1" />
With big laws like OR and ZGB this can take up to 30 seconds

Ordinanza
contro l’inquinamento atmosferico
(OIAt)1

del 16 dicembre 1985 (Stato 1° aprile 2020)

Il Consiglio federale svizzero,

visti gli articoli 12, 13, 16 e 39 della legge del 7 ottobre 19832 sulla protezione
del­l’ambiente (legge),

ordina:

2RS 814.01

Capitolo 1: Disposizioni generali

Art. 1 Scopo e campo d’applicazione  

1 Sco­po del­la pre­sen­te or­di­nan­za è di pro­teg­ge­re l’uo­mo, la fau­na, la flo­ra, le lo­ro bio­ce­no­si e i lo­ro bio­to­pi non­ché il suo­lo da in­qui­na­men­ti dell’aria dan­no­si o mo­le­sti.

2 Es­sa re­go­la:

a.
la li­mi­ta­zio­ne pre­ven­ti­va del­le emis­sio­ni pro­ve­nien­ti da im­pian­ti se­con­do l’ar­ti­co­lo 7 del­la leg­ge che in­qui­na­no l’aria;
abis 3 le mo­da­li­tà per bru­cia­re i ri­fiu­ti all’aper­to;
b.
le esi­gen­ze in ma­te­ria di car­bu­ran­ti e di com­bu­sti­bi­li;
c.
il ca­ri­co in­qui­nan­te mas­si­mo am­mis­si­bi­le per l’aria (va­lo­ri li­mi­te d’im­mis­sio­ne);
d.
la pro­ce­du­ra nel ca­so in cui le im­mis­sio­ni sia­no ec­ces­si­ve.

3In­tro­dot­ta dal n. I dell’O del 20 nov. 1991, in vi­go­re dal 1° feb. 1992 (RU 1992 124).

Art. 2 Definizioni  

1 So­no con­si­de­ra­ti im­pian­ti sta­zio­na­ri:

a.
le ope­re edi­li e gli al­tri di­spo­si­ti­vi fis­si;
b.
le mo­di­fi­ca­zio­ni del ter­re­no;
c.
gli ap­pa­rec­chi e le mac­chi­ne;
d.
gli im­pian­ti di ven­ti­la­zio­ne che con­vo­glia­no i gas di sca­ri­co dei vei­co­li e li im­met­to­no nell’am­bien­te co­me aria di sca­ri­co.

2 So­no con­si­de­ra­ti vei­co­li gli au­to­vei­co­li, gli ae­ro­mo­bi­li, i bat­tel­li e i tre­ni.

3 So­no con­si­de­ra­te in­fra­strut­tu­re per i tra­spor­ti le stra­de, gli ae­ro­por­ti, le stra­de fer­ra­te e gli al­tri im­pian­ti nei qua­li i gas di sca­ri­co dei vei­co­li so­no im­mes­si nell’am­bien­te co­me aria di sca­ri­co sen­za es­se­re sta­ti con­vo­glia­ti.

4 So­no con­si­de­ra­ti nuo­vi im­pian­ti an­che quel­li ri­strut­tu­ra­ti, am­plia­ti o ri­pri­sti­na­ti, qua­lo­ra:

a.
a cau­sa di ciò ci si deb­ba aspet­ta­re al­tre o mag­gio­ri emis­sio­ni o
b.
le spe­se sop­por­ta­te sia­no su­pe­rio­ri al­la me­tà di quel­le che un im­pian­to nuo­vo avreb­be ri­chie­sto.

5 So­no con­si­de­ra­te ec­ces­si­ve le im­mis­sio­ni che su­pe­ra­no uno o più va­lo­ri li­mi­te d’im­mis­sio­ne ai sen­si dell’al­le­ga­to 7. Se per una so­stan­za in­qui­nan­te non è fis­sa­to un va­lo­re li­mi­te d’im­mis­sio­ne, le im­mis­sio­ni so­no con­si­de­ra­te ec­ces­si­ve quan­do:

a.
met­to­no in pe­ri­co­lo l’uo­mo, la fau­na, la flo­ra, le lo­ro bio­ce­no­si o i lo­ro bio­to­pi;
b.
sul­la ba­se di un’in­chie­sta è sta­bi­li­to che es­se di­stur­ba­no con­si­de­re­vol­men­te il be­nes­se­re fi­si­co di una par­te im­por­tan­te del­la po­po­la­zio­ne;
c.
dan­neg­gia­no le co­stru­zio­ni;
d.
pre­giu­di­ca­no la fer­ti­li­tà del suo­lo, la ve­ge­ta­zio­ne o le ac­que.

6 Per mes­sa in com­mer­cio s’in­ten­de il pri­mo tra­sfe­ri­men­to o ces­sio­ne a ti­to­lo one­ro­so o gra­tui­to di un ap­pa­rec­chio o di una mac­chi­na per la di­stri­bu­zio­ne o l’uti­liz­zo in Sviz­ze­ra. È equi­pa­ra­ta al­la mes­sa in com­mer­cio la pri­ma mes­sa in ser­vi­zio di ap­pa­rec­chi e mac­chi­ne nel­la pro­pria azien­da a con­di­zio­ne che non ci sia sta­ta una mes­sa in com­mer­cio pre­ce­den­te.4

4 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 18 giu. 2010, in vi­go­re dal 15 lug. 2010 (RU 2010 2965).

Capitolo 2: Emissioni

Sezione 1: Limitazione delle emissioni degli impianti stazionari nuovi

Art. 3 Limitazione preventiva delle emissioni secondo gli allegati 1 a 4  

1 Gli im­pian­ti sta­zio­na­ri nuo­vi de­vo­no es­se­re equi­pag­gia­ti e eser­ci­ta­ti in mo­do da ri­spet­ta­re le li­mi­ta­zio­ni d’emis­sio­ne fis­sa­te nell’al­le­ga­to 1.

2 Per i se­guen­ti im­pian­ti val­go­no esi­gen­ze com­ple­ti­ve o de­ro­ga­to­rie:

a.
per gli im­pian­ti spe­cia­li se­con­do l’al­le­ga­to 2: le esi­gen­ze fis­sa­te in det­to al­le­­ga­to;
b.
per gli im­pian­ti a com­bu­stio­ne: le esi­gen­ze se­con­do l’al­le­ga­to 3;
c.5
per le mac­chi­ne di can­tie­re e i re­la­ti­vi si­ste­mi di fil­tri an­ti­par­ti­co­la­to se­con­do l’ar­ti­co­lo 19a, per gli im­pian­ti a com­bu­stio­ne se­con­do gli ar­ti­co­li 20 e 20d non­ché per le mac­chi­ne e gli ap­pa­rec­chi con mo­to­re a com­bu­stio­ne in­ter­na se­con­do l’ar­ti­co­lo 20b: le esi­gen­ze di cui all’al­le­ga­to 4.

5Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O dell’11 apr. 2018, in vi­go­re dal 1° giu. 2018 (RU 2018 1687).

Art. 4 Limitazione preventiva delle emissioni da parte dell’autorità  

1 L’au­to­ri­tà li­mi­ta pre­ven­ti­va­men­te, nel­la mag­gior mi­su­ra pos­si­bi­le dal pun­to di vi­sta tec­ni­co e dell’eser­ci­zio e sop­por­ta­bi­le sot­to il pro­fi­lo eco­no­mi­co, le emis­sio­ni per le qua­li nel­la pre­sen­te or­di­nan­za un va­lo­re li­mi­te d’emis­sio­ne non è fis­sa­to o è di­chia­ra­to inap­pli­ca­bi­le.

2 So­no pos­si­bi­li dal pun­to di vi­sta tec­ni­co e dell’eser­ci­zio i prov­ve­di­men­ti li­mi­ta­ti­vi del­le emis­sio­ni, che:

a.
so­no sta­ti spe­ri­men­ta­ti con suc­ces­so su im­pian­ti com­pa­ra­bi­li in Sviz­ze­ra o all’este­ro o
b.
so­no sta­ti im­pie­ga­ti con suc­ces­so in via spe­ri­men­ta­le e pos­so­no, se­con­do le re­go­le del­la tec­ni­ca, es­se­re ap­pli­ca­ti ad al­tri im­pian­ti.

3 Per giu­di­ca­re se un prov­ve­di­men­to li­mi­ta­ti­vo del­le emis­sio­ni sia sop­por­ta­bi­le sot­to il pro­fi­lo eco­no­mi­co si fa ri­fe­ri­men­to ad un’azien­da me­dia ed eco­no­mi­ca­men­te sa­na del ra­mo in que­stio­ne. Se in un ra­mo le azien­de so­no sud­di­vi­se in ca­te­go­rie mol­to dif­fe­ren­ti, si fa ri­fe­ri­men­to ad un’azien­da me­dia del­la ri­spet­ti­va ca­te­go­ria.

Art. 5 Limitazione più severa delle emissioni da parte dell’autorità  

1 Se c’è da aspet­tar­si che un im­pian­to pre­vi­sto pro­vo­chi im­mis­sio­ni ec­ces­si­ve, an­che se la li­mi­ta­zio­ne pre­ven­ti­va del­le emis­sio­ni è ri­spet­ta­ta, l’au­to­ri­tà de­ci­de li­mi­ta­zio­ni com­ple­ti­ve o più se­ve­re del­le emis­sio­ni.

2 La li­mi­ta­zio­ne del­le emis­sio­ni è com­ple­ta­ta o re­sa più se­ve­ra fi­no al pun­to in cui non si pro­du­co­no più im­mis­sio­ni ec­ces­si­ve.

Art. 6 Captazione ed evacuazione delle emissioni 6  

1 Le emis­sio­ni de­vo­no es­se­re cap­ta­te nel mo­do più com­ple­to pos­si­bi­le, il più vi­ci­no pos­si­bi­le al luo­go del­la lo­ro ori­gi­ne, ed eva­cua­te in mo­do ta­le che non ne de­ri­vi­no im­mis­sio­ni ec­ces­si­ve.7

2 Di re­go­la le emis­sio­ni de­vo­no es­se­re espul­se al di so­pra del tet­to me­dian­te ca­mi­ni o con­dot­te di sca­ri­co.

3 Per i ca­mi­ni in­du­stria­li va­le l’al­le­ga­to 6. Se la ne­ces­sa­ria al­tez­za di co­stru­zio­ne H non può es­se­re rea­liz­za­ta o se il pa­ra­me­tro Ho è su­pe­rio­re a 100 m, l’au­to­ri­tà, a ti­to­lo so­sti­tu­ti­vo, ren­de più se­ve­re le li­mi­ta­zio­ni del­le emis­sio­ni pre­vi­ste ne­gli al­le­ga­ti 1 a 3.

6Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 20 nov. 1991, in vi­go­re dal 1° feb. 1992 (RU 1992 124).

7Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 20 nov. 1991, in vi­go­re dal 1° feb. 1992 (RU 1992 124).

Sezione 2: Limitazione delle emissioni degli impianti stazionari esistenti

Art. 7 Limitazione preventiva delle emissioni  

Le di­spo­si­zio­ni sul­la li­mi­ta­zio­ne pre­ven­ti­va del­le emis­sio­ni de­gli im­pian­ti sta­zio­na­ri nuo­vi (art. 3, 4 e 6) val­go­no an­che per gli im­pian­ti sta­zio­na­ri esi­sten­ti.

Art. 8 Obbligo di risanamento  

1 L’au­to­ri­tà prov­ve­de af­fin­ché gli im­pian­ti sta­zio­na­ri esi­sten­ti, che non sod­di­sfa­no le esi­gen­ze del­la pre­sen­te or­di­nan­za, sia­no ri­sa­na­ti.

2 Es­sa ema­na le de­ci­sio­ni ne­ces­sa­rie e vi fis­sa il ter­mi­ne di ri­sa­na­men­to se­con­do l’ar­ti­co­lo 10. Se ne­ces­sa­rio, de­ci­de, per la du­ra­ta del ri­sa­na­men­to, la ri­du­zio­ne dell’at­ti­vi­tà o la di­sat­ti­va­zio­ne dell’im­pian­to.8

3 Il ti­to­la­re può es­se­re di­spen­sa­to dal ri­sa­na­men­to, se si im­pe­gna a di­sat­ti­va­re l’im­pian­to en­tro il ter­mi­ne di ri­sa­na­men­to.

8Per. 2 in­tro­dot­to dal n. I dell’O del 20 nov. 1991, in vi­go­re dal 1° feb. 1992 (RU 1992 124).

Art. 9 Limitazione più severa delle emissioni  

1 Se è ac­cer­ta­to che un im­pian­to esi­sten­te pro­vo­ca im­mis­sio­ni ec­ces­si­ve, an­che se la li­mi­ta­zio­ne pre­ven­ti­va del­le emis­sio­ni è ri­spet­ta­ta, l’au­to­ri­tà de­ci­de li­mi­ta­zio­ni com­ple­ti­ve o più se­ve­re.

2 La li­mi­ta­zio­ne del­le emis­sio­ni è com­ple­ta­ta o re­sa più se­ve­ra fi­no al pun­to in cui non si pro­du­co­no più im­mis­sio­ni ec­ces­si­ve.

3 Le li­mi­ta­zio­ni com­ple­ti­ve o più se­ve­re del­le emis­sio­ni so­no or­di­na­te me­dian­te de­ci­sio­ne di ri­sa­na­men­to da at­tua­re en­tro i ter­mi­ni pre­vi­sti all’ar­ti­co­lo 10 ca­po­ver­so 2. Se ne­ces­sa­rio, l’au­to­ri­tà de­ci­de, per la du­ra­ta del ri­sa­na­men­to, la ri­du­zio­ne dell’at­ti­vi­tà o la di­sat­ti­va­zio­ne dell’im­pian­to.

4 Se le im­mis­sio­ni ec­ces­si­ve so­no pro­vo­ca­te da più im­pian­ti, la pro­ce­du­ra è ret­ta da­gli ar­ti­co­li 31 a 34.

Art. 10 Termini di risanamento 9  

1 Il ter­mi­ne nor­ma­le di ri­sa­na­men­to è di 5 an­ni.

2 Ter­mi­ni più bre­vi, ma di al­me­no 30 gior­ni, so­no fis­sa­ti, se:

a.
il ri­sa­na­men­to può es­se­re ese­gui­to sen­za im­por­tan­ti in­ve­sti­men­ti;
b.
le emis­sio­ni su­pe­ra­no il tri­plo del va­lo­re li­mi­te sta­bi­li­to per la li­mi­ta­zio­ne pre­ven­ti­va del­le emis­sio­ni, o
c.
le im­mis­sio­ni pro­vo­ca­te dall’im­pian­to so­no ec­ces­si­ve.

3 Ter­mi­ni più lun­ghi, fi­no a un mas­si­mo di 10 an­ni, so­no fis­sa­ti se:

a.
le emis­sio­ni so­no in­fe­rio­ri a una vol­ta e mez­zo il va­lo­re li­mi­te sta­bi­li­to per la li­mi­ta­zio­ne pre­ven­ti­va del­le emis­sio­ni o le pre­scri­zio­ni sul­le per­di­te di ca­lo­re sen­si­bi­le non so­no ri­spet­ta­te e
b.
so­no esclu­si i ca­si se­con­do il ca­po­ver­so 2 let­te­re a e c.

4 Re­sta sal­va la de­ci­sio­ne di ter­mi­ni di ri­sa­na­men­to più bre­vi se­con­do l’ar­ti­co­lo 32.

9Ve­di an­che le di­sp. fin. e trans. del­le mod. del 23 giu. 2004 (RU 2004 3561) e dell’11 giu. 2018 (RU 2018 1687) qui avan­ti.

Art. 11 Agevolazioni  

1 Su do­man­da, l’au­to­ri­tà ac­cor­da age­vo­la­zio­ni al ti­to­la­re dell’im­pian­to, se il ri­sa­na­men­to ai sen­si de­gli ar­ti­co­li 8 e 10 è spro­por­zio­na­to, in par­ti­co­la­re non pos­si­bi­le dal pun­to di vi­sta tec­ni­co o dell’eser­ci­zio o non sop­por­ta­bi­le eco­no­mi­ca­men­te.

2 Co­me age­vo­la­zio­ne l’au­to­ri­tà può con­ce­de­re in pri­mo luo­go ter­mi­ni più lun­ghi. Se la con­ces­sio­ne di ter­mi­ni più lun­ghi non ba­sta, l’au­to­ri­tà fis­sa li­mi­ta­zio­ni più blan­de del­le emis­sio­ni.

Sezione 3: Controllo degli impianti stazionari

Art. 12 Dichiarazione delle emissioni  

1 Chi ge­sti­sce o in­ten­de co­strui­re un im­pian­to10, che cau­sa in­qui­na­men­ti at­mo­sfe­ri­ci, de­ve for­ni­re all’au­to­ri­tà in­for­ma­zio­ni su:

a.
il ge­ne­re e la quan­ti­tà del­le emis­sio­ni;
b.
il luo­go dell’espul­sio­ne, l’al­tez­za ri­spet­to al suo­lo e le va­ria­zio­ni nel tem­po;
c.
ul­te­rio­ri con­di­zio­ni d’espul­sio­ne, se so­no ne­ces­sa­rie ai fi­ni del­la va­lu­ta­zio­ne del­le emis­sio­ni.

2 La di­chia­ra­zio­ne del­le emis­sio­ni può es­se­re al­le­sti­ta in ba­se a mi­su­ra­zio­ni o al bi­lan­cio quan­ti­ta­ti­vo del­le so­stan­ze.

Art. 13 Controlli e misurazioni delle emissioni  

1 L’au­to­ri­tà sor­ve­glia che le li­mi­ta­zio­ni del­le emis­sio­ni sia­no ri­spet­ta­te. Pro­ce­de es­sa stes­sa a con­trol­li e mi­su­ra­zio­ni del­le emis­sio­ni o li fa ese­gui­re.

2 La pri­ma mi­su­ra­zio­ne (mi­su­ra­zio­ne di col­lau­do) o il pri­mo con­trol­lo è da ef­fet­tua­re, se pos­si­bi­le, en­tro 3 me­si, ma al più tar­di en­tro 12 me­si dal­la mes­sa in ser­vi­zio dell’im­pian­to nuo­vo o ri­sa­na­to. So­no fat­te sal­ve le di­spo­si­zio­ni de­ro­ga­to­rie dell’al­le­ga­to 3.11

3 Fat­te sal­ve le di­spo­si­zio­ni de­ro­ga­to­rie de­gli al­le­ga­ti 2, 3 e 4, la mi­su­ra­zio­ne o il con­trol­lo è di re­go­la da ri­pe­te­re co­me se­gue:

a.
ogni quat­tro an­ni per le cal­da­ie per im­pian­ti a com­bu­stio­ne ali­men­ta­ti a le­gna se­con­do l’al­le­ga­to 5 ci­fra 31 ca­po­ver­so 1 let­te­re a, b o d ci­fra 1 con una pre­sta­zio­ne ter­mi­ca pa­ri o in­fe­rio­re a 70 kW e per gli im­pian­ti a com­bu­stio­ne ali­men­ta­ti con gas con una po­ten­za ter­mi­ca pa­ri o in­fe­rio­re a 1 MW;
b.
ogni due an­ni per gli al­tri im­pian­ti a com­bu­stio­ne;
c.12
ogni tre an­ni per gli al­tri im­pian­ti.13

4 Per gli im­pian­ti dai qua­li pos­so­no usci­re emis­sio­ni con­si­de­re­vo­li, l’au­to­ri­tà or­di­na la mi­su­ra­zio­ne e la re­gi­stra­zio­ne con­ti­nue del­le emis­sio­ni o di un al­tro pa­ra­me­tro d’eser­ci­zio che per­met­ta il con­trol­lo del­le emis­sio­ni.

11 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O dell’11 apr. 2018, in vi­go­re dal 1° giu. 2018 (RU 2018 1687).

