorizzare deroghe alla SDR e all’ADR.

Parte 7 Disposizioni concernenti le condizioni di trasporto, carico, scarico e movimentazione

7100 Le differenti parti di un carico di merci pericolose devono essere disposte e assicurate con mezzi idonei in maniera tale da evitare qualsiasi spostamento durante il viaggio.

7200 Divieto di carico in comune

7201 Il carico in comune è disciplinato dalle indicazioni della seguente tabella.

Classe 1

Classi 2–9

LQ

(quantità limitate)

Alimenti, generi voluttuari e foraggi

Materiale

Persone

Classe 1

Gruppo di compatibilità

B

C/D/E/G

H

S

B

1

4

3

C/D/E/G

1

4

2

3

H

4

3

S

4

3

Classi 2–9

2

3

LQ

4

4

4

4

3

Carico in comune vietato

Carico in comune
ammesso

1
Carico in comune ammesso, se è rispettata una distanza di sicurezza di almeno 1 m.
2
Carico in comune ammesso, a condizione che le merci della classe 3 (materie liquide infiammabili), della classe 6.1 (materie tossiche), della classe 6.2 (materie infettanti) e della classe 9 siano trasportate a una distanza di almeno 1 m da alimenti, generi voluttuari e foraggi, anche se il pericolo è segnalato come rischio sussidiario.
3
Carico in comune ammesso, a condizione che le merci pericolose trasportate siano previste per l’impiego immediato dell’equipaggio del veicolo e dei passeggeri e che siano garantiti il fissaggio del carico secondo il numero 7100 nonché una sufficiente aerazione dell’abitacolo.
4
Se è rispettata una distanza di sicurezza di almeno 1 m, il carico in comune è ammesso per 591-4710 RSG 2000, 594-7910 MARK RSG 2000 nonché 594-7900 MARK SPRAY MARK RSG 2000. È proibito il carico in comune di altre merci pericolose imballate in quantità limitate con qualsiasi tipo di materie e oggetti esplosivi, ad eccezione di quelli della divisione 1.4.

7202 Il divieto di carico in comune non si applica tra il veicolo trattore e il suo rimorchio.

7300 Limitazioni relative a materie e oggetti esplosivi

7301 La massa netta totale in kg di materia esplosiva (o, nel caso di oggetti esplosivi, la massa netta totale di materia esplosiva contenuta nell’insieme degli oggetti) che può essere trasportata in un’unità di trasporto è limitata conformemente alle indicazioni della tabella seguente:

Divisione

1.1–1.3

1.4

Imballaggi vuoti non ripuliti

Gruppo di compatibilità

eccetto 1.1A

eccetto 1.4S

1.4S

Unità di trasporto convenzionale

1 000 kg MEN

1 000 kg MEN

illimitata

illimitata

Unità di trasporto EX/II

5 000 kg MEN

15 000 kg MEN

illimitata

illimitata

Unità di trasporto EX/III

16 000 kg MEN

16 000 kg MEN

illimitata

illimitata

Per la descrizione dei veicoli EX/II vedere la parte 91

7302 Se materie e oggetti delle differenti divisioni della classe 1 sono caricati nella medesima unità di trasporto e sono rispettati i divieti di carico in comune dei numeri 7200–7202, l’intero carico deve essere trattato come se appartenesse alla divisione più pericolosa (secondo l’ordine di successione seguente: 1.1, 1.2, 1.3, 1.4). Tuttavia la massa netta delle materie esplosive del gruppo di compatibilità S non è considerata nella limitazione delle quantità di merci trasportate.

Parte 8 Prescrizioni relative agli equipaggi, all’equipaggiamento, all’esercizio dei veicoli e alla documentazione

8100 Prescrizioni generali relative alle unità di trasporto e al materiale di bordo

8101 Per il trasporto di merci pericolose in colli, il documento di trasporto conformemente alla sezione 5.4.1 SDR/ADR non è necessa-rio se il mittente è la truppa in servizio militare.

8102 Per il trasporto di merci pericolose in veicoli militari con cisterne fisse (veicoli cisterna), cisterne smontabili, container-cisterna, casse mobili cisterna, in cisterne mobili nonché in veicoli batteria e container per gas a elementi multipli (CGEM) è sempre necessario il documento di trasporto conformemente alla sezione 5.4.1 SDR/ADR.

8103 In caso di trasporti di merci pericolose oltre i limiti liberi devono sempre essere portate con sé, in un punto facilmente accessibile della cabina dell’equipaggio del veicolo, le istruzioni scritte conformemente all’ADR.

8104 Le istruzioni scritte devono essere fornite dal trasportatore ai membri dell’equipaggio del veicolo, nelle rispettive lingue, prima della partenza.

8105 Il trasportatore deve vigilare affinché ogni membro dell’equipaggio del veicolo sia in grado di comprendere e di applicare correttamente dette istruzioni.

8106 Prima della partenza i membri dell’equipaggio del veicolo devono informarsi di propria iniziativa in merito alle merci pericolose caricate e consultare le istruzioni scritte riguardo alle misure da adottare in caso di incidente o di emergenza.

8107 La truppa in servizio militare, il personale militare e gli insegnanti specialisti che trasportano merci pericolose in colli oltre il limite libero non sono tenuti a recare con sé l’equipaggiamento di protezione individuale menzionato nelle istruzioni scritte.

8108 È necessario munire della marcatura di colore arancio e di etichette (placard) unicamente le unità di trasporto con cisterne fisse (veicoli cisterna), cisterne smontabili, container-cisterna, casse mobili cisterna, cisterne mobili, veicoli batteria e container per gas a elementi multipli (CGEM) nonché con merci alla rinfusa.

8109 Sempre che l’intera unità di trasporto ne sia dotata, in caso di trasporti di colli che eccedono il limite libero devono per principio essere esposti i pannelli di segnalazione di colore arancio. Le deroghe e le eccezioni sono disciplinate al numero 8110.

8110 In situazione straordinaria, per il trasporto di merci pericolose su veicoli chiusi o su veicoli telonati si rinuncia all’applicazione di etichette e alla marcatura con pannelli arancioni. In situazione normale e in situazione particolare, lo Stato maggiore dell’esercito è autorizzato, in base alla situazione di minaccia o di pericolo, a vietare a tempo determinato di apporre qualsiasi identificazione delle merci pericolose a unità di trasporto chiuse o telonate (capitolo 1.10 SDR/ADR; impedimento di furti e usi impropri).

8111 I veicoli che trasportano taniche (depositi mobili di carburante) con oltre 500 litri di merci della classe 3 oppure oltre 25 taniche di carburante vuote non ripulite o parzialmente piene, devono essere muniti almeno di un estintore da 12 kg di polvere ABC, di un sacco di materiale assorbente, di una pala di materiale antiscintilla e di due segnali d’avvertimento autoportanti (per es. coni o triangoli riflettenti oppure luci lampeggianti di colore arancio indipendenti dall’equipaggiamento elettrico del veicolo).

8112 Quando la truppa in servizio militare o personale militare oppure insegnanti specialisti trasportano merci pericolose in colli, l’equipaggiamento standard delle unità di trasporto militari non deve essere completato con gli oggetti d’equipaggiamento (mezzi di estinzione incendio e altro equipaggiamento) di cui alle sezioni 8.1.4 e 8.1.5 SDR/ADR.

8200 Prescrizioni relative alla formazione dei conducenti

8201 Chi trasporta merci pericolose oltre il limite libero deve avere assolto la pertinente formazione. Per il trasporto di merci pericolose al di sotto del limite libero è sufficiente una formazione secondo il capitolo 1.3 e la sezione 8.2.3 SDR/ADR.

8202 Necessitano del certificato di formazione ADR secondo la sottosezione 8.2.2.8 SDR/ADR per il trasporto di merci pericolose in colli:

a.
i conducenti di veicoli ai quali è stata rilasciata un’autorizzazione a condurre militare della categoria 930/930E dopo il 1° gennaio 2004 e che eseguono, in servizio militare, trasporti di merci pericolose in colli oltre il limite libero in veicoli il cui peso totale eccede 7,5 t;
b.
il personale militare e civile dell’Aggruppamento Difesa che trasporta merci pericolose in colli oltre il limite libero.

8203 Necessitano del certificato di formazione ADR per il trasporto di merci pericolose in cisterne i conducenti:

a.
di veicoli con i quali sono trasportate merci pericolose in cisterne fisse o in cisterne smontabili di capacità superiore a 1 m3;
b.
di veicoli batteria aventi una capacità totale superiore a 1 m3;
c.
di veicoli che trasportano merci pericolose in container-cisterna, cisterne mobili o CGEM di capacità individuale superiore a 3 m3 su un’unità di trasporto;
d.
di veicoli con sistemi di rifornimento di dimensioni ridotte.

8204 Non necessitano del certificato di formazione ADR in servizio militare:

a.
i conducenti ai quali è stata rilasciata un’autorizzazione a condurre militare della categoria 930/930E prima del 1° gennaio 2004 e che trasportano merci pericolose in colli oltre il limite libero;
b.
i conducenti di veicoli il cui peso totale non eccede 7,5 t e che trasportano merci pericolose in colli oltre il limite libero;
c.
gli artigiani di truppa che eseguono corse d’esercitazione e di controllo con cisterne o con sistemi di rifornimento di dimensioni ridotte vuoti non ripuliti.

Detti conducenti ricevono una formazione secondo i capitoli 1.3 e 8.2 SDR/ADR.

8204 Non necessitano del certificato di formazione ADR in servizio militare:

a.
i conducenti ai quali è stata rilasciata un’autorizzazione a condurre militare della categoria 930/930E prima del 1° gennaio 2004 e che trasportano merci pericolose in colli oltre il limite libero;
b.
i conducenti di veicoli il cui peso totale non eccede 7,5 t e che trasportano merci pericolose in colli oltre il limite libero;
c.
gli artigiani di truppa che eseguono corse d’esercitazione e di controllo con cisterne o con sistemi di rifornimento di dimensioni ridotte vuoti non ripuliti.
Detti conducenti ricevono una formazione secondo i capitoli 1.3 e 8.2.3 SDR/ADR.

8205 Le Formazioni d’addestramento (FOA) interessate organizzano tutti i corsi iniziali e di aggiornamento del corso di base e dei corsi di specializzazione nonché i relativi esami.

8207 A prescindere dall’organizzatore della formazione, i certificati di formazione ADR civili rilasciati in Svizzera mantengono la loro integrale validità nell’esercito.

8208 La durata di validità del certificato di formazione ADR è limitata a cinque anni; essa può essere prorogata 12 mesi prima della scadenza per altri cinque anni con un aggiornamento della formazione e il successivo esame di controllo. La nuova durata di validità decorre alla data di scadenza del precedente certificato di formazione ADR.

8209 Se l’aggiornamento della formazione non può essere assolto prima della scadenza, il titolare del certificato di formazione ADR scaduto deve frequentare un corso di base completo ed eventuali corsi di specializzazione e superare gli esami di controllo.

8210 In sostituzione del certificato di formazione ADR, per i conducenti di veicoli è valevole, per una durata massima di un mese dal superamento del corrispondente esame, la conferma nel «controllo dell’istruzione per conducenti di autoveicoli» alla rubrica «formazione ADR/SDR».

8300 Prescrizioni varie da osservare da parte dell’equipaggio del veicolo

8301 Durante il trasporto, all’equipaggio del veicolo e ai passeggeri è vietato aprire un collo contenente merci pericolose. Questa prescrizione non è applicabile ai conducenti:

a.
di veicoli che trasportano taniche (depositi mobili di carburante) ai sensi del numero 8111;
b.
di veicoli titolari di un’autorizzazione secondo il numero 8203 e che hanno beneficiato di un’istruzione tecnica al veicolo con sistema di rifornimento di dimensioni ridotte. Essi sono autorizzati, per il rifornimento, ad aprire i moduli cisterna (IBC).

8302 Durante il trasporto e le operazioni di carico e scarico è vietato fumare nei veicoli e nelle vicinanze di merci pericolose.

8303 Se, in seguito a un incidente, vi sono rischi per le persone o l’ambiente, deve essere sbarrata la zona pericolosa e devono essere avvertiti i servizi di salvataggio civili.

8304 Il conducente del veicolo deve inoltre adottare le misure prescritte dalle istruzioni scritte, sempre che in tale occasione non esponga sé stesso o terzi a inutili pericoli.

8305 I passeggeri sono tenuti a prestare aiuto.

8400 Prescrizioni relative alla sorveglianza dei veicoli

8401 Le soste e il parcheggio volontari di un veicolo con merci pericolose su strade pubbliche sono vietati qualora non lo richieda il trasporto stesso (carico, scarico, controllo dei veicoli o del carico, pause prescritte dalla legge, cattive condizioni meteorologiche). Se è necessario sostare e parcheggiare, dev’essere assicurata la sorveglianza del veicolo e del suo carico secondo le disposizioni dell’organo di sicurezza e a dipendenza dell’attuale situazione di pericolo.

8402 In caso di minacce o pericoli acuti, lo Stato maggiore dell’esercito può emanare prescrizioni di sicurezza supplementari nel senso del capitolo 1.10 SDR/ADR. Altrimenti devono essere applicate le misure di sicurezza prescritte nei piani di sicurezza del settore dipartimentale Difesa.

8403 Per le merci della classe 1 soggette a prescrizioni di sicurezza più restrittive (contrassegnate con una stella nella colonna 3 dell’allegato 2) a causa del pericolo di abuso o furto, si applicano le disposizioni/prescrizioni di sicurezza potenziate stabilite nelle pertinenti istruzioni del capo dell’esercito.

8500 (aperto)

8600 Restrizioni al passaggio dei veicoli trasportanti merci pericolose nelle gallerie stradali

8601 Le disposizioni del presente capitolo sono applicabili nei casi in cui il passaggio di veicoli nelle gallerie stradali è oggetto di restrizioni conformemente al numero 1702 e alla parte 10, tabella 10B.

8602 Le restrizioni al trasporto di specifiche merci pericolose nelle gallerie sono basate sul codice di restrizione in galleria indicato per le rispettive merci nella colonna 10 dell’allegato 2. Quando è indicato «-» invece di uno dei codici di restrizione in galleria, le merci pericolose non sono soggette ad alcuna restrizione in galleria.

8603 Se un’unità di trasporto contiene merci pericolose alle quali sono stati assegnati differenti codici di restrizione in galleria, all’insieme del carico deve essere assegnato il codice di restrizione in galleria più restrittivo.

8604 Le merci pericolose trasportate conformemente ai numeri 1201–1604 non sono oggetto di restrizioni al passaggio nelle gallerie e non devono essere considerate nella determinazione del codice di restrizione in galleria da assegnare all’insieme del carico di un’unità di trasporto.

8605 Una volta determinato il codice di restrizione in galleria da assegnare all’insieme del carico di un’unità di trasporto, le restrizioni applicabili al passaggio di tale unità di trasporto nelle gallerie sono le seguenti:

Codice di restrizione in galleria applicabile all’insieme del carico

Restrizione

B

Passaggio vietato nelle gallerie di categoria B, C, D ed E.

B1000C

Trasporto per il quale la massa netta totale di materie esplosive per unità di trasporto:

– supera 1000 kg: passaggio vietato nelle gallerie di categoria B, C, D ed E;

– non supera 1000 kg: passaggio vietato nelle gallerie di categoria C, D ed E.

B/D

Trasporto in cisterna: passaggio vietato nelle gallerie di categoria B, C, D ed E.

Altro trasporto: passaggio vietato nelle gallerie di categoria D ed E.

B/E

Trasporto in cisterna: passaggio vietato nelle gallerie di categoria B, C, D ed E.

Altro trasporto: passaggio vietato nelle gallerie di categoria E.

C

Passaggio vietato nelle gallerie di categoria C, D ed E.

C5000D

Trasporto per il quale la massa netta totale di materie esplosive per unità di trasporto:

– supera 5000 kg: passaggio vietato nelle gallerie di categoria C, D ed E;

– non supera 5000 kg: passaggio vietato nelle gallerie di categoria D ed E.

C/D

Trasporto in cisterna: passaggio vietato nelle gallerie di categoria C, D ed E.

Altro trasporto: passaggio vietato nelle gallerie di categoria D ed E.

C/E

Trasporto in cisterna: passaggio vietato nelle gallerie di categoria C, D ed E.

Altro trasporto: passaggio vietato nelle gallerie di categoria E.

D

Passaggio vietato nelle gallerie di categoria D ed E.

D/E

Trasporto alla rinfusa o in cisterna: passaggio vietato nelle gallerie di categoria D ed E.

Altro trasporto: passaggio vietato nelle gallerie di categoria E.

E

Passaggio vietato nelle gallerie di categoria E.

Passaggio autorizzato in tutte le gallerie.

ESEMPIO: per un’unità di trasporto con No ONU 0487 SEGNALI FUMOGENI (PET URL), codice di classificazione 1.3G, codice di restrizione in galleria C5000D, che trasporta una massa netta totale di materie esplosive pari a 3000 kg, il passaggio è vietato nelle gallerie di categoria D ed E.

Parte 9 Prescrizioni relative alla costruzione e all’approvazione dei veicoli

9100 I veicoli militari non hanno bisogno di alcuna iscrizione nella licenza di circolazione quale attestato di un’assicurazione di respon-sabilità civile aumentata.

9200 Salvo specificazione contraria nella licenza di circolazione, gli autoveicoli militari telonati con accensione per compressione (motori diesel) e un peso totale superiore a 3,5 tonnellate, i rimorchi per soprastrutture intercambiabili da 9,6 tonnellate a due assi Lanz+Marti con soprastruttura C625 telonata e i rimorchi per il trasporto di cose del tipo 85 e 87 telonati sono considerati come unità di trasporto EX/II e possono essere impiegati come tali.

Parte 10 Tratti stradali con restrizioni al trasporto

10A Tratti stradali in prossimità di acque protette

Elenco dei tratti stradali sui quali il trasporto di determinate merci pericolose è vietato oppure limitato (allegato 2 colonna 11).

AG Baden/Dättwil, «Täfernstrasse» (lunghezza ca. 250 m);

AG Frick–Oeschgen, «Oeschgerstrasse» (lunghezza ca. 600 m);

AG Strada cantonale 335, «Brunnenrainstrasse», tratta tra «Berghof» (punto 663) e l’«immobile del ristorante Waldegg»;

AG Strada cantonale 420, tratta tra Mülligen, lunghezza 400 m e Birmenstorf, lunghezza 500 m1;

AG Reinach, «Brüggelmoosstrasse» (lunghezza 400 m);

AG Spreitenbach, strada comunale «Müslistrasse» (lunghezza 250 m);

BE Belp, Gürbebrücke–biforcazione Auhaus/Giessenhof (lunghezza 1,3 km);

BE Strada cantonale 1315, Gimmiz–Aarberg (lunghezza 3 km) compresa la biforcazione in direzione di Kappelen (lunghezza ca. 1 km);

BE Neuenegg, Süri–Matzenried (lunghezza 1,5 km);

BE Seedorf, strada comunale Räbhalen–biforcazione Holteren/Ruchwil (lunghezza 300 m);

BL Muttenz, «Rheinfelderstrasse» (tratta tra lo sbocco «Auhafen» e il raccordo Hagnau, lunghezza 2,4 km);

BS Basilea e Riehen, «Riehenstrasse»–«Äussere Baselstrasse» (tratta tra «Fasanenstrasse/Allmendstrasse» e «Rauracher­strasse», lunghezza ca. 1 km);

BS Riehen, «Äussere Baselstrasse» (tratta tra «Rauracherstrasse» e «Bäumlihofstrasse», lunghezza ca. 200 m)1;

BS Riehen, «Rauracherstrasse» (tratta tra «Äussere Baselstrasse» e «Bäumlihofstrasse», lunghezza ca. 200 m)1;

BS Riehen, «Weilstrasse» (tratta tra «Lörracherstrasse» e posto di dogana della «Weilstrasse», lunghezza ca. 800 m);

GE Strada cantonale 75, Chemin de la Greube fino alla cava di «Bois de Bay» (lunghezza 1,3 km)1, 2;

GE Strada cantonale 80, Route de Veyrier fino alla frazione di Vessy (lunghezza 1,1 km)1, 2;

GE Pont de la Fontenette2;

GE Pont de Vessy2;

GE Pont du Val d’Arve2;

GE Route du Bout du Monde (lunghezza 600 m)1, 2;

GE Route du Bout du Monde (tratta tra il ponte e la frazione di Vessy, lunghezza 800 m)2;

GE Strada che costeggia la riva sinistra del Rodano dal «Barrage de Verbois» in direzione «Moulin-de-Vert» (lunghezza 1,5 km)2;

GE Strada che costeggia la riva destra del Rodano dalla «Route de Verbois» all’officina di Verbois e alla cava di Russin (lunghezza 1 km)1, 2;

GE Strada che dalla «Route de Peney» conduce alla cosiddetta «Maison Carrée» (lunghezza 1,2 km)1, 2;

NE Strada cantonale 414, St-Martin–segheria Debrot (lunghezza 1 km);

NE Strada cantonale 2233, strada a sud di Boveresse fino a nord di Môtiers, piazzale della stazione (lunghezza 950 m)1;

SO Grenchen, Grenchen–Romont, «Romontstrasse» (lunghezza 400 m);

SG Strada di collegamento Valens–Vasön (lunghezza 2300 m).

TI Chiasso, «Via Soldini» (tratta tra «Via Passeggiata» e «Via Interlenghi», lunghezza 200 m) e «Via Interlenghi» (tratta tra «Via Soldini» e «Via Vincenzo Vela», lunghezza 400 m)

TI Mendrisio, tratta «Via Pra Mag», «Via Laveggio», «Via Prati Maggi» sino all’incrocio «Via alla Rossa» (lunghezza 1,2 km)

TI Mendrisio-Coldrerio, «Via Sant’Apollonia» (lunghezza 1,5 km)

VD Strada cantonale 26, Le Brassus–incrocio Grand-Fuey (lunghezza 11 km)1;

VD Strada cantonale 289, Orny–Bavois, per Entreroches (lunghezza 2200 m);

1
Servizio a domicilio permesso.
2
Su questi tratti stradali il trasporto di tali liquidi è vietato unicamente se è effettuato con veicoli cisterna.

10B Tratti stradali con gallerie: elenco dei tratti per i quali sono previste categorie di restrizione

Cantone

Tratti stradali
Strada nazionale = N
Strada cantonale = SC

Galleria

Categoria di galleria
(1.9.5.2 ADR)

UR/TI

N2 Göschenen–Airolo

San Gottardo

E

GR

N13 Thusis–Ticino

San Bernardino

E

TG

Strada cantonale Frauenfeld

Rotatoria stazione di Frauenfeld

E

TI

Strada cantonale Bellinzona–Brissago

Mappo/Morettina

E

TI

Strada cantonale Lugano

Vedeggio–Cassarate

E

VD

Strada cantonale Crissier

Galerie du Marcolet

E

VS/Italia

SC Martigny–Aosta

Gran San Bernardo

E

Allegato 2 180

180 Nuovo testo giusta il n. II cpv. 2 dell’O del 25 nov. 2020, in vigore dal 1° gen. 2021 (RU 2020 6015).

(art. 58)

Elenco delle merci e delle quantità autorizzate

Classe 1 – Materie e oggetti esplosivi

Legenda:

Trasporto secondo le disposizioni dell’organo di sicurezza e a dipendenza dell’attuale situazione di pericolo.

Trasporto ferroviario vietato.