12 Cor­re­zio­ne del 16 apr. 2019 (RU 2019 1225)

13 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O dell’11 apr. 2018, in vi­go­re dal 1° giu. 2018 (RU 2018 1687).

Art. 13a Prova delle regole riconosciute della metrologia 14  

1 Se in­ca­ri­ca ter­zi di ese­gui­re con­trol­li e mi­su­ra­zio­ni del­le emis­sio­ni di cui all’ar­ti­co­lo 13, l’au­to­ri­tà de­ve ve­ri­fi­ca­re pe­rio­di­ca­men­te se es­si han­no una co­no­scen­za suf­fi­cien­te del­le re­go­le ri­co­no­sciu­te del­la me­tro­lo­gia.

2 L’au­to­ri­tà ha la fa­col­tà di pre­scin­de­re dal­le ve­ri­fi­che pe­rio­di­che di cui al ca­po­ver­so 1 se il ter­zo in­ca­ri­ca­to ese­gue so­lo con­trol­li e mi­su­ra­zio­ni per cui so­no pre­vi­ste pro­ce­du­re di mi­su­ra­zio­ne sem­pli­fi­ca­te.

14 In­tro­dot­to dal n. I dell’O dell’11 apr. 2018, in vi­go­re dal 1° giu. 2018 (RU 2018 1687).

Art. 14 Esecuzione delle misurazioni  

1 Le mi­su­ra­zio­ni ten­go­no con­to del­le fa­si d’eser­ci­zio im­por­tan­ti ai fi­ni del­la va­lu­ta­zio­ne. Se ne­ces­sa­rio, l’au­to­ri­tà fis­sa il ge­ne­re e l’esten­sio­ne del­le mi­su­ra­zio­ni e le fa­si d’eser­ci­zio im­por­tan­ti.

2 Le mi­su­ra­zio­ni del­le emis­sio­ni so­no ese­gui­te se­con­do le re­go­le ri­co­no­sciu­te del­la me­tro­lo­gia. L’Uf­fi­cio fe­de­ra­le dell’am­bien­te (UFAM) ema­na rac­co­man­da­zio­ni per l’ese­cu­zio­ne del­le mi­su­ra­zio­ni. Le esi­gen­ze tec­ni­che in ma­te­ria di si­ste­mi di mi­su­ra­zio­ne e sta­bi­li­tà di mi­su­ra­zio­ne so­no ret­te dall’or­di­nan­za del 15 feb­bra­io 200615 su­gli stru­men­ti di mi­su­ra­zio­ne e dal­le di­spo­si­zio­ni ese­cu­ti­ve del Di­par­ti­men­to fe­de­ra­le di giu­sti­zia e po­li­zia.16

3 Il ti­to­la­re dell’im­pian­to da con­trol­la­re de­ve, su istru­zio­ni dell’au­to­ri­tà, pre­di­spor­re luo­ghi adat­ti per le mi­su­ra­zio­ni e ren­der­li ac­ces­si­bi­li.

4 I va­lo­ri mi­su­ra­ti e quel­li cal­co­la­ti, i me­to­di di mi­su­ra uti­liz­za­ti e le con­di­zio­ni d’eser­ci­zio dell’im­pian­to du­ran­te le mi­su­ra­zio­ni so­no con­se­gna­ti nel ver­ba­le di mi­su­ra­zio­ne.

15 RS 941.210

16 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O dell’11 apr. 2018, in vi­go­re dal 1° giu. 2018 (RU 2018 1687).

Art. 15 Valutazione delle emissioni  

1 I va­lo­ri mi­su­ra­ti so­no rap­por­ta­ti al­le gran­dez­ze di ri­fe­ri­men­to fis­sa­te nell’al­le­ga­to 1 ci­fra 23.

2 Sal­vo di­spo­si­zio­ni con­tra­rie ne­gli al­le­ga­ti 1 a 4, per la va­lu­ta­zio­ne i va­lo­ri cal­co­la­ti se­con­do il ca­po­ver­so 1 so­no con­ver­ti­ti in va­lo­ri me­di ora­ri. In ca­si mo­ti­va­ti l’au­to­ri­tà può sta­bi­li­re un’al­tra uni­tà di tem­po per il cal­co­lo del va­lo­re me­dio.

3 Nel­le mi­su­ra­zio­ni ef­fet­tua­te in oc­ca­sio­ne del col­lau­do o di con­trol­li, la li­mi­ta­zio­ne del­le emis­sio­ni è con­si­de­ra­ta ri­spet­ta­ta, se nes­su­no dei va­lo­ri me­di cal­co­la­ti se­con­do il ca­po­ver­so 2 su­pe­ra il va­lo­re li­mi­te.

4 In ca­so di mi­su­ra­zio­ne con­ti­nua del­le emis­sio­ni, i va­lo­ri li­mi­te so­no con­si­de­ra­ti ri­spet­ta­ti, se nell’ar­co dell’an­no ci­vi­le:

a.
nes­sun va­lo­re me­dio gior­na­lie­ro su­pe­ra il va­lo­re li­mi­te d’emis­sio­ne;
b.
il 97 per cen­to di tut­ti i va­lo­ri me­di ora­ri non è su­pe­rio­re a 1,2 vol­te il va­lo­re li­mi­te e
c.
nes­sun va­lo­re me­dio ora­rio è su­pe­rio­re al dop­pio del va­lo­re li­mi­te.

5 Le emis­sio­ni du­ran­te le fa­si d’av­via­men­to e di ar­re­sto dell’im­pian­to so­no va­lu­ta­te dall’au­to­ri­tà, te­nen­do con­to del­le cir­co­stan­ze par­ti­co­la­ri.

Art. 16 Condotte di aggiramento e disturbi d’esercizio  

1 Una con­dot­ta di ag­gi­ra­men­to per la pro­te­zio­ne de­gli im­pian­ti di de­pu­ra­zio­ne dei gas di sca­ri­co può es­se­re uti­liz­za­ta so­lo con il con­sen­so dell’au­to­ri­tà.

2 Se l’im­pie­go di con­dot­te di ag­gi­ra­men­to o di­stur­bi d’eser­ci­zio pos­so­no pro­vo­ca­re emis­sio­ni con­si­de­re­vo­li, l’au­to­ri­tà sta­bi­li­sce le mi­su­re da pren­de­re.

Sezione 4: Emissioni da veicoli e da infrastrutture per i trasporti

Art. 17 Limitazione preventiva delle emissioni dei veicoli  

Le emis­sio­ni dei vei­co­li so­no li­mi­ta­te pre­ven­ti­va­men­te se­con­do la le­gi­sla­zio­ne sui tra­spor­ti per stra­da, aria, bat­tel­lo e fer­ro­via nel­la mag­gior mi­su­ra pos­si­bi­le dal pun­to di vi­sta tec­ni­co e dell’eser­ci­zio e sop­por­ta­bi­le sot­to il pro­fi­lo eco­no­mi­co.

Art. 18 Limitazione preventiva delle emissioni delle infrastrutture per i tra­sporti  

Per le in­fra­strut­tu­re per i tra­spor­ti l’au­to­ri­tà or­di­na tut­ti i prov­ve­di­men­ti pos­si­bi­li dal pun­to di vi­sta tec­ni­co e dell’eser­ci­zio e sop­por­ta­bi­li sot­to il pro­fi­lo eco­no­mi­co, at­ti a li­mi­ta­re le emis­sio­ni pro­vo­ca­te dal traf­fi­co.

Art. 19 Misure contro le immissioni eccessive del traffico  

Se è ac­cer­ta­to o se c’è da aspet­tar­si che vei­co­li o in­fra­strut­tu­re per i tra­spor­ti pro­vo­chi­no im­mis­sio­ni ec­ces­si­ve, la pro­ce­du­ra è ret­ta da­gli ar­ti­co­li 31 a 34.

Sezione 4a: Esigenze per le macchine di cantiere e i relativi sistemi di filtri antiparticolato17

17 Introdotta dal n. I dell’O del 19 set. 2008, in vigore dal 1° gen. 2009 (RU 2008 4639).

Art. 19a Esigenze  

1 Le mac­chi­ne e gli ap­pa­rec­chi per l’im­pie­go in can­tie­ri con mo­to­re a com­bu­stio­ne con ac­cen­sio­ne a com­pres­sio­ne del­la po­ten­za su­pe­rio­re a 18 kW (mac­chi­ne di can­tie­re) de­vo­no sod­di­sfa­re le esi­gen­ze di cui all’al­le­ga­to 4 nu­me­ro 3.

2 Le mac­chi­ne di can­tie­re pos­so­no es­se­re mes­se in com­mer­cio sol­tan­to se ne è sta­ta pro­va­ta la con­for­mi­tà con le esi­gen­ze di cui all’al­le­ga­to 4 nu­me­ro 3.

3 Le mac­chi­ne di can­tie­re pos­so­no es­se­re fat­te fun­zio­na­re sol­tan­to con un si­ste­ma di fil­tri an­ti­par­ti­co­la­to di cui è sta­ta pro­va­ta la con­for­mi­tà con le esi­gen­ze di cui all’al­le­ga­to 4 nu­me­ri 32 e 33.

4 Su do­man­da, nei ca­si in cui ven­go­no mes­se in fun­zio­ne mac­chi­ne di can­tie­re nell’am­bi­to di te­st o di­mo­stra­zio­ni, l’au­to­ri­tà può ac­cor­da­re de­ro­ghe al­le esi­gen­ze di cui all’al­le­ga­to 4 nu­me­ro 3. Le de­ro­ghe so­no ac­cor­da­te fi­no a un mas­si­mo di die­ci gior­ni.18

18 In­tro­dot­to dal n. I dell’O del 14 ott. 2015, in vi­go­re dal 16 nov. 2015 (RU 2015 4171).

Art. 19b Prova di conformità  

1 La pro­va di con­for­mi­tà com­pren­de:

a.
un cer­ti­fi­ca­to ri­la­scia­to da un or­ga­ni­smo di va­lu­ta­zio­ne del­la con­for­mi­tà ai sen­si dell’ar­ti­co­lo 18 del­la leg­ge fe­de­ra­le del 6 ot­to­bre 199519 su­gli osta­co­li tec­ni­ci al com­mer­cio (LOTC) se­con­do cui il ti­po di mac­chi­na di can­tie­re o di si­ste­ma di fil­tro an­ti­par­ti­co­la­to sod­di­sfa le esi­gen­ze di cui all’al­le­ga­to 4 nu­me­ro 3 (cer­ti­fi­ca­to di con­for­mi­tà);
b.
una di­chia­ra­zio­ne del fab­bri­can­te o dell’im­por­ta­to­re se­con­do la qua­le le mac­chi­ne di can­tie­re o i si­ste­mi di fil­tro an­ti­par­ti­co­la­to da met­te­re in com­mer­cio cor­ri­spon­do­no ai ti­pi esa­mi­na­ti (di­chia­ra­zio­ne di con­for­mi­tà), con­te­nen­te i se­guen­ti da­ti:
1.
no­me e in­di­riz­zo del fab­bri­can­te o dell’im­por­ta­to­re,
2.
de­si­gna­zio­ne del ti­po di mac­chi­na di can­tie­re, di mo­to­re e di si­ste­ma di ri­du­zio­ne del par­ti­co­la­to,
3.
an­no di fab­bri­ca­zio­ne e nu­me­ri di se­rie del­la mac­chi­na di can­tie­re, del mo­to­re e del si­ste­ma di fil­tro an­ti­par­ti­co­la­to,
4.
no­me e in­di­riz­zo dell’or­ga­ni­smo di va­lu­ta­zio­ne del­la con­for­mi­tà e nu­me­ro del cer­ti­fi­ca­to di con­for­mi­tà,
5.
no­me e fun­zio­ne del­la per­so­na che fir­ma la di­chia­ra­zio­ne di con­for­mi­tà per il fab­bri­can­te o per l’im­por­ta­to­re,
6.
la po­si­zio­ne esat­ta del con­tras­se­gno ap­por­ta­to sul­la mac­chi­na di can­tie­re; e
c.
il con­tras­se­gno se­con­do l’al­le­ga­to 4 nu­me­ro 33.

1bis Per le mac­chi­ne di can­tie­re che sod­di­sfa­no le esi­gen­ze di cui all’al­le­ga­to II del re­go­la­men­to (UE) 2016/162820, la pro­va di con­for­mi­tà com­pren­de l’omo­lo­ga­zio­ne del ti­po di mo­to­re o del­la fa­mi­glia di mo­to­ri ri­la­scia­ta da uno Sta­to mem­bro dell’Unio­ne eu­ro­pea se­con­do il re­go­la­men­to (UE) 2016/1628.21

2 Gli or­ga­ni­smi di va­lu­ta­zio­ne del­la con­for­mi­tà fan­no per­ve­ni­re all’UFAM i cer­ti­fi­ca­ti di con­for­mi­tà con i re­la­ti­vi rap­por­ti di pro­va. L’UFAM pub­bli­ca le li­ste dei ti­pi di si­ste­mi di fil­tro an­ti­par­ti­co­la­to e di mo­to­ri con­for­mi.22

3 Il fab­bri­can­te o l’im­por­ta­to­re de­ve con­ser­va­re la di­chia­ra­zio­ne di con­for­mi­tà per 10 an­ni dal mo­men­to del­la mes­sa in com­mer­cio del­la mac­chi­na di can­tie­re o del si­ste­ma di fil­tro an­ti­par­ti­co­la­to.

19 RS 946.51

20 Re­go­la­men­to (UE) 2016/1628 del Par­la­men­to eu­ro­peo e del Con­si­glio, del 14 set­tem­bre 2016, re­la­ti­vo al­le pre­scri­zio­ni in ma­te­ria di li­mi­ti di emis­sio­ne di in­qui­nan­ti gas­so­si e par­ti­co­la­to in­qui­nan­te e di omo­lo­ga­zio­ne per i mo­to­ri a com­bu­stio­ne in­ter­na de­sti­na­ti al­le mac­chi­ne e agli ap­pa­rec­chi mo­bi­li non stra­da­li, ver­sio­ne del­la GU L 252 del 16.09.2016, pag. 53; in­te­gra­to da: re­go­la­men­to de­le­ga­to (UE) 2017/654 del­la Com­mis­sio­ne, del 19 di­cem­bre 2016, GU L 102 del 13.04.2017, pag. 1; re­go­la­men­to de­le­ga­to (UE) 2017/655 del­la Com­mis­sio­ne, del 19 di­cem­bre 2016, GU L 102 del 13.04.2017, pag. 334; re­go­la­men­to di ese­cu­zio­ne (UE) 2017/656 del­la Com­mis­sio­ne, del 19 di­cem­bre 2016, GU L 102 del 13.04.2017, pag. 364.

21 In­tro­dot­to dal n. I dell’O dell’11 apr. 2018, in vi­go­re dal 1° giu. 2018 (RU 2018 1687).

22 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 14 ott. 2015, in vi­go­re dal 16 nov. 2015 (RU 2015 4171).

Sezione 5: Messa in commercio degli impianti a combustione23

23Nuovo testo giusta il n. I dell’O del 23 giu. 2004, in vigore dal 1° gen. 2005 (RU 2004 3561).

Art. 20 Premesseper la messa in commercio 24  

1 I se­guen­ti im­pian­ti a com­bu­stio­ne pos­so­no es­se­re mes­si in com­mer­cio sol­tan­to se ne è pro­va­ta la con­for­mi­tà con le esi­gen­ze di cui all’al­le­ga­to 4 (art. 20a):25

a.
i bru­cia­to­ri ad aria sof­fia­ta, ali­men­ta­ti con olio da ri­scal­da­men­to «ex­tra leg­ge­ro» o con gas, con una po­ten­za ter­mi­ca pa­ri o in­fe­rio­re a 350 kW;
b.
le cal­da­ie per i bru­cia­to­ri ad aria sof­fia­ta ai sen­si del­la let­te­ra a, nel­la mi­su­ra in cui co­me vet­to­re ter­mi­co vie­ne im­pie­ga­ta ac­qua e la tem­pe­ra­tu­ra mas­si­ma di que­st’ul­ti­ma è li­mi­ta­ta a 110 °C;
c.
le cal­da­ie ai sen­si del­la let­te­ra b con bru­cia­to­re ad aria sof­fia­ta in com­bi­na­zio­ne fis­sa (mo­no­bloc­co) (Unit);
d.26
le cal­da­ie per com­bu­sti­bi­li gas­so­si con una po­ten­za ter­mi­ca pa­ri o in­fe­rio­re a 350 kW, se co­me vet­to­re ter­mi­co vie­ne im­pie­ga­ta ac­qua e la tem­pe­ra­tu­ra mas­si­ma di que­st’ul­ti­ma è li­mi­ta­ta a 110 °C;
e.27
f.
gli scal­dac­qua a gas ad ac­cu­mu­la­zio­ne (boi­ler), con una ca­pien­za su­pe­rio­re a 30 li­tri d’ac­qua e con una po­ten­za ter­mi­ca pa­ri o in­fe­rio­re a 350 kW;
g.
gli scal­dac­qua ad azio­ne istan­ta­nea a gas, con una po­ten­za ter­mi­ca da 35 a 350 kW;
h.28
le cal­da­ie per com­bu­sti­bi­li so­li­di di cui all’al­le­ga­to 5 con una po­ten­za ter­mi­ca pa­ri o in­fe­rio­re a 350 kW e i bru­cia­to­ri a pel­let per pic­co­le cal­da­ie con una po­ten­za ter­mi­ca pa­ri o in­fe­rio­re a 70 kW.

229

3 I Can­to­ni pos­so­no au­to­riz­za­re, per un pe­rio­do mas­si­mo di due an­ni, la pro­va pra­ti­ca, in nu­me­ro li­mi­ta­to, di im­pian­ti pri­vi di di­chia­ra­zio­ne di con­for­mi­tà. Gli im­pian­ti, che al­lo sca­de­re di det­to ter­mi­ne so­no an­co­ra pri­vi di una di­chia­ra­zio­ne di con­for­mi­tà de­vo­no es­se­re mes­si fuo­ri ser­vi­zio.

24Ve­di an­che le di­sp. fin. del­la mod. del 23 giu. 2004 qui avan­ti.

25 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O dell’11 apr. 2018, in vi­go­re dal 1° giu. 2018 (RU 2018 1687).

26 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O dell’11 apr. 2018, in vi­go­re dal 1° giu. 2018 (RU 2018 1687).

27 Abro­ga­ta dal n. I dell’O dell’11 apr. 2018, con ef­fet­to dal 1° giu. 2018 (RU 2018 1687).

28 In­tro­dot­ta dal n. I dell’O del 4 lug. 2007 (RU 2007 3875). Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O dell’11 apr. 2018, in vi­go­re dal 1° giu. 2018 (RU 2018 1687).

29 Abro­ga­to dal n. I dell’O del 18 giu. 2010, con ef­fet­to dal 15 giu. 2010 (RU 2010 2965).

Art. 20a Prova di conformità  

1 La pro­va di con­for­mi­tà di un im­pian­to a com­bu­stio­ne com­pren­de:

a.30
un rap­por­to d’esa­me di un or­ga­ni­smo se­con­do l’ar­ti­co­lo 18 LOTC31, dal qua­le emer­ga che il pro­to­ti­po sod­di­sfa le esi­gen­ze di cui all’ap­pen­di­ce 4;
b.
una di­chia­ra­zio­ne del fab­bri­can­te o dell’im­por­ta­to­re, se­con­do cui l’im­pian­to a com­bu­stio­ne che de­ve es­se­re mes­so in com­mer­cio cor­ri­spon­de al ti­po esa­mi­na­to (di­chia­ra­zio­ne di con­for­mi­tà), cor­re­da­ta dal­le se­guen­ti in­di­ca­zio­ni:
1.
il no­me e l’in­di­riz­zo del fab­bri­can­te o dell’im­por­ta­to­re;
2.
la de­scri­zio­ne dell’im­pian­to a com­bu­stio­ne;
3.
le di­spo­si­zio­ni ai sen­si dell’al­le­ga­to 4 che so­no sta­te ap­pli­ca­te;
4.
il no­me e l’in­di­riz­zo dell’or­ga­ni­smo di va­lu­ta­zio­ne del­la con­for­mi­tà e il nu­me­ro del cer­ti­fi­ca­to di con­for­mi­tà;
5.
il no­me e la fun­zio­ne del­la per­so­na che sot­to­scri­ve la di­chia­ra­zio­ne di con­for­mi­tà per il fab­bri­can­te o l’im­por­ta­to­re.
c.32
un con­tras­se­gno se­con­do l’al­le­ga­to 4 ci­fra 23.

1bis Per gli ap­pa­rec­chi se­con­do l’al­le­ga­to 1.15 o 1.16 dell’or­di­nan­za del 1° no­vem­bre 201733 sull’ef­fi­cien­za ener­ge­ti­ca, la pro­va di con­for­mi­tà può es­se­re svol­ta an­che se­con­do le pre­scri­zio­ni di cui all’ar­ti­co­lo 5 ca­po­ver­so 2 e all’ar­ti­co­lo 7 ca­po­ver­so 2 dell’or­di­nan­za sum­men­zio­na­ta.34

2 Il fab­bri­can­te o l’im­por­ta­to­re de­ve con­ser­va­re la di­chia­ra­zio­ne di con­for­mi­tà per die­ci an­ni a de­cor­re­re dal­la mes­sa in com­mer­cio dell’im­pian­to.

30Nuo­vo te­sto giu­sta il n. III 1 dell’O del 22 giu. 2016, in vi­go­re dal 1° ago. 2016 (RU 2016 2479).

31 RS 946.51

32 In­tro­dot­to dal n. I dell’O del 22 ott. 2008, in vi­go­re dal 1° gen. 2009 (RU 2008 5163).

33 RS 730.02

34In­tro­dot­to dal n. III 1 dell’O del 22 giu. 2016 (RU 2016 2479). Nuo­vo te­sto giu­sta l’all. 5 n. 3 dell’O del 1° nov. 2017 sull’ef­fi­cien­za ener­ge­ti­ca, in vi­go­re dal 1° gen. 2018 (RU 2017 6951).

Sezione 5a: Esigenze per le macchine e gli apparecchi con motore a combustione interna35

35 Introdotta dal n. I dell’O del 18 giu. 2010 (RU 2010 2965). Nuovo testo giusta il n. I dell’O dell’11 apr. 2018, in vigore dal 1° giu. 2018 (RU 2018 1687).

Art. 20b Esigenze  

1 Le mac­chi­ne e gli ap­pa­rec­chi mo­bi­li non stra­da­li con mo­to­re a com­bu­stio­ne in­ter­na (mac­chi­ne e ap­pa­rec­chi con mo­to­re a com­bu­stio­ne in­ter­na) de­vo­no ri­spet­ta­re le esi­gen­ze di cui all’al­le­ga­to 4 ci­fra 4.

2 Le mac­chi­ne e gli ap­pa­rec­chi con mo­to­re a com­bu­stio­ne in­ter­na nuo­vi pos­so­no es­se­re mes­si in com­mer­cio sol­tan­to se ne è sta­ta pro­va­ta la con­for­mi­tà con le esi­gen­ze di cui all’al­le­ga­to 4 ci­fra 4 (art. 20c).

Art. 20c Prova di conformità  

1 La pro­va di con­for­mi­tà com­pren­de:

a.
l’omo­lo­ga­zio­nedel ti­po di mo­to­re o del­la fa­mi­glia di mo­to­ri ri­la­scia­ta da uno Sta­to mem­bro dell’Unio­ne eu­ro­pea se­con­do il re­go­la­men­to (UE) 2016/162836; e
b.
la mar­ca­tu­ra del mo­to­re se­con­do l’ar­ti­co­lo 32 del re­go­la­men­to (UE) 2016/1628.

2 La pro­va di con­for­mi­tà può es­se­re for­ni­ta an­che con un cer­ti­fi­ca­to ri­la­scia­to da un or­ga­ni­smo di va­lu­ta­zio­ne del­la con­for­mi­tà se­con­do l’ar­ti­co­lo 18 LOTC37, che at­te­sti che il ti­po di mac­chi­na o ap­pa­rec­chio con mo­to­re a com­bu­stio­ne in­ter­na sod­di­sfa le esi­gen­ze di cui all’al­le­ga­to 4 ci­fra 4 (cer­ti­fi­ca­to di con­for­mi­tà). Il mo­to­re de­ve es­se­re con­tras­se­gna­to con il mar­chio o la de­no­mi­na­zio­ne com­mer­cia­le del co­strut­to­re e il no­me dell’or­ga­ni­smo di va­lu­ta­zio­ne del­la con­for­mi­tà.

36 Cfr. no­ta a piè di pa­gi­na re­la­ti­va all’art. 19b cpv. 1bis.

37 RS 946.51

Sezione 5b: Messa in servizio degli impianti a combustione38

38 Introdotta dal n. I dell’O dell’11 apr. 2018, in vigore dal 1° giu. 2018 (RU 2018 1687).

Art. 20d Condizioni per la messa in servizio  

I se­guen­ti im­pian­ti, pro­dot­ti in se­rie, per il ri­scal­da­men­to d’am­bien­te lo­ca­le per com­bu­sti­bi­li so­li­di di cui all’al­le­ga­to 5 con una po­ten­za ter­mi­ca no­mi­na­le pa­ri o in­fe­rio­re a 50 kW, se­gna­ta­men­te stu­fe, ter­mo­cu­ci­ne, stu­fe ad ac­cu­mu­la­zio­ne e in­ser­ti per ca­mi­ni com­pre­si i ca­mi­ni aper­ti pos­so­no es­se­re mes­si in ser­vi­zio sol­tan­to se ne è pro­va­ta la con­for­mi­tà con le esi­gen­ze di cui all’al­le­ga­to 4 ci­fra 212 (art. 20e).

Art. 20e Prova di conformità  

La pro­va di con­for­mi­tà de­gli im­pian­ti a com­bu­stio­ne, pro­dot­ti in se­rie, per il ri­scal­da­men­to d’am­bien­te lo­ca­le di cui all’ar­ti­co­lo 20d com­pren­de una di­chia­ra­zio­ne di pre­sta­zio­ne o una di­chia­ra­zio­ne equi­va­len­te del fab­bri­can­te o dell’im­por­ta­to­re, che at­te­sti che il ti­po sod­di­sfa le esi­gen­ze di cui all’al­le­ga­to 4 ci­fra 212.

Sezione 6: Combustibili

Art. 21 Esigenze  

Per i com­bu­sti­bi­li val­go­no le esi­gen­ze dell’al­le­ga­to 5.

Art. 22 Dichiarazione  

Chi im­por­ta o of­fre com­bu­sti­bi­li a sco­po com­mer­cia­le de­ve for­ni­re all’ac­qui­ren­te o al con­su­ma­to­re una di­chia­ra­zio­ne sul­la qua­li­tà del com­bu­sti­bi­le. All’im­por­ta­zio­ne è te­nu­to a pre­sen­ta­re una ta­le di­chia­ra­zio­ne an­che al­le au­to­ri­tà do­ga­na­li.

Art. 2339  

39 Abro­ga­to dal n. I dell’O del 4 lug. 2007, con ef­fet­to dal 1° set. 2007 (RU 2007 3875).

Sezione 7: Carburanti

Art. 24 Esigenze  

Per i car­bu­ran­ti val­go­no le esi­gen­ze dell’al­le­ga­to 5.

Art. 25 Dichiarazione  

Chi im­por­ta o of­fre car­bu­ran­ti a sco­po com­mer­cia­le de­ve for­ni­re all’ac­qui­ren­te o al con­su­ma­to­re una di­chia­ra­zio­ne sul­la qua­li­tà del car­bu­ran­te. All’im­por­ta­zio­ne è te­nu­to a pre­sen­ta­re una ta­le di­chia­ra­zio­ne an­che al­le au­to­ri­tà do­ga­na­li.

Art. 26 Impianti destinati alla benzina senza piombo per motori  

1 Gli im­pian­ti de­sti­na­ti al­la ben­zi­na sen­za piom­bo per mo­to­ri, co­me ser­ba­toi per il de­po­si­to e il tra­spor­to, vei­co­li ci­ster­na e pom­pe di di­stri­bu­zio­ne, de­vo­no es­se­re chia­ra­men­te con­tras­se­gna­ti con la scrit­ta «sen­za piom­bo».

2 Se per la ben­zi­na sen­za piom­bo vie­ne usa­to un im­pian­to che ave­va con­te­nu­to ben­zi­na con piom­bo, il ti­to­la­re de­ve dap­pri­ma pro­ce­de­re al­la pu­li­zia ap­pro­fon­di­ta dell’im­pian­to o, me­dian­te al­tre mi­su­re, prov­ve­de­re che non sia­no ri­ma­sti re­si­dui ec­ces­si­vi di piom­bo.

Sezione 8: Modalità per bruciare i rifiuti40

40Introdotta dal n. I dell’O del 20 nov. 1991, in vigore dal 1° feb. 1992 (RU 1992 124). Nuovo testo giusta il n. I dell’O del 15 dic. 1997, in vigore dal 1° mar. 1998 (RU 1998 223).

Art. 26a Incenerimento in impianti 41  

I ri­fiu­ti pos­so­no es­se­re bru­cia­ti o sot­to­po­sti a de­com­po­si­zio­ne ter­mi­ca sol­tan­to in im­pian­ti se­con­do l’al­le­ga­to 2 ci­fra 7; è fat­ta ec­ce­zio­ne per l’in­ce­ne­ri­men­to di ri­fiu­ti se­con­do l’al­le­ga­to 2 ci­fra 11.

41 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 4 lug. 2007, in vi­go­re dal 1° set. 2007 (RU 2007 3875).

Art. 26b Incenerimento al di fuori degli impianti 42  

1 I ri­fiu­ti na­tu­ra­li pro­ve­nien­ti da bo­schi, cam­pi, giar­di­ni e or­ti pos­so­no es­se­re bru­cia­ti al di fuo­ri de­gli im­pian­ti sol­tan­to se so­no sec­chi al pun­to ta­le da pro­dur­re po­co fu­mo.

2 L’au­to­ri­tà può au­to­riz­za­re nel sin­go­lo ca­so l’in­ce­ne­ri­men­to di ri­fiu­ti na­tu­ra­li non suf­fi­cien­te­men­te sec­chi pro­ve­nien­ti da bo­schi, cam­pi, giar­di­ni e or­ti se vi è un in­te­res­se pre­pon­de­ran­te e se non ven­go­no pro­dot­te im­mis­sio­ni ec­ces­si­ve.

3 In de­ter­mi­na­te re­gio­ni o de­ter­mi­na­ti pe­rio­di l’au­to­ri­tà può li­mi­ta­re o vie­ta­re l’in­ce­ne­ri­men­to di ri­fiu­ti pro­ve­nien­ti da bo­schi, cam­pi, giar­di­ni e or­ti al di fuo­ri de­gli im­pian­ti se so­no pre­ve­di­bi­li im­mis­sio­ni ec­ces­si­ve.

42 In­tro­dot­to dal n. I dell’O del 4 lug. 2007, in vi­go­re dal 1° set. 2007 (RU 2007 3875).

Capitolo 3: Immissioni

Sezione 1: Determinazione e valutazione

Art. 27 Determinazione delle immissioni  

1 I Can­to­ni sor­ve­glia­no lo sta­to e lo svi­lup­po dell’in­qui­na­men­to at­mo­sfe­ri­co sul lo­ro ter­ri­to­rio; de­ter­mi­na­no, in par­ti­co­la­re, l’en­ti­tà del­le im­mis­sio­ni.

2 A ta­le sco­po ese­guo­no ri­le­va­men­ti, mi­su­ra­zio­ni e cal­co­li di dif­fu­sio­ne. L’UFAM rac­co­man­da lo­ro pro­ce­di­men­ti ido­nei.

Art. 28 Previsione delle immissioni  

1 Pri­ma del­la co­stru­zio­ne o del ri­sa­na­men­to di un im­pian­to sta­zio­na­rio o di un’in­fra­strut­tu­ra per i tra­spor­ti, su­scet­ti­bi­li di pro­dur­re emis­sio­ni con­si­de­re­vo­li, l’au­to­ri­tà può esi­ge­re dal ti­to­la­re una pre­vi­sio­ne del­le im­mis­sio­ni.

2 La pre­vi­sio­ne de­ve in­di­ca­re le im­mis­sio­ni pre­su­mi­bi­li, la lo­ro en­ti­tà, la lo­ro fre­quen­za e le re­gio­ni col­pi­te.

3 Nel­la pre­vi­sio­ne de­vo­no es­se­re in­di­ca­ti la na­tu­ra e la quan­ti­tà del­le emis­sio­ni, le con­di­zio­ni di dif­fu­sio­ne e i me­to­di di cal­co­lo.

Art. 29 Sorveglianza di singoli impianti  

L’au­to­ri­tà può esi­ge­re dal ti­to­la­re dell’im­pian­to, dal qua­le pro­ven­go­no emis­sio­ni con­si­de­re­vo­li, che sor­ve­gli con ade­gua­ti me­to­di di mi­su­ra­zio­ne le im­mis­sio­ni nel­la zo­na col­pi­ta.

Art. 30 Valutazione delle immissioni  

L’au­to­ri­tà giu­di­ca se le im­mis­sio­ni mi­su­ra­te so­no ec­ces­si­ve (art. 2 cpv. 5).

Sezione 2: Provvedimenti contro le immissioni eccessive

Art. 31 Allestimento di un piano dei provvedimenti 43  

L’au­to­ri­tà al­le­sti­sce un pia­no dei prov­ve­di­men­ti giu­sta l’ar­ti­co­lo 44a del­la leg­ge se è ac­cer­ta­to o se c’è da aspet­tar­si che, no­no­stan­te le li­mi­ta­zio­ni pre­ven­ti­ve del­le emis­sio­ni, si pro­du­ca­no im­mis­sio­ni ec­ces­si­ve pro­vo­ca­te da:

a.
un’in­fra­strut­tu­ra per i tra­spor­ti;
b.
più im­pian­ti sta­zio­na­ri.

43 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 15 dic. 1997, in vi­go­re dal 1° mar. 1998 (RU 1998 223).

Art. 32 Contenuto del piano dei provvedimenti 44  

1 Il pia­no dei prov­ve­di­men­ti in­di­ca:

a.
le fon­ti del­le emis­sio­ni all’ori­gi­ne del­le im­mis­sio­ni ec­ces­si­ve;
b.
l’im­por­tan­za del­le emis­sio­ni del­le sin­go­le fon­ti in rap­por­to al ca­ri­co am­bien­ta­le to­ta­le;
c.
i prov­ve­di­men­ti per ri­dur­re ed eli­mi­na­re le im­mis­sio­ni ec­ces­si­ve;
d.
l’ef­fet­to dei sin­go­li prov­ve­di­men­ti;
e.
le ba­si le­ga­li esi­sten­ti o da ema­na­re in re­la­zio­ne ai sin­go­li prov­ve­di­men­ti;
f.
i ter­mi­ni en­tro i qua­li or­di­na­re ed ese­gui­re i prov­ve­di­men­ti;
g.
le au­to­ri­tà com­pe­ten­ti per l’ese­cu­zio­ne dei prov­ve­di­men­ti.

2 So­no prov­ve­di­men­ti ai sen­si del ca­po­ver­so 1 let­te­ra c:

a.
per gli im­pian­ti sta­zio­na­ri: ter­mi­ni di ri­sa­na­men­to più bre­vi op­pu­re li­mi­ta­zio­ni com­ple­ti­ve o più se­ve­re del­le emis­sio­ni;
b.
per le in­fra­strut­tu­re per i tra­spor­ti: prov­ve­di­men­ti ri­guar­dan­ti la co­stru­zio­ne, l’eser­ci­zio, la ge­stio­ne o la li­mi­ta­zio­ne del traf­fi­co.

44 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 15 dic. 1997, in vi­go­re dal 1° mar. 1998 (RU 1998 223).

Art. 33 Attuazione del piano dei provvedimenti 45  

1 Di re­go­la i prov­ve­di­men­ti in­di­ca­ti nel pia­no de­vo­no es­se­re at­tua­ti en­tro cin­que an­ni.

2 In pri­ma ur­gen­za l’au­to­ri­tà or­di­na i prov­ve­di­men­ti re­la­ti­vi agli im­pian­ti che pro­vo­ca­no più del 10 per cen­to del ca­ri­co am­bien­ta­le to­ta­le.

3 I Can­to­ni ve­ri­fi­ca­no re­go­lar­men­te l’ef­fi­ca­cia dei prov­ve­di­men­ti e, se ne­ces­sa­rio, adat­ta­no i pia­ni dei prov­ve­di­men­ti. Ne in­for­ma­no il pub­bli­co.

45 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 15 dic. 1997, in vi­go­re dal 1° mar. 1998 (RU 1998 223).

Art. 34 Proposte dei Cantoni  

1 Se il pia­no can­to­na­le pre­ve­de prov­ve­di­men­ti che so­no di com­pe­ten­za del­la Con­fe­de­ra­zio­ne, il Can­to­ne pre­sen­ta il pia­no al Con­si­glio fe­de­ra­le e gli sot­to­po­ne per­ti­nen­ti pro­po­ste.

2 Se il pia­no can­to­na­le pre­sup­po­ne la par­te­ci­pa­zio­ne di un al­tro Can­to­ne, l’au­to­ri­tà can­to­na­le glie­lo pre­sen­ta e gli sot­to­po­ne per­ti­nen­ti pro­po­ste. Il Con­si­glio fe­de­ra­le coor­di­na, se ne­ces­sa­rio, i pia­ni can­to­na­li.46

Capitolo 4: Disposizioni finali

Sezione 1: Esecuzione

Art. 35 Esecuzione da parte dei Cantoni  

Fat­to sal­vo l’ar­ti­co­lo 36, l’ese­cu­zio­ne del­la pre­sen­te or­di­nan­za in­com­be ai Can­to­ni.

Art. 36 Esecuzione da parte della Confederazione  

1 La Con­fe­de­ra­zio­ne ese­gue le pre­scri­zio­ni in ma­te­ria di:

a.47
sor­ve­glian­za del mer­ca­to del­le mac­chi­ne di can­tie­re, dei re­la­ti­vi si­ste­mi di fil­tro an­ti­par­ti­co­la­to, de­gli im­pian­ti a com­bu­stio­ne, non­ché del­le mac­chi­ne e ap­pa­rec­chi con mo­to­re a com­bu­stio­ne in­ter­na (art. 37);
b.48
con­trol­lo dei com­bu­sti­bi­li e dei car­bu­ran­ti al mo­men­to dell’im­por­ta­zio­ne e del­la mes­sa in com­mer­cio (art. 38).49

2 Nell’ap­pli­ca­re al­tre leg­gi fe­de­ra­li, ac­cor­di in­ter­na­zio­na­li o de­ci­sio­ni in­ter­na­zio­na­li con­cer­nen­ti pun­ti di­sci­pli­na­ti dal­la pre­sen­te or­di­nan­za, le au­to­ri­tà fe­de­ra­li ese­guo­no in tal am­bi­to an­che la pre­sen­te or­di­nan­za. La col­la­bo­ra­zio­ne dell’UFAM e dei Can­to­ni è ret­ta dall’ar­ti­co­lo 41 ca­po­ver­si 2 e 4 del­la leg­ge; so­no sal­ve le di­spo­si­zio­ni le­ga­li sull’ob­bli­go di tu­te­la del se­gre­to.50

3 Il Di­par­ti­men­to fe­de­ra­le dell’am­bien­te, dei tra­spor­ti, dell’ener­gia e del­le co­mu­ni­ca­zio­ni51 può ema­na­re di­spo­si­zio­ni ese­cu­ti­ve e com­ple­ti­ve, in par­ti­co­la­re su:

a.
i me­to­di di con­trol­lo, di mi­su­ra­zio­ne e di cal­co­lo;
b.
le pro­ve di omo­lo­ga­zio­ne;
c.
i ca­mi­ni.