Specificazione della merce pericolosa

Calcolo del limite libero

Galleria

Protezione delle acque

NDEs

N. ONU

Nome e descrizione

Classe

Codice di classi­ficazione

Etichette di pericolo

Limite libero della merce isolata (kg)

Moltiplica­tore

MEN per colpo o per pezzo in kg

Codice di restrizione in galleria

Divieto di circolazione in prossimità di acque protette

(1)

(2)

(3)

(4)

(5)

(6)

(7)

(8)

(9)

(10)

(11)

590-0440

0012

5,6MM MATCH TRAININGS PAT

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0016

E

590-0501

0012

6 MM BR NORMA

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0020

E

590-0509

0012

7,5MM MATCH TRAINING 11,3G

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0033

E

590-0655

0012

7,65MM PARA FMJ

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0003

E

590-0760

0012

10,4X33MM GW PAT ZU G 150

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0033

E

590-0853

0475

SORT MIL SPRST

1

1.1D

1

20

50

7.3404

B1000C

590-0854

0475

SORT ZIV SPRST

1

1.1D

1

20

50

10.6200

B1000C

590-0856

0475

ASSORT CANI DA RICERCA, ESPLO CIV IN CASSA

1

1.1D

1

20

50

3.6500

B1000C

590-0863

0414

12CM MW TEIL LADG ENTS

1

1.2C

1

20

50

35.0000

B1000C

590-0927

0303

TGW 73 NB G

1

1.4G

1.4

+ 8

333

3

0.1300

E

590-0948

0006

12CM WG 68 MVZ 68 LADG 0-6 LAW ABSCH

1

1.1E

1

20

50

3.7200

B1000C

591-0235

0408

AMZ M9327A1 (LM 8,1CM, GRAN LANC 94 AMZ CRCA 0-6)

1

1.1D

1

20

50

0.0085

B1000C

591-1050

0012

CART 5,6MM 90 F

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0016

E

591-1051

0012

CART 5,6MM 90 F (NAS CARI)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0016

E

591-1055

0012

CART LUM 5,6MM 90 F

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0019

E

591-1065

0012

CART 5,6MM 90 F E CART LUM 90 F (3:1)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0016

E

591-1070

0012

CART 5,6MM 19 F EXP

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0017

E

591-1100

0012

CART 7,5MM 11 F

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0033

E

591-1108

0012

CART LUM 7,5MM 11

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0038

E

591-1120

0012

CART 7,62MM 12 F

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0029

E

591-1125

0012

CART P 7,62MM 12

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0029

E

591-1235

0012

CART 8,6MM 04 F

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0057

E

591-1236

0012

CART 8,6MM C P 05 F

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0058

E

591-1237

0012

CART 8,6MM TC 06 F

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0058

E

591-1240

0012

CART 9MM 41 PIST

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0004

E

591-1241

0012

CART 9MM 14 PIST

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0004

E

591-1242

0012

CART S 9MM PIST

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0004

E

591-1243

0012

CART P 9MM PIST

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0005

E

591-1244

0012

CART A 4 9MM PIST

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0005

E

591-1255

0012

MZ GW 91 FLINTENLAUF PAT

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0023

E

591-1275

0009

MITR 12,7MM 64, CART AC ESP 92

1

1.2G

1

20

50

0.0180

B1000C

591-1276

0300

MITR 12,7MM 64, CART AC ESP 93 LUM

1

1.4G

1.4

333

3

0.0260

E

591-1280

0300

MITR 12,7MM 64, CART AC ESP 92 + CART AC
ESP 93 LUM

1

1.4G

1.4

333

3

0.0260

E

591-1430

0339

CAN AV 20MM 92 CART POLI

1

1.4C

1.4

333

3

0.0400

E

591-1450

0012

F POLIVALENTE 91 CART PIOMBO 04

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0021

E

591-1451

0301

F POLIVALENTE 91 CART SOST IRR LUNGO

1

1.4G

1.4

+ 6.1

+ 8

333

3

0.0010

E

591-1452

0301

F POLIVALENTE 91 CART SOST IRR CORTO

1

1.4G

1.4

+ 6.1

+ 8

333

3

0.0015

E

591-1453

0012

F POLIVALENTE 91 CART PORTE

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0013

E

591-1500

0328

30MM CAN C ARM GRAN 00 CART FRECCIA LUM

1

1.2C

1

20

50

0.1860

B1000C

591-1505

0328

30MM CAN C ARM GRAN 00 CART POLI LUM

1

1.2C

1

20

50

0.1820

B1000C

591-1545

0321

CAN DCA 35MM 63/90, CART MI INC 93 BOZ

1

1.2E

1

20

50

0.4450

B1000C

591-1546

0321

CAN DCA 35MM 63/90, CART MI INC 93 MZ LUM

1

1.2E

1

20

50

0.4450

B1000C

591-1555

0049

40MM GW BS PAT 08

1

1.1G

1

20

50

0.0033

B1000C

591-1560

0321

CART SCHEGGE 40MM 97 MZ F

1

1.2E

1

20

50

0.0411

B1000C

591-1561

0301

40MM MZW 10 RS PAT

1

1.4G

1.4

+ 6.1

+ 8

333

3

0.0660

E

591-1563

0339

40MM MZW 10 E PAT M

1

1.4C

1.4

333

3

0.0002

E

591-1564

0312

40MM MZW 10 SIG PAT

1

1.4G

1.4

333

3

0.0160

E

591-1565

0012

40MM MZW 10 GS PAT

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0005

E

591-1566

0006

CART ESPLO 15 FUC 40MM

1

1.1E

1

20

50

0.0563

B1000C

591-1567

0012

CART IRR 15 FUC 40MM

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0100

E

591-1570

0171

TL 6CM GRAN ILLUM 87 ZZ

1

1.2G

1

20

50

0.2528

B1000C

591-1823

0321

LM 8,1CM, GRAN LANC 66 + MVZ 55

1

1.2E

1

20

50

0.5640

B1000C

591-1831

0171

LM 8,1CM, GRAN ILLUM 73 ZZ CRCA 0-6

1

1.2G

1

20

50

0.7260

B1000C

591-1837

0015

LM 8,1CM, GRAN LANC NEB 68 CRCA 0-6

1

1.2G

1

20

50

2.1200

B1000C

591-1842

0321

LM 8,1CM, GRAN LANC 94 AMZ CRCA 0-6

1

1.2E

1

20

50

0.8760

B1000C

591-1844

0321

LM 8,1CM, GRAN LANC 12 MVZ CRCA 0-6

1

1.2E

1

20

50

0.8760

B1000C

591-2252

0171

LM 12CM, GRAN ILLUM 74 ZZ CRCA 0-7

1

1.2G

1

20

50

2.6070

B1000C

591-2256

0321

LM 12CM, GRAN LANC 88 AMZ CRCA 0-7

1

1.2E

1

20

50

3.8200

B1000C

591-2258

0321

LM 12CM, GRAN LANC 93 MVZ CRCA 0-7

1

1.2E

1

20

50

3.8250

B1000C

591-2260

0006

LM 12CM, PROIE INT 96 STRIX

1

1.1E

1

20

50

2.5000

B1000C

591-2261

0279

LM 12CM, SOSP CRCA 96 STRIX

1

1.1C

1

20

50

0.6500

B1000C

591-2262

0281

LM 12CM, PROP SUPPL 96 STRIX

1

1.2C

1

20

50

0.9230

B1000C

591-2272

0328

CAN C ARM 12CM, CART FRE 98 LUM

1

1.2C

1

20

50

9.5770

B1000C

591-2500

0168

OB 15,5CM 66, GRAN ACCI S SPO

1

1.1D

1

20

50

6.7400

B1000C

591-2501

0171

OB 15,5CM 66, GRAN ILLUM S SPO

1

1.2G

1

20

50

2.8930

B1000C

591-2505

0320

OB 15,5CM 66, CART INN

1

1.4G

1.4

333

3

0.0020

E

591-2509

0242

OB 15,5CM 66 E 74, CRCA 3-7

1

1.3C

1

20

50

5.6000

C5000D

591-2510

0414

OB 15,5CM, CRCA CONT 3-7, MODULO DI BASE

1

1.2C

1

20

50

3.3500

B1000C

591-2511

0414

OB 15,5CM, CRCA CONT 3-7, MODULI

1

1.2C

1

20

50

1.3500

B1000C

591-2512

0409

MVZ 67

1

1.2D

1

20

50

0.0200

B1000C

591-2513

0409

MZZ 68

1

1.2D

1

20

50

0.0150

B1000C

591-2518

0410

MZZ 88

1

1.4D

1.4

333

3

0.0004

E

591-2529

0414

OB 15,5CM 66 E 74, CRCA 3-4

1

1.2C

1

20

50

2.1000

B1000C

591-2531

0414

CAN 15,5CM CRCA CONT 10

1

1.2C

1

20

50

14.0000

B1000C

591-2535

0414

CAN 15,5CM CRCA CONT 7-9

1

1.2C

1

20

50

11.7000

B1000C

591-2545

0168

CAN 15,5CM, PROIE INT 01 SMART

1

1.1D

1

20

50

4.4850

B1000C

591-2550

0409

AMZ 91

1

1.2D

1

20

50

0.0200

B1000C

591-3151

0181

PZF, CART CRCA CAVA 95

1

1.1E

1

20

50

1.6420

B1000C

591-3160

0321

RGW 90 HH CART 16 APS

1

1.2E

1

20

50

0.88750

B1000C

591-3170

0181

M72 MK2 CART 16 APS

1

1.1E

1

20

50

0.4510

B1000C

591-3210

0182

MIS DCA TA BL 84 RAPIER

1

1.2E

1

20

50

17.5700

B1000C

591-3211

0182

MIS DCA TA 01 RAPIER

1

1.2E

1

20

50

19.2720

B1000C

591-3220

0181

MIS DCA L TA BL 94 STINGER

1

1.1E

1

20

50

4.9800

B1000C

591-3235

inerte

MIS AV AA LL 63, IMPENNAGGIO

591-3240

0181

MIS AV AA LL 63/91 PRONTO PER L’USO

1

1.1E

1

20

50

24.7200

B1000C

591-3241

0276

MIS AV AA LL 63/91, TESTA GUID

1

1.4C

1.4

333

3

0.3500

E

591-3242

0286

MIS AV AA LL 63/80, C ESP

1

1.1D

1

20

50

4.7500

B1000C

591-3243

0409

MIS AV AA LL 63/80, SPO AVVICI AZ 63/93

1

1.2D

1

20

50

0.0360

B1000C

591-3244

0281

MIS AV AA LL 63/80 PROP R

1

1.2C

1

20

50

19.8000

B1000C

591-3245

inerte

MIS AV AA LL 63/80, IMPENNAGGIO

591-3246

inerte

MIS AV AA LL 63/90, ALETTA

591-3250

0182

MIS AV AA LL 97 AMRAAM

1

1.2E

1

20

50

54.3000

B1000C

591-3252

0182

FLZ LWF LL AMRAAM 120C-7

1

1.2E

1

20

50

61.3508

B1000C

591-3255

0181

MIS AA LL AIM-9X

1

1.1E

1

20

50

30.8000

B1000C

591-3303

0182

TOW, MIS CRCA CAVA 96

1

1.2E

1

20

50

6.9500

B1000C

591-3310

0182

NLAW CART 16 APS

1

1.2E

1

20

50

1.7300

B1000C

591-3470

0285

GRAN MANO 85

1

1.2D

1

20

50

0.1668

B1000C

591-3800

0137

CRCA DIR 96 L COMPL

1

1.1D

1

20

50

1.5000

B1000C

591-3810

0137

CRCA DIR 96 PES COMPL

1

1.1D

1

20

50

9.6000

B1000C

591-3825

0463

CRCA CRAT 88 COMPL

1

1.1D

1

20

50

41.0000

B1000C

591-4010

0048

CART PRISM 200G, 3 CANNELLI

1

1.1D

1

20

50

0.2030

B1000C

591-4020

0084

CART PRISM 1KG, PLASTITE

1

1.1D

1

50

20

1.0000

B1000C

591-4030

0084

CART CILI 100G, PLASTITE

1

1.1D

1

50

20

0.1000

B1000C

591-4091

0059

CRCA V 5KG 66

1

1.1D

1

20

50

5.8500

B1000C

591-4093

0059

CRCA V 10KG 66

1

1.1D

1

20

50

11.3000

B1000C

591-4095

0059

CRCA V 20KG 66

1

1.1D

1

20

50

22.4000

B1000C

591-4098

0048

TUBO ESP

1

1.1D

1

20

50

3.3200

B1000C

591-4160

0048

C DIROM 75

1

1.1D

1

20

50

0.5250

B1000C

591-4181

0048

ASSORT ESPLO (ISTR)