4 La Con­fe­de­ra­zio­ne ese­gue i ri­le­va­men­ti sul­lo sta­to e l’evo­lu­zio­ne dell’in­qui­na­men­to at­mo­sfe­ri­co sull’in­sie­me del ter­ri­to­rio sviz­ze­ro (art. 39).52

47 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O dell’11 apr. 2018, in vi­go­re dal 1° giu. 2018 (RU 2018 1687).

48 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 14 ott. 2015, in vi­go­re dal 16 nov. 2015 (RU 2015 4171).

49 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 18 giu. 2010, in vi­go­re dal 15 lug. 2010 (RU 2010 2965).

50 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. II 13 dell’O del 2 feb. 2000 re­la­ti­va al­la LF sul coor­di­na­men­to e la sem­pli­fi­ca­zio­ne del­le pro­ce­du­re d’ap­pro­va­zio­ne dei pia­ni, in vi­go­re dal 1° mar. 2000 (RU 2000 703).

51 La de­si­gna­zio­ne dell’uni­tà am­mi­ni­stra­ti­va è sta­ta adat­ta­ta in ap­pli­ca­zio­ne dell’art. 16 cpv. 3 dell’O del 17 nov. 2004 sul­le pub­bli­ca­zio­ni (RU 2004 4937).

52 In­tro­dot­to dal n. I dell’O del 18 giu. 2010, in vi­go­re dal 15 giu. 2010 (RU 2010 2965).

Art. 37 Sorveglianza del mercato delle macchine di cantiere, dei relativi sistemi di filtri antiparticolato, degli impianti a combustione, nonché delle macchine e apparecchi con motore a combustione interna 5354  

1 L’UFAM con­trol­la il ri­spet­to del­le pre­scri­zio­ni re­la­ti­ve al­la mes­sa in com­mer­cio di mac­chi­ne di can­tie­re, dei re­la­ti­vi si­ste­mi di fil­tri an­ti­par­ti­co­la­to, de­gli im­pian­ti a com­bu­stio­ne, non­ché del­le mac­chi­ne e ap­pa­rec­chi con mo­to­re a com­bu­stio­ne in­ter­na. Con­trol­la in par­ti­co­la­re se:55

a.
i da­ti ri­por­ta­ti nel­la di­chia­ra­zio­ne di con­for­mi­tà so­no esat­ti; o
b.56
i mo­to­ri a com­bu­stio­ne in­ter­na del­le mac­chi­ne e de­gli ap­pa­rec­chi mu­ni­ti di un mar­chio di omo­lo­ga­zio­ne cor­ri­spon­do­no al mo­to­re o al­la fa­mi­glia di mo­to­ri omo­lo­ga­ti.

2 Può af­fi­da­re com­pi­ti di con­trol­lo a en­ti di di­rit­to pub­bli­co e a or­ga­niz­za­zio­ni set­to­ria­li di di­rit­to pri­va­to.

3 Se gli im­pian­ti con­trol­la­ti non so­no con­for­mi al­le esi­gen­ze, l’UFAM or­di­na i ne­ces­sa­ri prov­ve­di­men­ti. In ca­si gra­vi, può vie­ta­re l’ul­te­rio­re of­fer­ta e mes­sa in com­mer­cio de­gli im­pian­ti o esi­ge­re l’ade­gua­men­to di quel­li già in com­mer­cio.

53 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 18 giu. 2010, in vi­go­re dal 15 lug. 2010 (RU 2010 2965).

54 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O dell’11 apr. 2018, in vi­go­re dal 1° giu. 2018 (RU 2018 1687).

55 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O dell’11 apr. 2018, in vi­go­re dal 1° giu. 2018 (RU 2018 1687).

56 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O dell’11 apr. 2018, in vi­go­re dal 1° giu. 2018 (RU 2018 1687).

Art. 38 Combustibili e carburanti  

1 Le au­to­ri­tà do­ga­na­li pre­le­va­no cam­pio­ni di com­bu­sti­bi­li e di car­bu­ran­ti im­por­ta­ti o for­ni­ti da raf­fi­ne­rie na­zio­na­li. Tra­smet­to­no ta­li cam­pio­ni a un la­bo­ra­to­rio de­si­gna­to dall’UFAM op­pu­re li ana­liz­za­no es­se stes­se.57

2 Le au­to­ri­tà do­ga­na­li o il la­bo­ra­to­rio co­mu­ni­ca­no i ri­sul­ta­ti del­le ana­li­si all’UFAM.58

3 L’UFAM ef­fet­tua con­trol­li a cam­pio­ne per ve­ri­fi­ca­re se le di­spo­si­zio­ni sul­la mes­sa in com­mer­cio di com­bu­sti­bi­li e car­bu­ran­ti so­no ri­spet­ta­te.59

4 Se con­sta­ta che un im­por­ta­to­re o un com­mer­cian­te im­por­ta ri­spet­ti­va­men­te met­te in com­mer­cio a più ri­pre­se com­bu­sti­bi­li o car­bu­ran­ti che non sod­di­sfa­no le esi­gen­ze di qua­li­tà di cui all’al­le­ga­to 5, l’UFAM no­ti­fi­ca il fat­to all’au­to­ri­tà can­to­na­le com­pe­ten­te per l’azio­ne pe­na­le ed even­tual­men­te al­le au­to­ri­tà do­ga­na­li.60

57 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 23 giu. 2004, in vi­go­re dal 1° gen. 2005 (RU 2004 3561).

58 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 23 giu. 2004, in vi­go­re dal 1° gen. 2005 (RU 2004 3561).

59 Nuo­vo te­sto giu­sta il n. I dell’O del 14 ott. 2015, in vi­go­re dal 16 nov. 2015 (RU 2015 4171).

60 In­tro­dot­to dal n. I dell’O del 14 ott. 2015, in vi­go­re dal 16 nov. 2015 (RU 2015 4171).

Art. 39 Rilevamenti sull’inquinamento atmosferico  

1 L’UFAM ese­gue i ri­le­va­men­ti sul­lo sta­to e sul­lo svi­lup­po dell’in­qui­na­men­to at­mo­sfe­ri­co sull’in­sie­me del ter­ri­to­rio sviz­ze­ro.

2 Il la­bo­ra­to­rio fe­de­ra­le di pro­va dei ma­te­ria­li e di ri­cer­ca a Dü­ben­dorf ge­sti­sce, per in­ca­ri­co dell’UFAM, la Re­te na­zio­na­le d’os­ser­va­zio­ne de­gli in­qui­nan­ti at­mo­sfe­ri­ci (NA­BEL).

Art. 39a Geoinformazione 61  

L’UFAM sta­bi­li­sce i mo­del­li di geo­da­ti e i mo­del­li di rap­pre­sen­ta­zio­ne mi­ni­mi per i geo­da­ti di ba­se ai sen­si del­la pre­sen­te or­di­nan­za per i qua­li è de­si­gna­to qua­le ser­vi­zio spe­cia­liz­za­to del­la Con­fe­de­ra­zio­ne nell’al­le­ga­to 1 dell’or­di­nan­za del 21 mag­gio 200862 sul­la geoin­for­ma­zio­ne.

61 In­tro­dot­to dall’all. 2 n. 8 dell’O del 21 mag. 2008 sul­la geoin­for­ma­zio­ne, in vi­go­re dal 1° lug. 2008 (RU 20082809).

62 RS 510.620

Sezione 2: Modificazione e abrogazione del diritto vigente

Art. 4063  

63 Abro­ga­to dal n. IV 30 dell’O del 22 ago. 2007 con­cer­nen­te l’ag­gior­na­men­to for­ma­le del di­rit­to fe­de­ra­le, con ef­fet­to dal 1° gen. 2008 (RU 2007 4477).

Art. 41 Abrogazione del diritto vigente  

L’or­di­nan­za del 10 di­cem­bre 198464 sul­la lot­ta con­tro l’in­qui­na­men­to at­mo­sfe­ri­co do­vu­to ai ri­scal­da­men­ti è abro­ga­ta.

Sezione 3: Disposizione transitoria

Art. 42  

1 Gli im­pian­ti per i qua­li è ne­ces­sa­ria l’au­to­riz­za­zio­ne di co­stru­zio­ne o l’ap­pro­va­zio­ne dei pia­ni so­no con­si­de­ra­ti nuo­vi se, al mo­men­to dell’en­tra­ta in vi­go­re del­la pre­sen­te or­di­nan­za, nes­su­na de­ci­sio­ne aven­te au­to­ri­tà di co­sa giu­di­ca­ta è sta­ta pre­sa in me­ri­to all’au­to­riz­za­zio­ne di co­stru­zio­ne o all’ap­pro­va­zio­ne dei pia­ni.

2 L’au­to­ri­tà ema­na le de­ci­sio­ni di ri­sa­na­men­to ai sen­si de­gli ar­ti­co­li 8 e 9 en­tro 2 an­ni dall’en­tra­ta in vi­go­re del­la pre­sen­te or­di­nan­za, se pos­si­bi­le per tut­ti gli im­pian­ti, in ogni ca­so pe­rò per i ca­si più ur­gen­ti.

3 I pia­ni dei prov­ve­di­men­ti ai sen­si dell’ar­ti­co­lo 31 con­cer­nen­ti im­mis­sio­ni ec­ces­si­ve già in at­to de­vo­no es­se­re al­le­sti­ti en­tro 3 an­ni dall’en­tra­ta in vi­go­re del­la pre­sen­te or­di­nan­za.

Sezione 3a: Limitazione del periodo di validità delle disposizioni sulla messa in commercio e la messa in servizio degli impianti a combustione65

65 Introdotta dal n. I dell’O dell’11 apr. 2018, in vigore dal 1° giu. 2018 (RU 2018 1687).

Art. 42a  

1 La va­li­di­tà del­le di­spo­si­zio­ni sul­la mes­sa in com­mer­cio de­gli im­pian­ti a com­bu­stio­ne è li­mi­ta­ta co­me se­gue:

a.
im­pian­ti a com­bu­stio­ne di cui all’ar­ti­co­lo 20 ca­po­ver­so 1 let­te­re a–g: al 25 set­tem­bre 2018;
b.
im­pian­ti a com­bu­stio­ne di cui all’ar­ti­co­lo 20 ca­po­ver­so 1 let­te­ra h: al 31 di­cem­bre 2019.

2 La du­ra­ta del­le di­spo­si­zio­ni sul­la mes­sa in ser­vi­zio de­gli im­pian­ti a com­bu­stio­ne di cui all’ar­ti­co­lo 20d è li­mi­ta­ta al 31 di­cem­bre 2021.

Sezione 4: Entrata in vigore

Art. 43  

La pre­sen­te or­di­nan­za en­tra in vi­go­re il 1° mar­zo 1986.

Disposizioni transitorie della modifica del 20 novembre 1991 66

66RU 1992 124. Abrogate dal n. IV 30 dell’O del 22 ago. 2007 concernente l’aggiornamento formale del diritto federale, con effetto dal 1° gen. 2008 (RU 2007 4477).

Disposizioni transitorie della modifica del 15 dicembre 1997 67

67 RU 1998 223. Abrogate dal n. IV 30 dell’O del 22 ago. 2007 concernente l’aggiornamento formale del diritto federale, con effetto dal 1° gen. 2008 (RU 2007 4477).

Disposizioni transitorie della modifica del 25 agosto 1999 68

68 RU 1999 2498. Abrogate dal n. IV 30 dell’O del 22 ago. 2007 concernente l’aggiornamento formale del diritto federale, con effetto dal 1° gen. 2008 (RU 2007 4477).

Disposizioni finali della modifica del 30 aprile 2003 69

1 Gli impianti per i quali è necessario un permesso di costruzione o un’approvazione dei piani, e per i quali non è stata ancora presa una decisione giuridicamente vincolante al momento dell’entrata in vigore della presente modifica devono adempiere le condizioni del nuovo diritto.

2 In deroga all’articolo 10, l’autorità accorda un termine per il risanamento da cinque a dieci anni per gli impianti da risanare dopo il 1° luglio 2003, ma che soddisfano già i limiti preventivi delle emissioni ai sensi delle disposizioni vigenti dell’ordi­nanza, Sono fatte salve le disposizioni dell’articolo 10 capoverso 2 lette­re a e c.

Disposizioni transitorie della modifica del 23 giugno 2004 70

1 Per gli impianti che in virtù della modifica del 23 giugno 2004 devono essere risanati, ma che adempiono già alle limitazioni preventive delle emissioni previste dalle disposizioni anteriori, l’autorità concede, in deroga all’articolo 10, un termine di risanamento da sei a dieci anni. Sono fatte salve le disposizioni dell’articolo 10 capoverso 2 lette­re a e c.

271

3 La benzina per motori e l’olio diesel che soddisfano le esigenze anteriori dell’al­legato 5 della presente ordinanza72 possono essere messi in commercio a partire dalle scorte ammesse, dalle scorte obbligatorie o dalle scorte di proprietà dell’eser­cito sino al 31 dicembre 2008.

Disposizioni transitorie della modifica del 4 luglio 2007 73

1Per gli impianti che conformemente alla modifica del 4 luglio 2007 devono essere risanati, ma che adempiono già le limitazioni preventive delle emissioni previste dalle disposizioni anteriori, l’autorità concede, in deroga all’articolo 10, un termine di risanamento da cinque a dieci anni. Per gli impianti a combustione alimentati con legna concede un termine di risanamento di dieci anni; sono fatte salve le disposizioni dell’articolo 10 capoverso 2 lettere a e c.

2 Gli impianti a combustione di cui all’articolo 20 capoverso 1 lettera h possono essere messi in commercio senza prova di conformità fino al 31 dicembre 2007.

3 Gli impianti a combustione alimentati con legna possono continuare a essere messi in commercio senza prova di conformità fino al 31 dicembre 2009 purché soddisfino le esigenze di cui all’allegato 4. Tali esigenze sono considerate soddisfatte, se agli impianti in questione è stato conferito il marchio di qualità di Energia legno Svizzera per impianti a combustione alimentati con legna dopo il 31 dicembre 2003.

Disposizioni transitorie della modifica del 19 settembre 2008 74

1 Le esigenze di cui all’allegato 4 numero 3 valgono per le macchine di cantiere con una potenza pari o superiore a 37 kW:

a.
fabbricate tra il 2000 e il 2008: a partire dal 1° maggio 2010 se sono impiegate in cantieri appartenenti al gruppo di provvedimenti A della direttiva del 1° settembre 2002 dell’Ufficio federale dell’ambiente sulla Protezione dell’aria sui cantieri edili;
b.
fabbricate prima del 2000: a partire dal 1° maggio 2015.

2 Le esigenze di cui all’allegato 4 numero 3 valgono per le macchine di cantiere con una potenza compresa tra 18 e 37 kW fabbricate a partire dal 2010.

3 Per i sistemi di filtro antiparticolato che al momento dell’entrata in vigore della presente modifica sono pubblicati nell’elenco dei filtri UFAM/SUVA, le esigenze di cui all’allegato 4 numero 32 si considerano soddisfatte.

4 L’olio da riscaldamento «extra leggero» che soddisfa le esigenze di cui all’alle­gato 5 può essere messo in commercio a partire dalle scorte ammesse, dalle scorte obbligatorie o dalle scorte di proprietà dell’esercito sino al 31 dicembre 2011.

Disposizioni transitorie della modifica del 18 giugno 2010 75

75 RU 2010 2965. Abrogate dal n. IV dell’O dell’11 apr. 2018, con effetto dal 1° giu. 2018 (RU 2018 1687).

Disposizioni transitorie concernenti la modifica del 14 ottobre 2015 76

Per motori a combustione stazionari e turbine a gas, che secondo la modifica del 14 ottobre 2015 devono essere risanati, ma che soddisfano già le limitazioni preventive delle emissioni stabilite nelle disposizioni precedenti, l’autorità concede, in deroga all’articolo 10, termini di risanamento dai sei ai dieci anni. Sono fatte salve le disposizioni dell’articolo 10 capoverso 2 lettere a e c.

Disposizioni transitorie della modifica dell’11 aprile 2018 77

1 Per gli impianti che in virtù della modifica dell’11 aprile 2018 devono essere risanati, ma che soddisfano già le limitazioni preventive delle emissioni stabilite dalle disposizioni vigenti, l’autorità concede, in deroga all’articolo 10, un termine di risanamento di dieci anni; sono fatte salve le disposizioni dell’articolo 10 capoverso 2 lettere a e c.

2 L’olio da riscaldamento «extra leggero Euro» può essere impiegato fino al 31 mag­gio 2023 negli impianti o nelle unità d’esercizio che, se alimentati con tali combustibili, sviluppano una potenza termica inferiore a 5 MW.

3 I valori limite d’emissione per particelle solide di cui all’allegato 3 cifre 511 capoverso 1 e 522 capoverso 1 per impianti a combustione con una potenza termica pari o inferiore a 70 kW sono validi a partire dal 1° giugno 2019.

Allegato 1 78

78Aggiornato dai n. II delle O del 20 nov. 1991 (RU 1992 124), del 15 dic. 1997 (RU 1998 223), del 23 giu. 2004 (RU 2004 3561), dal n. II 10 dell’O del 18 mag. 2005 sull’abrogazione e la modifica di ordinanze in relazione con l’entrata in vigore della legge sui prodotti chimici (RU 2005 2695), dai n. II delle O del 4 lug. 2007 (RU 2007 3875) e del 14 ott. 2015, in vigore dal 16 nov. 2015 (RU 2015 4171).

(art. 3 cpv. 1)

Limitazione preventiva generale delle emissioni

1 Campo d’applicazione

1 Le disposizioni del presente allegato valgono per la limitazione preventiva delle emissioni di impianti stazionari.

2 Restano salve le disposizioni completive o derogatorie:

a.
per gli impianti speciali secondo l’allegato 2;
b.
per gli impianti a combustione secondo l’allegato 3;
c.
per la prova di omologazione degli impianti a combustione secondo l’alle­gato 4.

2 Definizioni

21 Gas di scarico

L’aria di scarico, i gas di combustione e gli altri inquinanti atmosferici emessi da impianti sono designati gas di scarico.

22 Emissioni

L’entità delle emissioni è espressa in:

a.
concentrazione:
massa di sostanza emessa rapportata al volume del gas di scarico (p. es.: in milligrammi per metro cubo [mg/m3]);
b.
flusso di massa:
massa di sostanza emessa per unità di tempo (p. es.: in grammi all’ora [g/h]);
c.
fattore d’emissione:
rapporto fra la massa di sostanza emessa e la massa del prodotto elaborato o fabbricato (p. es.: in chilogrammi per tonnellata [kg/t]);
d.
tasso d’emissione:
rapporto fra la massa emessa di un inquinante atmosferico e la massa di detto inquinante introdotta nell’impianto insieme al combustibile e alla sostanza di carica (p. es.: in per cento [% massa]);
e.
indice di fuliggine:
grado di annerimento di un filtro di carta prodotto dai gas di scarico. La scala di paragone da usare per la determinazione dell’indice di fuliggine (secondo Bacharach) comporta 10 gradi designati con le cifre 0 a 9.

23 Grandezza di riferimento per le concentrazioni d’emissione

1 I valori limite espressi in concentrazioni e i tenori in ossigeno espressi in gran­dezze di riferimento si riferiscono al volume del gas di scarico rapportato alle con­dizioni standard (0 °C, 1013 mbar) dopo eliminazione dell’umidità (secco).

2 I valori limite espressi in concentrazioni delle emissioni si riferiscono alla quantità di gas di scarico non diluito più di quanto sia inevitabile dal punto di vista tecnico e dell’esercizio.

3 Se per un impianto descritto negli allegati 2 a 4 è indicato come grandezza di rife­rimento il contenuto volumetrico di ossigeno, le concentrazioni d’emissione misura­te devono essere convertite in tale grandezza.

24 Potenza termica

La potenza termica indica l’energia termica massima che può essere fornita ad un impianto per unità di tempo. Viene calcolata moltiplicando il consumo di combustibile dell’impianto per il potere calorifico inferiore del combustibile.

3 Disposizioni generali

31 Limitazione delle emissioni

1 In materia di emissioni valgono le seguenti limitazioni:

a.
per la polvere: secondo la cifra 4;
b.
per le sostanze inorganiche che si presentano prevalentemente sotto forma di polvere: secondo la cifra 5;
c.
per le sostanze inorganiche che si presentano sotto forma di gas o di vapore: secondo la cifra 6;
d.
per le sostanze organiche che si presentano sotto forma di gas, vapore o parti­colato: secondo la cifra 7;
e.
per le sostanze cancerogene: secondo la cifra 8.

2 Le sostanze che non figurano nelle cifre 5 a 8 vengono assegnate alla categoria di sostanze con la quale hanno più somiglianze sotto il profilo dell’impatto sull’am­biente. Allo scopo si terrà particolarmente conto della capacità di dette sostanze a degradarsi o ad accumularsi, della loro tossicità, degli effetti dei processi di degra­dazione o dei prodotti secondari nonché dell’intensità degli odori.

32 Limitazione delle emissioni in funzione delle caratteristiche tecniche dell’impianto

1 Se ci sono più fonti d’emissione e se le esigenze in fatto di limitazione delle emis­sioni dipendono dalle caratteristiche tecniche dell’impianto (p. es.: potenza o flusso di massa), l’autorità stabilisce quali fonti d’emissione costituiscono insieme un unico impianto.

2 Di regola, sono considerate un unico impianto le fonti d’emissione riunite in uno spazio ristretto e le cui emissioni:

a.
contengono essenzialmente le stesse o simili sostanze nocive, o
b.
possono essere ridotte con lo stesso procedimento tecnico.

3 Nella determinazione delle caratteristiche tecniche dell’impianto non si tiene conto delle parti che entrano in funzione esclusivamente in caso di guasto.

4 I valori limite d’emissione, fissati in funzione di un determinato flusso di massa, sono validi solo se:

a.
detto flusso di massa è raggiunto o superato durante più di 5 ore alla set­ti­mana, o
b.
durante un tempo più breve viene raggiunto o superato il doppio di detto flusso di massa.

4 Polvere

41 Valore limite per la polvere totale

Se il flusso di massa della polvere è pari o superiore a 0,20 kg/h, le emissioni totali sotto forma di polvere non devono superare 20 mg/m3.

42 Limitazione delle emissioni per le sostanze contenute nella polvere

Per la limitazione delle singole sostanze contenute nella polvere valgono le esigenze secondo le cifre 5, 7 e 8.

43 Misure applicabili a operazioni di trattamento, d’immagazzinamento, di trasbordo e di trasporto

1 Se aziende industriali o artigianali effettuano operazioni come trasporto su nastro, frantumazione, classificazione o riempimento di prodotti suscettibili di produrre polvere e provocano emissioni di polvere considerevoli, i gas di scarico polverosi devono essere ricuperati e convogliati in un impianto per la captazione della pol­­vere.

2 In caso di immagazzinamento e di trasbordo all’aperto di prodotti suscettibili di produrre polvere si devono prendere provvedimenti per impedire emissioni conside­revoli di polvere.

3 In caso di trasporto di prodotti suscettibili di produrre polvere si devono usare dispositivi di trasporto che impediscano l’insorgere di emissioni considerevoli di pol­vere.

4 Se la circolazione sull’area industriale provoca emissioni considerevoli di polvere, le strade devono essere mantenute esenti da polvere.

5 Sostanze inorganiche che si presentano prevalentemente sotto forma di polvere

51 Valori limite

1 La concentrazione d’emissione di sostanze secondo la cifra 52 non deve superare i valori seguenti:

a.
sostanze della classe 1
con flusso di massa pari o superiore a 1 g/h
0,2 mg/m3
b.
sostanze della classe 2
con flusso di massa pari o superiore a 5 g/h
1 mg/m3
c.
sostanze della classe 3
con flusso di massa pari o superiore a 25 g/h
5 mg/m3

2 I valori limite valgono per la massa totale di una sostanza emessa, compresa la quantità nel gas di scarico sotto forma di gas e di vapore.

3 Se il gas di scarico contiene più sostanze della stessa classe, il valore limite vale per la somma di dette sostanze.

52 Tabella delle sostanze inorganiche che si presentano prevalentemente sotto forma di polvere

Sostanza

Indicata come

Classe

Antimonioa

e i suoi composti

Sb

3

Arsenicob

e i suoi composti tranne l’arsina

As

2

Cianurib

CN

3

Cobaltoa

e i suoi composti

Co

2

Cromoa

e i suoi composti

Cr

3

Fluorurib

se in polvere

F

3

Manganese

e i suoi composti

Mn

3

Mercurio

e i suoi composti

Hg

l

Nichela

e i suoi composti

Ni

2

Palladio

e i suoi composti

Pd

3

Piombo

e i suoi composti

Pb

3

Platino

e i suoi composti

Pt

3

Quarzo in polvere

se sotto forma di polvere cristallina

SiO2

3

Rame

e i suoi composti

Cu

3

Rodio

e i suoi composti

Rh

3

Selenio

e i suoi composti

Se

2

Stagno

e i suoi composti

Sn

3

Tallio

e i suoi composti

Tl

1

Tellurio

e i suoi composti

Te

2

Vanadio

e i suoi composti

V

3

a
Se non figura come composto cancerogeno alla cifra 8.
b
Se è facilmente solubile.

6 Sostanze inorganiche che si presentano sotto forma di gas o di vapore

61 Valori limite

La concentrazione d’emissione di sostanze secondo la cifra 62 non deve superare i valori seguenti:

a.
sostanze della classe 1
con flusso di massa pari o superiore a 10 g/h
1 mg/m3
b.
sostanze della classe 2
con flusso di massa pari o superiore a 50 g/h
5 mg/m3
c.
sostanze della classe 3
con flusso di massa pari o superiore a 300 g/h
30 mg/m3
d.
sostanze della classe 4
con flusso di massa pari o superiore a 2500 g/h
250 mg/m3

62 Tabella delle sostanze inorganiche che si presentano sotto forma di gas o di vapore

Sostanza

Classe

Acido cianidrico

2

Ammoniaca e suoi composti, indicati come ammoniaca

3

Arsina

1

Bromo e suoi composti sotto forma di gas o vapore, indicati come acido bromidrico

2

Cloro

2

Clorocianuro

1

Composti a base di cloro, composti inorganici a base di cloro sotto forma di gas o vapore, tranne clorocianuro e fosgene, indicati come acido cloridrico

3

Fluoro e i suoi composti sotto forma di gas o vapore, indicati come acido fluoridrico

2

Fosfina

1

Fosgene

1

Idrogeno solforato

2

Ossidi d’azoto (monossido e diossido) indicati come diossido d’azoto

4

Ossidi di zolfo (diossido e triossido) indicati come anidride solforosa

4

7 Sostanze organiche che si presentano sotto forma di gas, vapore o particolato

71 Valori limite

1 La concentrazione d’emissione di sostanze secondo la cifra 72 non deve superare i valori seguenti:

a.
sostanze della classe 1
con flusso di massa pari o superiore a 0,1 kg/h
20 mg/m3
b.
sostanze della classe 2
con flusso di massa pari o superiore a 2,0 kg/h
100 mg/m3
c.
sostanze della classe 3
con flusso di massa pari o superiore a 3,0 kg/h
150 mg/m3

2 In deroga al capoverso 1, per le sostanze organiche delle classi 2 e 3, che si pre­sen­tano sotto forma di particolato, valgono le prescrizioni in materia di limita­zione della polvere secondo la cifra 41.

3 Se il gas di scarico contiene più sostanze della stessa classe, il valore limite vale per la somma di dette sostanze.

4 Se il gas di scarico contiene sostanze di diverse classi, non solo devono essere rispettate le esigenze secondo i capoversi 1 e 2, ma, se il flusso di massa totale è pari o superiore a 3,0 kg/h, la somma di dette sostanze non deve superare il valore limite di 150 mg/m3.

5 Per le sostanze per le quali esiste il sospetto fondato di un effetto cancerogeno79, ma che nella tabella della cifra 72 non figurano come appartenenti alla classe 1, le emissioni devono essere limitate secondo il capoverso 1 lettera a.

6 Per le sostanze che, secondo l’allegato 1.4 dell’ordinanza del 18 maggio 200580 sulla riduzione dei rischi inerenti ai prodotti chimici, riducono lo strato di ozono e che nella tabella della cifra 72 non figurano come appartenenti alla classe 1, le emissioni devono essere limitate secondo il capoverso 1 lettera a. Restano salve le disposizioni della ci­fra 8.

79 Sono segnatamente considerate sostanze per le quali esiste il sospetto fondato di un effetto cancerogeno le sostanze che figurano nella sezione III (krebserregende Arbeitsstoffe) nelle categorie da 3 a 5 della lista «MAK- und BAT-Werte-Liste» della Deutsche Forschungsgemeinschaft. Fonte: Wiley-VCH Verlag GmbH, D-69469 Weinheim.

80 RS 814.81

72 Tabella delle sostanze organiche che si presentano sotto forma di gas, vapore o particolato

Sostanza

Formula chimica

Classe

Acetaldeide

C2H4O

1

Acetone

C3H6O

3

Acido acetico

C2H4O2

2

Acido acrilico

C3H4O2

1

Acido cloroacetico

C2H3ClO2

1

Acido formico

CH2O2

1

Acido propionico

C3H6O2

2

Acroleina (v. 2-propenal)

Alcani, tranne metano

3

Alcheni, tranne 1,3-butadiene

3

Alcool furfurilico

C5H6O6

2

Alcooli alchilici

3

Aldeide butirrica

C4H8O

2

Aldeide propionica

C3H6O

2

Aloni, fluorocarburi bromati, completamente alogenati, con fino a 3 atomi di C

1

Anidride maleinica

C4H2O3

1

Anilina

C6H7N

1

Bifenile

C12H10

1

Bromuro di metano

CH3Br

1

Butilacetati

C6H12O2

3

2-butanone

C4H8O

3

2-butossietanolo

C6H14O2

2

CFC, clorofluorocarburi, completamente alogenati, con fino a 3 atomi di C

1

Cicloesanone

C6H10O

1

Cloroacetaldeide

C2H3ClO

1

Clorobenzolo

C6H5Cl

2

Cloroetano

C2H5Cl

1

Cloroformio (v. triclorometano)

Clorometano

CH3Cl

1

2-cloroprene

2-cloropropano

C3H7Cl

2

Cloruro di metilene (v. diclorometano)

Composti alchilici di piombo

1

Cresoli

C7H8O

1

Cumolo (v. isopropilbenzolo)

Di-(2-etilesil)-ftalato

C24H38O4

2

Diacetonalcool (v. 4-idrossi-4-metil-2-pentanone)

Dibutiletere

C8H18O

3

1,2-diclorobenzolo

C6H4Cl2

1

1,1-dicloroetano

C2H4Cl2

2

1,1-dicloroetilene

C2H2Cl2

1

1,2-dicloroetilene

C2H2Cl2

3

Diclorofenolo

C6H4Cl2O

1

Diclorometano

CH2Cl2

1

Dietanolammina (v. 2,2’-imminodietanolo)

C4H11NO2

2

Dietilammina

C4H11N

1

Dietiletere

C4H10O

3

Difenile (v. bifenile)

Diisobutilchetone (v. 2,6-dimetileptano-4-one)

Diisocianatotoluolo (v. 4-metil-m-fenilendiisocianato)

Diisopropiletere

C6H14O

3

Dimetilammina

C2H7N

1

2,6-dimetileptano-4-one

C9H18O

2

Dimetiletere

C2H6O

3

N,N-dimetilformammide

C3H7NO

2

1,4-diossano

C4H8O2

1

Diottilftalato (v. di-(2-etilesil)-ftalato)

Estere butilico dell’acido acetico (v. butilacetato)

Estere di-(2-etilesil) dell’acido ftalico (v. di-(2-etilesil)-ftalato)

Estere diottilico dell’acido ftalico (v. di-(2-etilesil)-ftalato)

Estere etilico dell’acido acetico (v. etilacetato)

Estere etilico dell’acido acrilico (v. etilacrilato)

Estere metilico dell’acido acetico (v. metilacetato)

Estere metilico dell’acido acrilico (v. metilacrilato)

Estere metilico dell’acido benzoico (v. Metilbenzoato)

Estere metilico dell’acido metacrilico (v. metilmeta-crilato)

Estere vinilico dell’acido acetico (v. vinilacetato)

Etanolo (v. alcooli alchilici)

Etere (v. dietiletere)

Etere monobutilico del glicole etilenico (v. 2-butossietano­lo)

Etere monoetilico del glicole etilenico (v. 2-etossietanolo)

Etere monometilico del glicole etilenico (v. 2-metossieta­nolo)

Etilacetato

C4H8O2

3

Etilacrilato

C5H8O2

1

Etilammina

C2H7N

1

Etilbenzolo

C8H10

1

Etilcloruro (v. cloroetano)

Etilene

C2H4

1

Etilglicolo (v. 2-etossietanolo)

Etilmetilchetone (v. 2-butanone)

2-etossietanolo

C4H10O2

2

Fenolo

C6H6O

1

Formaldeide

CH2O

1

2-furaldeide

C5H4O2

1

Furfurale, furfurolo, 2-furilmetanale (v. 2-furaldeide)

furfurilalcol

C5H6O2

2

Glicole (v. glicole etilenico)

Glicole butilico (v. 2-butossietanolo)

Glicole etilenico

C2H6O2

3

Glicole etilico (v. 2-etossietanolo)

Glicole metilico (v. 2-metossietanolo)

HBFC, fluorocarburi bromati, parzialmente alogenati, con fino a 3 atomi di C

1

HCFC, clorofluorocarburi, parzialmente alogenati, con fino a 3 atomi di C

1

Idrocarburi etilenici, tranne 1,3-butadiene

3

Idrocarburi paraffinici, tranne metano

3

4-idrossi-4-metil-2-pentanone

C6H12O2

3

2,2’-imminodietanolo

C4H11NO2

1

Isobutilmetilchetone (v. 4-metil-2-pentanone)

Isopropenilbenzolo

C9H10

2

Isopropilbenzolo

C9H12

2

Mercaptani (v. tioalcooli)

MetanoIo (v. alcooli alchilici)

Metilacetato

C3H6O2

2

Metilacrilato

C4H6O2

1

Metilammina

CH5N

1

Metilbenzoato

C8H8O2

3

Metilcicloesanone

C7H12O

2

Metilcloroformio (v. 1,1,1-tricloroetano)

Metilcloruro (v. clorometano)

Metilencloruro (v. diclorometano)

Metiletilchetone (v. 2-butanone)

Metilformiato

C2H4O2

2

Metilglicolo (v. 2-metossietanolo)

Metilisobutilchetone (v. 4-metil-2-pentanone)

Metilmetacrilato

C5H8O2

2

4-metil-2-pentanone

C6H12O

3

4-metil-m-fenilendiisocianato

C9H6N2O2

1

N-metilpirrolidone

C5H9NO

3

2-metossietanolo

C3H8O2

2

Naftalina

C10H8

1

Nitrobenzolo

C6H5NO2

1

Nitrocresolo

C7H7NO3

1

Nitrofenolo

C6H5NO3

1

Nitrotoluoli, tranne 2-nitrotoluolo

C7H7NO2

l

Olefine (v. alcheni)

Paraffine (v. alcani)

Percloroetilene (v. tetracloroetilene)

Pinene

C10H16

3

Piridina

C5H5N

1

Polvere di legno, sotto forma respirabile (tranne polvere di faggio e di quercia)

l

2-propenal

C3H4O

l

Solfuro di carbonio

CS2

2

Stirolo

C8H8

2

1,1,2,2-tetracloroetano

C2H2Cl4

1

Tetracloroetilene

C2Cl4

l

Tetraclorometano

CCl4

l

Tetracloruro di carbonio (v. tetraclorometano)

Tetraidrofurano

C4H8O

1

Tioalcooli

1

Tioeteri

1

Toluilene-2,4-diisocianato (v. 4-metil-m-fenilendiisociana­to)

Toluolo

C7H8

2

1,1,1-tricloroetano

C2H3Cl3

1

1,1,2-tricloroetano

C2H3Cl3

1

Triclorofenolo

C6H3OCl3

1

Triclorometano

CHCl3

1

Trietilammina

C6H15N

1

Trimetilbenzolo

C9H12

2

Vinilacetato

C4H6O2

1

Xilenoli, tranne 2,4-xilenolo

C8H10O

1

2,4-xilenolo

C8H10O

2

Xilolo

C8H10

2

8 Sostanze cancerogene

81 Definizione

Sono considerate cancerogene le sostanze designate come tali (K) nell’Elenco dei valori limite d’esposizione sui posti di lavoro81 dell’Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni (INSAI).

81Fonte: Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni INSAI, Casella postale, 6002 Lucerna.

82 Limitazione delle emissioni

1 Le emissioni di sostanze cancerogene, indipendentemente dal rischio del carico cancerogeno da esse provocato, devono essere limitate nella maggior misura possibile dal punto di vista tecnico e dell’esercizio e sopportabile sotto il profilo economico.

2 La emissioni di sostanze cancerogene secondo la cifra 83 devono essere limitate almeno in modo tale che le concentrazioni d’emissione non superino i valori seguenti:

a.
sostanze della classe 1
con flusso di massa pari o superiore a 0,5 g/h
0,1 mg/m3
b.
sostanze della classe 2
con flusso di massa pari o superiore a 5 g/h
1 mg/m3
c.
sostanze della classe 3
con flusso di massa pari o superiore a 25 g/h
5 mg/m3

3 Se il gas di scarico contiene più sostanze della stessa classe, il valore limite secondo il capoverso 2 vale per la somma di dette sostanze.