1

1.1D

1

20

50

13.120

B1000C

591-4200

0463

ASSORT KMB 95

1

1.1D

1

20

50

0.8900

B1000C

591-4201

0059

CRCA KMB 33MM 95

1

1.1D

1

20

50

0.0570

B1000C

591-4202

0059

CRCA KMB 67MM 95

1

1.1D

1

20

50

0.4450

B1000C

591-4204

0441

CRCA KMB 20MM 99

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0115

E

591-4210

0467

ASSORT KMB 99 (DISTR SM)

1

1.2D

1

20

50

0.0580

B1000C

591-4212

0500

TUBO ACCEN 100M + DISPO PERC (DISTR SM)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0010

E

591-4213

0500

TUBO ACCEN 10M PORT-CAPS ACC (DISTR SM)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0010

E

591-4214

0361

ASSORT TUBO ACCEN (DISTR SM)

1

1.4B

1.4

333

3

0.0100

E

591-4405

0283

DETO 82

1

1.2D

1

20

50

0.0012

B1000C

591-4409

0255

DETO ELETTRO 16 ESK3, 3M

1

1.4B

1.4

333

3

0.0024

E

591-4410

0029

DETO 8

1

1.1B

1

20

50

0.0016

B1000C

591-4411

0255

DETO ELETTRO 16 ESK3, 20M

1

1.4B

1.4

333

3

0.0024

E

591-4412

0255

NFL EL 16

1

1.4G

1.4

333

3

0.0006

E

591-4415

0361

DISP ACC 90 (TUBO ESP)

1

1.4B

1.4

333

3

0.0021

E

591-4435

0350

ASSORT ACCEN (PIRO)

1

1.4B

1.4

333

3

0.5410

E

591-4437

0255

ASSORT ACCEN B (EL HU)

1

1.4B

1.4

333

3

0.2100

E

591-4441

0361

SCHL Z SYST PZ SAP SORT E

1

1.4B

1.4

333

3

0.0509

E

591-4442

0361

SCHL Z SYST G/RTTG SORT C

1

1.4B

1.4

333

3

0.1504

E

591-4443

0361

SCHL Z SYST G/RTTG SORT D

1

1.4B

1.4

333

3

0.0213

E

591-4444

0065

MIC DETO 74

1

1.1D

1

20

50

0.0120/m

B1000C

591-4445

0065

MIC DETO 96, 5G

1

1.1D

1

20

50

0.0050/m

B1000C

591-4446

0361

MIC LENTA, 150, 3M CONFEZ DETO 8

1

1.4B

1.4

333

3

0.0185

E

591-4447

0361

MIC LENTA,150, 2M, CONFEZ DETO 8 E ACCEN PERC 83

1

1.4B

1.4

333

3

0.0135

E

591-4448

0500

STARTER SL 0, 15M

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0002

E

591-4450

0255

DETO EL 66 HU, 0/30

1

1.4B

1.4

333

3

0.0007

E

591-4453

0255

DETO EL 66 HU, 3/30

1

1.4B

1.4

333

3

0.0007

E

591-4456

0255

DETO EL 66 HU, 6/30

1

1.4B

1.4

333

3

0.0007

E

591-4459

0255

DETO EL 66 HU, 9/30

1

1.4B

1.4

333

3

0.0007

E

591-4462

0255

DETO EL 66 HU, 12/30

1

1.4B

1.4

333

3

0.0007

E

591-4464

0500

ZUE SCHLAUCH 65M + MECH SV 09

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0020

E

591-4467

0500

ZUE SCHLAUCH 5M + MECH SV 09

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0020

E

591-4468

0500

ZUE SCHLAUCH 20M + MECH SV 09

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0020

E

591-4469

0500

ZUE SCHLAUCH 10M + MECH SV 09

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0020

E

591-4476

0255

ASSORT ACCEN B (ISTR)

1

1.4B

1.4

333

3

0.1500

E

591-4500

inerte

ZUE SCHLAUCH, 750M

591-4510

0500

ZUE SCHLAUCH 15M + KZUE 15

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0020

E

591-4511

0257

ZUE SCHLAUCH 30M + SZUE 15

1

1.4B

1.4

333

3

0.0020

E

591-4512

0257

ZUE SCHLAUCH 30M DOPPELT + KZUE 15

1

1.4B

1.4

333

3

0.0020

E

591-4513

0500

ZUE SCHLAUCH 100M + SZUE 15

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0020

E

591-4651

0048

ELE REATT PROT CAN FORT 15,5CM 93 BISON

1

1.1D

1

20

50

0.3520

B1000C

591-4652

0048

ELE REATT PROT SUP DR CAN FORT 15,5CM 93

1

1.1D

1

20

50

0.5900

B1000C

591-4653

0048

ELE REATT PROT SUP G CAN FORT 15,5CM 93

1

1.1D

1

20

50

0.5900

B1000C

591-4670

0475

FOGLIO ESLPO C2, RT 9 KG

1

1.1D

1

20

50

9.0000

B1000C

591-4671

0475

FOGLIO ESLPO C2, STRISCE 20 MM

1

1.1D

1

20

50

0.7690

B1000C

591-4672

0475

FOGLIO ESLPO C3, STRISCE 20 MM

1

1.1D

1

20

50

0.8200

B1000C

591-4673

0475

FOGLIO ESLPO C5, RT 9 KG

1

1.1D

1

20

50

9.0000

B1000C

591-4680

0288

CRCA TRANC 13, 125 G/M

1

1.1D

1

20

50

0.1275

B1000C

591-4681

0288

CRCA TRANC 13, 250 G/M

1

1.1D

1

20

50

0.2550

B1000C

591-4682

0288

CRCA TRANC 13, 500 G/M

1

1.1D

1

20

50

0.5100

B1000C

591-4683

0288

CRCA TRANC 13, 1150 G/M

1

1.1D

1

20

50

1.1500

B1000C

591-4684

0042

POTENZIATOR INNESCO 20 G

1

1.1D

1

20

50

0.0200

B1000C

591-4686

0288

CRCA TRANC 20, 10MM

1

1.1D

1

20

50

0.0700

B1000C

591-4687

0288

CRCA TRANC 20, 15MM

1

1.1D

1

20

50

0.1550

B1000C

591-4688

0288

CRCA TRANC 20, 25M

1

1.1D

1

20

50

0.4300

B1000C

591-4689

0288

CRCA TRANC 20, 40MM

1

1.1D

1

20

50

1.1000

B1000C

591-4690

inerte

T-CAVO 16

591-4710

1950

ASI 2000

2

Cfr. N. ONU 1950 AEROSOL, infiammabili, 2.1

591-4800

0500

KZ MS STUFE 03 75MS, 6M

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0009

E

591-4801

0500

KZ MS STUFE 04 100MS, 6M

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0009

E

591-4802

0500

KZ MS STUFE 05 125MS, 6M

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0009

E

591-4803

0500

KZ MS STUFE 06 150MS, 6M

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0009

E

591-4819

0500

BD 0MS, 7,8M

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0002

E

591-4822

0500

VZ 25MS, 4,8M

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0002

E

592-5052

0012

CART PERC PERIF 5,6MM

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0001

E

592-5053

0012

CART COL ROSSO 5,6MM F 90

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0001

E

592-5054

0012

CART COL AZZ 5,6MM F 90

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0001

E

592-5055

0012

CART COL ROSSO 5,6MM MITR L 05

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0001

E

592-5056

0012

CART COL AZZ 5,6MM MITR L 05

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0001

E

592-5080

0012

CART ESER 7,5MM 92 LUM (TRID PZF)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0005

E

592-5090

0012

7,62MM CART ESER 16 LUM (T RID RGW 90)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0010

E

592-5120

0012

CART COL ROSSO 9MM PIST

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0001

E

592-5121

0012

CART COL AZZ 9MM PIST

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0001

E

592-5143

0339

MITR 12,7MM 64, CART ESER 04 + CART ESER

1

1.4C

1.4

333

3

0.0157

E

592-5144

0339

MITR 12,7MM 64, CART ESER 04 (NAS CARI)

1

1.4C

1.4

333

3

0.0150

E

592-5155

0339

MITR 12,7MM 64, CART ESER 05 LUM (NAS CARI)

1

1.4C

1.4

333

3

0.0170

E

592-5165

0012

MZGW 91 U RS PAT LANG

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0012

E

592-5166

0012

F POLIVALENTE 91 CART ESER IRR CORTO

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0013

E

592-5198

0339

CAN AV 20MM 92, CART ESER 97

1

1.4C

1.4

333

3

0.0380

E

592-5200

0183

CART ESER 21MM 16 LUM (T RID M72 MK2)

1

1.3C

1

20

50

0.0215

C5000D

592-5220

0328

CART ESER 27MM 90 LUM (TRID CAN C ARM)

1

1.2C

1

20

50

0.1620

B1000C

592-5221

0328

30MM CAN C ARM GRAN 00 CART ESER LUM

1

1.2C

1

20

50

0.1820

B1000C

592-5270

0328

CAN DCA 35MM 63, GRAN ESER S LUM

1

1.2C

1

20

50

0.3400

B1000C

592-5272

0328

CAN DCA 35MM 63, GRAN ESER LUM

1

1.2C

1

20

50

0.3540

B1000C

592-5281

0012

40MM GW UPAT 08

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0005

E

592-5282

0197

40MM MZW 10 U RS PAT

1

1.4G

1.4

333

3

0.0690

E

592-5355

0303

CART ESER NEB 7,6CM 97, ACCEN EL

1

1.4G

1.4

333

3

0.0895

E

592-5363

0321

LM 8,1CM, GRAN ESP ESER 66 + MVZ 55

1

1.2E

1

20

50

0.0197

B1000C

592-5365

0321

LM 8,1CM, GRAN ESP ESER 91 MVZ CRCA 0-6

1

1.2E

1

20

50

0.1983

B1000C

592-5366

0321

LM 8,1CM, GRAN ESP ESER 04 MVZ CRCA 0-6

1

1.2E

1

20

50

0.1983

B1000C

592-5367

0321

LM 8,1CM GRAN ESP ESER 12 MVZ CRCA 0-6

1

1.2E

1

20

50

0.1870

B1000C

592-5368

0321

LM 8,1CM, GRAN ESP ESER 16 MVZ CRCA 0-6

1

1.2E

1

20

50

0.2020

B1000C

592-5459

0321

LM 12CM, GRAN ESP ESER 93 MVZ CRCA 0-7

1

1.2E

1

20

50

1.2350

B1000C

592-5460

0328

CAN C ARM 12CM, CART CRCA CAVA ESER 87 LUM

1

1.2C

1

20

50

6.2160

B1000C

592-5463

0328

CAN C ARM 12CM, CART FRE ESER 10 LUM

1

1.2C

1

20

50

6.3420

B1000C

592-5485

0169

OB 15,5CM 74, GRAN ESP ESER S SPO

1

1.2D

1

20

50

0.5230

B1000C

592-5489

0414

OB 15,5CM CRCA ESER 2 / L47

1

1.2C

1

20

50

1.2000

B1000C

592-5551

0502

PZF, CART ESER 95

1

1.2C

1

20

50

0.2560

B1000C

592-5630

0281

TOW, MIS ESER

1

1.2C

1

20

50

3.7400

B1000C

592-5656

0285

EUHG 11

1

1.2D

1

20

50

0.0830

B1000C

592-5870

0255

DETO ELETTRO 18 ESK3, ESER

1

1.4B

1.4

333

3

0.0001

E

593-6021

0014

PLATZ PAT 6MM

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0001

E

593-6062

0054

CART ILL 15 FUC 40MM (LB)

1

1.3G

1

20

50

0.0690

C5000D

593-6063

0054

CART ILL 15 FUC 40MM (IR)

1

1.3G

1

20

50

0.0634

C5000D

593-6067

0016

CART NEB 7,6CM 95, ACCEN EL

1

1.3G

1

+ 8

20

50

0.3050

C5000D

593-6152

0238

EQPT LCORD 90, 250M (4 PAC)

1

1.2G

1

20

50

0.4000

B1000C

593-6153

0238

EQPT LCORD 90, 400M (4 PAC)

1

1.2G

1

20

50

0.9840

B1000C

593-6155

0238

PAC R LCORD 90, CORD 250M

1

1.2G

1

20

50

0.1000

B1000C

593-6156

0238

PAC R LCORD 90, CORD 400M

1

1.2G

1

20

50

0.2460

B1000C

593-6404

0430

PLACCA INC ACCEND SFREG

1

1.3G

1

20

50

0.2200

C5000D

593-6405

0430

FOGLIO INC

1

1.3G

1

20

50

0.0200

C5000D

593-6406

0131

ACCEND SFREG 78 SPEC

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0002

E

593-6413

0131

ACCEND PERC 83

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0004

E

593-6414

0105

MIC LENTA, 150

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0051/m

E

593-6420

inerte

MECH ZUENDPISTOLE 10

593-6421

inerte

EL ZUENDMASCHINE 10

593-6435

0325

ACCEN PIRO 74

1

1.4G

1.4

333

3

0.0229

E

593-6440

0323

12,7MM CART EL IMPULSO (AP EOD)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0105

E

593-6470

0054

15MM PYRO-KPAT

1

1.3G

1

20

50

0.0039

C5000D

593-6471

0312

15MM PYRO-PFPAT

1

1.4G

1.4

333

3

0.0035

E

593-6540

0312

PLR 26,5MM 78, CART SEGN ROSSO

1

1.4G

1.4

333

3

0.0207

E

593-6542

0312

PLR 26,5MM 78, CART SEGN VERDE

1

1.4G

1.4

333

3

0.0210

E

593-6544

0312

PLR 26,5MM 78, CART SEGN ROSSO (GUARDIA PISTA)

1

1.4G

1.4

333

3

0.0510

E

593-6548

0054

PLR 26,5MM 78, CART ILLUM GIALLO (PCT, 300M)

1

1.3G

1

20

50

0.0400

C5000D

593-6550

0312

PLR 26,5MM 78, CART ILLUM GIALLO

1

1.4G

1.4

333

3

0.0215

E

593-6553

0312

SIG PAT 04

1

1.4G

1.4

333

3

0.0379

E

593-6555

0431

R SEGN ROSSO PAR (MANO)

1

1.4G

1.4

333

3

0.0610

E

593-6557

0191

FIAC SEGN ROSSO NOTTE (MANO)

1

1.4G

1.4

333

3

0.0730

E

593-6558

0191

FIAC SEGN GIORNO/NOTTE (MANO)

1

1.4G

1.4

333

3

0.0900

E

593-6559

0323

AUTOMATISCHE AUSLOESUNG FLU-8B/P, 0,11KG

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0002

E

593-6560

0191

R SEGN ROSSO PAR (MANO)

1

1.4G

1.4

333

3

0.0920

E

593-6610

0367

F/A18 D SMDC (DODIC MH 03)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0002

E

593-6611

0367

F/A18 D SMDC (DODIC MH 07)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0010

E

593-6612

0367

F/A18 C SMDC (DODIC MH 32)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0003

E

593-6613

0367

F/A18 C SMDC (DODIC MH 33)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0005

E

593-6614

0367

F/A18 C SMDC (DODIC MH 34)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0002

E

593-6615

0367

F/A18 C SMDC (DODIC MH 35)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0002

E

593-6616

0367

F/A18 C SMDC (DODIC MH 36)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0003

E

593-6617

0367

F/A18 C SMDC (DODIC MH 37)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0006

E

593-6618

0367

F/A18 C SMDC (DODIC MH 38)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0005

E

593-6619

0367

F/A18 C SMDC (DODIC MH 39)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0002

E

593-6620

0367

F/A18 C SMDC (DODIC MH 41)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0002

E

593-6621

0367

F/A18 D SMDC (DODIC MH 23)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0004

E

593-6622

0367

F/A18 D SMDC (DODIC MH 24)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0004

E

593-6623

0367

F/A18 D SMDC (DODIC MH 25)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0004

E

593-6624

0367

F/A18 D SMDC (DODIC MH 26)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0004

E

593-6625

0367

F/A18 C SMDC (DODIC MH 42)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0006

E

593-6626

0367

F/A18 D SMDC (DODIC MG 83)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0004

E

593-6627

0367

F/A18 D SMDC (DODIC MG 84)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0002

E

593-6628

0367

F/A18 D SMDC (DODIC MG 85)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0001

E

593-6629

0367

F/A18 D SMDC (DODIC MG 87)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0002

E

593-6630

0367

F/A18 D SMDC (DODIC MG 92)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0004

E

593-6631

0367

F/A18 D SMDC (DODIC MG 93)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0002

E

593-6632

0367

F/A18 D SMDC (DODIC MG 94)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0001

E

593-6633

0367

F/A18 D SMDC (DODIC MH 71)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0002

E

593-6634

0367

F/A18 D SMDC (DODIC MG 95)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0005

E

593-6635

0367

F/A18 D SMDC (DODIC MG 98)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0002

E

593-6636

0367

F/A18 D SMDC (DODIC MH 04)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0005

E

593-6637

0367

F/A18 D SMDC (DODIC MH 08)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0004

E

593-6638

0367

F/A18 D SMDC (DODIC MH 10)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0002

E

593-6639

0367

F/A18 D SMDC (DODIC MH 11)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0002

E

593-6640

0367

F/A18 D SMDC (DODIC MG 96)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0003

E

593-6641

0367

F/A18 D SMDC (DODIC MH 30)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0006

E

593-6642

0367

F/A18 D SMDC (DODIC MG 97)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0002

E

593-6643

0367

F/A18 D SMDC (DODIC MH 12)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0004

E

593-6644

0367

F/A18 D SMDC (DODIC MH 13)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0003

E

593-6645

0367

F/A18 D SMDC (DODIC MH 14)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0003

E

593-6646

0367

F/A18 D SMDC (DODIC MH 15)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0005

E

593-6647

0367

F/A18 D SMDC (DODIC MH 19)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0006

E

593-6648

0367

F/A18 D SMDC (DODIC MH 20)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0008

E

593-6649

0367

F/A18 D SMDC (DODIC MH 22)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0004

E

593-6650

0367

F/A18 D SMDC (DODIC MH 28)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0004

E

593-6651

0367

F/A18 D SMDC (DODIC MH 21)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0003

E

593-6652

0367

F/A18 D SMDC (DODIC MH 06)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0010

E

593-6653

0367

F/A18 D SMDC (DODIC MH 29)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0002

E

593-6654

0367

F/A18 D SMDC (DODIC MS 71)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0006

E

593-6655

0367

F/A18 C/D SMDC (DODIC MS 73)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0007

E

593-6657

0367

F/A18 D SMDC (DODIC MU 50)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0005

E

593-6658

0367

F/A18 D SMDC (DODIC MU 51)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0006

E

593-6659

0367

F/A18 D SMDC (DODIC MU 55)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0004

E

593-6660

0367

F/A18 D SMDC (DODIC MU 52)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0004

E

593-6661

0367

F/A18 D SMDC (DODIC MU 53)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0007

E

593-6662

0367

F/A18 D SMDC (DODIC MU 54)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0006

E

593-6663

0367

F/A18 D SMDC (DODIC MU 56)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0003

E

593-6664

0367

F/A18 D SMDC (DODIC MU 57)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0003

E

593-6665

0367

F/A18 C SMDC (DODIC MU 59)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0004

E

593-6666

0367

F/A18 D SMDC (DODIC MU 68)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0003

E

593-6667

0367

F/A18 D SMDC (DODIC MU 70)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0003

E

593-6668

0367

F/A18 D SMDC (DODIC MU 71)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0003

E

593-6669

0367

F/A18 D SMDC (DODIC MU 72)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0003

E

593-6670

0367

F/A18 D SMDC (DODIC MU 61)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0006

E

593-6671

0367

F/A18 D SMDC (DODIC MU 62)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0003

E

593-6672

0367

F/A18 D SMDC (DODIC MU 63)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0002

E

593-6673

0367

F/A18 D SMDC (DODIC MU 64)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0006

E

593-6674

0367

F/A18 D SMDC (DODIC MU 65)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0005

E

593-6675

0367

F/A18 D SMDC (DODIC MU 66)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0002

E

593-6676

0367

F/A18 D SMDC (DODIC MU 67)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0002

E

593-6708

0431

PET DIVERSIONE 2 DETO

1

1.4G

1.4

333

3

0.0050

E

593-6709

0431

PET DIVERSIONE 9 DETO

1

1.4G

1.4

333

3

0.0100

E

593-6710

0431

PET DIVERSIONE, 1 DETO 14

1

1.4G

1.4

333

3

0.0080

E

593-6711

0431

PET DIVERSIONE, 6 DETO 20

1

1.4G

1.4

333

3

0.0110

E

593-6716

0301

TGW 73 CS G

1

1.4G

1.4

+ 6.1

+ 8

333

3

0.1300

E

593-6721

0301

CAND LACRIMOGENO, 1G CS

1

1.4G

1.4

+ 6.1

+ 8

333

3

0.0045

E

593-6726

0368

LEV SG 05 P G CS E G NB

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0019

E

593-6728

0431

GRAN MANO CS 20

1

1.4G

1.4

333

3

0.1220

E

593-6741

0303

NBK 09

1

1.4G

1.4

333

3

0.1160

E

593-6742

0303

C NEB 2KG

1

1.4G

1.4

+ 8

333

3

1.9300

E

593-6750

0303

GRAN MANO NEB 06

1

1.4G

1.4

333

3

0.2130

E

593-6755

0431

GRAN MANO FB 20

1

1.4G

1.4

333

3

0.0118

E

593-6760

0507

C FUM 12 GIALLO

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0500

E

593-6761

0507

C FUM 12 VERDE

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0590

E

593-6762

0507

C FUM 12 ROSSO

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0550

E

593-6801

0276

F/A18 C/D INIT JAU-27/A (DODIC MF 72)

1

1.4C

1.4

333

3

0.0002

E

593-6802

0276

F/A18 C/D INIT JAU-25/A (DODIC XW 52)

1

1.4C

1.4

333

3

0.0002

E

593-6803

0173

F/A18 C/D CART ACT INIT (DODIC MJ 98)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0001

E

593-6806

0276

F/A18 C CART CCU-71/A (DODIC XW 57)

1

1.4C

1.4

333

3

0.0026

E

593-6807

0276

F/A18 D CART CCU-72/A (DODIC XW 58)

1

1.4C

1.4

333

3

0.0028

E

593-6808

0410

F/A18 D EXPL SEQ DCU-241/A (DODIC XW 53)

1

1.4D

1.4

333

3

0.0007

E

593-6809

0276

F/A18 D EXPL INIT JAU-24/A (DODIC XW 55)

1

1.4C

1.4

333

3

0.0003

E

593-6810

0276

F/A18 D EXPL INIT JAU-23/A (DODIC XW 54)

1

1.4C

1.4

333

3

0.0003

E

593-6811

0367

F/A18 C DET CORD RAU-2/A (DODIC SN 97)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0004

E

593-6812

0367

F/A18 D DET CORD RAU-2/A (DODIC SN 98)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0005

E

593-6818

0323

F/A18 C/D FIRE EXT CART (DODIC JL 43)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0004

E

593-6819

0323

F/A18 C/D FIRE EXT CART (DODIC JL 44)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0004

E

593-6820

0186

F/A 18 C/D ROCK MK109 MOD 1 (DODIC SS 67)

1

1.3C

1

20

50

0.4536

C5000D

593-6824

0367

F/A18 C/D FIRE EXT CART (DODIC JL 42)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0004

E

593-6831

0276

F/A18 C/D CART CCU-99/A (DODIC MT 97)

1

1.4C

1.4

333

3

0.0034

E

593-6832

0276

F/A18 C/D CART CCU-118/A (DODIC MT 13)

1

1.4C

1.4

333

3

0.0062

E

593-6833

0276

F/A18 C/D CART CCU-105/A (DODIC MT 91)

1

1.4C

1.4

333

3

0.0077

E

593-6835

0276

F/A18 C/D CART CCU-102/A (DODIC MT 98)

1

1.4C

1.4

333

3

0.0081

E

593-6836

0276

F/A18 C/D CART CCU-101/A (DODIC MT 89)

1

1.4C

1.4

333

3

0.0248

E

593-6837

0276

F/A18 C/D CART CCU-100/A (DODIC MT 88)