83 Tabella delle sostanze cancerogene

Sostanza

Formula chimica

Classe

Acrilnitrile

C3H4N

3

Triossido d’antimonio (in forma respirabile), indicato come Sb

Sb

2

Amianto (crisotilo, crocidolite, amosite, antofillite, actinolite, tremolite) in polvere fine

1

Benzo(a)pirene

C20N12

1

Benzolo

C6H6

3

Berillio e i suoi composti in forma respirabile, indicati come Be

Be

1

Bromuro d’etano

C2H7Br

3

1,3-butadiene

C4H6

3

Cadmio e i suoi composti cloruro di cadmio, ossido di cad­mio, solfato di cadmio, solfuro di cadmio e altri composti pre­senti biologicamente (in forma respirabile), indicati come Cd

Cd

1

1-cloro-2,3-epossipropano

C3H5ClO

3

alfa-clorotoluolo

C7H7Cl

3

alfa-clorotoluoli: miscele di alfa-clorotoluolo, alfa, alfa-diclorotoluolo, alfa, alfa, alfa-triclorotoluolo e cloruro di benzoile

3

2-cloro-1,3-butadiene

C4H5Cl

3

Cloruro di vinile

C2H3Cl

3

Cobalto (in forma di polvere respirabile o aerosoli di cobalto metallico e sali poco solubili di cobalto), indicato come Co

Co

2

Composti di cromo (VI) (in forma respirabile) in quanto cro­mato di calcio, cromato di cromo (III), cromato di stronzio e cromato di zinco, indicati come Cr

Cr

2

Dibenzo(a,h)antracene

C22H14

1

1,2-dibromoetano

C2H4Br2

3

3,3’-diclorobenzidina

C12H10N2Cl2

2

1,4-diclorobenzolo

C6H4Cl2

3

1,2-dicloroetano

C2H4Cl2

3

Fuliggine di diesel

3

Sulfato di dietilene

C4H10O4S

2

Dimetilsolfato

C2H6O4S

2

Epicloridrina (v. l-cloro-2,3-epossipropano)

1,2-epossipropano

C3H6O

3

Etilenimina

C2H5N

2

Etilenossido

C2H4O

3

Idrazina

H4N2

3

2-naftilammina

C10H9N

1

Nichel (in forma di polvere respirabile o aerosoli di nichel metallico, solfuro di nichel e minerali contenenti solfuro, ossi­do di nichel e carbonato di nichel, tetracarbonile di nichel), indicato come nichel

Ni

2

2-nitrotoluolo

C7H7NO2

3

o-toluidina

C7H9N

3

Polvere di legno di faggio, in forma respirabile

3

Polvere di legno di quercia, in forma respirabile

3

Triossido e pentossido d’arsenico, acido arsenioso e sali deri­vati, acido arsenico e sali derivati (in forma respirabile), indi­cati come As

As

2

Tricloretilene

C2HCl3

3

N-Vinyl-2-pyrrolidon

C6H9NO

3

Allegato 2 82

82Aggiornato dal n. II dell’O del 20 nov. 1991 (RU 1992 124), dal n. II dell’O del 15 dic. 1997 (RU 1998 223), dal n. 5 dell’all. dell’O del 23 giu. 1999 (RU 1999 2045), dal n. II dell’O del 30 apr. 2003 (RU 2003 1345), dal n. II 5 dell’all. 3 all’O del 22 giu. 2005 sul traffico di rifiuti (RU 20054199), dai n. II delle O del 4 lug. 2007 (RU 2007 3875), del 18 giu. 2010 (RU 2010 2965), del 14 ott. 2015 (RU 2015 4171), dal n. 7 dell’all. 6 all’O del 4 dic. 2015 sui rifiuti (RU 2015 5699), dal n. I dell’O del 3 mar. 2017 (RU 2017 715), dal n. II dell’O dell’11 apr. 2018 (RU 2018 1687) e dal n. I dell’O del 12 feb. 2020, in vigore dal 1° apr. 2020 (RU 2020 793).

(art. 3 cpv. 2 lett. a)

Limitazioni completive o derogatorie delle emissioni degli impianti speciali

Sommario

1 Pietre e terre

11 Forni per cemento e forni per klinker di calcio

12 Impianti per la cottura di prodotti in ceramica a base di argilla

13 Vetrerie

14 Impianti di miscelazione dell’asfalto

2 Chimica

21 Impianti per la produzione di acido solforico

22 Impianti di Claus

23 Impianti per la produzione di cloro

24 Impianti per la produzione di 1, 2-dicloroetano e di cloruro di vinile

25 …

26 Fabbricazione e confezione di prodotti fitosanitari

27 Impianti per la produzione di nerofumo

28 Impianti per la produzione di carbonio (carbone artificiale) o elettrografite mediante combustione

29 Impianti di produzione di acido nitrico

3 Industria petrolifera

31 Raffinerie

32 Impianti con grandi serbatoi

33 Impianti per il travaso di benzina

4 Metalli

41 Fonderie

42 Cubilotti

43 Impianti per la produzione di alluminio

44 Impianti per la rifusione di metalli non ferrosi

45 Impianti per la zincatura

46 Impianti per la produzione di accumulatori al piombo

47 Forni per il trattamento termico

48 Forno elettrico per la produzione dell’acciaio

5 Agricoltura e generi alimentari

51 Allevamenti

52 Impianti per affumicare

53 Impianti per il trattamento di carcasse di animali e per l’essiccazione di materie fe­cali

54 Impianti per l’essiccazione di foraggio fresco

55 …

56 Impianti di torrefazione del caffè e del cacao

6 Verniciatura e stampa

61 Impianti per l’applicazione di vernici e per la stampa con sostanze organiche

7 Rifuti

71 Impianti d’incenerimento di rifiuti urbani e speciali

72 Impianti d’incenerimento di legno, carta e rifiuti simili

73 Impianti d’incenerimento della lisciva solfitica proveniente dalla produzione di cel­lulosa

74 Impianti per la combustione di rifiuti biogeni e prodotti dell’agricoltura

8 Altri impianti

81 Impianti nei quali il trattamento del prodotto avviene per contatto immediato con i gas di combustione

82 Motori a combustione stazionari

83 Turbine a gas

84 Impianti per la produzione di truciolati

85 Pulitura di prodotti tessili

86 Forni crematori

87 Impianti per il trattamento della superficie

88 Cantieri edili

1 Pietre e terre

11 Forni per cemento e forni per klinker di calcio

111 Combustibili e rifiuti

1 La cifra 81 non è applicabile per i forni per cemento.

2 I rifiuti possono essere riciclati o trattati nei forni per cemento se vi si prestano secondo l’articolo 24 dell’ordinanza del 4 dicembre 201583 sui rifiuti.

111 Grandezze di riferimentobis

I valori limite d’emissione si riferiscono a un tenore in ossigeno dei gas di scarico del 10 per cento (% vol.).

112 Ossidi d’azoto

Le emissioni di ossidi d’azoto (monossido e diossido), indicati come diossido d’azoto, devono essere limitate nella maggior misura possibile dal punto di vista tecnico e dell’esercizio e sopportabile sotto il profilo economico, in ogni caso però almeno a 500 mg/m3.

113 Ossidi di zolfo

Le emissioni di ossidi di zolfo, indicati come anidride solforosa, non devono supe­ra­re 500 mg/m3.

114 Sostanze organiche gassose

1 I valori limite d’emissione di sostanze organiche gassose secondo l’allegato 1 cifre 1 e 7 non valgono.

2 Le emissioni di sostanze organiche gassose vanno indicate come carbonio totale e non devono superare 80 mg/m3.

115 Polvere

Le emissioni sotto forma di polvere non devono superare 20 mg/m3.

116 Mercurio e cadmio

Le emissioni di mercurio e cadmio e i loro composti, indicati come metalli, non devono superare rispettivamente 0,05 mg/m3.

117 Piombo e zinco

La somma delle emissioni di piombo e zinco e dei loro composti, indicati come metalli, non deve superare 1 mg/m3.

118 Diossine e furani

Le emissioni di policlorodibenzo-p-diossine (diossine) e dibenzofurani (furani), espresse come somma degli equivalenti di tossicità secondo EN 1948-184, non devono superare 0,1 ng/m3.

84 Questa norma può essere consultata gratuitamente e ottenuta a pagamento presso l’Associazione svizzera di normalizzazione (SNV), Sulzerallee 70, 8404Winterthur;.

119 Sorveglianza

1 Si deve misurare e registrare continuamente il tenore nei gas di scarico di:

a.
ossidi d’azoto;
b.
ossidi di zolfo;
c.
sostanze organiche gassose;
d.
polvere.

2 Chiunque impieghi rifiuti che contengono composti organici come materia prima per la fabbricazione di cemento, oltre a rispettare quanto disposto nel capoverso 1, deve:

a.
misurare e registrare continuamente il tenore di benzene nei gas di scarico;
b.
controllare annualmente se sono rispettati in particolare i limiti d’emissione relativi al benzo(a)pirene e al dibenzo(a,h)antracene.

12 Impianti per la cottura di prodotti in ceramica a base di argilla

121 Grandezza di riferimento

I valori limite d’emissione si riferiscono ad un tenore in ossigeno dei gas di scarico del 18 per cento (% vol).

122 Composti del fluoro

1 I valori limite d’emissione di composti del fluoro secondo l’allegato 1 cifre 5 e 6 non valgono.

2 Le emissioni di composti del fluoro, indicati come acido fluoridrico, non devono superare 250 g/h.

123 Ossidi d’azoto

Le emissioni di ossidi d’azoto (monossido e diossido), indicati come diossido d’azoto, devono essere limitate nella maggior misura possibile dal punto di vista tec­nico e dell’esercizio e sopportabile sotto il profilo economico; se il flusso di massa è pari o superiore a 2000 g/h, dette emissioni non devono comunque superare 150 mg/m3.

124 Sostanze organiche

1 Le limitazioni delle emissioni secondo l’allegato 1 cifra 7 non sono applicabili.

2 Le emissioni di sostanze organiche sotto forma di gas o vapore vanno indicate come carbonio totale e non devono superare 100 mg/m3.

125 Applicabilità della cifra 81

Le disposizioni della cifra 81 sono applicabili.

13 Vetrerie

131 Campo d’applicazione

Le disposizioni della presente cifra valgono per gli impianti che producono più di 2 tonnellate di vetro all’anno.

132 Grandezze di riferimento

I valori limite d’emissione si riferiscono al seguente tenore in ossigeno dei gas di scarico:

a.
nei forni di fusione riscaldati con fiamma 8 per cento (% vol)
b.
nei forni a crogioli riscaldati con fiamma13 per cento (% vol)

133 Ossidi d’azoto

1 Le limitazioni delle emissioni secondo l’allegato 1 cifra 6 non sono applicabili.

2 Le emissioni di ossidi d’azoto (monossido e diossido), indicati come diossido d’azoto, devono essere limitate nella maggior misura possibile dal punto di vista tecnico e dell’esercizio e sopportabile sotto il profilo economico; dette emissioni non devono superare i valori seguenti:

a.
vetro soffiato2,5 kg per tonnellata di vetro prodotto
b.
altro vetro6,5 kg per tonnellata di vetro prodotto

134 …

135 Ossidi di zolfo

Le emissioni di ossidi di zolfo provenienti dalla materia prima e indicati come ani­dride solforosa non devono superare 500 mg/m3.

136 Applicabilità della cifra 81

Le disposizioni della cifra 81 sono applicabili.

14 Impianti di miscelazione dell’asfalto

141 Grandezza di riferimento

I valori limite d’emissione si riferiscono a un tenore in ossigeno dei gas di scarico del 17 per cento (% vol.).

142 Esigenze in materia di costruzione e d’esercizio

1 I gas di scarico del miscelatore devono essere raccolti e convogliati in un impianto di depurazione.

2 Durante il riempimento del serbatoio di stoccaggio del bitume occorre utilizzare un sistema di recupero dei vapori.

143 Polvere

Le emissioni sotto forma di polvere non devono superare 20 mg/m3.

144 Sostanze organiche gassose

1 I valori limite d’emissione di cui all’allegato 1 cifra 7 non sono applicabili.

2 Le emissioni di sostanze organiche gassose vanno indicate come carbonio totale e non devono superare 80 mg/m3.

145 Ossidi d’azoto

Le emissioni di ossidi d’azoto (monossido e diossido), indicati come diossido d’azoto, non devono superare 100 mg/m3.

146 Monossido di carbonio

Le emissioni di monossido di carbonio non devono superare 500 mg/m3.

147 Sorveglianza

1 La misurazione e il controllo periodici di cui all’articolo 13 capoverso 3 devono essere ripetuti ogni anno.

2 Le temperature dei tamburi per minerali e per granulato d’asfalto devono essere continuamente misurate e registrate.

2 Chimica

21 Impianti per la produzione di acido solforico

211 Campo d’applicazione

Le disposizioni della presente cifra valgono per gli impianti che producono anidride solforosa, triossido di zolfo, acido solforico e oleum.

212 Anidride solforosa

1 La limitazione delle emissioni di anidride solforosa secondo la cifra 6 dell’allegato 1 non vale.

2 Le emissioni di anidride solforosa non devono superare 2,6 kg per tonnellata di acido solforico al 100 per cento.

213 Triossido di zolfo

Le emissioni di triossido di zolfo non devono superare, in condizioni di gas costanti, 60 mg/m3, negli altri casi 120 mg/m3.

22 Impianti di Claus

221 Zolfo

Il grado d’emissione per lo zolfo non deve superare i seguenti valori limite:

Negli impianti con una capacità di produzione di

Valore limite in per cento (% massa)

meno di 20 t/giorno

3,0

da 20 a 50 t/giorno

2,0

più di 50 t/giorno

0,5

222 Idrogeno solforato

1 I gas di scarico devono essere sottoposti ad una postcombustione.

2 Le emissioni di idrogeno solforato non devono superare 10 mg/m3.

23 Impianti per la produzione di cloro

231 Cloro

1 Le emissioni di cloro non devono superare 3 mg/m3.

2 Negli impianti per la produzione di cloro mediante liquefazione completa, le emis­sioni di cloro non devono superare 6 mg/m3.

232 Mercurio

Nell’elettrolisi cloroalcalina secondo il procedimento per amalgama, le emissioni di mercurio non devono superare il valore medio annuo di 1 g per tonnellata di capacità nominale di produzione di cloro.

24 Impianti per la produzione di 1,2-dicloroetano e di cloruro di vinile

1 I gas di scarico devono essere depurati.

2 Le limitazioni delle emissioni di 1,2-dicloroetano e di cloruro di vinile secondo l’allegato 1 valgono indipendentemente dai flussi di massa ivi fissati.

25 …

26 Fabbricazione e confezione di prodotti fitosanitari

1 Chi fabbrica o confeziona prodotti fitosanitari è tenuto a notifi­carlo all’Ufficio cantonale della protezione dell’ambiente.

2 L’autorità fissa le limitazioni preventive delle emissioni della polvere totale secondo l’articolo 4; l’allegato 1 cifra 41 non è applicabile.

27 Impianti per la produzione di nerofumo

Le emissioni totali sotto forma di polvere non devono superare 20 mg/m3.

28 Impianti per la produzione di carbonio (carbone artificiale) o elettrografite mediante combustione

281 Sostanze organiche

1 Le emissioni di sostanze organiche, indicate come carbonio totale, non possono superare le limitazioni delle emissioni secondo le cifre 282–284.

2 Le limitazioni delle emissioni secondo l’allegato 1 cifra 7 non sono applicabili.

282 Miscelamento e formatura

Le emissioni di sostanze organiche nei gas di scarico di impianti di miscelamento e di formatura, nei quali vengono trattati ad alta temperatura pece, catrame o altri pro­dotti leganti o diluenti volatili, non devono superare 100 mg/m3.

283 Combustione

1 Le emissioni di sostanze organiche nei gas di scarico di forni ad un focolare, a più focolari collegati o a tunnel non devono superare 50 mg/m3.

2 Le emissioni di sostanze organiche gassose nei gas di scarico di forni anulari per la produzione di elettrodi di grafite, di elettrodi di carbonio e di pietre di carbonio non devono superare 200 mg/m3.

284 Impregnazione

Le emissioni di sostanze organiche nei gas di scarico di impianti per l’impregna­zione, nei quali sono usati prodotti impregnanti a base di catrame, non devono supe­rare 50 mg/m3.

285 Applicabilità della cifra 81

Per gli impianti nei quali si lavorano prodotti mettendoli direttamente in contatto con i gas di combustione valgono inoltre le disposizioni della cifra 81.

29 Impianti per la produzione di acido nitrico

291 Ossidi d’azoto

Le emissioni di ossidi d’azoto (monossido e diossido), indicati come diossido d’azoto, devono essere limitate nella maggior misura possibile dal punto di vista tecnico e dell’esercizio e sopportabile sotto il profilo economico, in ogni caso però almeno a 190 mg/m3.

3 Industria petrolifera

31 Raffinerie

311 Definizione e campo d’applicazione

Le disposizioni della presente cifra valgono per gli impianti nei quali si procede alla distillazione o alla raffinazione di petroli o di prodotti petroliferi e per gli altri impianti nei quali si producono idrocarburi.

312 Forni di raffinerie

312.1 Grandezze di riferimento  

1 I va­lo­ri li­mi­te d’emis­sio­ne si ri­fe­ri­sco­no ad un te­no­re di os­si­ge­no nei gas di sca­ri­co del 3 per cen­to (% vol).

2 Per le esi­gen­ze in ma­te­ria di li­mi­ta­zio­ne del­le emis­sio­ni dei for­ni di raf­fi­ne­rie è de­ter­mi­nan­te la po­ten­za ter­mi­ca to­ta­le del­la raf­fi­ne­ria.

312.2 Ossidi di zolfo  

Le emis­sio­ni di os­si­di di zol­fo, in­di­ca­ti co­me ani­dri­de sol­fo­ro­sa, non de­vo­no su­pe­ra­re le se­guen­ti con­cen­tra­zio­ni d’emis­sio­ne:

a.
350 mg/m3 per una po­ten­za ter­mi­ca pa­ri o in­fe­rio­re a300 MW
b.
100 mg/m3 per una po­ten­za ter­mi­ca su­pe­rio­re a300 MW
312.3 Ossidi d’azoto  

Le emis­sio­ni di os­si­di d’azo­to (mo­nos­si­do e dios­si­do), in­di­ca­ti co­me dios­si­do d’azo­to, non de­vo­no su­pe­ra­re 300 mg/m3.

313 Deposito

1 Per il deposito di petrolio greggio e di prodotti intermedi, che sviluppano, alla temperatura di 20 °C, una pressione di vapore superiore a 13 mbar, occorre prevede­re serbatoi con tetto galleggiante, serbatoi con tetto fisso ma membrana galleg­giante, serbatoi con tetto fisso ma raccordo alla condotta del gas della raffineria o misure analoghe. I serbatoi con tetto galleggiante devono essere muniti di un’im­permeabi­lizzazione efficace del bordo.

2 I serbatoi con tetto fisso devono essere muniti di un sistema di ricambio forzato dei gas; detti gas devono essere convogliati in un sistema di raccolta o in un impianto di postcombustione, se:

a.
i serbatoi contengono liquidi che, in condizioni di deposito, possono emet­tere sostanze della classe 1 ai sensi della cifra 7 dell’allegato 1 o so­stanze ai sensi della cifra 8 dell’allegato 1 e
b.
le emissioni previste superano i flussi di massa indicati nell’allegato 1.

314 Altre fonti d’emissione

1 I gas e i vapori organici fuoriuscenti devono essere convogliati in un sistema di raccolta. Essi devono essere riutilizzati, depurati, postcombusti o bruciati (torcia). La presente prescrizione vale particolarmente per:

a.
i dispositivi di scarico della pressione e di svuotamento;
b.
gli impianti di produzione;
c.
la rigenerazione dei catalizzatori;
d.
le ispezioni e i lavori di pulizia;
e.
la fase di avviamento e di arresto degli impianti;
f.
il travaso di prodotti greggi, intermedi o finiti che sviluppano, alla tem­pera­tura di 20 °C, una pressione di vapore superiore a 13 mbar.

2 I dispositivi di scarico della pressione in caso di catastrofe o d’incendio non devo­no essere raccordati a un sistema di raccolta dei gas.

315 Idrogeno solforato

1 I gas provenienti da impianti di desolforazione o da altre fonti devono essere ulte­riormente trattati, se le seguenti premesse sono contemporaneamente realizzate:

a.
tenore volumetrico in idrogeno solforatopiù dello 0,4 per cento
b.
flusso di massa dell’idrogeno solforatopiù di 2 t/giorno

2 Le emissioni di idrogeno solforato nei gas che non vengono ulteriormente trattati non devono superare 10 mg/m3.

316 Acque di processo e acque di lavaggio reflue

1 Le acque di processo e le acque di lavaggio reflue devono essere sottoposte a degassaggio prima della loro immissione in un sistema aperto.

2 I gas così prodotti devono essere sottoposti a lavaggio o combustione.

32 Impianti con grandi serbatoi

321 Definizione e campo d’applicazione

Le disposizioni della presente cifra valgono per i grandi impianti di deposito con una capacità superiore a 500 m3 per serbatoio, adibiti al deposito di prodotti con una pressione di vapore superiore a 1 mbar alla temperatura di 20 °C.