1

1.4C

1.4

333

3

0.0728

E

593-6839

0276

F/A18 C/D INIT 0.3 SEC DEL (DODIC MC 50)

1

1.4C

1.4

333

3

0.0022

E

593-6840

0276

F/A18 C/D INIT JAU-56/A (DODIC MT 07)

1

1.4C

1.4

333

3

0.0415

E

593-6841

0276

F/A18 D INIT JAU-66/A (DODIC MT 16)

1

1.4C

1.4

333

3

0.0068

E

593-6843

inerte

F/A18 C/D BATT MXU-792A/A (DODIC CWDR)

593-6844

0186

F/A18 C/D ROCK MK124 MOD 0 (DODIC MT 31)

1

1.3C

1

20

50

3.0969

C5000D

593-6845

0186

F/A18 C/D ROCK MK122 MOD 0 (DODIC MT 29)

1

1.3C

1

20

50

0.2110

C5000D

593-6846

0186

F/A18 D ROCK MK123 MOD 0 (DODIC MT 30)

1

1.3C

1

20

50

3.0969

C5000D

593-6848

0276

F/A18 C/D T DELAY JAU-76/A (DODIC WB 55)

1

1.4C

1.4

333

3

0.0020

E

593-6849

0276

F/A18 D T DELAY JAU-77/A (DODIC WB 56)

1

1.4C

1.4

333

3

0.0020

E

593-6851

0367

F/A18 C/D CART CCU-132/A (DODIC SR 94)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0020

E

593-6852

0173

F/A18 C/D INIT CCU-133/A (DODIC SQ 03)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0020

E

593-6853

0367

F/A18 C/D DET CORD RAU-2/A (DODIC SP 14)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0020

E

593-6854

0367

F/A18 C/D DET CORD RAU-2/A (DODIC SP 12)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0020

E

593-6855

0367

F/A18 C/D DET CORD RAU-2/A (DODIC SP 11)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0020

E

593-6856

0367

F/A18 C/D DET CORD RAU-2/A (DODIC SP 07)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0020

E

593-6857

0367

F/A18 C/D DET CORD RAU-2/A (DODIC SP 10)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0020

E

593-6858

0367

F/A18 C/D DET CORD RAU-2/A (DODIC SP 08)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0020

E

593-6859

0367

F/A18 C/D DET CORD RAU-2/A (DODIC SP 17)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0020

E

593-6860

0367

F/A18 C/D DET CORD RAU-2/A (DODIC SP 16)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0020

E

593-6861

0367

F/A18 C/D DET CORD RAU-2/A (DODIC SP 15)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0020

E

593-6862

0367

F/A18 C DET CORD RAU-2/A (DODIC SP 18)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0020

E

593-6863

0367

F/A18 C DET CORD RAU-2/A (DODIC SP 06)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0020

E

593-6864

0367

F/A18 C DET CORD RAU-2/A (DODIC SP 19)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0020

E

593-6865

0367

F/A18 C DET CORD RAU-2/A (DODIC SP 09)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0020

E

593-6866

0367

F/A18 C DET CORD RAU-2/A (DODIC SP 05)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0020

E

593-6867

0367

F/A18 C DET CORD RAU-2/A (DODIC SP 04)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0020

E

593-6869

0237

F/A18 C/D CUTTER BBU-57/A (DODIC SR 95)

1

1.4D

1.4

333

3

0.0159

E

593-6870

0173

F/A18 C/D CUTTER BBU-58/A (DODIC SQ 04)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0002

E

593-6885

0276

F/A18 C/D CART CCU-136A/A

1

1.4C

1.4

333

3

0.0003

E

593-6886

0093

F/A18 C/D FLARE (MJU-38A/B)

1

1.3G

1

20

50

0.1512

C5000D

593-6887

1383

F/A18 C/D FLARE (MJU-49/B)

4.2

Cfr. ONU 1383 METALLO PIROFORICO, N.A.S. o LEGA PIROFORICA, N.A.S.

593-6891

0276

F/A18 C/D CART MK 19 MOD 0 (DODIC MO 12)

1

1.4C

1.4

333

3

0.0020

E

593-6892

0276

F/A18 C/D CART CCU-45/B (DODIC MD 65)

1

1.4C

1.4

333

3

0.0088

E

593-6893

0276

F/A18 C/D INIT JAU-74/A (DODIC WB 15)

1

1.4C

1.4

333

3

0.0410

E

593-6894

0276

F/A18 C/D CART CCU-146/A (DODIC WB 16)

1

1.4C

1.4

333

3

0.0395

E

593-6901

0323

EKAPP PAT 07 (HELI)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0007

E

593-6902

0323

CART RECI ACCEN EL (TAA 76 LLS)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0004

E

593-6903

0323

EC635 EKAPP-PAT 05

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0002

E

593-6910

0276

CART 78 LCRCO ACCEN EL (DODIC M 189)

1

1.4C

1.4

333

3

0.0043

E

593-6911

0276

CART 79 LCRCO ACCEN EL (MAU-50,TIGER)

1

1.4C

1.4

333

3

0.0152

E

593-6914

1383

CART IR 12 (1«X1» AER)

4.2

Cfr. ONU 1383 METALLO PIROFORICO, N.A.S.
o LEGA PIROFORICA, N.A.S.

593-6915

0093

IR-PAT 10 EL ZUE (1«X1» FLZ)

1

1.3G

1

20

50

0.0710

C5000D

593-6917

0093

IR-PAT 06 EL ZUE (1«X1» FLZ)

1

1.3G

1

20

50

0.1100

C5000D

593-6920

0240

ADS 95 EJECTION ROCKET

1

1.3G

1

20

50

0.0850

C5000D

593-6921

0070

PARACHUTE COVER CUTTER

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0001

E

593-6923

0093

CART IR 22 ACCEN EL (1"x1" AER)

1

1.3G

1

20

50

0.1050

C5000D

593-6926

0323

CART CATAP 12 ACCEN EL (CCU-145/A)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0003

E

593-6927

0323

CART CATAP 16 ACCEN EL (CCM 11 MK1)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0005

E

593-6951

0276

CART ESTN 89 ACCEN EL (861-345, POST)

1

1.4C

1.4

333

3

0.0007

E

593-6952

0276

CART ESTN 89 ACCEN EL (861-355, ANT)

1

1.4C

1.4

333

3

0.0007

E

593-6953

0276

FLOESCHPAT VORNE EL ZUE, EC635

1

1.4C

1.4

333

3

0.0004

E

593-6954

0276

FLOESCHPAT HINTEN EL ZUE, EC635

1

1.4C

1.4

333

3

0.0004

E

593-6955

0276

SERIE CART SED CATAP (MK CH11A PC9,ANT E POST)

1

1.4C

1.4

333

3

0.1562

E

593-6956

0276

SERIE CART SGAN SIST CDO (SS MK CH11A PC9)

1

1.4C

1.4

333

3

0.0065

E

593-6982

0276

SS F-5 E/F CART SEP UOMO/SEDILE

1

1.4C

1.4

333

3

0.0030

E

593-6983

0276

SS F-5 E/F CART PROP (DODIC MT 84)

1

1.4C

1.4

333

3

0.0020

E

593-6984

0276

SS F-5 E/F CART BOOSTER (CART ESTRA PARCD PILOTA)

1

1.4C

1.4

333

3

0.0001

E

593-6985

0276

SS F-5 E/F CART SGAN MANUALE (DODIC M 700)

1

1.4C

1.4

333

3

0.0035

E

593-6986

0276

SS F-5 F CART SGAN MANUALE (DODIC MF 69)

1

1.4C

1.4

333

3

0.0031

E

593-6987

0276

SS F-5 E/F CART SGAN SED (DODIC M 710)

1

1.4C

1.4

333

3

0.0027

E

593-6988

0276

SS F-5 E/F CART RADDRIZZARE SED

1

1.4C

1.4

333

3

0.0040

E

593-6989

0276

SS F-5 E/F CART ESTRA PARCD STABI

1

1.4C

1.4

333

3

0.0035

E

593-6990

0186

SS F-5 E/F CART CATAP SED (CKU-7A/A)

1

1.3C

1

20

50

3.2330

C5000D

593-6992

0276

SS F-5 F CART CINTURA ARROTOL (DODIC SP 97)

1

1.4C

1.4

333

3

0.0081

E

593-6993

0276

SS F-5 F CART PROP ANTERIORE (DODIC MF 70)

1

1.4C

1.4

333

3

0.0031

E

593-6994

0276

SS F-5 F CART PROP POSTERIORE (DODIC MF 71)

1

1.4C

1.4

333

3

0.0052

E

593-6995

0276

SS F-5 F CART RITARD CATAP TETTO (DODIC M 703)

1

1.4C

1.4

333

3

0.0045

E

593-6996

0276

SS F-5 F CART RITARD SGAN SED ANTERIORE

1

1.4C

1.4

333

3

0.0045

E

593-6997

0276

SS F-5 E/F CART CATAP TETTO (DODIC M 897)

1

1.4C

1.4

333

3

0.0068

E

593-6998

0276

SS F-5 E/F CART ESTRA PARCD PILOTA

1

1.4C

1.4

333

3

0.0009

E

593-6999

0276

SS F-5 E CART CINTURA ARROTOL

1

1.4C

1.4

333

3

0.0081

E

594-7005

0014

CART MARC 5,6MM 90 F

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0004

E

594-7006

0014

CART MARC 5,6MM 90 F (NAS CARI)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0004

E

594-7036

0014

CART MARC 7,5MM MITR 51

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0007

E

594-7040

0014

CART MARC 8,6MM 10 F

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0022

E

594-7055

0014

CART MARC 9MM 77 PIST

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0003

E

594-7061

0014

CART DETO 9MM 05 REV

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0003

E

594-7070

0413

CAN DCA 35MM 63, CART MARC

1

1.2C

1

20

50

0.3035

B1000C

594-7110

0413

CAN CAMP 7, 5CM, CART MARC

1

1.2C

1

20

50

0.1350

B1000C

594-7350

0312

CART MARC 93 SIM TIR (SIST SIM PZF)

1

1.4G

1.4

333

3

0.0060

E

594-7360

0281

CART MARC 94 SIM TIR (SIM TIR STINGER)

1

1.2C

1

20

50

0.2000

B1000C

594-7425

inerte

GRAN MANO 85 MARC

594-7426

inerte

SPO COMPL (GRAN MANO 85 MARC)

594-7427

0373

CART DETO (GRAN MANO 85 MARC)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0010

E

594-7428

0373

CART DETO GRAN MANO 85 MARC, (153 DB)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0020

E

594-7710

inerte

TUBO ESP MARC

594-7770

0373

DISP ACC 90 MARC (TUBO ESP MARC)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0004

E

594-7812

0054

PLR 26,5MM 78, CART DETO

1

1.3G

1

20

50

0.0115

C5000D

594-7817

0431

PET DIVERSIONE ESER 14

1

1.4G

1.4

333

3

0.0050

E

594-7845

0405

CART MARC 83 SIM TIR, 6 TIRI (SIST SIM 81)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0216

E

594-7847

0405

CART MARC 87 SIM COLP, FUMO ARANC (SIST SIM 81)

1

1.4S

1.4

illimitata

0.0685

E

594-7848

0431

CART MARC 03 BIANCO (SIMUG)

1

1.4G

1.4

333

3

0.0240

E

594-7850

0487

PET URL ROSSO

1

1.3G

1

20

50

0.0380

C5000D

594-7851

0487

PET URL AZZURRO

1

1.3G

1

20

50

0.0380

C5000D

594-7852

0487

PET URL GIALLO

1

1.3G

1

20

50

0.0380

C5000D

594-7857

0487

PET ROSSO

1

1.3G

1

20

50

0.0270

C5000D

594-7858

0487

PET AZZURRO

1

1.3G

1

20

50

0.0270

C5000D

594-7859

0487

PET GIALLO

1

1.3G

1

20

50

0.0270

C5000D

594-7875

0197

MARK PAT SIK, ORANGE

1

1.4G

1.4

333

3

0.0105

E

594-7900

1950

SPRAY MARC ASI MARC 2000

2

Cfr. N. ONU 1950 AEROSOL, infiammabili 2.1

594-7910

1950

ASI MARC 2000

2

Cfr. N. ONU 1950 AEROSOL, infiammabili 2.1

595-8444

3363

MIS AA AIM-9X CATM

9

Cfr. N. ONU 3363 MERCI PERICOLOSE CONTENUTE IN APPARATI

Civile

0027

POLVERE NERA, sotto forma di grani o polvere fine

1

1.1D

1

20

50

variabile

B1000C

Civile

0081

ESPLOSIVO, TIPO A

1

1.1D

1

50

20

variabile

B1000C

Civile

0082

ESPLOSIVO, TIPO B

1

1.1D

1

50

20

variabile

B1000C

Civile

0083

ESPLOSIVO, TIPO C

1

1.1D

1

20

50

variabile

B1000C

Civile

0084

ESPLOSIVO, TIPO D

1

1.1D

1

50

20

variabile

B1000C

Civile

0241

ESPLOSIVO, TIPO E

1

1.1D

1

50

20

variabile

B1000C

Civile

0456

DETONATORI, ELETTRICI

1

1.4S

1.4

illimitata

variabile

E

Altre classi

Specificazione della merce pericolosa

Calcolo del limite libero

Galleria

Protezione delle acque

Gruppo di imballaggio

N. ONU

Nome e descrizione

Classe

Codice di classi­ficazione

Etichette di pericolo

Limite libero della merce isolata

Moltiplicatore

MEN per colpo o per pezzo in kg

Codice di restrizione in galleria

Divieto di circolazione in prossimità di acque protette

(1)

(2)

(3)

(4)

(5)

(6)

(7)

(8)

(9)

(10)

(11)

1001

ACETILENE DISCIOLTO

2

4F

2.1

333 kg

3

B/D

1002

ARIA COMPRESSA

2

1A

2.2

1000 litri

1

E

1005

AMMONIACA ANIDRA

2

2TC

2.3

+ 8

50 kg

20

C/D

0 kg

1006

ARGON COMPRESSO

2

1A

2.2

1000 litri

1

E

1009

BROMOTRIFLUOROMETANO (GAS REFRIGERANTE R 13B1)

2

2A

2.2

1000 kg

1

C/E

1011

BUTANO

2

2F

2.1

333 kg

3

B/D

1013

DIOSSIDO DI CARBONIO

2

2A

2.2

1000 kg

1

C/E

1018

CLORODIFLUOROMETANO (GAS REFRIGERANTE R 22)

2

2A

2.2

1000 kg

1

C/E

1028

DICLORODIFLUOROMETANO (GAS REFRIGERANTE R 12)

2

2A

2.2

1000 kg

1

C/E

1030

1,1-DIFLUOROETANO (GAS REFRIGERANTE R 152a)

2

2F

2.1

333 kg

3

B/D

1044

ESTINTORI contenenti un gas compresso o liquefatto

2

6A

2.2

1000 kg

1

E

1046

ELIO COMPRESSO

2

1A

2.2

1000 litri

1

E

1049

IDROGENO COMPRESSO

2

1F

2.1

333 litri

3

B/D

1066

AZOTO COMPRESSO

2

1A

2.2

1000 litri

1

E

1070

PROTOSSIDO DI AZOTO

2

2O

2.2

+ 5.1

1000 kg

1

C/E

1072

OSSIGENO COMPRESSO

2

1O

2.2

+ 5.1

1000 litri

1

E

1073

OSSIGENO LIQUIDO REFRIGERATO

2

3O

2.2

+ 5.1

1000 kg

1

C/E

1080

ESAFLUORURO DI ZOLFO

2

2A

2.2

1000 kg

1

C/E

II

1090

ACETONE

3

F1

3

333 litri

3

D/E

III

1104

ACETATI DI AMILE

3

F1

3

1000 litri

1

D/E

II

1114

BENZENE

3

F1

3

333 litri

3

D/E

0 litri

I

1131

DISOLFURO DI CARBONIO

3

FT1

3

+ 6.1

20 litri

50

C/E

0 litri

II

1133

ADESIVI contenenti un liquido infiammabile (pressione di vapore a 50 °C superiore a 110 kPa)

3

F1

3

333 litri

3

D/E

III

1133

ADESIVI contenenti un liquido infiammabile

3

F1

3

1000 litri

1

D/E

I

1139

SOLUZIONE PER RIVESTIMENTI (inclusi i trattamenti superficiali o i rivestimenti industriali o per altri scopi come sotto scocca per veicoli, rivestimenti per fusti o barili)

3

F1

3

20 litri

50

D/E

II

1139

SOLUZIONE PER RIVESTIMENTI (inclusi i trattamenti superficiali o i rivestimenti industriali o per altri scopi come sotto scocca per veicoli, rivestimenti per fusti o barili) (pressione di vapore a 50 °C superiore a 110 kPa)

3

F1

3

333 litri

3

D/E

III

1139

SOLUZIONE PER RIVESTIMENTI (inclusi i trattamenti superficiali o i rivestimenti industriali o per altri scopi come sotto scocca per veicoli, rivestimenti per fusti o barili) (punto di infiammabilità inferiore a 23 °C e viscosi secondo 2.2.3.1.4) (pressione di vapore a 50 °C superiore a 110 kPa)

3

F1

3

1000 litri

1

E

II

1145

CICLOESANO

3

F1

3

333 litri

3

D/E

0 litri

III

1147

DECAIDRONAFTALENE

3

F1

3

1000 litri

1

D/E

III

1148

DIACETONALCOL

3

F1

3

1000 litri

1

D/E

II

1154

DIETILAMMINA

3

FC

3 + 8

333 litri

3

D/E

0 litri

I

1155

ETERE DIETILICO (ETERE ETILICO)

3

F1

3

20 litri

50

D/E

II

1170

ETANOLO (ALCOL ETILICO) o ETANOLO IN SOLUZIONE (ALCOL ETILICO IN SOLUZIONE)

3

F1

3

333 litri

3

D/E

III

1171

ETERE MONOETILICO DEL GLICOLE ETILENICO

3

F1

3

1000 litri

1

D/E

II

1173

ACETATO DI ETILE

3

F1

3

333 litri

3

D/E

III

1188

ETERE MONOMETILICO DEL GLICOLE ETILENICO

3

F1

3

1000 litri

1

D/E

II

1193

ETILMETILCHETONE (METILETILCHETONE)

3

F1

3

333 litri

3

D/E

III

1198

FORMALDEIDE IN SOLUZIONE INFIAMMABILE

3

FC

3 + 8

1000 litri

1

D/E

0 litri

III

1202

CARBURANTE DIESEL o GASOLIO o OLIO DA RISCALDAMENTO LEGGERO (punto di infiammabilità non superiore a 60 °C)

3

F1

3

1000 litri

1

D/E

150 litri

II

1203

BENZINA

3

F1

3

333 litri

3

D/E

150 litri

II

1206

EPTANI

3

F1

3

333 litri

3

D/E

0 litri

II

1208

ESANI

3

F1

3

333 litri

3

D/E

0 litri

III

1210

INCHIOSTRI DA STAMPA, infiammabili o MATERIE SIMILI AGLI INCHIOSTRI DA STAMPA (compresi solventi e diluenti per inchiostri), infiammabili

3

F1

3

1000 litri

1

D/E

II

1219

ISOPROPANOLO (ALCOL ISOPROPILICO)

3

F1

3

333 litri

3

D/E

III

1223

CHEROSENE

3

F1

3

1000 litri

1

D/E

0 litri

II

1230

METANOLO

3

FT1

3

+ 6.1

333 litri

3

D/E

II

1245

METILISOBUTILCHETONE

3

F1

3

333 litri

3

D/E

II

1247

METACRILATO DI METILE MONOMERO STABILIZZATO

3

F1

3

333 litri

3

D/E

0 litri

II

1261

NITROMETANO

3

F1

3

333 litri

3

E

I

1263

PITTURE (comprese pitture, lacche, smalti, coloranti, gommalacche, vernici, lucidanti, riempitivi liquidi e basi per lacche liquide) o MATERIE SIMILI ALLE PITTURE (compresi solventi e diluenti per pitture)

3

F1

3

20 litri

50

D/E

0 litri

II

1263

PITTURE (comprese pitture, lacche, smalti, coloranti, gommalacche, vernici, lucidanti, riempitivi liquidi e basi per lacche liquide) o MATERIE SIMILI ALLE PITTURE (compresi solventi e diluenti per pitture) (pressione di vapore a 50°C superiore a 110 kPa)

3

F1

3

333 litri

3

D/E

0 litri

III

1263

PITTURE (comprese pitture, lacche, smalti, coloranti, gommalacche, vernici, lucidanti, riempitivi liquidi e basi per lacche liquide) o MATERIE SIMILI ALLE PITTURE (compresi solventi e diluenti per pitture)

3

F1

3

1000 litri

1

D/E

0 litri

III

1266

PRODOTTI PER PROFUMERIA contenenti solventi infiammabili

3

F1

3

1000 litri

1

D/E

II

1268

DISTILLATI DI PETROLIO, N.A.S o PRODOTTI PETROLIFERI N.A.S. (pressione di vapore a 50°C superiore a 110 kPa)

3

F1

3

333 litri

3

D/E

0 litri

III

1268

DISTILLATI DI PETROLIO, N.A.S o PRODOTTI PETROLIFERI N.A.S.

3

F1

3

1000 litri

1

D/E

0 litri

II

1274

n-PROPANOLO (ALCOL n-PROPILICO)

3

F1

3

333 litri

3

D/E

III

1274

n-PROPANOLO (ALCOL n-PROPILICO)

3

F1

3

1000 litri

1

D/E

III

1292

SILICATO DI TETRAETILE

3

F1

3

1000 litri

1

D/E

II

1293

TINTURE MEDICINALI

3

F1

3

333 litri

3

D/E

III

1293

TINTURE MEDICINALI

3

F1

3

1000 litri

1

D/E

II

1294

TOLUENE

3

F1

3

333 litri

3

D/E

0 litri

II

1296

TRIETILAMMINA

3

FC

3

+ 8

333 litri

3

D/E

0 litri

III

1299

ESSENZA DI TREMENTINA

3

F1

3

1000 litri

1

D/E

III

1300

SUCCEDANEO DELL’ESSENZA DI TREMENTINA

3

F1

3

1000 litri

1

D/E

0 litri

III

1307

XILENI

3

F1

3

1000 litri

1

D/E

0 litri

II

1325

SOLIDO ORGANICO INFIAMMABILE, N.A.S.

4.1

F1

4.1

333 kg

3

E

III

1325

SOLIDO ORGANICO INFIAMMABILE, N.A.S.

4.1

F1

4.1

1000 kg

1

E

III

1328

ESAMETILENTETRAMMINA

4.1

F1

4.1

1000 kg

1

E

III

1332

METALDEIDE

4.1

F1

4.1

1000 kg

1

E

III

1350

ZOLFO

4.1

F3

4.1

1000 kg

1

E

III

1362

CARBONE ATTIVO

4.2

S2

4.2

illimitata

E

I

1383

METALLO PIROFORICO, N.A.S. o LEGA PIROFORICA, N.A.S.

4.2

S4

4.2

0 kg

non applicabile

B/E

I

1428

SODIO

4.3

W2

4.3

20 litri

50

B/E

I

1436

ZINCO IN POLVERE o ZINCO IN POLVERE FINE

4.3

WS

4.3

+ 4.2

20 kg

50

E

II

1436

ZINCO IN POLVERE o ZINCO IN POLVERE FINE

4.3

WS

4.3

+ 4.2

333 kg

3

D/E

III

1436

ZINCO IN POLVERE o ZINCO IN POLVERE FINE

4.3

WS

4.3

+ 4.2

1000 kg

1

E

II

1446

NITRATO DI BARIO

5.1

OT2

5.1

+ 6.1

333 kg

3

E

II

1463

TRIOSSIDO DI CROMO ANIDRO

5.1

OTC

5.1 +

6.1 + 8

333 kg

3

E

III

1479

SOLIDO COMBURENTE, N.A.S.