322 Deposito

Per il deposito si devono prevedere serbatoi con tetto fisso ma membrana galleg­giante o serbatoi con tetto galleggiante e impermeabilizzazione efficace del bordo oppure misure analoghe atte a ridurre le emissioni.

33 Impianti per il travaso di benzina

1 Il riempimento di autocisterne, di vagoni cisterna o di altri contenitori da trasporto simili mediante benzina per autoveicoli o per aeromobili deve essere effettuato dal basso o mediante altri metodi ugualmente atti a ridurre le emissioni.

2 Le limitazioni delle emissioni secondo l’allegato 1 cifre 7 e 8 non sono applicabili ai distributori di benzina.

3 I distributori di benzina devono essere equipaggiati e funzionare in modo tale che:

a.
i gas e i vapori organici compressi durante l’operazione di riempimento del ser­batoio del distributore vengano captati e ricondotti nel contenitore di tra­sporto (ricupero dei vapori); il sistema per il ricupero dei vapori e l’im­pianto allacciato non devono presentare alcuna apertura verso l’aria libera durante il loro funzio­namento normale;
b.
durante l’operazione di rifornimento degli autoveicoli muniti di bocchettone normalizzato85del serbatoio venga emesso al massimo il 10 per cento delle sostanze organiche contenute nell’aria compressa; questa esigenza è considerata adempiuta quando i risultati delle misurazioni effettuate da un organo ufficiale lo attestano e quando il sistema di recupero dei vapori è stato installato e funziona conformemente alle norme.

4 Le disposizioni del capoverso 3 lettera b non sono applicabili per il rifornimento mediante piccoli apparecchi di distribuzione.

85 ISO 13331. Questa norma può essere consultata gratuitamente e ottenuta a pagamento presso l’Associazione svizzera di normalizzazione (SNV), Sulzerallee 70, 8404Winterthur;.

4 Metalli

41 Fonderie

411 Ammine

Le emissioni di ammine, che si producono durante la produzione di anime, non devono superare 5 mg/m3.

412 Applicabilità della cifra 81

Per gli impianti nei quali si lavorano prodotti mettendoli direttamente in contatto con i gas di combustione valgono inoltre le disposizioni della cifra 81.

42 Cubilotti

421 Polvere

Le emissioni totali sotto forma di polvere non devono superare 20 mg/m3.

422 Monossido di carbonio

Nei cubilotti ad aria calda muniti di ricuperatore di calore inserito a valle ed auto­alimentato, le emissioni di monossido di carbonio nei gas di scarico non devono superare 1000 mg/m3.

423 Applicabilità della cifra 81

Le disposizioni della cifra 81 sono applicabili.

43 Impianti per la produzione di alluminio

431 Composti del fluoro

1 La limitazione delle emissioni di composti del fluoro secondo le cifre 5 e 6 dell’al­legato 1 non vale.

2 Le emissioni di composti del fluoro, indicati come acido fluoridrico, non devono superare in totale 700 g per tonnellata di alluminio prodotto.

3 Le emissioni di composti del fluoro gassosi, indicati come acido fluoridrico, non devono superare 250 g per tonnellata di alluminio prodotto.

432 Valutazione delle emissioni

Per valutare se i valori d’emissione sono rispettati si fa la media delle emissioni misurate durante un periodo d’esercizio di un mese.

44 Impianti per la rifusione di metalli non ferrosi

441 Sostanze organiche

1 La limitazione delle emissioni secondo la cifra 7 dell’allegato 1 non vale.

2 Le emissioni di sostanze organiche, indicate come carbonio totale, non devono superare 50 mg/m3.

442 Applicabilità della cifra 81

Per gli impianti nei quali si lavorano prodotti mettendoli direttamente in contatto con i gas di combustione valgono inoltre le disposizioni della cifra 81.

45 Impianti per la zincatura

451 Polvere

Le emissioni totali sotto forma di polvere non devono superare 10 mg/m3.

452 Disposizioni completive per gli impianti di zincatura a caldo

1 I valori limite d’emissione si riferiscono ad una quantità d’aria espulsa di 3000 m3 all’ora per ogni m2 di superficie del bagno di zinco.

2 Le emissioni del bagno di zinco devono essere captate nella misura dell’80 per cento almeno, mediante campana, cappa, aspirazione sui bordi o mezzi analoghi.

3 Le emissioni si misurano solo durante il periodo d’immersione. Il periodo d’im­mer­sione inizia al primo e finisce all’ultimo contatto del prodotto con il bagno di zinco.

46 Impianti per la produzione di accumulatori al piombo

461 Piombo

1 I gas di scarico degli impianti devono essere raccolti e convogliati in un impianto di depolverizzazione.

2 Le emissioni di piombo non devono superare 1 mg/m3.

462 Vapori di acido solforico

1 I vapori di acido solforico, che si sprigionano durante la formazione, devono esse­re raccolti e convogliati in un impianto di depurazione dei gas di scarico.

2 Le emissioni di acido solforico, indicate come H2SO4, non devono superare 1 mg/m3.

463 Applicabilità della cifra 81

Per gli impianti nei quali si lavorano prodotti mettendoli direttamente in contatto con i gas di combustione valgono inoltre le disposizioni della cifra 81.

47 Forni per il trattamento termico

471 Campo d’applicazione

Le disposizioni della presente cifra valgono per i forni per il trattamento termico con una potenza termica superiore a 100 kW, alimentati con combustibili gassosi ai sensi dell’allegato 5 cifra 4 lettere a–c.

472 Grandezze di riferimento

I valori limite d’emissione si riferiscono ad un tenore di ossigeno nei gas di scarico del 5 per cento (% vol).

473 Ossidi d’azoto

Le emissioni di ossidi d’azoto, indicati come diossido d’azoto, non devono superare i valori secondo il diagramma seguente:

474 Misurazioni

Le emissioni vanno misurate sia quando il carico corrisponde almeno all’80 per cento del carico nominale sia quando la temperatura d’esercizio è al massimo.

475 Applicabilità della cifra 81

Le disposizioni della cifra 81 sono applicabili.

48 Forno elettrico per la produzione dell’acciaio

481 Campo d’applicazione

Le disposizioni della presente cifra si applicano agli impianti elettrici per la produzione di acciaio, inclusa la colata continua, con una capacità di fusione maggiore a 2,5 tonnellate di acciaio all’ora.

482 Polvere

Le emissioni totali sotto forma di polvere non devono superare 5 mg/m3.

483 Diossine e furani

Le emissioni di policloro-dibenzo-p-diossine (diossine) e di policloro dibenzofurano (furani) prodotte dai forni elettrici ad arco, indicate come totale degli equivalenti di tossicità secondo EN 1948-186, non devono superare 0,1 ng/m3.

86 Questa norma può essere consultata gratuitamente e ottenuta a pagamento presso l’Associazione svizzera di normalizzazione (SNV), Sulzerallee 70, 8404Winterthur;.

5 Agricoltura e generi alimentari

51 Allevamenti

511 Campo d’applicazione

Le disposizioni della presente cifra valgono per gli impianti per l’allevamento tradi­zionale e per quelli per l’allevamento intensivo.

512 Distanze minime

Gli impianti devono essere costruiti rispettando le distanze minime dalle zone abitate, conformemente alle norme riconosciute per la detenzione di animali. Sono considerate in particolare come norme per la detenzione di animali le raccomandazioni della Stazione di ricerca d’economia aziendale e di genio rurale87.

87 Ottenibili presso: Stazione di ricerca Agroscope Reckenholz-Tänikon (ART), 8356 Ettenhausen.

513 Impianti di ventilazione

Gli impianti di ventilazione devono essere conformi alle regole tecniche ricono­sciu­te in materia di ventilazione. Come tali valgono in particolare le raccomanda­zioni delle Norme svizzere sul clima nelle stalle88.

88Ottenibile presso l’Istituto delle scienze degli animali da reddito, Centro PF, 8092 Zurigo.

514 Ammoniaca

L’autorità stabilisce le limitazioni preventive delle emissioni secondo l’articolo 4; l’allegato 1 cifra 62 non è applicabile. L’UFAM emana raccomandazioni.

52 Impianti per affumicare

521 Campo d’applicazione

Le disposizioni della presente cifra valgono per gli impianti nei quali si affumicano carne, salumi e pesce.

522 Produzione di fumo

Per la produzione di fumo la cifra 81 non è applicabile.

523 Sostanze organiche

1 La limitazione delle emissioni secondo la cifra 7 dell’allegato 1 non vale.

2 Le emissioni di sostanze organiche sono indicate come carbonio totale. Esse non devono superare i seguenti valori:

a.
per l’affumicatura a caldo:
con un flusso di massa di 50 g/h o più
50 mg/m3
b.
per l’affumicatura a freddo:
con un flusso di massa da 50 a 300 g/h
120 mg/m3
c.
per l’affumicatura a freddo:
con un flusso di massa superiore a 300 g/h
50 mg/m3

53 Impianti per il trattamento di carcasse di animali e per l’essicazione di materie fecali

531 Definizione e campo d’applicazione

Le disposizioni della presente cifra valgono per:

a.
gli stabilimenti che trattano le carcasse di animali;
b.
le installazioni nelle quali le carcasse di animali, loro parti o prodotti di origine animale sono raccolti e depositati in vista del trattamento o del­l’eli­mi­nazione in uno stabilimento che tratta le carcasse di animali;
c.
gli impianti per la fusione del grasso animale;
d.
gli impianti per la produzione di gelatina, di emoglobina e di mangime;
e.
gli impianti per l’essiccazione di materie fecali.

532 Esigenze in materia di costruzione e d’esercizio

1 Gli impianti di produzione e i depositi dai quali possono sprigionarsi odori devono essere sistemati in locali chiusi.

2 I gas di scarico maleodoranti devono essere raccolti e convogliati in un impianto di depurazione.

3 I prodotti greggi e intermedi devono essere conservati in contenitori chiusi.

533 Applicabilità della cifra 81

Per gli impianti nei quali si lavorano prodotti mettendoli direttamente in contatto con i gas di combustione valgono inoltre le disposizioni della cifra 81.

54 Impianti per l’essiccazione di foraggio fresco

541 Campo d’applicazione

Le disposizioni della presente cifra valgono per gli impianti nei quali vengono essiccati erba, piante di mais e foraggi verdi simili, nonché vinacce, patate e fette di barbabietole da zucchero.

542 Polvere

Le emissioni sotto forma di polvere devono essere limitate nella maggior misura possibile dal punto di vista tecnico e dell’esercizio e sopportabile sotto il profilo economico; non devono comunque superare 150 mg/m3.

543 Applicabilità della cifra 81

Per gli impianti nei quali si lavorano prodotti mettendoli direttamente in contatto con i gas di combustione valgono inoltre le disposizioni della cifra 81.

55 ...

56 Impianti di torrefazione del caffè e del cacao

561 Sostanze organiche

1 La limitazione delle emissioni secondo la cifra 7 dell’allegato 1 non vale.

2 Le emissioni di sostanze organiche sotto forma di gas e di vapore sono indicate come carbonio totale. Negli impianti con una capacità di torrefazione superiore a 100 kg di prodotto greggio all’ora, le emissioni non devono superare i valori seguenti:

a.
impianti con una capacità di torrefazione fino a 750 kg/h150 mg/m3
b.
impianti con una capacità di torrefazione
superiore a 750 kg/h 50 mg/m3

562 Applicabilità della cifra 81

Per gli impianti nei quali si lavorano prodotti mettendoli direttamente in contatto con i gas di combustione valgono inoltre le disposizioni della cifra 81.

6 Verniciatura e stampa

61 Impianti per l’applicazione di vernici e per la stampa con sostanze organiche

611 Campo d’applicazione

1 Le disposizioni della presente cifra valgono:

a.
per gli impianti per l’applicazione di vernici e per la stampa con sostanze organiche come colori, vernici o sostanze plastiche;
b.
gli impianti per l’impregnazione.

2 Esse valgono sia per i reparti nei quali si procede all’applicazione e all’evapora­zione sia per i relativi impianti d’essiccazione e di cottura.

612 Polvere

Le emissioni totali sotto forma di polvere non devono superare i valori seguenti:

a.
per la verniciatura a spruzzo 5 mg/m3
b.
per la verniciatura a polverizzazione15 mg/m3

613 Emissioni dovute ai solventi

1 La limitazione delle emissioni secondo la cifra 71 dell’allegato 1 non vale per le emissioni di sostanze organiche, sotto forma di gas o di vapore, delle classi 2 e 3 ai sensi della cifra 72 dell’allegato 1.

2 Dette emissioni sono indicate come carbonio totale; per un flusso di massa pari o superiore a 3 kg/h non devono superare in totale 150 mg/m3.

3 Se si impiegano colori contenenti come solvente acqua e unicamente etanolo in quantità non superiore al 15 per cento (% massa), le emissioni di etanolo non de­vo­no superare 300 mg/m3 per un flusso di massa pari o superiore a 3 kg/h.

614 Gas di scarico di impianti d’essiccazione e di cottura

1 Le limitazioni delle emissioni secondo l’allegato 1 cifra 7 non sono applicabili agli impianti nei quali l’essiccazione o la cottura avviene a temperature superiori a 120 °C.

2 Per flussi di massa superiori a 250 g/h le emissioni di sostanze organiche sotto forma di gas o di vapore, indicate come carbonio totale, non devono superare i va­lori seguenti:

a.
per le macchine tipografiche per stampa offset a rulli20 mg/m3
b.
per le altre macchine50 mg/m3

615 Applicabilità della cifra 81

Per gli impianti nei quali si lavorano prodotti mettendoli direttamente in contatto con i gas di combustione valgono inoltre le disposizioni della cifra 81.

7 Rifiuti

71 Impianti d’incenerimento di rifiuti urbani e speciali

711 Campo d’applicazione e definizioni

1 Le disposizioni della presente cifra valgono per gli impianti nei quali vengono bru­ciati o sottoposti a decomposizione termica i rifiuti urbani e quelli speciali. Sono esclusi gli impianti d’incenerimento di legno, carta e di rifiuti simili (cifra 72), gli impianti d’incenerimento della lisciva solfitica proveniente dalla produzione di cellulosa (cifra 73) e i forni per cemento (cifra 11).

2 Sono considerati rifiuti urbani quelli provenienti dalle economie domestiche e quelli loro assimilabili per composizione. Si tratta segnatamente di:

a.
rifiuti di giardino;
b.
rifiuti di mercato;
c.
rifiuti di strada;
d.
rifiuti d’ufficio, imballaggi e rifiuti di cucina dell’industria alberghiera;
e.
rifiuti urbani pretrattati;
f.
carcasse di animali e rifiuti di macellazione;
g.
fanghi delle stazioni di depurazione delle acque usate domestiche;
h.
gas di rifiuto ai sensi dell’allegato 5 cifra 41 capoverso 2;
i.
rifiuti ai sensi dell’allegato 5 cifra 31 capoverso 2 lettera b.

3 Sono considerati rifiuti speciali quelli designati come tali nell’elenco dei rifiuti emanato secondo l’articolo 2 dell’ordinanza del 22 giugno 200589 sul traffico di rifiuti (OTRif).

712 Applicabilità dell’allegato 1

1 Le limitazioni delle emissioni secondo l’allegato 1 cifra 7 non sono applicabili.

2 Nella misura in cui valgono le limitazioni delle emissioni secondo l’allegato 1, esse sono applicabili indipendentemente dai flussi di massa ivi fissati.

713 Grandezze di riferimento e valutazione delle emissioni

1 I valori limite d’emissione si riferiscono ai seguenti tenori di ossigeno nei gas di scarico:

a.
3 per cento (% vol) per gli impianti in cui si bruciano rifiuti liquidi;
b.
3 per cento (% vol) per gli impianti in cui si bruciano rifiuti gassosi da soli o insieme a rifiuti liquidi;
c.
11 per cento (% vol) per gli impianti in cui si bruciano rifiuti solidi da soli o insieme a rifiuti liquidi o gassosi.

2 Per la valutazione delle emissioni sono determinanti le medie dei valori misurati su un periodo d’esercizio di parecchie ore.

714 Valori limite d’emissione

1 Le emissioni non devono superare i valori seguenti:

a.
Polvere10 mg/m3
b.
Piombo e zinco nonché i loro composti,
indicati come metalli, in totale 1 mg/m3
c.
Mercurio e cadmio nonché i loro composti,
indicati come metalli, ciascuno0,05 mg/m3
d.
Ossidi di zolfo, indicati come anidride solforosa 50 mg/m3
e.
Ossidi d’azoto (monossido e diossido), indicati come
diossido d’azoto, per un flusso di massa pari o
superiore a 2,5 kg/h80 mg/m3
f.
Composti gassosi inorganici del cloro, indicati come
acido cloridrico20 mg/m3
g.
Composti gassosi inorganici del fluoro, indicati come
acido fluoridrico 2 mg/m3
h.
Ammoniaca e composti dell’ammoniaca, indicati
come ammoniaca 5 mg/m3
i.
Sostanze organiche gassose, indicate come
carbonio totale20 mg/m3
k.
Monossido di carbonio50 mg/m3
l.
Policloro-dibenzo-p-diossine (diossine) e policloro
dibenzofurano (furani), indicati come totale degli
equivalenti di tossicità secondo EN 1948-190 0,1 ng/m3

2 Per gli impianti con un tenore di ossidi d’azoto (monossido e diossido), indicati come diossido d’azoto, nel gas grezzo, pari o superiore a 1000 mg/m3, l’autorità può stabilire, in deroga al capoverso 1 lettera h, un valore limite d’emissione dell’am­mo­niaca e dei composti dell’ammoniaca meno severo.

90 Questa norma può essere consultata gratuitamente e ottenuta a pagamento presso l’Associazione svizzera di normalizzazione (SNV), Sulzerallee 70, 8404Winterthur;.

715 …

716 Sorveglianza

1 Si devono continuamente misurare e registrare:

a.
la temperatura dei gas di scarico sia nella zona di consunzione sia nel camino;
b.
il tenore di ossigeno nei gas di scarico all’uscita della zona di consunzione;
c.
il tenore di monossido di carbonio nei gas di scarico.

2 Il funzionamento dell’impianto di depurazione dei gas di scarico deve essere sor­vegliato in modo continuo mediante misurazione di un valore d’emissione o di un altro parametro idoneo dell’esercizio come la temperatura dei gas di scarico, la cadu­ta di pressione o il flusso d’acqua del depuratore dei gas combusti.

717 Deposito

I rifiuti maleodoranti e i rifiuti che producono vapori pericolosi devono essere depositati in locali chiusi o in sili. L’aria di scarico deve essere aspirata e depurata.

718 Divieto di bruciare rifiuti in piccoli impianti

1 I rifiuti urbani e i rifiuti speciali non possono essere bruciati in impianti con una potenza termica inferiore a 350 kW.

2 Il divieto non è applicabile per l’incenerimento di rifiuti speciali provenienti da ospedali e che, per la loro composizione, non possono essere eliminati come rifiuti urbani.

719 Incenerimento di rifiuti particolarmente pericolosi per l’ambiente

1 Prima di bruciare rifiuti dai quali potrebbero sprigionarsi emissioni particolarmen­te pericolose per l’ambiente, il titolare dell’impianto deve determinare, mediante prove d’incenerimento su piccole quantità, le future emissioni e ne deve comunicare il risultato all’autorità competente.

2 Sono considerate particolarmente pericolose per l’ambiente le emissioni che sono allo stesso tempo altamente tossiche e difficilmente degradabili come gli idrocarburi aromatici polialogenati.

72 Impianti d’incenerimento di legno, carta e rifiuti simili

721 Campo d’applicazione

1 Le disposizioni della presente cifra valgono per gli impianti nei quali vengono bru­ciati o sottoposti a decomposizione termica rifiuti composti dalle seguenti sostanze, frammisti o meno a legna da ardere ai sensi dell’allegato 5:

a.
legname di scarto ai sensi dell’allegato 5 cifra 31 capoverso 2 lettera a;
b.
carta e cartone:
c.
altri rifiuti della combustione dei quali si producono emissioni simili a quelle prodotte dai rifiuti secondo le lettere a e b.