5.1

O2

5.1

1000 kg

1

E

0 kg

II

1485

CLORATO DI POTASSIO

5.1

O2

5.1

333 kg

3

E

III

1486

NITRATO DI POTASSIO

5.1

O2

5.1

1000 kg

1

E

II

1488

NITRITO DI POTASSIO

5.1

O2

5.1

333 kg

3

E

II

1490

PERMANGANATO DI POTASSIO

5.1

O2

5.1

333 kg

3

E

II

1493

NITRATO DI ARGENTO

5.1

O2

5.1

333 kg

3

E

II

1495

CLORATO DI SODIO

5.1

O2

5.1

333 kg

3

E

II

1496

CLORITO DI SODIO

5.1

O2

5.1

333 kg

3

E

III

1500

NITRITO DI SODIO

5.1

OT2

5.1

+ 6.1

1000 kg

1

E

III

1505

PERSOLFATO DI SODIO

5.1

O2

5.1

1000 kg

1

E

II

1544

ALCALOIDI SOLIDI, N.A.S. o SALI DI ALCALOIDI SOLIDI, N.A.S.

6.1

T2

6.1

333 kg

3

D/E

II

1547

ANILINA

6.1

T1

6.1

333 litri

3

D/E

0 litri

I

1556

COMPOSTO LIQUIDO DELL’ARSENICO, N.A.S., inorganico, compresi arseniati, n.a.s., arseniti, n.a.s. e solfuri di arsenico, n.a.s.

6.1

T4

6.1

20 litri

50

C/E

II

1556

COMPOSTO LIQUIDO DELL’ARSENICO, N.A.S., inorganico, compresi arseniati, n.a.s., arseniti, n.a.s. e solfuri di arsenico, n.a.s.

6.1

T4

6.1

333 litri

3

D/E

III

1556

COMPOSTO LIQUIDO DELL’ARSENICO, N.A.S., inorganico, compresi arseniati, n.a.s., arseniti, n.a.s. e solfuri di arsenico, n.a.s.

6.1

T4

6.1

333 litri

3

E

II

1564

COMPOSTO DEL BARIO, N.A.S.

6.1

T5

6.1

333 kg

3

D/E

III

1564

COMPOSTO DEL BARIO, N.A.S.

6.1

T5

6.1

333 kg

3

E

III

1593

DICLOROMETANO

6.1

T1

6.1

333 litri

3

E

II

1597

DINITROBENZENI LIQUIDI

6.1

T1

6.1

333 litri

3

D/E

III

1597

DINITROBENZENI LIQUIDI

6.1

T1

6.1

333 litri

3

E

III

1616

ACETATO DI PIOMBO

6.1

T5

6.1

333 kg

3

E

II

1624

CLORURO MERCURICO

6.1

T5

6.1

333 kg

3

D/E

II

1638

IODURO DI MERCURIO

6.1

T5

6.1

333 kg

3

D/E

II

1643

IODURO DOPPIO DI MERCURIO E DI POTASSIO

6.1

T5

6.1

333 kg

3

D/E

II

1648

ACETONITRILE

3

F1

3

333 litri

3

D/E

III

1663

NITROFENOLI (o-, m-, p-)

6.1

T2

6.1

333 kg

3

E

0 litri

I

1670

MERCAPTANO METILICO PERCLORATO

6.1

T1

6.1

20 litri

50

C/D

II

1671

FENOLO SOLIDO

6.1

T2

6.1

333 kg

3

D/E

I

1680

CIANURO DI POTASSIO, SOLIDO

6.1

T5

6.1

20 kg

50

C/E

II

1687

AZOTURO DI SODIO

6.1

T5

6.1

333 kg

3

E

I

1689

CIANURO DI SODIO, SOLIDO

6.1

T5

6.1

20 kg

50

C/E

III

1690

FLUORURO DI SODIO, SOLIDO

6.1

T5

6.1

333 kg

3

E

III

1710

TRICLOROETILENE

6.1

T1

6.1

333 litri

3

E

0 litri

II

1715

ANIDRIDE ACETICA

8

CF1

8 + 3

333 litri

3

D/E

III

1719

LIQUIDO ALCALINO CAUSTICO, N.A.S.

8

C5

8

1000 litri

1

E

0 litri

I

1744

BROMO o BROMO IN SOLUZIONE

8

CT1

8

+ 6.1

20 litri

50

C/D

II

1748

IPOCLORITO DI CALCIO SECCO oppure IPOCLORITO DI CALCIO IN MISCELA SECCA, contenente più del 39% di cloro attivo (8,8% di ossigeno attivo)

5.1

O2

5.1

333 litri

3

E

II

1755

ACIDO CROMICO IN SOLUZIONE

8

C1

8

333 litri

3

E

III

1755

ACIDO CROMICO IN SOLUZIONE

8

C1

8

1000 litri

1

E

III

1759

SOLIDO CORROSIVO, N.A.S.

8

C10

8

1000 kg

1

E

III

1760

LIQUIDO CORROSIVO, N.A.S.

8

C9

8

1000 litri

1

E

0 litri

II

1775

ACIDO FLUOBORICO

8

C1

8

333 litri

3

E

II

1779

ACIDO FORMICO contenente più dell’85% (massa) di acido

8

CF1

8

+ 3

333 litri

3

D/E

0 litri

II

1789

ACIDO CLORIDRICO

8

C1

8

333 litri

3

E

I

1790

ACIDO FLUORIDRICO contenente più dell’85% di fluoruro di idrogeno

8

CT1

8

+ 6.1

20 litri

50

C/D

I

1790

ACIDO FLUORIDRICO contenente più del 60% ma non più dell’85% di fluoruro di idrogeno

8

CT1

8

+ 6.1

20 litri

50

C/D

II

1790

ACIDO FLUORIDRICO contenente non più del 60% di fluoruro di idrogeno

8

CT1

8

+ 6.1

333 litri

3

E

III

1791

IPOCLORITO IN SOLUZIONE

8

C9

8

1000 litri

1

E

0 litri

II

1802

ACIDO PERCLORICO contenente non più del 50% (massa) di acido

8

CO1

8

+ 5.1

333 litri

3

E

II

1803

ACIDO FENOLSOLFONICO LIQUIDO

8

C3

8

333 litri

3

E

III

1805

ACIDO FOSFORICO IN SOLUZIONE

8

C1

8

1000 litri

1

E

II

1807

PENTOSSIDO DI FOSFORO (ANIDRIDE FOSFORICA)

8

C2

8

333 kg

3

E

II

1811

IDROGENOFLUORURO DI POTASSIO, SOLIDO

8

CT2

8

+ 6.1

333 kg

3

E

II

1813

IDROSSIDO DI POTASSIO SOLIDO

8

C6

8

333 kg

3

E

II

1814

IDROSSIDO DI POTASSIO IN SOLUZIONE

8

C5

8

333 litri

3

E

0 litri

III

1814

IDROSSIDO DI POTASSIO IN SOLUZIONE

8

C5

8

1000 litri

1

E

0 litri

II

1823

IDROSSIDO DI SODIO SOLIDO

8

C6

8

333 kg

3

E

0 litri

II

1824

IDROSSIDO DI SODIO IN SOLUZIONE

8

C5

8

333 litri

3

E

0 litri

II

1830

ACIDO SOLFORICO contenente più del 51% di acido

8

C1

8

333 litri

3

E

0 litri

1845

Diossido di carbonio, solido (Anidride carbonica solida, Ghiaccio secco)

9

M11

Non sottoposto alle prescrizioni dell’ADR / dell’OCSM

II

1846

TETRACLORURO DI CARBONIO

6.1

T1

6.1

333 litri

3

D/E

0 litri

II

1849

SOLFURO DI SODIO IDRATO contenente almeno il 30% di acqua

8

C6

8

333 kg

3

E

III

1863

CARBURANTE PER AVIOGETTI

3

F1

3

1000 litri

1

D/E

0 litri

II

1866

RESINA IN SOLUZIONE, infiammabile (pressione di vapore a 50°C superiore a 110 kPa)

3

F1

3

333 litri

3

D/E

III

1872

DIOSSIDO DI PIOMBO

5.1

OT2

5.1

+ 6.1

1000 kg

1

E

I

1873

ACIDO PERCLORICO in soluzione acquosa contenente più del 50% (massa) ma al massimo il 72% (massa) di acido

5.1

OC1

5.1

+ 8

20 litri

50

B/E

II

1885

BENZIDINA

6.1

T2

6.1

333 kg

3

D/E

III

1888

CLOROFORMIO

6.1

T1

6.1

333 litri

3

E

0 litri

III

1897

TETRACLOROETILENE

6.1

T1

6.1

333 litri

3

E

0 litri

I

1903

DISINFETTANTE, LIQUIDO, CORROSIVO, N.A.S.

8

C9

8

20 litri

50

E

0 litri

II

1903

DISINFETTANTE, LIQUIDO, CORROSIVO, N.A.S.

8

C9

8

333 litri

3

E

0 litri

III

1903

DISINFETTANTE, LIQUIDO, CORROSIVO, N.A.S.

8

C9

8

1000 litri

1

E

0 litri

1910

Ossido di calcio

8

C6

Non sottoposto alle prescrizioni dell’ADR / dell’OCSM

1912

CLORURO DI METILE E CLORURO DI METILENE IN MISCELA

2

2F

2.1

333 kg

3

B/D

III

1942

NITRATO DI AMMONIO contenente al massimo lo 0,2% di materia combustibile totale, comprese le materie organiche espresse in equivalente carbonio, ad esclusione di ogni altra materia

5.1

O2

5.1

1000 kg

1

E

III

1944

FIAMMIFERI DI SICUREZZA
(da sfregare, in scatole o in bustine)

4.1

F1

4.1

illimitata

E

1950

AEROSOL, asfissianti

2

5A

2.2

1000 kg

1

E

1950

AEROSOL, corrosivi

2

5C

2.2

+ 8

20 kg

50

E

1950

AEROSOL, corrosivi, comburenti

2

5CO

2.2

+ 5.1

+ 8

20 kg

50

E

1950

AEROSOL, infiammabili

2

5F

2.1

333 kg

3

D

1950

AEROSOL, infiammabili, corrosivi

2

5FC

2.1

+ 8

20 kg

50

D

1950

AEROSOL, comburenti

2

5O

2.2

+ 5.1

1000 kg

1

E

1950

AEROSOL, tossici

2

5T

2.2

+ 6.1

20 kg

50

D

1950

AEROSOL, tossici, corrosivi

2

5TC

2.2

+ 6.1
+ 8

20 kg

50

D

1950

AEROSOL, tossici, infiammabili

2

5TF

2.1

+ 6.1

20 kg

50

D

1950

AEROSOL, tossici, infiammabili, corrosivi

2

5TFC

2.1

+ 6.1

+ 8

20 kg

50

D

1950

AEROSOL, tossici, comburenti

2

5TO

2.2

+ 5.1

+ 6.1

20 kg

50

D

1950

AEROSOL, tossici, comburenti, corrosivi

2

5TOC

2.2

+ 5.1

+ 6.1

+ 8

20 kg

50

D

1954

GAS COMPRESSO INFIAMMABILE, N.A.S.

2

1F

2.1

333 litri

3

B/D

1956

GAS COMPRESSO, N.A.S.

2

1A

2.2

1000 litri

1

E

1965

IDROCARBURI GASSOSI IN MISCELA LIQUEFATTA, N.A.S. (come miscela A, A01, A02, A1, B1, B2, B o C)

2

2F

2.1

333 kg

3

B/D

1971

METANO COMPRESSO o GAS NATURALE COMPRESSO (ad alto tenore in metano)

2

1F

2.1

333 litri

3

B/D

1974

BROMOCLORODIFLUOROMETANO
(GAS REFRIGERANTE R 12B1)

2

2A

2.2

1000 kg

1

C/E

1977

AZOTO LIQUIDO REFRIGERATO

2

3A

2.2

1000 kg

1

C/E

1978

PROPANO

2

2F

2.1

333 kg

3

B/D

I

1986

ALCOLI INFIAMMABILI, TOSSICI, N.A.S.

3

FT1

3

+ 6.1

20 litri

50

C/E

0 litri

II

1986

ALCOLI INFIAMMABILI, TOSSICI, N.A.S.

3

FT1

3

+ 6.1

333 litri

3