2 Se tali rifiuti sono bruciati insieme ai rifiuti di cui alla cifra 711, valgono le dispo­sizioni della cifra 71.

3 Le disposizioni della presente cifra non sono applicabili per i forni per cemento (cifra 11).

722 Grandezze di riferimento

I valori d’emissione si riferiscono ad un tenore di ossigeno nei gas di scarico dell’11 per cento (% vol).

723 Polvere

Le emissioni sotto forma di polvere non devono superare i valori seguenti:

a.
negli impianti con una potenza termica pari o
inferiore a 10 MW:20 mg/m3
b.
negli impianti con una potenza termica superiore a 10 MW:10 mg/m3

724 Piombo e zinco

Le emissioni di piombo e zinco, insieme, non devono superare 5 mg/m3.

725 Sostanze organiche

1 Le limitazioni d’emissione secondo l’allegato 1 cifra 7 non sono applicabili.

2 Le emissioni di sostanze organiche gassose, indicate come carbonio totale, non devono superare 50 mg/m3.

726 Monossido di carbonio e ossidi di azoto

1 Le emissioni di monossido di carbonio non devono superare 250 mg/m3.

1bis Negli impianti con una potenza termica superiore a 10 MW, le emissioni di monossido di carbonio non devono superare 150 mg/m3.

2 Negli impianti con una potenza termica superiore a 10 MW, le emissioni di ossidi di azoto, indicati come diossido di azoto, non possono superare 150 mg/m3.

727 Regolazione della combustione

L’impianto deve funzionare con una regolazione automatica del sistema di comando della combustione.

728 Divieto di bruciare rifiuti nei piccoli impianti

I rifiuti ai sensi della cifra 721 non possono essere bruciati negli impianti con una potenza termica inferiore a 350 kW.

73 Impianti d’incenerimento della lisciva solfitica proveniente dalla produzione di cellulosa

731 Ossidi di zolfo

1 La limitazione delle emissioni secondo la cifra 6 dell’allegato 1 non vale.

2 Le emissioni di ossidi di zolfo, indicati come anidride solforosa, non devono supe­rare 4,0 kg per tonnellata di lisciva bruciata.

732 Valutazione delle emissioni

Per valutare se i valori limite d’emissione sono rispettati, si fa la media delle emis­sioni misurate durante un periodo d’esercizio di 24 ore.

74 Impianti per la combustione di rifiuti biogeni e prodotti dell’agricoltura

741 Campo d’applicazione

1 Le disposizioni della presente cifra si applicano agli impianti nei quali vengono bruciati o sottoposti a decomposizione termica rifiuti biogeni solidi e prodotti dell’agricoltura, frammisti o meno a legna da ardere secondo l’allegato 5. I concimi aziendali e gli altri rifiuti e prodotti maleodoranti non devono essere bruciati né essere sottoposti a decomposizione termica in tali impianti.

2 Se tali rifiuti e prodotti sono bruciati insieme ai rifiuti di cui alle cifre 711 o 721, si applicano le disposizioni della cifra 71 o della cifra 72.

3 Se tali rifiuti e prodotti sono bruciati frammisti ad altri combustibili secondo l’allegato 5, si applica il valore limite di miscela per combustibili misti secondo l’allegato 3 cifra 82.

4 Le disposizioni della presente cifra non sono applicabili ai forni per cemento (cifra 11).

742 Valori limite d’emissione

Le emissioni non devono superare i valori seguenti:

Potenza termica

fino
a 1 MW

da 1 MW
a 10 MW

oltre
10 MW

Grandezze di riferimento:

i valori limite si riferiscono a un tenore di ossigeno nei gas di scarico di

%vol

13

11

11

Particelle solide in totale:

mg/m3

20

20

10

Monossido di carbonio (CO)

mg/m3

500

250

150

Ossidi d’azoto (NOx), indicati come diossido d’azoto (NO2)a

mg/m3

250

250

150

a
Con un flusso di massa pari o superiore a 2500 g/h.

743 Divieto di incenerimento in piccoli impianti

È vietato bruciare rifiuti biogeni solidi e prodotti dell’agricoltura secondo la cifra 741 negli impianti con una potenza termica inferiore a 70 kW.

8 Altri impianti

81 Impianti nei quali il trattamento del prodotto avviene per con­tatto immediato con i gas di combustione

1 Si possono impiegare solo i combustibili secondo l’allegato 5.

2 L’allegato 1 cifra 6 non si applica alle emissioni di ossidi di zolfo prodotte da combustibili. Se si impiegano carbone o olio da riscaldamento «medio» o «pesante», le emissioni di ossidi di zolfo, indicate come anidride solforosa, devono essere limitate in modo tale da non risultare superiori a quelle che si produrrebbero impiegando una qualità di combustibili con un tenore di zolfo pari all’1,0 per cento (% massa) senza ridurne le emissioni.

3 Per le emissioni di ossidi di zolfo prodotte da merci trattate vale l’allegato 1 cifra 6.

82 Motori a combustione stazionari

821 Grandezze di riferimento

I valori limite d’emissione si riferiscono ad un tenore di ossigeno nei gas di scarico del 5 per cento (% vol).

822 Combustibili e carburanti

I motori a combustione stazionari possono essere alimentati soltanto con combustibili e carburanti gassosi di cui all’allegato 5 cifra 41 capoverso 1 o con combustibili e carburanti liquidi di cui all’allegato 5, ad eccezione dell’olio da riscaldamento «medio» e «pesante».

823 Particelle solide

1 Le emissioni sotto forma di polvere non devono superare 10 mg/m3.

2 Ai motori a combustione di gruppi elettrogeni d’emergenza si applica la cifra 827 capoverso 2.m3.

824 Monossido di carbonio, ossidi d’azoto e ammoniaca

1 Le emissioni dei motori a combustione stazionari non devono superare i seguenti valori limite:

Potenza termica

fino a 100 kW

superiore a
100 kW

superiore a
1 MW

Monossido di carbonio (CO)

mg/m3

in caso di alimentazione con combustibili o carburanti gassosi ai sensi dell’allegato 5 cifra 41 capoverso 1


650


300


300

in caso di alimentazione con combustibili o carburanti gassosi ai sensi dell’allegato 5 cifra 41 capoverso 1 lettere d ed e, se l'impianto è fatto funzionare per almeno l'80 per cento all'anno con tali sostanze


1300


650


300

in caso di alimentazione con combustibili o carburanti liquidi

650

300

300

Ossidi d’azoto (NOx), indicati come diossido d’azoto (NO2)


mg/m3



in caso di alimentazione con combustibili o carburanti gassosi ai sensi dell’allegato 5 cifra 41 capoverso 1

250

150

100

in caso di alimentazione con combustibili o carburanti gassosi ai sensi dell’allegato 5 cifra 41 capoverso 1 lettere d ed e, se l'impianto è fatto funzionare per almeno l'80 per cento all'anno con tali sostanze

400

250

100

in caso di alimentazione con combustibili o carburanti liquidi

400

250

250

2 Per l’impiego di un motore a combustione stazionario con un dispositivo di denitrificazione, le emissioni di ammoniaca e i suoi composti, indicati come ammoniaca, non devono superare 30 mg/m3.

825 Banchi di collaudo

Per i banchi di collaudo sui quali i motori a combustione vengono sottoposti a prove, l’autorità fissa la limitazione preventiva delle emissioni secondo l’articolo 4; l’alle­gato 1 e l’allegato 2 cifre 821-824 non sono applicabili.

826 Misurazione e controllo

1La misurazione e il controllo periodici ai sensi dell’articolo 13 capoverso 3 vanno ripetuti ogni due anni.

2Ai motori a combustione di gruppi elettrogeni d’emergenza si applica la cifra 827 capoverso 3.

827 Gruppi elettrogeni d’emergenza

1 Per i motori a combustione di gruppi elettrogeni d’emergenza che sono messi in funzione al massimo per 50 ore l’anno, l’autorità fissa la limitazione preventiva delle emissioni secondo l’articolo 4; l’allegato 1 cifra 6, l’allegato 2 cifra 824, nonché l’allegato 6 non si applicano.

2 Le emissioni totali sotto forma di polvere non devono superare 50 mg/m3.

3 La misurazione e il controllo periodici ai sensi dell’articolo 13 capoverso 3 vanno ripetuti ogni 6 anni.

83 Turbine a gas

831 Grandezza di riferimento

I valori limite d’emissione si riferiscono a un tenore di ossigeno dei gas di scarico del 15 per cento (% vol).

832 Combustibili

Le turbine a gas possono essere alimentate soltanto con combustibili e carburanti gassosi di cui all’allegato 5 cifra 41 capoverso 1 o con combustibili e carburanti liquidi di cui all’allegato 5, ad eccezione dell’olio da riscaldamento «medio» e «pesante».

833 Indice di fuliggine

Nell’impiego di combustibili o carburanti liquidi le emissioni di fuliggine non devono superare l’indice di fuliggine 2 (all. 1 cifra 22).

834 Monossido di carbonio

Le emissioni di monossido di carbonio non devono superare i seguenti valori limite:

Potenza termica

fino a 40 MW

superiore a
40 MW

Monossido di carbonio (CO)

mg/m3

in caso di alimentazione con combustibili o carburanti gassosi ai sensi dell’allegato 5 cifra 41 capoverso 1 o combustibili o carburanti liquidi


100


35

in caso di alimentazione con combustibili o carburanti gassosi ai sensi dell’allegato 5 cifra 41 capoverso 1 lettere d ed e, se l’impianto è fatto funzionare per almeno l’80 per cento all’anno con tali sostanze

240

35

835 Ossidi di zolfo

Per un flusso di massa pari o superiore a 2,5 kg/h le emissioni di ossidi di zolfo, indicati come anidride solforosa, non devono superare 120 mg/m3.

836 Ossidi d’azoto e ammoniaca

1 Le emissioni di ossidi di azoto (monossido e diossido), indicati come diossido d’azoto, non devono superare i seguenti valori limite:

Potenza termica

fino a 40 MW

superiore a
40 MW

Ossidi d’azoto (NOx)

mg/m3

in caso di alimentazione con combustibili o carburanti gassosi ai sensi dell’allegato 5 cifra 41 capoverso 1


40


20

in caso di alimentazione con combustibili o carburanti liquidi

50

40

2 Per l’impiego di una turbina a gas con un dispositivo di denitrificazione, le emissioni di ammoniaca e i suoi composti, indicati come ammoniaca, non devono superare 10 mg/m3.

837 Banchi di collaudo e gruppi elettrogeni d’emergenza

1 Per i banchi di collaudo sui quali le turbine a gas sono sottoposte a prove, l’autorità fissa la limitazione preventiva delle emissioni secondo l’articolo 4; l’allegato 1 e l’allegato 2 cifre 831-836 non sono applicabili.

2 Per le turbine a gas dei gruppi elettrogeni d’emergenza che vengono fatte funzio­nare al massimo per 50 ore all’anno, l’autorità fissa la limitazione preventiva delle emissioni secondo l’articolo 4; l’allegato 1 e l’allegato 2 cifre 833, 834 e 836 non sono applicabili.

84 Impianti per la produzione di truciolati

841 Campo d’applicazione

Le disposizioni della presente cifra valgono per gli impianti nei quali i truciolati vengono prodotti con un procedimento a secco.

842 Polvere

Le emissioni sotto forma di polvere non devono superare i valori seguenti:

a.
nel gas di scarico di essiccatori di trucioli50 mg/m3
b.
nei gas di scarico di levigatrici10 mg/m3

843 Sostanze organiche

1 Le limitazioni d’emissione secondo l’allegato 1 cifra 7 non sono applicabili.

2 Le emissioni di sostanze organiche sotto forma di gas o di vapore, misurate a una temperatura di 150 °C, vanno indicate come carbonio totale.

3 Dette emissioni devono essere limitate nella maggior misura possibile dal punto di vista tecnico e dell’esercizio e sopportabile sotto il profilo economico; esse non devono comunque superare 350 g per tonnellata di legno impiegato (assolutamente secco).

844 Applicabilità della cifra 81

Per gli impianti nei quali si lavorano prodotti mettendoli direttamente in contatto con i gas di combustione valgono inoltre le disposizioni della cifra 81.

85 Pulitura di prodotti tessili

1 Le disposizioni della presente cifra valgono per gli impianti di pulitura di prodotti tessili che utilizzano idrocarburi alogenati.

2 Il portello di carico della macchina per la pulitura di prodotti tessili deve restare bloccato, mediante un dispositivo automatico di sicurezza, fintanto che la concentra­zione delle sostanze organiche sotto forma di gas o di vapore non scende al di sotto dei 2 g/m3.

3 La concentrazione di cui al capoverso 1, determinante per il bloccaggio della porta, deve essere sorvegliata in modo continuo, mediante un appropriato metodo di misu­razione nei pressi della porta all’interno della macchina.

4 Prima di essere levati dalla macchina, i capi di vestiario devono avere una tempe­ratura di almeno 35 °C.

5 Se l’aria che si trova all’interno della macchina viene aspirata, occorre poi depurar­la mediante un filtro a carbone attivo o un dispositivo equivalente.

6 L’aria dei locali d’esercizio va aspirata in modo che in detti locali esista continua­mente una depressione.

86 Forni crematori

861 Sostanze organiche

1 Le limitazioni d’emissione secondo l’allegato 1 cifra 7 non sono applicabili.

2 Le emissioni di sostanze organiche sotto forma di gas o di vapore, indicate come carbonio totale, non devono superare 20 mg/m3.

862 Monossido di carbonio

Le emissioni di monossido di carbonio non devono superare 50 mg/m3.

87 Impianti per il trattamento della superficie

1 Le disposizioni della presente cifra sono applicabili agli impianti nei quali la superficie di oggetti o prodotti di metallo, vetro, ceramica, materia plastica, gomma o altre sostanze è trattata con sostanze organiche alogenate che, alla pressione di 1013 mbar, presentano un punto di ebollizione inferiore a 150°C.

2 Gli impianti per il trattamento della superficie devono essere equipaggiati e fatti funzionare come segue:

a.
gli oggetti e i prodotti devono essere trattati in una cappa che, fatta ecce­zione delle aperture che servono all’aspirazione dei gas di scarico, è chiusa;
b.
un dispositivo automatico di bloccaggio deve impedire che si possano togliere gli oggetti e i prodotti prima che la concentrazione di sostanze organiche alogenate sia pari o inferiore a 1 g/m3 nell’area dalla quale vengono tolti;
c.
i gas di scarico aspirati devono essere lavati in un separatore. Le emissioni di sostanze organiche alogenate ai sensi dell’allegato 1 cifra 72 non devono superare un flusso di massa di 100 g/h e le emissioni di sostanze organiche alogenate ai sensi dell’allegato 1 cifra 83 non devono superare un flusso di massa di 25 g/h. Le limitazioni delle emissioni secondo l’allegato 1 cifre 7 e 8 non sono appli­ca­bili;
d.
al momento di introdurre nell’impianto o di togliere da esso sostanze organiche alogenate, le emissioni devono essere ridotte mediante un sistema di ricupero dei gas o provvedimenti equivalenti.

3 Se in un impianto le esigenze di cui al capoverso 2 lettere a e b non possono essere rispettate, in particolare perché gli oggetti e i prodotti trattati sono ingombranti, le emissioni devono essere ridotte nella maggior misura possibile dal punto di vista tecnico e dell’esercizio e sopportabile sotto il profilo economico mediante provvedimenti come l’incapsulamento, la chiusura ermetica, la separazione dall’aria di scarico dell’impianto, camere di separazione o l’aspirazione.

88 Cantieri edili

1 Le emissioni provenienti da cantieri edili devono essere limitate nella maggior misura possibile dal punto di vista tecnico e dell’esercizio e sopportabile sotto il profilo economico in particolare mediante un adeguato svolgimento delle opera­zioni. In tale contesto occorre considerare il tipo, la grandezza e l’ubicazione del cantiere nonché la durata dei lavori di costruzione. L’UFAM emana diret­tive.

2 I valori limite delle emissioni secondo l’allegato 1 non sono applicabili alle mac­chine di cantiere e ai cantieri edili.

Allegato 3 91

91Nuovo testo giusta il n. II dell’O del 20 nov. 1991 (RU 1992 124). Aggiornato dai n. II delle O del 15 dic. 1997 (RU 1998 223), del 23 giu. 2004 (RU 2004 3561), del 4 lug. 2007 (RU 2007 3875), del 22 ott. 2008 (RU 2008 5163), del 18 giu. 2010 (RU 2010 2965), del 14 ott. 2015 (RU 2015 4171), dal n. I dell’O del 3 mar. 2017 (RU 2017 715) e dal n. II dell’O dell’11 apr. 2018 (RU 2018 1687), dalla correzione dell’11 dic. 2018 (RU 2018 4709) e dal n. I dell’O del 12 feb. 2020, in vigore dal 1° apr. 2020 (RU 2020 793). Vedi anche le disp. trans. della mod. dell’11 apr. 2018 qui avanti.

(art. 3 cpv. 2 lett. b)

Limitazioni completive o derogatorie delle emissioni degli impianti a combustione

1 Campo d’applicazione

1 Le disposizioni del presente allegato valgono per gli impianti a combustione che servono ai seguenti scopi:

a.
riscaldamento di locali;
b.
produzione di calore di processo, compreso il calore di cottura per uso industriale;
c.
produzione di acqua calda o surriscaldata;
d.
produzione di vapore.

2 Non sono applicabili agli impianti a combustione nei quali si lavorano prodotti mettendoli direttamente in contatto con i gas di combustione.

2 Disposizioni generali

21 Combustibili

Gli impianti a combustione ai sensi della cifra 1 possono essere alimentati soltanto con combustibili ai sensi dell’allegato 5.

22 Controllo degli impianti a combustione

I seguenti impianti a combustione non sottostanno alla misurazione periodica ai sensi dell’articolo 13 capoverso 3:

a.
gli impianti a combustione che vengono fatti funzionare per meno di 100 ore durante l’anno civile;
b.
gli impianti a combustione con una potenza termica pari o inferiore a 12 kW che servono unicamente a riscaldare locali singoli;
c. e d.
e.
gli impianti per il riscaldamento d’ambiente locale alimentati con carbone;
f
gli impianti per il riscaldamento d’ambiente locale alimentati con combustibili solidi, se viene impiegata unicamente legna da ardere secondo l’alle­gato 5 cifra 31 capoverso 1 lettere a, b o d numero 1.

23 Misurazione e valutazione delle emissioni

1 Per ogni singolo focolare, le emissioni vanno misurate, a funzionamento costante, per i vari carichi termici importanti ai fini della valutazione: di solito sono tali alme­no il carico termico minimo e massimo nei quali l’impianto viene fatto funzionare in condizioni normali d’esercizio.

2 Negli impianti che vengono fatti funzionare con un ventilatore per la fuliggine o con analoghi dispositivi di depurazione le emissioni di polvere devono essere misu­rate e valutate su un periodo di trenta minuti. La misurazione deve comprendere la fase di depurazione.

3 Prescrizioni particolari per gli impianti a combustione a più focolari

1 Se più focolari formano un’unità d’esercizio, per la limitazione delle emissioni di ogni singolo focolare è determinante la potenza termica (allegato 1 cifra 24) dell’in­tera unità d’esercizio (potenza termica totale).

2 La potenza termica totale risulta dalla somma delle potenze termiche dei singoli focolari dell’unità d’esercizio.

3 Se singoli focolari della stessa unità d’esercizio sono impiegati in varie combinazioni per coprire un fabbisogno di calore o di vapore variabile, la limitazione delle emissioni si deve di regola basare sulla potenza termica dei singoli focolari.

4 Impianti a combustione alimentati con olio